Jump to content

All Activity

This stream auto-updates     

  1. Past hour
  2. Non penso ci sia altro da fare se non spuntinare la foto con il timbro clone o analoghi procedimenti via software.
  3. Salve Antonino e benvenuto. Diciamo che io mi sarei aspettato che LTR registrasse l'autofocus nell'obiettivo e nella fotocamera, anzichè limitarsi a fare una cosa che potrebbe fare qualunque utente a casa propria (cioè la messa a punto fine via menù). Anche perchè la correzione -20, come sa, è valida solo per una data focale e per una data distanza di messa a fuoco, non può correggere difetti di messa a fuoco diffusi. Se ho capito bene e in questo senso, io una telefonata di chiarimenti ad LTR la farei per capire bene che intervento abbiano fatto. Detto questo, se il sistema funziona e fa le foto come da aspettative non capisco perchè cambiare. Salvo che, a prescindere dalla messa a fuoco di precisione non si siano raggiunti i limiti operativi di fotocamera e/o obiettivo. In questo caso si apre un mare di opzioni differenti cui non si può rispondere se non dopo una approfondita analisi di esigenze, aspettative e budget in gioco. Eventualmente ci faccia sapere (nel forum perchè questo è un articolo dedicato al Sigma 24-105/4 Art ;)).
  4. Yesterday
  5. ...per ingrandimenti forti si può utilizzare anche la tecnica degli obiettivi accoppiati. Un obiettivo rovesciato focheggiato su infinito si comporta come una lente addizionale di pari lunghezza focale. Un 50 mm rovesciato equivale pertanto ad una lente addizionale di 1000/50 = 20 diottrie! E’ dunque un sistema più potente di qualsiasi lente close-up ed altamente corretto (grazie alle 6-7 lenti dei normali 50 mm). Il rapporto di ingrandimento che otteniamo avvitando una lente addizionale di focale F’ su un obiettivo di focale F è semplicemente dato dal rapporto F/F’ quando l’obiettivo è focheggiato all’infinito. Questa relazione è importante in quanto consente di calcolare immediatamente il rapporto di ingrandimento ottenibile quando “rovesciamo” un obiettivo sopra un altro, tramite la tecnica degli obiettivi accoppiati. Se montiamo un 50 mm in posizione invertita su un 100 mm ( esistono in commercio degli anelli adattatori che lo permettono ), otterremo un R = 2:1; se lo montiamo su un 200 mm, otterremo un R = 4:1, e così via. L'ottica rovesciata va impostata a tutta pertura.
  6. Salve, sto cercando un buon consiglio, mi esprimo meglio: ho una D750 abbinata ad un nikkor 24-120 / f4, ultimamente mi sono accorto che la lente soffriva di front focus, la porto dal mio foto riparatore di fiducia che mi consiglia di mandare fotocamera ed obbiettivo al centro LTR a Moncalieri, dopo una settimana mi ritorna indietro macchina ed lente, dopo vari controlli per vedere se tutto era tornato a posto, obbiettivo e macchina sono ritornati a lavorare bene ma controllando la macchina mi accorgo che la regolazione fine sulla macchina era a meno 20, a questo punto mi chiedo se è stato centrato bene perché la macchina oltre il meno 20 non va, secondo il vostro parere devo trovarmi un'altra lente? o unaltra fotocamera? cosa va fuori fuoco la macchina o la lente? Grazie per i consigli Antonino
  7. Bella serie, faticosa come scrivi, si sente e si vede, ma ne è valsa la pena, non sto a elencare le foto che mi piacciono, ma sono tante. Le due di apertura poi, sono davvero .. potenti. Bellissimo reportage.
  8. La mia passione ha un prezzo sul piano fisico, nella maggior parte dei casi accettabile. Stavolta, invece, non è stato così. La prima giornata del WRC è stata in assoluto la mia peggiore giornata da fotografo: spossante, oltre 42° percepiti, uno scirocco rovente che risucchiava l'aria dai polmoni e la polvere... tanta, ma tanta da colorare di rosso me, i miei vestiti e la mia fotocamera. Per fortuna l'inferno è durato solo un giorno, già dalla sera i venti hanno cambiato quadrante, rendendo le seguenti due giornate enormemente meno faticose. Sul piano sportivo, invece, il WRC 2019 sembra iniziare bene: un rombo lacerante e la grinta di Sebrastien Ogier preannunciano una giornata fantastica .... giusto due curve e poi il disastro col driver transalpino che rompe il braccetto dello sterzo su una roccia Sarebbero bastati 10 minuti allo stesso Ogier per sostituire il braccetto... se Citroen si fosse ricordata di metterlo nel bagagliaio tra le dotazioni regolamentari. Oltre un'ora persa e un ritiro che non è avvenuto solo per le pressioni degli sponsor (immagino). The show must go on Altre volte vi siete sorbiti il mio "pistolotto" sulle condizioni di lavoro svantaggiate. Beh, stavolta ho sfruttato la cosa a mio favore Atterraggio duro per Mikkelsen Thierry Neuville al salto Ancora Ogier, ormai fuori classifica... ma riparato il guasto va come un proiettile I veri "missili" sono però le Toyota ufficiali di Latvala e Tanak. Sfortunati entrambi: Latvala rallentato da problemi meccanici e Tanak che si fa sfuggire la vittoria finale. Vittoria che va al più continuo e martellante Dani Sordo che con tanto merito ha saputo trovare il miglior equilibrio tra le prestazioni e la gestione della macchina. Questo il suo volo verso il traguardo Dietro le quinte Un meccanico al lavoro sulla macchina di Latvala Sebastien Oger controlla personalmente il lavoro dei suoi meccanici e trova anche il tempo di firmare una miniatura che rappresenta il suo salto dello scorso anno (quando correva con la Ford ufficiale) a Monte Lerno Concludendo. Non sono pienamente soddisfatto, mi sono affaticato molto e questo mi ha limitato parecchio nella mobilità fra una postazione e l'altra; per non parlare dei trasferimenti in auto tra le varie speciali (sempre molto rapidi facendo lo slalom tra marshall inflessibili e security particolarmente attenta). Sto invecchiando, sicuro, ma non riesco a darmi un limite. Finirò per restarci secco Buona visione a tutti Pezzo consigliato, mi pare appropriato: Driving Towards the Daylight, Joe Bonamassa
  9. E dire che ne avevo già tolti un po' (di sputacchi). Ma tu cosa usi per toglierli? Io ho provato con il timbro clone ma è un'impresa improba.
  10. effetto f/2.8 (e sensore pulito dagli sputacchi, sempre presenti sulle Z !)
  11. Ripreso con Nikon Z6, FTZ, 300mm f4 PF e Tc14 EIII, alla minima distanza di messa a fuoco (circa) f9, 1/800s, 360 ISO. Treppiede. quando avrò abbastanza materiale scriverò impressioni d'uso sul campo.
  12. Qui invece, per raffronto, senza la rete ad 1/125'' - 1/160'' sfruttando l'eccellente stabilizzatore
  13. Nonostante l'abbia da mesi, non riesco ad abituarmi alla capacità di questo obiettivo di penetrare la spessa rete diagonale di protezione dell'Autodromo Nazionale di Monza. Questo, unito alla facilità di utilizzo a mano libera, come se fosse un 70-200/2.8, rendono sostanzialmente superfluo cercare l'accredito per stare a bordo pista. nonostante per avere tempi abbastanza lenti e seguire il panning, il diaframma sia piuttosto chiuso, non c'è traccia della reta di recinzione ... che è più spessa di questa
  14. Nello spirito ludico di questa sezione ecco qua una strana coppia: Come funziona? Buona la previsualizzazione dell'esposizione, buona, ma si deve stare molto attenti, la messa a fuoco manuale con focus peaking (facile sbagliare), discreta, ma non eccelsa, la nitidezza del 105 f4 Ai (siamo a f11), colori sensibilmente più freddi. Ovviamente tutto soggettivo... non prendetelo come un test. Sto provando la Z6 con altre ottiche (nuove AFS-G ecc.) in contesti diversi. Appena avrò abbastanza materiale, ne scrivo
  15. Ovviamente funziona solo con gli AFS-G non con gli Af-AfD. E il soggetto deve essere immobile.
  16. Grazie adesso sono senza macchina fotografica, (ho appena venduto la D800E), domani ordino una Z6 e poi proverò con il Nikkor 105 2.8 e l'FTZ.
  17. Last week
  18. Ne hanno scritto molto bene sia Max qui che Mauro (sul Nikonland vecchio), ci sono diversi sistemi, io ho fatto così (ogni rientro è una tendina all'interno di quella precedente): File carica file in serie (selezioni i file e dai OK) spunta la casella " tenta di allineare automaticamente" Poi selezioni tutti i livelli vai su Modifica Fusione automatica livelli crea serie di immagini toni e colori uniformi E ti fa un composito senza titolo che puoi salvare. comunque ci sono molti tutorial anche su google.
  19. Interessante! sembra un ottimo risultato, perdona la mia ignoranza, ma come si fa a fondere le foto con PS?
  20. Vero. Bella, ma un po' triste il primo piano con gli alberi spogli dei rami . Forse la luce da' una speranza dopo una catastrofe?
  21. Ciao, ho diviso il risultato in più parti proprio perché alcune non rispettano propriamente i canoni stabiliti. Ne ho approfittato per fare gli scatti che preferisco. Penso che si riconoscano facilmente...😉
  1. Load more activity
×
×
  • Create New...