Jump to content

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 12/21/2019 in all areas

  1. 10 points
    Nel bosco era buio pesto, tempi rapidi, a ISO dodicimilaottocento ed ecco qui: E' rimasto sorpreso anche lui: Nikon Z6, FTZ, 300mm f4 PF +TC14 EIII. Mica male!
  2. 6 points
    Boschi di pianura Z6 e 500/4FL 1/200 f4 ISO 2200 1/200 f4 ISO 1600 1/200 f4 ISO 1400
  3. 5 points
  4. 5 points
    Mannaggia a voi, ai tarli, alle scimmie, ai cashback, ai morbi e ai verbi... Dato dentro tre obiettivi, preso il kittone e il 50mm, son salito anch'io sul treno Z!! Messa già in carica la batteria, aggiorno il censimento... a presto per le inevitabili problematiche esistenziali che mi verranno in mente ma soprattutto per le immagini da caricare
  5. 4 points
    Ovviamente non voglio (e tanto meno posso) fare nè una recensione nè tracciare dei giudizi... ma semplicemente riportare le mie impressioni d'uso dei miei primi passi con Z 6 con gli accoppiati 24-70 f/4 e 50 1.8 ad essa appositamente dedicati. Saranno immagini di scarso valore essendo in questo momento più preoccupato ad "imparare" le innovazioni del mondo Z rispetto al mondo D. Personalmente però trovo che sia giusto, a fianco (anzi dietro) ai molti Nikonlander che da tanto la usano proficuamente, dire la mia... magari a quelli che (come me d'altronde) sono indecisi... rapiti dalle bellezze delle gallerie già ben popolate, ma che non sono sicuri che in mano loro possa essere una tecnologia UTILE. Innanzitutto è una Nikon: è fatta bene, mi ha dato una impressione di solidità e di buona costruzione. Gli obiettivi sono a mio avviso fatti anche meglio rispetto alle vecchie controparti per F: nulla da eccepire. Il tutto è leggero ma non "cheap", spero di essermi spiegato... Abituato alla D850 è chiaramente un altro mondo, una volta presa in mano sono rimasto un po' spiazzato, ma si impugna però bene.... e non affatica il collo girando per la città. Arriveranno un domani dei corpi più grossetti, ma per il momento non posso ritenermi affaticato, per l'uso a cui è attualmente destinata. Qualità di immagine, tenuta ISO.... non scherziamo, è una Nikon e il suo sensore (lo ammetto) talvolta mi è mancato... quindi niente da aggiungere. Assicuratomi l'installazione dell'ultimo FW come prima cosa, una parola sull'autofocus, del quale se ne sentono di tutte. Per me è veloce e lavora benissimo, anche con luce scarsa. In questo mi ha stupito, anche con FTZ e altri obiettivi come Sigma ART 85 e 14-24... In AF-C lo ammetto, la prima cosa che ho fatto è stato provare il riconoscimento del volto/occhio: posso dire candidamente di essermi sentito (magari sarò ingenuo, ma non in mala fede) come un bambino in un negozio di caramelle... senza flash, luci continue, una linea LED e ISO Auto.... mi sono divertito, soprattutto a pensare all'inquadratura e non a fare entrare 2 teste nell'area AF. Su questo appoggio molto l'entusiasmo di chi mi ha preceduto. Altre modalità di AF, in particolare l'aggancio di grandi soggetti in movimento, devo semplicemente prenderci la mano. "Ok / sposta / Ok" non è immediato all'inizio, ma se qualcuno ha fotografato il motocross e l'automobilismo allora non è impossibile... si impara tutto nella vita! Chiaro che per soggetti più piccoli e in movimento random... è un'altra storia, ma dove non si può imparare e dove proprio non ce n'è, ci arriverà mamma Nikon prima o poi, ne sono sicuro. Ultima cosa riguardo l'EVF: poter vedere subito a mirino il risultato finale, vale il prezzo del biglietto.... Personalmente pensavo peggio. Capisco chi eventualmente non lo sopporta per questioni "fisiche" o di prolungato lavoro... ma per un uso molto "generale" non mi è per nulla dispiaciuto. Ah e lo stabilizzatore mi pare che lavori alla grande. Non ho misurato un bel nulla ok, ma credo possa fare egregiamente il suo (per tutto il resto c'è il treppiede...) Cosa mi manca sinceramente (per il momento)? Qualche millimetro in più del corpo per le distanze tra i tasti e i tasti retro illuminati. Per l'AF, come ho detto, prima imparo a correre, poi vedrò se è il motore che non ci arriva! p.s. immagini come sfornate dal jpg in macchina... qualcuna raddrizzata e basta...
  6. 3 points
    La Viola è uno strumento particolare. Quello che sta in mezzo tra gli altri archi. E' un pò più grande di un violino e suona più in basso, senza i suoi acuti. In compenso ha un registro rauco, più gutturale, caldo del violino. E' nata insieme al violino e al violoncello. Nel tempo si é formata una famiglia di viole : da braccio - quella oggetto di questo servizio - da gamba, da basso. A seconda delle dimensioni, del numero di corde, dell'estensione del basso. Tutte con la stessa forma. La forma a "viola". Indiscutibilmente simile alla forma del corpo femminile. Come il violoncello, è vero, ma con dimensioni, almeno nel caso della viola da braccio, facili da gestire. Ho pensato di avvicinarla a Silvia, che ha indiscutibilmente anche lei una forma "a viola", per leggerne insieme le forme e le superficie. Lei si è lasciata ispirare dalla luce e dalla situazione mentre io mi sono limitato a scattare. Quasi al buio, con la Z6 e il 24-70/2.8 S. la ruvidità delle tavole di legno grezzo della parete e del tavolaccio, contrastano con la vellutata pelle di Silvia e con il lucido della vernice della mia Viola Johann Bruck (uno strumento tedesco da studio). qui la pelle è naturalmente lasciata come la giornata invernale l'ha disposta In controluce, con Z7 e 105/1.4E tutto aperto Silvia si è mossa di continuo per me, cercando di replicare le sinuosità della viola che è rimasta appoggiata davanti, ora sfuocata, ora a fuoco : ora un pò e un pò finchè Silvia si è alzata per assumere la sua di forma che poi è quella dello strumento nell'album allegato, una selezione più ampia tra le centinaia di scatti eseguiti in otturatore elettronico, sempre in luce naturale.
  7. 3 points
  8. 3 points
    Taglio cinematografico e anche... coloring cinematografico
  9. 3 points
  10. 3 points
    Nikon Z6 e Nikkor 105/1.4E ad f/1.4, ISO 3200, 1/250'', EYE-AF automatico. Luce disponibile.
  11. 2 points
    Assolutamente si : é proprio ora di ripensare in toto le fotocamere in funzione delle possibilità offerte dalla tecnologia odierna...
  12. 2 points
  13. 2 points
  14. 2 points
  15. 2 points
    Invece a me non sorprende per nulla. Tutte le lenti vanno meglio su FX che su DX, se poi è un sensore non troppo denso anche di più. Che è uno dei motivi per cui chi prova FX non riesce più ad usare le DX! Il secondo sono i file, prova a fare dei confronti diretti....
  16. 2 points
    Questo giro propongo un genere differente , non ho molti scatti ancora fatti in ritrattistica con la D5 , d'altronde ha una rivale , anziana , ma che tiene il passo alla grande Da uno shooting all'interno di una splendida villa non che azienda vinicola nelle terre che portano alla Lessinia Lasciate ogni speranza , o voi che .....uscite che uscite , perche in primis , uscire da una porta dove lei è la padrona di casa , sarebbe da matti 😁 ma anche perche quella sotto , è la "porta" che conduce alle cantine dell'azienda , che vista la mia sfacciataggine , curiosità e soprattutto interesse per il prodotto il padrone di casa , mi ha fatto visitare , solo all'apertura della porta c'era da godere per la bellezza ed i profumi , quelle sono terre di Amarone ....
  17. 2 points
    Io ne ho messe un tot in galleria, ma sono tutte troppo spigoloZe rispetto alle tue...
  18. 2 points
    Poiana brianzola, dopo tanti mesi di forzata astinenza riesco a rimettermi a fare fotografia naturalistica.
  19. 1 point
    lo schema ottico del nuovo 70-200/2.8 S a confronto con il modello per reflex : hanno ottimizzato la parte anteriore dei gruppi ottici ma il resto è totalmente differente. Ho realmente grandissime aspettative per questo obiettivo !
  20. 1 point
  21. 1 point

    From the album: Avifauna

    © Jorgos Hatziangelidis

  22. 1 point
  23. 1 point
    Dite che sarà compatibile con un moltiplicatore di focale ? Visto il parco lenti attuale non sarebbe male se Nikon tirasse fuori un TC14 o TC20 versione Z. ( Lo so, non ci accontentiamo mai... )
  24. 1 point
    Io temo che sarà in promozione già prima della consegna La concorrenza ce l'ha in casa, si chiama D750 mentre chi voleva il video, si è già preso la Z6
  25. 1 point
  26. 1 point
    Giuro, ho inserito dal primo giorno una xqd ed una sd entrambe da 32gb e non ho mai avuto questi problemi. Le ho configurate come eccedenza con priorità alla xqd. In verità non sono mai arrivato a riempire la xqd, sarà ben questo?
  27. 1 point
    Ho capito Mauro, ma con la fotocamera ci farei delle foto, gradirei che fosse uno strumento volto ad aiutarmi in quella incombenza e non a socializzare sul web o a fare quel cacchio che vuole il marketing del brand che, per vendere di più, offre inutili orpelli. Fotografare come faceva Eric Salomon nel 1925, che senza guardare in macchina fotografava, azzo se ha fotografato, e come tutti noi cercava di superare il limite della tecnologia per arrivare il più in là che si puo', fotografare dove non si riusciva. Ecco, io il Bundestag non ho necessità di descriverlo in fotografia, ma l'altro ier sera ad 8000 iso per f/4, il tempo era 1/30', l'AF della D500 chiedeva aiuto ed il VR del 600mm mi ha chiesto scusa perché i tre cinghiali proprio non ce la faceva a tenerli fermi. Frega assai d'aver la miglior connettività se non possiamo sfondare i limiti imposti dalla geometria ottica e per quella miracoli non se ne possono fare: son sempre 15cm di lente frontale per aver f/4 su 600mm di lf, di li non si scappa come non si può modificare la massa di un litro d'acqua.
  28. 1 point
    ...........mmmmmm...... Boh, per me anche no. Il riconoscimento del soggetto so già che lo disattiverei, come ho dovuto togliere la messa a fuoco a gruppi per centrare il volto di un bimbo tra altri bimbi. Non fotografo ritratti e quando fotografo la gente gradirei sceglirmi da me quella che voglio a fuoco. Certo che la messa a fuoco sull'occhio e' una bella comodità, ma vorrei sapere quale occhio mi propone in un branco, uno stormo, una mandria, una folla. Voglio evitare come la peste di trovarmi a combattere CONTRO automatismi che non ho chiesto. Disattivarli? Si, proprio come sui cellulari che per capire come prenderne il controllo si finisce con la resa per sfinimento abbandonadosi alle comode, per carità, funzioni Uawei, Samsung, Apple ecc ecc. Le foto son tutte belle? E va bene, godetevele cosa devo dirvi. I filtri istagram per me sono occupazione della memoria ed inutile ingolfo della potenza di calcolo.. Connessione wirless sempre e comunque? Nei miei boschi fino a 10 anni fa non c'era campo. Adesso si, il che mi impone di silenziare il cell se no sul più bello il Roby mi chiama. I parametri di esposizione sono ancora 3 e lo saranno sempre, ora come ai tempi del bitume di giudea: gradite che ve li imposti qualcun altro secondo logiche indiscutibilmente più precise dei miei errori di mezzo stop? Va bene, ma a quelli come me l'accesso a due rotelle ed al selettore iso per favore lasciatecelo dove lo abbiamo sempre trovato, senza dover consultare un manuale di 900 pagine, mirabilmente innestato nel display della fotocamera da manovrare, ovviamente, con il dito indice. Ricordarsi, ai presbiti, gli occhiali per vicino m lo zaino è grande un buco lo trovate di sicuro. Af veloce e preciso, iso da visore notturno ed AF in grado di asservirlo, stabilizzazione dell'immagine, durata delle batterie, spazio di memorizzazione robustezza e praticità d'uso cioè semplicita ed immediatezza dei comandi su queste cose, da fotografo mi pare utile tener la barra fissa ed incrementare lo sviluppo. Il preview a mirino è gratis giocoforza con le ML, ma proprio in questo ambito direi che sia il caso di investire nell'annullamento dei ritardi EVF, altro che preset on camera gigioni, quello è solo fumo negli occhi, appunto.
  29. 1 point
  30. 1 point
    Ma guarda che il Samyang da 350€ nuovo e poco meno usato non è che faccia poi sto schifo. Io ho visto un sacco di belle notturne fatte con lui. Ovvio che non avrai gli angoli dello Zeiss ma costa 10 volte meno, però non va 10 volte peggio. Tra l'altro lo prendi usato e lo rivendi, se non lo vuoi più, per 50€ in meno massimo quindi meno di un noleggio. Uscirei un poco da questa idea che se non hai tutto il meglio in borsa le foto non si possono fare... Anche perché in pellicola, dove si tirava se andava bene 1600ASA, e con ottiche wide che se andava bene erano dei 3.5 le stellate si facevano comunque... vuoi non farle ora con un mostro da 10.000 ISO e un 2.8?
  31. 1 point
  32. 1 point
  33. 1 point
  34. 1 point
  35. 1 point
  36. 1 point
  37. 1 point
  38. 1 point
    Uno dei vantaggi delle mirroless, oltre a previsualizzare l'esposizione e quindi vedere la foto in tempo reale, è la messa a fuoco manuale assistita. La Z6 in questo senso è ben dotata. Ho così ripescato il mio vecchio Canon 65mm MPE, con adattatore COMA (del famoso Adriano Lolli) da Canon Ef a Nikon F e tramite adattatore cinese da Nikon F (senza contatti) a nikon Z l'ho montato sulla Zeta 6. La scelta di usare un adattatore cinese senza contatti mi è stata consigliata da Mauro Maratta per evitare di danneggiare il più delicato e costoso FTZ con accoppiamenti non protetti . Il tutto montato su slitta micrometrica per una messa a fuoco di precisione. Ah, ho usato anche anche un illuminatore a LED. Poi ho preso qualcosa di piccolo: E ho voluto provare a riprendere un particolare con un RR di 3:1 ossia tre volte più grande del reale (il Canon permette di arrivare fino a 5:1). Ovviamente non era possibile fare lo "stacking automatico" con questo accrocchio, ma vi assicuro che non è stato difficile. Come forse sapete il 65mm MPE non ha una ghiera di messa a fuoco, si imposta il rapporto di riproduzione desiderato e si muove avanti indietro il complesso obiettivo fotocamera fino ad avere il soggetto a fuoco. Un problema aggiuntivo è che con l'adattatore Canon/Nikon non si può nemmeno chiudere il diaframma per cui si lavora a tutta apertura (che anche se non è realmente f2.8 è comunque ampia). La profondità di campo è quindi piuttosto esigua: Ma grazie al focus peaking (ho anche impostato il pulsante AfON per mostrare l'immagine al 200% se serve) ho potuto fare una serie di 21 scatti in sequenza e combinarli con Photoshop. Et voilà: E' stato relativamente facile e veloce. Più che con una DSLR. Anello debole della catena, la slitta micrometrica, ne ho due, ma entrambe hanno qualche leggero scarto, per cui a questi ingrandimenti ogni tanto si hanno scatti leggermente disassati che vanno eliminati prima di fare lo stacking. Nel complesso non ci è voluta gran fatica ed il risultato è buono. Attenzione, io il Canon l'avevo già, non compratelo , ci sono altre soluzioni. Ne riparliamo se volete.
  39. 1 point
  40. 1 point
  41. 1 point
    La mia periferia è lungo le rive dell'Arno
  42. 1 point
  43. 1 point
    Ho avuto a disposizione questo Nikkor Z 85mm f/1.8 per un breve periodo di tempo questa estate. Abbastanza per farmene una idea complessiva. Abbastanza per confermare la mia assoluta intenzione di acquistarlo per utilizzarlo come "standard" per le mie foto (chi mi conosce sa che io considero il 50mm già un grandangolare piuttosto spinto e che mi sento a mio agio solo dagli 85mm in su). Ecco quindi, in ritardo l'unboxing di rito come se lo facesso adesso insieme a voi (ma in realtà lo uso già da un pezzo !). La confezione, nera e gialla ricalca le altre. Nel coplesso mi sembra leggermente più piccola di quela del 50mm f/1.8 S l'interno ha i distanziali in cartoncino. Bandita la plastica se si esclude il multibolle di sicurezza nel piano superiore ci sono i manuali e il panno/astuccio dai due scomparti in cartone escono l'obiettivo e il paraluce. confezione, manuali/garanzia, paraluce Dormi tranquillo e asciutto ... per ogni altra considerazioni preliminare rimando in ogni caso alla mia anteprima su queste stesse pagine del 7 agosto u.s. : Poche parole in aggiunta. In circa due mesi e un pezzo ho usato diffusamente questo obiettivo. Su oltre 24.000 scatti, almeno 17.000 sono a tutta apertura. Gli altri distribuiti sulle aperture fino ad f/8. F/8 l'ho usato solo con il flash e sostanzialmente per avere la profondità di campo necessaria a riprendere entrambi gli occhi. Le altre più che altro per scopo di test. Mi sono trovato benissimo, tanto che come anticipavo all'inizio, l'ho eletto a mio normale (con nessun altro Z per ora ho fatto un numero equivalente di scatti in questo periodo). Messa a fuoco sempre puntuale, nessun rumore in assoluto. Nitidezza elevata. Sostanziale assenza di difetti ottici di qualunque genere. Tenuta al flare decente, considerata la focale. Perfetto matrimonio con le caratteristiche di messa a fuoco automatica delle Nikon Z (io scatto oramai al 95% in AUTO AF con eye-AF o riconoscimento del volto). Lo strumento ideale per assecondare la mia necessità attuale di astrarre totalmente da problematiche di natura tecnica per concentrarmi sulle situazioni, sul soggetto, sullo scatto. A tutto frame, in ogni condizione. Come questa in questo album : Mentre in quest'altro - che vi invito a visitare se vi interessa - ho inserito una selezione di foto riprese in tante circostanze, in esterni, in interni, ricerche di sfuocato, ricerche di soggetto, effetto, soggetto, soggetto, soggetto. Soggetto. Inquadratura, soggetto. Liberamente tratte dal mio modo di fotografare del 2019 : Il che mi consente di andare al mio giudizio, che chiaramente vorrete accettare con la benevolenza consueta, considerando che è del tutto soggettivo, come ogni cosa che scrivo oramai da 13 anni su questo sito. è sostanzialmente il fratello più lungo del 50/1.8 S come il fratello, credo sia il migliore degli 85mm prodotti da Nikon fino al 2019 nelle condizioni in cui scatto io (NEF sviluppato in LR con le impostazioni di correzione automatica) sostanzialmente privo di difetti ottici, almeno quelli principali (distorsione, CA, astigmatismo) nitidezza elevatissima già ad f/1.8 come da tendenza dell'ultimo periodo. Tanto che chiudere il diaframma ha senso solo per recuperare profondità di campo ma l'immagine non migliora sostanzialmente peso abbastanza contenuto dimensioni in linea con gli altri Nikkor Z di pari categoria prezzo decente per la gamma Nikon veloce, silenzioso, maneggevole, pensato per Z6 e Z7 lo sfuocato è decente ma non è eccezionale. In particolare l'immagine appena davanti e appena dietro al piano di messa a fuoco è abbastanza ben resa ma la struttura è un pò granulare (ma non vetrosa come quella di certi precedenti Nikko f/1.8 di classe G per reflex). Poi c'è una zona di sfuocato più deciso che dissolve l'immagine, che poi ritorna più granulare a distanze elevate. I punti di luce a tutta apertura sono resi circolari al centro, ad osso di oliva, ai lati (ma è una condizione comune, questa). Chiudendo il diafrmma lo sfuocato peggiora proporzionalmente e da f/4 in avanti è piuttosto bruttino. Insomma, l'obiettivo è concepito per rendere bene/ottimamente, lo sfuocato sul soggetto, meno bene per quello dello sfondo tenuta al flare in talune circostanze (estreme) che potrebbe essere migliore abbastanza compatto ma questi Nikkor Z non sono tutto sommato né compattissimi né leggerissimi. Diciamo che sono giusti. Ma questo lascia spazio sia per dei pancake di categoria inferiore che per degli obiettivi di fascia superiore, ovviamente più grossi è principalmente - o sostanzialmente - un obiettivo da ritratto il prezzo potrebbe essere più favorevole. Tutto sommato non è un obiettivo molto impegnativo da costruire in Cina. Adesso c'è uno sconto alla cassa che secondo me dovrebbe diventare permanente per poi essere ulteriormente scontato quando non sarà più una novità appena presentata. Nell'uso, fin dalla prima volta, si apprezzano comunque di più le sue caratteristiche positive, rispetto a quelle negative, che sono, secondo me, marginali, se identifichiamo perfettamente il target cui è destinato e la sua posizione nel futuro corredo Nikon. Non per tutti la focale 85mm è quella d'elezione. Io nel tempo gli ho preferito più il 105 e il 135mm ed utilizzo l'85mm più che altro per quei soggetti che per morfologia di viso non potrebbero permettersi focali più lunghe. Al contempo questa focale elimina le distorsioni ottiche indotte dalla focale 50mm. Per questi fotografi la compattezza e una spesa ragionevole fanno premio rispetto, per esempio, ad uno sfuocato da sogno di una notte di mezza estate, come quello che si può ottenere con il Nikkor F 105/1.4E o il Nikkor F 28/1.4E. Che sono indubbiamente obiettivi di fascia molto più alta (prezzo triplo o poco meno). Ma è di tutta evidenza - e la presenza del Nikkor Z 50mm f/1.2 S nella roadmap per il 2020 ne é la prova - che Nikon considera gli obiettivi f/1.8 la prima scelta da lavoro ma che ci saranno ottiche fisse di fascia più alta per chi ha esigenze artistiche. Un 85mm f/1.2 sicuramente andrà a posizionarsi oltre quello che possiamo definire onestamente un ... infaticabile lavoratore. Ma un ipotetico Nikkor Z 85mm f/1.2 S costerà facilmente 3.000 euro (ne abbiamo riscontro dal recente Canon RF 85/1.2L ) e sarà più grosso e pesante. Magari per le caratteristiche generali non sarà nemmeno tanto meglio di questo, ottimo, onesto, già disponibile nelle nostre borse, 85/1.8 S. Ma avrà quel quid che lo renderò speciale per firma e carattere. Sarà poi il singolo fotografo a interrogarsi se effettivamente ha davvero tutto questo gran bisogno di quelle specifiche qualità in più. Io no, almeno giudicando al momento e quindi questo nuovo 85/1.8 S ce l'ho in borsa sempre ed ho ceduto per fargli posto l'enorme Sigma ART 85/1.4. Solo quando ho un soggetto che se lo merita veramente, faccio entrare in campo il 105/1.4E. Insomma, se fate ritratto, compratevelo, non ve ne pentirete, specie adesso che è scontato. Se fate altro, facilmente il nuovo 24/1.8 S vi interesserà di più e probabilmente nemmeno avrete letto quanto sto scrivendo !
  44. 1 point
  45. 1 point
    Z7 e Sigma 135/1.8 Art ad f/1.8, 1/200'', ISO 200
  46. 1 point
  47. 1 point
  48. 1 point
    Naturalmente ho scattato per tutta la sessione in NEF. Ma posso ricavare il jpg oncamera con Nikon Capture NX-D pari-pari a quello che farebbe la tua Z6. Attenzione che questa immagine non ha una elaborazione importante in sviluppo. Ho solo attenuato la dominante gialla molto forte indotta dalle luci della chiesa e sistemato un pò l'iluminazione. Nessuna postproduzione impegnativa.
  49. 1 point
    certo non potranno esserci, sulla Z6, degli svantaggi. Piuttosto se ne avvantaggerà la tua Z7, immagino
  50. 1 point

    From the album: Street

    Agfa Scala 200 tirata a 400
×
×
  • Create New...