Jump to content

Tanker

Nikonlander
  • Content Count

    111
  • Avg. Content Per Day

    0
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

Tanker last won the day on May 12

Tanker had the most liked content!

Community Reputation

66 Excellent

About Tanker

  • Rank
    Advanced Member

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Firefox,ne giravan diversi di questi Zenit così come pure quelli della Novoflex,alla bisogna si poteva ripiegare sul piccolo tripode da tavolo della Cullman che ripiegato fungeva da impugnatura,anche questo un valido prodotto.
  2. Tanker

    Il NATO Tiger Meet

    si esatto,spesso scelgono velivoli che han poche ore di volo prima della revisione calendariale.Un tempo le livree dei velivoli eran decisamente più colorate,poi nei primi anni '80 si iniziò a cercare un tipo di livrea che rendesse difficoltoso l'avvistamento del velivolo visivamente,i colori più efficaci risultarono diversi toni di grigio combinati tra loro,in alcuni casi un solo tono e così siamo ai giorni nostri con questa tendenza.
  3. Tanker

    Il NATO Tiger Meet

    la livrea non ha alcuna valenza/funzione operativa,è solo parte dello spirito goliardico che accumuna i reparti tigrati.E' usanza per ogni reparto partecipante dipingere uno o più velivoli e tra queste "flag ship" c'è il concorso per l amigliore livrea,a volte questo trofeo vien assegnato in modo discutibile,almeno per noi appassionati.
  4. Tanker

    Il NATO Tiger Meet

    ce ne sono diverse decine,ho solo messo qualche esemplare,ovviamente la scelta del preferito è puramente soggettiva,pensa che per alcuni il più bello è e rimane il 104 canadese....poi non tutte le livree vengono bene,ce ne sono anche di meno appariscenti, se non mal riuscite.......ma per fortuna pochi casi...
  5. qui la mia,mi venne regalata nel 1981 col motor drive MD12,la utilizzo ancor oggi occasionalmente.Ricordo che la batteria va sostituita mettendo il selettore della macchina in posizione M,altrimenti la danneggia,mi capitò in USA e meno male che avevo batterie di scorta....
  6. Quest'esercitazione NATO,trae origine da un'iniziativa attivata dal ministro francese della difesa nel 1961,affinchè si consolidassero i rapporti tra le varie forze aeree della NATO.Il 79th TFS(Tactical Fighters Squadron) dell'USAFE (Us Air Force Europe) di base a RAF Woodbridge,colse la palla al balzo e organizzò per il luglio dello stesso anno,presso la sua sede,un'esercitazione a cui invitò il 74th Squadron della RAF e l'EC1/12 dell'Armee de l'Air francese.Tutti i ireparti coinvolti avevano una tigre nel proprio emblema,da lì le cose si svilupparono negli anni così che l'esercitazione,a cadenza annuale,si ampliasse come reparti partecipanti e come complessità.Oggigiorno a quest'esercitazione,partecipano 24 reparti delle diverse forze aeree NATO,alcuni reparti sono stati sciolti e altri si sono aggregati,poichè non erano moltissimi ad avere una tigre come simbolo,nel tempo la partecipazione venne estesa a diverse altre famiglie di felini come linci,giaguari,puma etc etc. Nel contempo,la crescente popolarità dell'evento,tra gli appassionati,ha fatto si che dei primi anni '80 circa,venisse indetto uno spotterday specialmente dedicato agli appassionati,dietro previa registrazione/pagamento online,è possibile prendervi parte.Tutto attorno all'esercitazione gravita un bel clima goliardico tra i vari reparti e per gli appassionati c'è pure la possibilità di acquistare delle memorabilia tigrate (patches,sciarpe,magliette,cappellini, zoccoli) di ogni singolo evento ,ospitato come già detto in precedenza,a rotazione,dai vari reparti.Allego alcune immagini di eventi occorsi nei passati anni.buona visione. qui sotto vediamo un colorato F-104 Starfighter canadese,questi furono i primi ad adottare una simile livrea su di un F-104,imitati poi da belgi e greci. qui un esemplare di F-104 tigrato belga qui un esemplare greco ora un Tornado tedesco qui invece un'altro Starfighter,questa volta italiano qui invece un FB-111 dell'USAF in una rara apparizione in europa ecco ora un RAFALE francese,come notate ci sono delle variazione nella tonalità delle livree tigrate sempre francese,ma in questo caso un Mirage2000 è la volta ora di un coloratissimo G-91 portoghese ed eccoci ad un colorato F-4 Phantom inglese,questo aereo era non volante torniamo in Francia ora con un bel Mirage F1 quindi eccoci con un bel F-16 dell'aeronautica belga quindi ci spostiamo nell'europa dell'est con un bel Su-22 polacco rimaniamo all''est con un addestratore L-29 Dolphin della forza aerea cecoslovacca. quindi eccoci in Norvegia con un F-5 infine a chiusura di questa breve carrellata di immagini,un Tornado tedesco
  7. belle foto Jorgos,mi piace quella in cui la pernice ti guarda,non sembra aver nessun timore dell'uomo,anzi,tutt'altro.
  8. Beh,diciamo che al momento i due più longevi sono la serie KC/RC-135 e il B-52,ma anche l'Eagle sta avviandosi per quella via....
  9. Grazie Pedrito,per il prossimo articolino farò come dici. Mauro,quelle foto si fanno nel cosidetto Mach Loop nel Galles oppure nel Lake District,dove sulle alture capita di fare scatti come quello,mi son ripromesso di andarci e un giorno lo farò anche se non sarà una passeggiata in quanto oltre a salire sulla vetta devi mettere in conto il brutto tempo e la possibilità di non veder passare NULLA. Serve comunque un abbigliamento adatto e se possibile un binocolo e uno scanner per ascoltare le comunicazioni aeree così da capire se la zona in cui si sta è buona o meno.
  10. Mauro,la versione A,come l'esemplare in foto,da tempo è stat ritirata dal servizio e posta in disarmo a Davis-Monthan AFB. Ora in servizio ci sono i C per la difesa aerea e gli E per l'attacco.In sviluppo c'è la nuova versione Ex,riempita di missili che in accoppiata all'F-35 è un'idea vincente.In pratica invece di avere centinaia di aerei,si hanno centinaia di missili,la flight di Eagle è guidata da un F-35 che funziona da mini Awacs e col data link dedicato guida l'intercettazione.Un concetto operativo nuovo che sarà interessante seguire nei suoi sviluppi. Oggigiorno,se non puoi entrare,ti limiti a scattare dall'esterno delle basi,ciò,in base ad un Regio Decreto (e si,esistono ancora) è proibito,ma negli ultimi anni c'è stata un certo allentamento nei controlli ed è più facile fare scatti da fuori,limitandosi a fotografare il velivolo ma non le infrastrutture.Discorso diverso è invece in UK,dove è permesso fotografare da fuori (ad eccezione del centro sperimentale di Boscombe Down) ed è vero quanto scrive Mauro,a me e ad un'amico,capitò che una camionetta della polizia militare ci avvicinasse e il poliziotto ci diede due biglietti per l'airshow che si sarebbe tenuto il weekend successivo.........altro mondo.........
  11. Ciao Pedrito,grazie dell'interesse e del suggerimento,a dire il vero ho provato ad inserire il commento sotto la foto per maggior praticità,ma non funziona,o almeno io non ho capito come si fa. Si,se devi fare una visita devi richiedere un'accredito stampa agli uffici pubbliche relazioni della basi o al comando centrale, in alternativa se conosci qualcuno,ti fai accompagnare e scatti immagini.Più facile è scattare in occasione di eventi pubblici come un photocall,uno spotter day o un'airshow,qui previa registrazione online in anticipo,ti iscrivi ad una lista e il giorno dell'evento entri.Nel caso invece di pubbliche manifestazioni,airshow etc,entri liberamente e scatti a libertà. Diciamo che tra i due casi,quello in cui c'è minor presenza di un pubblico generalista è il migliore,in quanto c'è maggior spazio per fotografare e non ti devi preoccupare di "difendere la posizione" come accade agli airshow.Infatti,per che fa foto,è essenziale appostarsi in prossimità della delimitazione (in genere con transenne) della via di rullaggio,scattando con un medio tele agli aerei in rullaggio e col tele lungo ai velivoli che evolvono in cielo.Essendo questo,uno spazio limitato,ti troverai a lottare col pubblio generalista,che invece di limitarsi a guardare dalle posizioni retrostanti,cercherà di infilarsi nel tuo spazio magari con la classica scusa del "fate passare il bambino" e quindi in men che non si dica sei out........ ciao
  12. Ormai è storia pure quell'Eagle che da tempo giace a Davis-Monthan AFB.....
  13. Bell'articolo che ben rappresenta la fotografia e accompagnato da immagini altrettanto belle.Sono d'accordo in toto con quanto scrivi.
  14. Ogni forza aerea in tempo di pace dedica molto tempo all'addestramento dei piloti e specialisti,è ricorrente poi effettuare delle esercitazioni in cui valutare il grado addestrativo raggiunto dai vari reparti.Queste esercitazioni possono essere dedicate ad una sola componente (ad esempio la caccia) oppure a più componenti la forza armata. In ambito USAF,la forza aerea degli Stati Uniti, una delle più famose e purtroppo ora dismessa,è la esercitazione William Tell.L'origine si rifà agli anni '50 del secolo scorso,quando presso Yuma,in Arizona,si svolse una competizione tra diversi reparti aerei dedicati alla intercettazione,all'epoca l'armamento dei velivoli era principalmente cannoniero o al massimo eran presenti razzi non guidati.Dopo alcune edizioni a cadenza biennale,si trasferì l'esercitazione in Florida presso la base aerea di Tyndall.Qui venne ampliata la gamma di settori ,motivo di valutazione e variarono pure i velivoli,sia come armamento che come prestazioni.Dopo una stasi dovuta al conflitto vietnamita,l'esercitazione,sempre dedicata alla difesa aerea,venne riproposta nei primissimi anni '70 sino agli inizi anni '90 dopodichè,nel 2004 ebbe luogo l'ultima edizione anche per celebrarne i 50 anni e quindi venne sostituita dall'esercitazione Gunsmoke che ha un formay diverso,al momento non esistono piani da parte dell'USAF per ridare vita al Wiliam Tell. Personalmente ho avuto l'opportunità con dei conoscenti,per parteciparvi come fotografo,all'epoca utilizzavo una Nikkormat EL,una Nikon FE ed una FA con 50mmf1,8AiS, 85mmf1,8AiS, 180mmf2.8IFED,300mmf4IFED. La pellicola era esclusivamente Kodachrome 25/64 sviluppata in un laboratorio a Jacksonville e solo in un caso,data la scarsità di Kodachrome,usai una terna di rullini Ektachrome64 professional,col risultato che i K64 son tali e quali e i colori degli Ektachrome son virati al blu\viola.....Accludo qui alcune immagini che danno un po' l'idea di com'erano quegli anni.Nella prima immagine vediamo un CF101 Voodoo canadese attorniato dal suo team in un classico pomeriggio piovoso della Florida ; nella seconda immagine abbiamo l'area di parcheggio dei CF-101 canadesi stavolta col bel tempo; nella immagine 3 invece abbiamo personale di terra al lavoro sugli aerofreni di un F-106 Delta Dart della Florida ANG; nell'immagine 4 abbiamo un F-106 del 318 FIS ; nella quinta foto una parte della linea di volo con i Delta Dart di alcuni Squadron; nella foto 6 abbiamo il personale di terra che sta caricando i missili Falcon sulla stiva dell'F-106 ;nell'immagine 7 invece un F-4 Phantom al traino con un bersaglio filato Dart ; nella foto 8 un F-4C della Michigan ANG ; nella foto 8 un'inquadratura frontale di un F-4 Phantom ; nella foto 9 vediamo un pilota intento a scrivere nel log book i dati della missione ; nella foto 10 invece un equipaggio su F-4 Phantom si appresta ad una nuova sortita; nella foto 11 vediamo un F-15 Eagle sulla via di rullaggio ; nella foto 12 vediamo in parcheggio un F-4D della North Dakota ANG con sullo sfondo la classica torre a scacchi di Tyndall AFB ; nella foto 13 abbiamo un bel T-33 dell'ADWC in rullaggio.
  15. bella foto,ottima resa dei colori,da quel che leggo,mi par di capire che il mirino elettronico non è poi sta gran cosa,mi sa che che continuerò di reflex ancora a lungo.
×
×
  • Create New...