Jump to content

Valerio Brustia

Nikonlander Veterano
  • Content Count

    1,157
  • Avg. Content Per Day

    2
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    14

Valerio Brustia last won the day on October 29 2018

Valerio Brustia had the most liked content!

Community Reputation

252 Excellent

4 Followers

About Valerio Brustia

  • Rank
    Nikonlander Veterano

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Per ragioni che sfuggono alla razionalità tutti i serpenti sono detestati dall'uomo. Su 10 specie ce n'è una sola velenosa ciò nonostante sono "tutte vipere". La natrice, il biacco e il saettone sono animali innocui oltre che particolarmente utili. Invece " se ne vedo uno prima lo ammazzo e poi verifico. Ah no non è una vipera, chissà cos'è" Sulla vipera poi ci sarebbe da scrivere un romanzo: ma che diavolo di maledizione si carica questo velenoso ofide?? Ok il morso è doloroso ed in certi casi mortale, ma da qui ad estinguerla ce ne passa. E peggio è diventata sinonimo di male assoluto "sei una vipera" "covo di vipere" "inviperito". Le tre volte che ho incontrato una vipera si son sempre concluse con il serpente che se la dà più veloce che può. E come biasimarlo: sicuramente ha avuto almeno un cugino finito sotto spirito
  2. foto storica, nel senso che ha 30 anni, ricordi di gioventù
  3. Non credo, qui si sta lamentando chi la Z ce l'ha in saccoccia
  4. Andrà che apriate un topic "Z-desire" xche tra promesse, proiezioni per un futuro che è corretto definire vago e distribuzione al contagocce qui non so come la si possa mettere altrimenti.
  5. Allora fino ad adesso abbiamo scherzato e "scurdiammoce 'o passato..." Vabbuò un sereno click a tutti
  6. Non posso che complimentarmi con con Mauro per la bella analisi e la curata sintesi dello stato e del pregresso. Rimango scettico sulla questione Nital. Sui corpi macchina vedo ancora un grosso divario di prezzi e bada che ho sempre acquistato corpi by Nital, ma da D5/D500/D850 il gap l'ho trovato importante: 500 euro di risparmio su una D500 sono parecchi per me, non essendo parente dell'Agacan li sento sul mio bilancio, ed assai poco me ne cala di 4 anni di garanzia e per uno strumento che per non farlo funzionare devi prenderlo a martellate (in perfetto Nikon Style). Credo invece che su certi obiettivi sia il produttore a stringere la cinghia: il 500/5.6 non è di facile reperimento ed effettivamente dove lo si trova è a un paio di centoni meno del prezzo Nital. Sui super tele, dati i prezzi particolarmente alti, è vero che in % il gap è piccolo ma in valore assoluto... con 2000 euro di risparmio sai quanti motori AF- s mi faccio sostituire da chi so io? vediamo come evolverà, spero che tu abbia ragione e che il concetto "non c'è + trippa per gatti " sia arrivato anche a Torino.
  7. Si e ti dico di più. Di questo modello la Leo non fa nemmeno troppa pubblicità. Per trovarlo nel catalogo ricordo d'aver faticato parecchio. MISTERI. L'indicazione me l'aveva data Paolo Vento, stavo cercando qualcosa di veramente leggero ed i vari traveller comunque non mi andavano bene perchè da chiusi hanno un diametro ingombrante a causa della colonna centrale. Questo qui invece la colonna non ce l'ha e le gambe si chiudono le une contro le altre ottenendo il diametro di ingombro di poco più grande di un ombrello. Perfetto per le cinghie dello zaino. Inoltre è straordinariamente robusto, tecnicamente parlando mi consente di fotografare con ottiche grandi come un 70-200/2.8 o 300/4 (uso il PF) su DX reflex senza troppi patemi d'animo, parlo di pose lunghe chiaramente. Certo l'alzo specchio è sempre raccomandabile mentre dello scatto a filo vedo che si riesce a farne a meno., non lo credevo possibile.
  8. Nel bagaglio a mano ci sta e anche se hai una borsa foto classica te lo porti dietro senza problemi infilato sopra la maniglia E scusa ci sta sul ponte di broccolino ne più ne meno che il bizzarro peak ovviamente puntazze a parte
  9. TI dico di più: l'ho fatto vedere di persona ad un amico e ad un collega di lavoro ed ho dovuto ordinarne altri due. Chi lo ha maneggiato lo ha subito acquistato. Mi sarebbe piaciuto incontrarvi lo scorso inverno ma non c'è stata occasione, nel caso l'avrei portato perchè è imbarazzante questo robo. Sono andato a vedere la mia fattura dello scorso agosto: 235 euro e la confezione comprende borsa in cordura imbottita, chiavi di smontaggio, colonna centrale (inutile) da avvitare come estensione (rimarrà nel cellophane per sempre) e puntazze da ghiaccio da avvitare al posto del piede di gomma, dei coltelli in acciaio che, ottemperando a Normativa Sicurezza Cantieri di Lavoro, non monterò mai e sono quelle robe che Gitzo vende a parte a 50 euro o forse più.
  10. Ma va bene! Ci mancherebbe! Mica lo vieta la sanità di usare una cosa del genere e poi con macchine leggere (che non richiedono il M.lockup perché la M non c'è +) va benissimo al netto di quei due particolari che ho citato, ma evidentemente non li reputate significativi, ciascuno ha le sue cifre di merito: le mie le conoscete da un pezzo. Comunque immagino che chi è interessato sia normalmente dotato di piastra ad L per la fotocamera perchè le riprese verticali, già da par loro complicate, le vedo oltremodo laboriose con questa soluzione di Peack Per completezza metto i dati del mio LeoFoto TESTA INCLUSA: 1.2kg, da chiuso Lunghezza=51cm Diametro<7cm , Hmax 1.23m. NON HA LA COLONNA CENTRALE, per chiuderlo non devo capovolgere niente. Nella foto sotto sorregge una D800's con 17-35 e telecomando. Sta davanti alla tana di una marmotta, nella speranza che il topolaccio esca dal buco. La foto invece è stata ripresa con una D500 montata sul Nikon 600/4Vrrr il tutto sorretto dal treppiede cavallo da tiro il Gitzo GT3541LS con Arca B1. Il che zsignifica che sono andato a spasso con 2 treppiedi, a dimostrazione che questo leofoto è un serio tripod trekker. Fate vobis, ma ocio che le ottiche ML di nikon, anche non 2.8, non sono piccole ed il fuori tutto è piuttosto decentrato.
  11. Ma secondo voi esiste solo la soluzione supporto per mitragliatrici? Se devo stabilizzare l'obice da 600mm allora non c'è storia, davvero. E' logico che se le mie richieste sono differenti, posso spostare l'asticella molto più in basso sulla scala dei pesi. Il problema in oggetto io l'ho risolto brillantemente e senza le "truede" da genio della lampada stile peak. Esiste un Leo foto che è un gitzo systematic in miniatura al prezzo ragionevole di circa 200 euro + o - testa inclusa . Ovvio che dei miei archibugi può sostenere solo il peso sgravandomi dalla fatica, del resto sono abbastanza SCOPPIATO come dimostra il seguente scatto eseguito dall'amico Paolo Vento lo scorso inverno (unica gita in 6 mesi, grazie Paolo) Mi sembra un po' eccessivo il baccano che si sta facendo per questo Peak Design; vorrei solo far notare che non siamo nati ieri, tutti quanti NOI.
  12. Non vorrei raffreddare gli entusiasmi, ma questo "robo" può andar bene solo con mirrorless (e fin qui nulla da eccepire, è il futuro) con lenti non troppo lunghe e soprattutto non enormi (e questo non fa scopa con presente e futuro) 1- le gambe: sono proprio gambe di sedano ! Ottima idea. A chi lo comprerà suggerisco di aprire almeno una sezione per gamba e osservare la flessione alto - basso . Sì perché la sezione ellittica della gamba non offre rigidità omogenea in tutte le direzioni di sollecitazione. Tutti i costruttori da 60 anni usano i tubi circolari non perché sono degli ottusi conservatori, ma per garantire maggiore resistenza alle vibrazioni in ogni direzione. 2- levette serraggio gambe: È a levetta. Accidenti!?! Non ve lo devo ripetere ma chi usa spesso il treppiede SA che quel dettaglio fa la differenza. Le levette, piaccia o non piaccia, nel tempo (qualche anno, meno di 1 se l'uso è intensivo) si smollano (tutte). Nel video che ho visto compare una bella vite di registro per ogni lock zampa: non dimenticare mai il cacciavite se no si andrà incontro a momenti di serena frustrazione. 3- la testa capovolta: osservo che per orientare la fotocamera occorre sempre estrarre un paio di cm di colonna centrale, se l'orientazione è più importante ne serviranno di piu, 4-6 cm di estrazione. Bene, la colonna centrale e' molto sottile, uno stelo. Vado avanti? 3b- la testa capovolta: quale è il parametro di aggravio delle vibrazioni? La massa della fotocamera obiettivo. Con questa soluzione della capoccia capovolta andiamo ad aggiungere la massa del blocco testa al sistema da stabilizzare. Sì perché il punto di staticità di un treppiede è il centro crociera ed, esteso di un piccolo braccio, in ottima approssimazione lo è anche la sfera della testa. Da lì in su è guerra. Che si fa? La si combatte no? Peak design la pensa diverso. in sintesi: se usate fuji xe con obiettivini bellissimi come il nuovo 16/2.8, il 23/2 o il 35/2, oppure le olympus pen f con il 12, questo treppiede fa per voi ( ricordarsi il cacciavite) . Chi usa Ml ff andrà incontro a serie delusioni, mentre agli ottusi che si ostinano a far sbattere lo specchio consiglio di passare la mano. Questo è solo il mio contributo spero utle a farvi riflettere un po'. Le nuove tecnologie rivoluzionano la fotografia ma l'accelerazione gravitazionale è rimasta costante a 9.8 m/s2
  13. Raffae' brutto Paraculo!!!!! Bravo son cose che si ricordano tutta la vita
  14. mmm, non vorrei fare quello che insinua dubbi ma ... c'è una malattia che affligge tipicamente i piccioni. Non so se sia una micosi o altro,fatto sta che devasta gli arti inferiori di questi uccelli che perdono falangi fino a rimanere senza zampa / zampe. Lo scorso anno ho fotografato una sterna con il medesimo tipo di amputazione. Temo sia problematica diffusa che prescinde dall'intervento di alcun illuminato umano Idiota
  15. Mah, la mia D800 non ha avuto problemi a mettere a fuoco a -45 limite per l'immersione ricreativa e nemmeno la D300, figurati ... onestamente il vero skill sarebbe un full frame a dimensioni veramente compatte. Tieni conto che con sistemi FF, per le riprese grandangolari lineari, si è comunque costretti a dome port veramente grossi quindi il limite geometrico non consente troppi margini di manovra. Le nuove frontiere sono nelle ottiche ibride cioè adattatori ottici pensati per il mezzo acqua. Promettono qualità ottica superiore e distanza di messa a fuoco ridotta, utilissima per soggetti piccoli come attinie, coralli nudibranchi e qualsiasi esserino del benthos che si lasci avvicinare, per contro li usi solo in acqua cioè lo scatto mezzo e mezzo non lo fai +. Nauticam commercializza due dispositivi uno per il DX e uno per il FF. Il secondo è enorme pesante e carissimo e onestamente non vale la pena.
×
×
  • Create New...