Jump to content

Cedere alla debolezza umana


Valerio Brustia

177 views


image.thumb.jpeg.44f04512c77526b5e03cef67acadb639.jpeg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 400/2.8 S TC a 560mm, mano libera

Qualche anno fa biasimavo con vigore l'abitudine ormai consolidata di utilizzare qualsiasi mezzo per scattare immagini ai selvatici; complice un'occasione di gruppo, con gli amici Massimo, Marco e Andrea mi sono ritrovato proprio nel luogo che 5 anni fa mi produsse brutti pensieri ed amare constatazioni (per i chi vuole approfondire, QUI i miei ragionamenti di allora).
Questa volta ho bellamente ceduto alla lusinga fotografica, lasciandomi andare ad gioco che, in tutta onestà, è piuttosto divertente, ma che rimane un gioco (appunto).
La questione si è articolata così: un'uscita fotografica flash in quel di Pont in Valsavarenche con l'intenzione di inquadrare il gipeto che qui è segnalato ed avvistato con una certa regolarità. Massimo, abituè della zona, mi ha convinto con poco sforzo, così ho infilato nello zaino il mio nuovissimo Nikon Z 400/2.8 S TC per la sua prima uscita montanara.

36_VAR_0006.thumb.jpg.5678f4f59fae72b3fe84efee526c2dbb.jpg

Eccoci quindi di buon mattino al parcheggio di Pont pronti alla salita verso una fantomatica "paretina" un muro di granito su cui scivolano le correnti ascensionali. I veleggiatori come il gipeto sfruttano combinazioni di questo genere per attraversare le valli, battendo con poco sforzo centinaia di chilometri al giorno alla ricerca di qualche carcassa da "disossare".

I miei soci sono preparatissimi, conosco Massimo da un diversi anni e so che non lascia nulla al caso. E' attentissimo ad ogni minimo particolare, dalla calza ai piedi al cappello in testa passando per tutto ciò che è utile per ottimizzare una ripresa fotografica. Io, con il mio corredo Decathlon in offerta fine serie, a paragone sono decisamente un "cazzone". In comune abbiamo le scarpe, su quelle non ho mai lesinato.

La salita è abbastanza breve da non stancare troppo, ma lunga a sufficienza per sudare un po', anche perché, appena usciti dall'ombra delle montagne, il sole è bello caldo. E' tutto un togli e metti di strati di vestiti, salvo i ramponi che terrò ai piedi fino al ritorno a Pont; sono utili mi danno grip e sicurezza, ho fatto bene a comperarli la sera prima, alla Decathlon ovviamente. A mezza mattina raggiungiamo il punto di osservazione dove troviamo altri fotografi in attesa, Uno di questi si chiama Andrè ed è amico di Marco, l'appuntamento era programmato. Restiamo sulla balconata ad aspettare per diverse ore, sotto di noi la valle con la pista di fondo che pian piano si popola. Del gipeto avremo solo una breve apparizione, lontanissimo più in basso; ci sorprende invece un'aquila in volo radente di cui salvo qualche scatto solo dopo aver ripreso il controllo dell'autofocus della Nikon Z9. Gli stambecchi sono lontani, le montagne sono bellissime ed i camosci ci vengono a vedere. Le ore volano ed è già tempo di rientrare.

36_GRP_0014.thumb.jpg.b4383b9ae6d50bca3f53550b43ec5b3b.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 24-70/4 S , mano libera

36_GRP_0021.thumb.jpg.14c804e393ba9dc02baa1b3e111bbba3.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 24-70/4 S , mano libera

36_GRP_0029.thumb.jpg.8f54966cc6d41a1c66ae8cec2e6e451c.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 24-70/4 S , mano libera

36_GRP_0067.thumb.jpg.9fcfd5ff27f324ac2d43265bedd939ae.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 400/2.8 S TC a 560mm, mano libera

36_GRP_0079.thumb.jpg.f76c5ea933dee6713e4f936148e8e3ad.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 400/2.8 S TC a 560mm, mano libera

36_GRP_0057.thumb.jpg.ab8644de5e6094aebf8fd098598aa40c.jpg
Il massiccio dell'Herbetet. Nikon Z9 ob. Nikon Z 400/2.8 S TC, mano libera

36_GRP_0060.thumb.jpg.df65cdf001cc53d73492d9148b0088cc.jpg
Cima della Tresenda.  Nikon Z9 ob. Nikon Z 400/2.8 S TC a 560mm, mano libera

36_GRP_0054.thumb.jpg.ac6f8bbcd13d05e1b44f5504147ad92c.jpg
Versanti del col del Nivolet. Nikon Z9 ob. Nikon Z 400/2.8 S TC a 560mm, mano libera

36_GRP_0039.thumb.jpg.16720787f45a75b3e7783e40aa3117bf.jpg

36_GRP_0028.thumb.jpg.062d888227b6e63db8f16eb8b60597ce.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 24-70/4 S , mano libera

36_GRP_0038.thumb.jpg.cb426af087d2caa2deac9d089b2817dc.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 400/2.8 S TC, mano libera

36_GRP_0090.thumb.jpg.1a09ed36f394fedae27d5b0702dc13e0.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 400/2.8 S TC a 560mm, mano libera

36_GRP_0099.thumb.jpg.f450e138ed6e3905dbb7f37aa56143cd.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 400/2.8 S TC a 560mm, mano libera

36_GRP_0110.thumb.jpg.6cbc2e32218cb86c7005d1f40a917865.jpg
Nikon Z9 in DX ob. Nikon Z 400/2.8 S TC, mano libera

 

Ridiscesi al parcheggio, mentre carichiamo gli zaini in auto, percepiamo del trambusto intorno al rifugio di Pont. I miei compagni sanno di che si tratta, io intuisco che, come 5 anni fa, un visitatore sta attirando l'attenzione dei fotografi: la volpe di Pont è scesa al ristorante. E così è infatti, dietro al locale tra i bidoni della spazzatura, un discreto gruppo di fotografi sta puntando i tele verso uno splendido piccolo cane rosso. Con la scusa di aver con me il nuovo Nikon 400/2.8 Z, CEDO ALLA DEBOLEZZA, mi unisco alla banda e mi concedo al gioco. Effettivamente è fantastico disporre di un selvatico così docile all'obiettivo, ma non nascondo nulla delle modalità di ripresa che sono descritte nelle immagini finali.

36_GRP_0144.thumb.jpg.04aad4cdb2c9bdf7460ec475f32bf744.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 400/2.8 S TC, mano libera

36_GRP_0223.thumb.jpg.abd949394641826755710fde9133c161.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 400/2.8 S TC, mano libera

36_GRP_0274.thumb.jpg.81f4be9c37751021ce80c490145df0d9.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 400/2.8 S TC, mano libera

36_GRP_0280.thumb.jpg.6ec72c496fa5fc14b2f6d3da27cef9fd.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 400/2.8 S TC, mano libera

36_GRP_0297.thumb.jpg.a92a056144a96625501e4443e963ce10.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 400/2.8 S TC, mano libera

36_GRP_0170.thumb.jpg.8d7ad7118578aa928a9cf3eee32f46d7.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 400/2.8 S TC a 560mm, mano libera

36_GRP_0206.thumb.jpg.588fc7be7adfb06f8c991f20265546c4.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 400/2.8 S TC a 560mm, mano libera

36_GRP_0252.thumb.jpg.b42e0ef87fcf3acf56701296069fe4b2.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 400/2.8 S TC, mano libera

36_GRP_0125.thumb.jpg.db86c7354d24652db4186dec66aba973.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 24-70/4 S , mano libera

36_GRP_0140.thumb.jpg.345ca28909d7e05c420b2685c86582cf.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 24-70/4 S , mano libera

36_GRP_0130.thumb.jpg.1db78f6207703acac1942cca91ddf324.jpg
Nikon Z9 ob. Nikon Z 24-70/4 S , mano libera

 

Va bene, è stato divertente, ma c'è di più, ed il di più, come al solito, lo fanno gli incontri e le persone. Così è avvenuto che ho conosciuto Andrè, amico di Marco.; sapevo di questi due giovani fotografi valdostani, di una loro pubblicazione, ma non avevo messo in cantiere l'ipotesi di tornare a casa con un libro nuovo, ed invece...

 

Nuovi Equilibri, storia di incontri con il Lupo

Un libro deve raccontare una storia, se questa è avvincente e sorprendente allora resterà a lungo nella memoria diventando cultura propria dell'individuo. Se il libro è fotografico allora quella storia si leggerà velocemente, ma poi si espanderà "nell'immaginario" del lettore che tornerà più e più volte a cercare quelle fotografie. Il "Nuovi Equilibri" di André Roveyaz e Francesco Guffanti è un volume che aprirò molto spesso, le immagini che i due fotografi hanno raccolto sono spettacolari, il lupo è ripreso nell'ambiente montano, in ogni stagione e con ogni meteo, così come gli altri piccoli e grandi animali che popolano  le nostra Alpi a cui Andrè e Francesco hanno dedicato doverosa attenzione.

image.thumb.jpeg.012d77898d284fba84ceebb89433ec1f.jpeg

Nella scelta degli scatti di questa raccolta si percepisce un forte il desiderio di mostrare il lupo in connessione con la montagna su cui è tornato ad abitare. E questa montagna è il massiccio del Bianco e le valli della profonda Val D'Aosta in cui mezza Italia si inerpica solo per raggiungere le piste da sci. Al chiaro di luna, nel bagliore giallo delle luci degli abitati zeppi di turisti, il lupo porta Equilibri che, più che "Nuovi", sono "Ristabiliti". Le immagini testimoniano incontri vis a vis tra fotografo e lupo, segno concreto di una popolazione in crescita ed in salute, stabilmente arroccata sulle Alpi italiane, ma anche di una relazione con l'uomo priva di conflitto. I lupi ci osservano invisibili ed incontrarne uno è un evento molto speciale: Francesco ed Andrè questo privilegio lo hanno vissuto molte volte, li invidio apertamente.

image.thumb.jpeg.b4858822d00a29ff92aa3b58d9f2a287.jpeg

 

image.thumb.jpeg.db1ebbd740353781a0bdee2d3edca6b9.jpeg

 

image.thumb.jpeg.942f20a8ce47682ec904407b394feaa4.jpeg

 

image.thumb.jpeg.3d91b3c5c7f7278c44e69060d2ceadc4.jpeg

 

image.thumb.jpeg.60ed1b3143ba7981b3bd283b65b92376.jpeg

Il volume "Nuovi Equilibri" non è in vendita in nessuna libreria, l'editore non lo può distribuire quindi il lavoro di diffusione e smercio è a carico dei due fotografi Andrè e Francesco. 
In una società iperconnessa e ipertecnologica per distribuire un libro siamo regrediti al tempo dei pizzicagnoli di quartiere. Ottimo.

Ciò detto, da fotografo A fotografi, ve lo consiglio, perchè è un lavoro ben fatto da cui possono scaturire grandi ispirazioni e soprattutto dona la vertigine di un'avventura del fuori porta come mai se ne potevano vivere (nemmeno ai tempi del Pilone centrale di Walter Bonatti).
Per qualsiasi informazione di dettaglio non esitate a contattarmi via MP, vi metterò in contatto diretto con i due fotografi (Nikonisti ;) pure loro)

36_GRP_0300.thumb.jpg.8fa76291eae594e2f20885b7fab4994a.jpg

Attendo vostre

 

 

  • Like 5
  • Thanks 6

2 Comments


Recommended Comments

  • Administrator

Articolo ripubblicato qui :

 

 

 

dove i commenti sono liberi.

Cordialmente.

Link to comment
Guest
This blog entry is now closed to further comments.
×
×
  • Create New...