Jump to content

Alessandro Pobbiati

Utente
  • Content Count

    28
  • Avg. Content Per Day

    0
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Alessandro Pobbiati last won the day on June 14

Alessandro Pobbiati had the most liked content!

Community Reputation

10 Good

About Alessandro Pobbiati

  • Rank
    Member

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Per me il bello di fotografare i rettili è la difficoltà, oggettivamente quanti ne trovi in posizione decente per una foto? se sono in posizione scappano subito. E' una bella sfida. Le reazioni di stupore di molte persone quando gli spieghi che non fanno nulla sono stupende😂😂
  2. Reputo i salticidi soggetti magnifici, spesso però riscontro molte difficoltà nel fare buoni scatti. Piccoli e veloci, la maggior parte delle volte li ritrovo su foglie che con il minimo alito di vento iniziano a muoversi. Qualcuno a qualche consiglio su come migliorare? Ora utilizzo un 105 mm macro e un solo flash posto sopra la macchina, combinazione che mi permette di essere abbastanza agile.
  3. Il soggetto non ritratto in maniera perfetta, fa nulla. Mi divertono queste situazioni e immortalarle. Ero fermo a girare un video ad alcune rane e nel cespuglio vicino a me spunta questo biacco che si alza fissandomi. Dura per più di un minuto questo confronto di sguardi, finisce nel momento in cui mi avvicino per far altre foto e il serpente decide di voltarsi e sparire nell'erba 😅😅
  4. Grazie del consiglio! L'idea di creare quell'effetto dovrebbe valorizzarla di più
  5. Sinceramente sto cercando di dare una nuova interpretazione alle foto macro di questi animali. L'immagine tetra è per associarla a quella del predatore! Lo spazio nero in effetti è molto però l'ho tenuto per mantenere i 2 : 3. Dovrei provare il quadrato ??
  6. Quasi quasi valuto il TC14 allora, mi sembra la soluzione più "agile "😀 Grazie
  7. Oggi mi trovavo nel Parco Pineta e alzando gli occhi al cielo vedo che le chiome dei pini che si sfiorano creando quasi dei sentieri di cielo. Non ne sono certo, ma credo che possa trattarsi di Crown shyness, questo fenomeno fa si che appunto le chiome non si tocchino, è stato osservato per specie di (Pini e abeti) Picea spp. e (Larici) Larix spp.. Alcuni pensano che questo adattamento evolutivo impedisca ad alcuni parassiti di passare da un albero all'altro a livello delle chiome. Dico che non so certo poichè sul web, cercando immagini simili, le chiome distano maggiormente. Se qualcuno sa di più dica😁😁
  8. Sono stati un pò a guardarsi poi la lucertola ha ceduto il passo 😂😂😂
  9. Giovane di Ramarro Occidentale (Lacerta billineata) Divertenti da fotografare per via della loro velocità e per via della loro colorazione che li rende praticamente invisibili nell'erba. Nei due maschi delle altre foto si vede la tipica colorazione bluastra che assumono nella stagione degli accoppiamenti, stagione dove diventano molto territoriale e aggressivi fra loro. Una cosa che ho notato che negli ultimi anni noto, una maggiore presenza di "parassiti" credo zecche su questi animali. Qualcuno ha notato la stessa cosa? Sono foto fatte presso la Fagiana, Parco del Ticino. Sono foto di più di anno fa, aprile 2017. Ho utilizzato il 70-300 mm della Tamron su una Nikon D3200.
×
×
  • Create New...