Jump to content

Max Aquila

Administrator
  • Content Count

    5,701
  • Avg. Content Per Day

    6
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    61

Everything posted by Max Aquila

  1. Alla presentazione della prima reflex AF la F501 del 1986, Nikon propone, nell'arco di 18 mesi il seguente corredo ottico formato da pezzi di buon valore ottico, ma in una veste materiale davvero orripilante, che fece gridare allo scandalo tutti i nikonisti del tempo. La mia passione per Nikon precedeva questa serie di macchine ed obiettivi, ma è questo il momento in cui acquisto la mia prima Nikon oggetto di questo articolo, non AF ma...dotata di zoom autofocus. Fin dall'inizio questa serie di obiettivi costa un 10% in meno dei corrispondenti AiS ed Ai (gap che non sarà mai recuperato), motivo che costituisce attrattiva per tanti utenti dell'epoca il mio zoom: Nikon 35-70mm f/3,3-4,5 alcuni di questi obiettivi, come per esempio il Micro 55/2,8 ed il 180/2,8 avevano prestazioni davvero di rilievo, oscurate dall'orrenda estetica e dall'insufficiente allo scopo, ghiera di maf manuale, scomoda e troppo piccola. Verranno in breve sostituiti tutti entro pochi anni a furor di popolo, dalle rispettive versioni con ghiera di maf gommata, che poi verranno ulteriormente trasformate in versioni AF-D Tranne il Micro 55 che nell'occasione crescerà di focale agli attuali 60mm, dopo ben venti versioni della vecchia focale, tra il 1961 ed il 1986...
  2. Come consigliato in tempi non sospetti: quando nemmeno se ne ricordava il diametro...
  3. Pienamente condiviso. La mia precisazione per riportare la discussione in un alveo di giustezza...se nò chi venga a leggere da fuori e non conosca i presupposti della questione, penserebbe che su Nikonland si consigli di utilizzare "sempre" supermegatele insieme ai tubi di prolunga per realizzare immagini compositivamente semplici come quelle qui proposte
  4. specialmente i progetti nuovi, telecentrici e studiati per percorsi specifici della luce tra le lenti ad una distanza x dal sensore. Motivo per cui, se ci faranno un obiettivo macro per Z saremo in tanti tanti a comprarlo: più di quelli che compreranno il 70-200/2,8...
  5. uscivano macchine in continuazione, come le F401AF che avevi dimenticato (giustamente) già solamente delle quali si contano ben tre versioni... secca, s ed x... Poi le 801, le 601, le 801s...tutto nello spazio di tempo tra 1985 e 1991. Senza parlare di F90/s/x e della F4 Nikon-ciofegon con le quali abbiamo imparato, migliorato e, come nel mio caso, anche lavorato. Senza rimpianto
  6. appunto: in baita ed in giro per montagne. Per lo still life delle foto postate come esempi ...ritengo... basti il 50mm con i tubi. In quanto al quesito originario, il 50-250 DX di Roby...io al massimo gli anteporrei una lente addizionale (già in suo possesso) per ottenere i modesti ingrandimenti che sia in grado di reggere. Per i miracoli con i tubi, meglio comprare obiettivi più adatti, come appunto in questo momento quel 50mm di poco costo
  7. E' la serie non D del 1990, che va da 4004305 a 4307133 http://www.photosynthesis.co.nz/nikon/serialno.html due serie dopo il mio orrendo prima serie AF del 1985
  8. la famosa baionetta Z più larga...non inciderà anche questo? Ma di che stiamo parlando? Macrofotografia da campagna con tele + tubi? Perchè le foto che avete postato non sarebbe logico (e agevole) scattarle nelle stesse condizioni con il 50/1,8 di Mauro ? Tanto per il gelato alla crema di sfondo, bastano i tubi
  9. Ecco appunto. Prima usiamo per benino uno strumento e poi parliamone. E usiamolo a 360 gradi...non solo per fotografare una cosa solamente. Se vogliamo essere veridici. Se vogliamo consensi su quanto abbiamo fatto e non su quello che abbiamo...pensato. Lo so...ci vogliono soldi e tempo: esattamente le cose che io e Mauro investiamo su Nikonland. In un anno di Z6 ho scattato questo bilancio di file (oltre ai 5mila con la Z6 prestatami da Nital) non è una vanteria, nè un invito a fare lo stesso, ma va da sè che mai in vita mia mi era capitata una predisposizione all'utilizzo ed una facilità di accumulare scatti come con questa fotocamera. In due diversi shooting non programmati, per strada, ad una ballerina di flamenco ho scattato l'altroieri 3700 scatti e 3300 ieri tutte in piena azione e definizione, sperimentando i diversi moduli AF della Z6, anche quelli dei quali non parla mai nessuno e che invece con determinati obiettivi funzionano in maniera eclatante, (come gli Auto Small e Large, usati con il 24/1,8) eyeAF a parte. Come sapete, per ragioni che ho già spiegato, ho ricomprata una D500: ma non mi sogno neppure per un attimo di sostituire in riprese di questo genere la Z6 e non aspetto che di vedere sul mercato una Z col sensore della Z50 (e della D500) ma con le caratteristiche di utilizzo professionale (doppio slot, ergonomia, impugnatura verticale corredata di ogni comando) che potrebbero farmi pensare a lasciare in borsa (mai a casa) una Nikon Z6. Cari signori, qui siamo su Nikonland: un sito di appassionati nikonisti DELLA NIKON DI OGGI !!! Il vostro vantaggio e beneficio è che siamo Nikon-addict fin dai tempi in cui molti di voi , anche per ragioni meramente anagrafiche (ma non solo per quelle) neppure usavano una fotocamera. Anche nei periodi più bui ed oscuri, imparagonabili alla rinascita attuale. Abbiate/(abbiamo) pazienza...
  10. si vabbè: questo tuo è il modello AF-D del 1990, seconda serie dell'AF50/1,8 Lo vedi dallo slider per il blocco diaframma, che nella prima versione AF del 1986 era un pulsantino col blocco girevole e, non inquadrata, dalla ghiera di messa a fuoco manuale in gomma, anzichè quella orrenda, bulinata sulla plasticaccia di tutti i prima serie AF... che vedi nella foto a seguire, del mio primo 50mm Nikon ...che ovviamente posseggo ancora.
  11. Ti invito ad utilizzarlo, Valerio. Resterai stupito. E butterai il tuo 17-35 (finalmente)
  12. e no... credo che il piedino di VR e VRII sia incompatibile con quello dell'attuale FL
  13. Io sono appunto in attesa di un piedino simile per il 70-200/2,8FL che uso raramente su treppiede, ma in quelle occasioni ho deciso di evitare del tutto in futuro lo stress da piastrina che si allenta... In questo caso, una semplicissima sostituzione dell'originale a baionetta, senza neanche dover svitare alcunché. 24euro su Amazon e via...
  14. Ne sono convinto anch'io: è Canon l'antagonista di Nikon. E il sistema Z sta a quello F come a quello Canon... Ossia non ci sono paragoni da poter fare, si tratta di baionette diverse: pertanto necessitano elementi sia davanti sia ...dietro quella baionetta Z. Un sistema Z non può compensare le mancanze del sistema F...semplicemente perché si tratta di sistemi differenti. No contest...
  15. E questo 50/1,8 è uno dei pochissimi "puliti": senza nemmeno i fori filettato di predisposizione. Poi fu AF...
  16. La baionetta F di Nikon spazia dall'assoluto meccanico degli obiettivi non-Ai dei primi anni'60 agli ultimi Af-P ed Af-S E delle ultime, recenti realizzazioni di 60 anni dopo la sua istituzione. Prima dell'era AF che inizia con la sperimentale F3AF del 1983 e si inaugura con la entry level F-501AF del 1986, la gran parte della produzione ottica si divide in tre macrocategorie di attacco: non-Ai / Ai / Ai-S Di obiettivi a fuoco manuale non-Ai ed Ai ne abbiamo visti centinaia. Ma di lenti Nikkor MF con baionetta Ai-S non ce ne sono poi tante, a partire dalla Nikon EM del marzo 1979 e delle fotocamere successive, prima dell'avvento delle fotocamere AF. baionetta AiS La più celebrata è certamente la Nikon F3 e sotto di lei alcune reflex delle più considerate ancora oggi, dai collezionisti ed appassionati Nikon, come la FA, la FM2, la FE2, la più moderna FM3 e le economiche FG ed FG20 Quando comprai la mia F301 nel 1987 erano già in auge gli obiettivi AF della prima generazione, certamente AiS ma decisamente più brutti e sgraziati degli ultimi MF che li avevano preceduti e che per molti anni rimasero privilegiati (a causa anche di una certa approssimazione dell' AF Nikon di quell'epoca) nelle borse e nei desideri (continuarono a mantenere prezzi più elevati dei fratelli AF) dei fotografi nikonisti. Mi era sempre rimasto desiderio di possedere il 50mm f/1,8 con il quale era stata presentata la mia F301 nel 1985 e che, a mio avviso, è la più bella realizzazione tra i normali compatti non solo Nikon, di luminosità relativamente alta (i cosiddetti pancake non hanno mai superato f/2,8) Eccolo... con la sua bella flangia di alluminio con gli indici colorati della pdc, relativi ai rispettivi colori dei valori di diaframma. Con la sua ghiera anteriore di maf a bacchette, per distinguerla al tatto da quella diamond ridged della ghiera diaframmi minima maf a 2 piedi (60cm) e ne uscirà poi un'altra versione che scende fino a 45cm... 6 lenti in 5 gruppi si differenzia dalla prima versione AiS del 1980 (identico al precedente Ai) sia per le dimensioni più compatte, sia per l'assenza dei "rabbit ears", la forcella di accoppiamento con i vecchi esposimetri non-Ai. Dalla orrenda versione SerieE a corredo dell'altrettanto brutta Nikon EM, per i materiali nobili che in quella serie, tanto popolare, sono invece davvero scadenti tanto che Nikon nel 1981 tira fuori un model2 del 50/1,8 Serie E, a scimmiottare questo mio bellissimo compatto obiettivo standard. Col quale finalmente la mia prima Nikon, in vecchiaia, è riuscita a far coppia... Max Aquila photo (C) per Nikonland 2020
  17. oltre agli obiettivi (con 24-70 e 70-200/2,8 ed in attesa del prossimo ad esser presentato 14-24/2,8, diciamo che nessuno potrà più lamentarsi dal punto di vista lavorativo su questo versante) serve urgentemente un accenno riguardo ai corpi prosumer e pro che intendano realizzare. In FX e, se lo decidessero ben venga, anche in DX. Quantomeno dire...li abbiamo già disegnati. Cerchiamo chi li assembli...
  18. certo che si: potrebbe essere peggio conoscendoli... 😂
  19. che non abbiamo provato con Sony... ma con Sigma x Sony...peraltro
  20. Troppi treppiedi in casa, uno lo vendo: un classico Manfrotto 055C in alluminio, a tre sezioni e colonna centrale telescopica usato ma senza segni ne danni ! Scatola originale: ecco le quote... Regalo vecchissima testa 141RC a tre movimenti (eventualmente allego anche altro 055 rotto, per pezzi di ricambio) Vendo a Euro 120 + spedizione
  21. Noblesse oblige... O, come dice Cetto Laqualunque... "Succede, è già successo, succederà ancora..."
  22. Come ho fatto l altroieri io... già in viaggio... https://www.e-infin.com/eu/category/memory_cards
  23. Non vi dico i prezzi di listino che mi ha comunicato Sony perché se no a Lucky dopo la sua elencazione gli scoppia un embolo...😱
  24. Il 7 gennaio da Sony mi hanno risposto così: Buongiorno Max, Le schede arriveranno dalla fine della prossima settimana, tuttavia non avremo purtroppo campioni per prove. Mi spiace… Buona serata, Cristina Papis Head of Public Relations & Social Media Corporate Communications Europe Sony Europe B.V. – Sede Secondaria Italiana
×
×
  • Create New...