Jump to content

Blogs

Si riprende (a fatica)

Dopo quattro mesi di fermo obbligato, qualche giorno fa ho ripreso in mano la macchina fotografica.  Ho stretto i denti per il dolore, ma ho portato a casa qualche scatto a fiori di stagione.  La prossima volta spero vada meglio. Zafferano selvatico,  Nikon Z7  2.8/105 MC S,   F. 3,3,  1/320 sec.,  ISO 64,  mano libera Timo goniotrico,       Nikon Z7  2.8/105 MC S,   F. 18,  1/125 sec.,  ISO 220,  mano libera Elleboro verde,        Nikon Z7  2.8/105 MC S,   F. 5, 

[luoghi] Madeira

Il vento, le nuvole, la nebbia, la pioggia, non impediscono di alzarsi presto la mattina e cercare la luce migliore. Le occasioni non mancano per chi si arma di treppiede, di una fotocamera tropicalizzata e di un abbigliamento a strati. A strati come il Foveon della SD Quattro, a proprio agio tra i colori di quest'isola dell'Atlantico. Qui più che mai non bisogna perdersi d'animo, la luce arriva sempre e con essa i colori più intensi, se vivi l'esperienza da fotografo e non da turista. Sco

Paolo Mudu

Paolo Mudu in Luoghi

Come non perdersi nessun messaggio/foto/articolo/blog/avviso di Nikonland

Ieri mi è stato chiesto come fare a non perdersi discussioni importante che a volte si nascondono tra le tante. Io faccio così. Quando mi collego su Nikonland scelgo dal menù in alto, sotto al logo di Nikonland, la voce Novità :   questo in automatico presenta tutto quanto si è mosso sul sito. Anche quello che abbiamo già letto. Per avere la certezza che non mi sfugga nulla, scelgo la sottovoce "Contenuto non letto" e mi compare un listone con tutto quanto è

M&M

M&M in Tips

Semplificazione di Nikonland.it ? Fate le vostre proposte operative

Ho letto di almeno un paio di iscritti che lamentano la complessità del sito, fatto che ne renderebbe difficile la fruizione, navigazione e, in ultima analisi, utilità. E' possibile. Il padrone di casa che frequenta normalmente le sue stanze ricorda bene dove si trova ogni cosa e può spiegarlo ai visitatori ma è normale che - in un castello - i visitatori si orientino con difficoltà e possano aver bisogno di una mappa. Siccome questo non è un castello di pietra e nemmeno una antica hal

[tecnica fotografica] Un 50mm ha più profondità di campo di un 200mm. Sarà proprio vero?

Sì, anzi no, cioè... dipende.  Anni fa i miei amici erano soliti criticare la mia scelta di fotografare in macro con un 180mm o 200mm micro perchè, secondo loro, in cambio della maggiore distanza di messa a fuoco/di lavoro avrei avuto una minore profondità di campo, cosa importantissima in macro. Che la lunghezza focale fosse inversamente proporzionale alla profondità di campo ottenibile era una cosa risaputa, di cui anch'io ero convinto, almeno a quei tempi. Poi leggendo, documentandomi e

[personale] Back in Black - Itinerari 2021

Molti di questi scatti li ho già pubblicati su Nikonland, ma non raccolti insieme in questo blog dove ho via via raccontato di "Itinerari", la periodica mostra fotografica del fotoclub aretino di cui faccio parte nella quale, assieme a quelle degli amici del circolo, espongo annualmente alcune tra le foto che più mi rappresentano. Back in Black è stato appunto il titolo del lavoro che ho presentato nel 2021 e che mi piace raccontare (fotograficamente) qui.     (Il titolo che

Pedrito

Pedrito in Personale

alla ricerca della lunga focale

L'articolo di Fausto sul MTO1000,mi ha fatto rivivere un periodo in cui eravamo,noi , appassionati di fotografia aeronautica,sempre alla ricerca della maggior focale possibile per gli scatti. A onor del vero,va detto che sino al 1980/82 era possibile fare buoni scatti usando i mediotele da 105/135mm o al massimo il 200mm f4.C'eran delle eccezioni in cui qualcuno usava il 300mmf4 o il 400mmf5.6 ma eran casi sporadici,a quel tempo le quote delle esibizioni erano basse e con questi tele si copriva

Tanker

Tanker in [AEREI]

Er Cupolone

l'idea è semplice, ho la fortuna di vederlo ogni giorno da ogni angolo e scorcio ... ma sempre senza la Nikon! Così ho fatto il turista per qualche ora scorrazzando alla ricerca di scorci; era tempo che avevo in mente questo progetto e l'idea sarebbe ripeterlo "all'infinito" nelle varie ore e stagioni ...  L'unico limite è il traffico e la possibilità di tempo ed occasioni, ogni volta devo  inforcare un moto in prestito! 1 2 3 4 5

enjoyroby

enjoyroby in monumenti

50 sfumature più una

con la zfc stò cambiando le mie abitudini: più fissi leggeri, sfiziosi e "monotematici", con un corredo che, ad oggi, più che per estensione si caratterizza per sovrapposizioni di focali dal carattere differente. Complici, quindi, Nikonland e i cinesi stò sperimentando, o almeno ci provo, con aperture estreme ed il manuale focus affiancati comunque dai rispettivi autofocus per quando non c'è il tempo per il fuoco. Al proposito devo dire che ho trovato un sufficiente filing con il 35TT me

enjoyroby

enjoyroby in 50

[fotografi] Masahisa Fukase e i suoi tormenti.

Ed eccomi a scrivere di un altro dei fotografi "maudit" Giapponesi che tanto mi piacciono: Masahisa Fukase.  Nasce nel 1934 a Bifuka, un paese dell’isola di Hokkaido, la famiglia ha uno studio fotografico ed il piccolo fukase si appassiona: a sei anni sa già stampare e come figlio maggiore sarebbe  destinato a ereditare l’attività familiare. Invece, pur continuando con la fotografia, preferisce intraprendere un percorso diverso e nel 1952 va a Tokyo. Fukase mantenne comunque forti legami  c

Silvio Renesto

Silvio Renesto in [reportage]

[paesaggio] Autunno (di pioggia) nel castagneto

E' sabato, sono finalmente libero da impegni, è una bella giornata autunnale di sole, la notte ho ben riposato e così posso "permettermi" di salire di nuovo in macchina per un bel giro, questa volta non per lavoro. Quindi? Si va a fotografare! Preso lo zaino con tutta l'attrezzatura metto in moto e parto, direzione il Parco delle Foreste Casentinesi ed il foliage autunnale dei suoi meravigliosi boschi. Ma che succede? Avvicinandomi alla meta vedo il cielo sempre più nero, poi un po' di

Pedrito

Pedrito in Paesaggio

USAFE la più potente forza aera in Europa

Vediamo spesso,noi del nord-est,gli F-16 americani e relativi trasporti e cisterne diretti o provenienti dalla base di AVIANO.  E' credenza diffusa che la base americana sia il centro di tutto,come faceva intendere certa stampa generalista che durante le operazioni nell'ex jugoslavia titolava "Aviano la portaerei di terra più grande d'europa"  . In realtà è parte integrante di un comando superiore che si chiamava USAFE  sino a qualche anno fa e che ora invece si chiama USAFE-AFAFRICA . Il comand

Tanker

Tanker in [AEREI]

foto aria-aria parte seconda

dato che l'argomento aveva suscitato un certo interesse,posto qui un paio di foto.Al solito,Kodachrome 64 con Nikon FA e 35-200Ais. Qui un F-111A del 366th TFW di base sulla Mountain Home AFB,Idaho. L'aereo è nei classici colori della mimetica SEA o Vietnam che dir si voglia. Qui siamo sopra il Nevada,il Tomcat era di base a NAS Fallon ed impiegato nel ruolo di adversary,come si evince dalla momentanea livrea adottata,su base grigia TARPS venne steso uno schema a due colori

Tanker

Tanker in [AEREI]

[experience] Un Centocinque al pepe verde.

Spono apparsi su Nikonland diversi articoli  sul Nikon Z 105mm f2.8 MC solo qualche esempio (ne avrò dimenticato sicuramente qualcuno, mi scuso in anticipo con gli autori):       e ne ho scritto qualcosa anch'io:     Perchè è un obiettivo che merita attenzione. In questo blog voglio solo raccontare la mia esperienza di una domenica mattina in cui ho voluto fotografare unicamente con il 105mm MC sulla Z6, per divertirmi a saggiarne la versatilità e natur

Silvio Renesto

Silvio Renesto in [reportage]

Il Cacciatore di Stelle

Eh si,questo era il suo nomignolo nella tradizione della Lockheed che metteva sempre una star,nella parte finale del nome dei suoi velivoli,una stella è poi presente anche nel logo della ditta.Il velivolo nacque dopo una serie di colloqui intrattenuti tra il capo progettista della Lockheed,Clarence "Kelly" Johnson e diversi piloti militari reduci della guerra di Corea,per tutti lo slogan era aver un velivolo con velocità,poi velocità ed ancora velocità! Johnson si fece carico di queste rivendica

Tanker

Tanker in [AEREI]

Air races in scala

Negli USA,si sa,si gareggia con tutto,così sin dalla fine della 2 G.M. han avuto vasta risonanza nel pubblico le cosidette Air Races.Al tempo si correva con residuati bellici e alcuni veterani delle primissime competizioni,la più famosa di queste esibizioni era quella che si correva nei dintorni di Cleveland,poi pian piano l'interesse del pubblico si spostò su altri eventi e oggi rimangono a ricordo di quegli anni,le Air races che si svolgono a Reno in Nevada.Per un motivo e per l'altro,nonostan

Tanker

Tanker in [AEREI]

Chebello: sono su Nikonland ! Cosa posso fare adesso...?

Eccoci su Nikonland, il più esauriente sito in lingua italiana, che abbia per argomento la Fotografia in tutte le sue accezioni. Il primo approccio per chi arrivi, immagino possa essere di smarrimento e per conseguenza diretta, inibitorio dalla possibilità di intervenire in prima persona, scrivendo ciò che siano i nostri pensieri rispetto le opinioni espresse in un editoriale, articolo, o blog. Nikonland è un SITO di fotografia, non solamente un forum: è quindi un contenitore di artico

Max Aquila

Max Aquila in Tips

Il lato arcano dell’animale

Noi vediamo gli animali solo come parte del mondo della natura? No di certo. Sono parte vitale del nostro mondo interiore. Amiamo quelli che sono nostri compagni di strada nella vita, degli altri  ne ammiriamo la bellezza, la simpatia o per l’impressione reale o meno di dolcezza, di fierezza e potenza, oppure li odiamo perché pericolosi, che sia vero o meno. Qualcuno può rimanere indifferente agli animali, ma è raro. Ci sono però animali speciali, diversi secondo i popoli e nei tempi, a cui l’

Silvio Renesto

Silvio Renesto in divulgazione

(reportage) La "ripartenza" dei treni storici

Il 26 Settembre scorso sono ripresi i viaggi dei treni storici (sospesi causa covid dell’ottobre 2010) attraverso la ferrovia della Val d’Orcia, in uno dei territori più affascinanti della Toscana, decretato nel 2004 Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO (dai calanchi dall’aspetto lunare, alle dolci colline viti-vinicole di Montalcino, dalle dure crete senesi, alle pendici settentrionali del Monte Amiata). L’evento della giornata denominato “Immersi nel Borgo”, vedeva la partenza del tren

Gianni54

Gianni54 in Reportage

[bianco e nero] Halloween, quando i confini si fanno sottili.

Che siano la cristiana Halloween o la celtica  Samahin che l'ha preceduta, o addirittura  i Lemuriales dell'antica Roma, esistono perchè c'è un tempo dell'anno in cui al volger della stagione, ci prende la sensazione che i confini tra il mondo reale e il mondo che c'è di là per un momento, per quella notte, si fanno più sottili e sembra possibile che qualcuno, spirito, fantasma, altra creatura del mondo altro possa venire a trovare noi vivi. E' la notte in cui possono succedere strane cose ed es

Silvio Renesto

Silvio Renesto in [reportage]

×
×
  • Create New...