Jump to content

In memoria di Arthur, Re Arthur


M&M

974 views

_D3H7914.thumb.jpg.cfcf94c61b86e4cc88f9b2eb491f59a5.jpg

Confesso di essere un vero misantropo. Non per causa d'altri.
Non è come per Alceste (il Misantropo di Moliere) che non crede negli uomini perchè é stato tradito.
Sono proprio così. Uno dei giorni più tragici della mia vita è stato il 1° ottobre 1969, il primo giorno di scuola. Ricordo che non capivo cosa ci facessi là e perchè c'erano tutte quelle persone.
Ma questa è un'altra storia, ne riparlerò magari in un altro blog quando finalmente terminerà definitivamente la scuola.

Al contrario del mio rapporto con le persone (che non odio, ci mancherebbe, solo che per ogni minuto passato con persone fuori di casa mia, ho bisogno di passare un numero congruo di minuti al sicuro tra le mie cose).
Dicevo che diversamente, il mio sodalizio con i cani è una cosa che trascende ogni considerazione. Va oltre le parole, oltre ciò che si può confessare. Nella realtà é un rapporto ineffabile.

Sono sempre stati i miei veri amici, i miei compagni di ogni attività, ogni giorno, da che mi ricordo.

Nove anni fa, era un momento difficile. C'era stato da pochissimo un passaggio generazionale in casa, molto doloroso e anche i cani di casa si avvicinavano al momento di godersi il meritato riposo.

Arthur, il primo Jack Russell Terrier della mia vita, comprese fin dal primo momento che doveva cambiare le cose.
Riempì la vita dei vecchi cani (che ci accompagnarono solo per pochi altri anni) costringendoli a tornare a giocare e anche delle persone, specie di mia madre, rimasta improvvisamente sola in casa per la prima volta in vita sua.

_D3X5368.thumb.jpg.09889256c64c29f731909c32d8a3044e.jpg

Arthur modello, a sei mesi

Arthur correva tutto il giorno. Giocava. Anzi, no, combatteva con le palle.
Ne aveva una enorme collezione che teneva rigorosamente inventariata sotto il letto. Guai se gliene mancava una. Riusciva a ritrovarla in pochissimo tempo dopo aver rovistato ovunque, spostato porte, cuscini, smontato letti.
In quel periodo lavoravo a Bologna e quando tornavo, al venerdì, impazzito di gioia saltava ovunque, inarrestabile, per manifestarmi quanto gli ero mancato.
Dormiva sul mio petto quando io guardavo il Gran Premio. Anche quello del Giappone o dell'Australia di mattino presto.
Abbaiava come un cane grande, riconoscendo se stava arrivando BRT o GLS (capirete il viavai di corrieri che c'è sempre in casa mia).
Assalendo senza tema quelli neri, per i quali non ha avuto mai una grande confidenza. Non per razzismo, solo che non gli andavano troppo a genio, come al sottoscritto.

Quando poteva, scappava dal cancelletto per andare dall'altro lato della strada a lasciare il suo segno, di monito ai tanti cani della via che si avventuravano con i padroni dalla nostra parte.

Morto il vecchio terrier bianco a 16 anni,  il vecchio Fritz e il vecchio Sean non erano mai stati dei gran giocherelloni e lo guardavano seriosi.
Così gli procurai altri due fratellini della sua taglia. Con i quali condivideva i giochi ma mai le sue palline. Anche quando quelli cercavano di rubargliele.

_D7X6112.thumb.jpg.93cfcf58157c95a71d5f314a9fd9564c.jpg _D7X0140.thumb.jpg.6f4e131fb7c79d89ff5b63e93a0cd7b8.jpg
Arthur insegna al suo piccolo amico Blakey, come si gioca, ma guaio se si prendeva una della sue palline !

Ma è sempre stato lui il capo naturale. Quello che chiamava gli altri per uscire a giocare. O chiamava me quando era il momento di rientrare.
Un capo, no, un vero Re, un Re bretone, che faceva onore al suo nome, o un re vichingo, indomabile, dal primo giorno in cui l'ho scelto a prima vista tra i suoi fratelli.
Ad oggi.

_D3H8028.jpg

_D3H8082.jpg

_D3H8147.jpg

_D3H8181.jpg

_D3X4691.jpg

_D3X4728.jpg

_D3X4747.jpg

_D3X4763.jpg

_D3X4764.jpg

_D3X4796.jpg

_D3X4803.jpg

_D3X4805.jpg

 

Indomabile anche nella difficoltà, quando un fa anno gli è stata diagnosticata una malattia incurabile.

Con pazienza lo abbiamo accudito e lui ci ha ricambiato con una forza d'animo inimitabile, se non per un capo vichingo, pur sentendo che giorno dopo giorno gli mancavano le forze.
Trascinandosi fino agli ultimi giorni, sempre con una pallina in bocca, anche a rischio di cadere a terra sfinito, per riprendere fiato.
Abbiamo cercato di dargli almeno una parte dell'amore incondizionato che ha mostrato ogni giorno della sua vita per ognuno di noi.
Di ricompensarlo per il ruolo guida e per averci aiutati ad andare avanti in momenti difficili, dandoci l'esempio delle cose che contano.
11 pollici di altezza, 8 chili di peso. Ma la forza di un gigante.

Ci ha lasciati oggi alle 13:08, avrebbe compiuto 9 anni il 24 di ottobre, dopo due settimane di infermità cui si è opposto con ogni fibra della sua sconfinata forza d'animo, nell'ultima battaglia, contro forze purtroppo soverchianti.

Forse vi sembrerà retorico quello che sto scrivendo ma per la prima volta in vita mia, pur provando un dolore inconsolabile provo allo stesso tempo la stessa gioia che provava lui vedendomi tornare a casa dal lavoro.
Ho sepolto decine di cani, ho sofferto ma oggi è veramente un giorno indimenticabile come lo è stata tutta la sua vita.

Arthur, è stato un privilegio conoscerti e vivere con te. In tuo onore stanno suonando le fanfare della Royal Fireworks di Handel.
Sono sicuro che dove sei ora sei già il capo.

Conto di venirti a cercare quando sarà il momento. Aspettami.

6e15815f-f328-449c-b9c9-7a4faab70d9e.jpg

Arthur I, 24 ottobre 2009 - 30 settembre 2018. Il suo ultimo viaggio verso il regno degli eroi non poteva cominciare senza le sue palline preferite che certo non poteva lasciare incustodite.

25 Comments


Recommended Comments

  • Redazione
3 minuti fa, Jorgos dice:

La perdita di un vero amico e' dolorosa e inconsolabile. Mi dispiace tanto.

E' vero, è così, non c'è altro da dire. Capisco e ti sono vicino.

 

Link to comment
  • Nikonlander

Quando la nostra anima entra in un'altra creatura si trova con lei una parte d'anima che lei ci ha regalato di ritorno: chi se ne va lascia l'altro con tanti ricordi e infinita nostalgia...

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Mi dispiace tanto Mauro. So cosa significa.:(
L'unica consolazione è la consapevolezza che con noi sono vissuti felici.

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Non so cosa scrivere..   solo chi ha avuto, amato, apprezzato una loro compagnia può comprendere.. ma come scrive Silvio, purtroppo la Vita è anche questa.. 

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Mi dispiace moltissimo e cedo di capire quello che provi, essendoci passato ormai qualche anno fa.......

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Riconoscendomi in parte in quella descrizione, pure nella misantropia, non ho potuto evitare di esser colto da commozione, purtroppo i nostri amici a 4 zampe ci danno tanto, ognuno è speciale a modo suo ma ce ne sono alcuni che ti lasciano il segno, perché hanno quel quid particolare che si accorda perfettamente con le tue note.

Grazie per aver condiviso una così bella storia.

onore ad Arthur ovunque adesso sia... 

  • Haha 1
Link to comment
  • Nikonlander

Ti capisco benissimo. A gennaio mi è venuta a mancare, avvelenata, la mia Olivia, cocker di 20 mesi. Per me è stato traumatico come mi fosse venuto a mancare un famigliare. Quando riuscirò parlarne, ve ne racconterò la storia. Anch'io ho avuto un'infinità di cani e di gatti, ma Olivia era diversa.

Ti capisco e ti sono vicino.

 

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Come non esserti vicino, Mauro in questo giorno di dolore. So cosa si prova ed è terribile.  Quando ti muore una persona cara, talvolta ti può consolare pensare anche agli aspetti negativi di quella persona.

Quando ti muore invece  il fedele compagno di vita  a cui non puoi rimproverargli niente, solo il fatto di averti voluto bene senza chiederti niente in cambio, ecco quello è un momento in cui senti venir meno le tue certezze ma anche  ti senti più vicino all'universo che ti circonda.

Edited by bergat
Link to comment
  • Nikonlander

Mi dispiace davvero, Mauro.
Sono passato attraverso qualcosa di simile con i miei gatti, e comprendo il dolore.

Sono sicuro che non avrebbe potuto avere con nessun altro una vita migliore. 

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Mi spiace molto Mauro, posso solo immaginare il dolore per una perdita come questa.
Non sono animali da compagnia, sono parte della famiglia.

Link to comment
  • Nikonlander

Statisticamente sappiamo che prima o poi ci lasceranno, anche se non si è mai pronti .
Fanno parte della famiglia e sono parte di noi.
Nel dolore però ricorda quanto vi siete goduti a vicenda.

Link to comment

Sig.Mauro mi spiace tantissimo, so cosa si prova in questi momenti perché li ho passati anch'io. Se lo ricordi quando correva felice e giocavate assieme. Saluti

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Mi dispiace tanto.

Non ho mai avuto un cane, ma quando la mia ex mi raccontò un giorno che il suo cane - che si era affezionato a me più di quanto lo fosse verso di lei - aveva rischiato di morire sotto una macchina, mi prese un tale spavento fino a quando realizzai che non si era fatto niente, che allora capii quale grande affetto si può provare verso un animale domestico.

Per questo ti capisco e ti sono vicino.

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Mauro, rinnovo il mio dispiacere per la perdita e ti comunico che un'ora fa se n'è andata Clarissa, uno dei miei due persiani golden. Purtroppo anche lei affetta da un male incurabile. Qui siamo tutti in lacrime. Sob.😥

Edited by effe
Link to comment
  • Administrator
15 ore fa, effe dice:

Mauro, rinnovo il mio dispiacere per la perdita e ti comunico che un'ora fa se n'è andata Clarissa, uno dei miei due persiani golden. Purtroppo anche lei affetta da un male incurabile. Qui siamo tutti in lacrime. Sob.😥

Qualcuno una volta mi ha detto che il tempo è un predatore che ci aspetta al varco per tutta la vita, ma io credo che il tempo sia un amico che ci accompagna e ci ricorda di godere di ogni istante, perché quell'istante non tornerà mai più. Quello che ci lasciamo alle spalle è meno importante di come abbiamo vissuto. Dopo tutto, siamo solo mortali.

Jean Luc Picard, USS Enterprise 

 

Grazie a tutti per le belle parole. Il dolore non passa, ricordo con commozione il giorno in cui ho sepolto il mio primo alano, 30 anni fa. Ma ogni momento passato insieme con i miei cani, un privilegio.

  • Like 2
  • Haha 2
Link to comment
  • Nikonlander

Ciao Mauro, mi dispiace per la tua ( vostra ) perdita ; io non ho mai avuto animali domestici fino a circa 3 anni fa, una palla di pelo che ti corre incontro la sera, ti gratta quando vuole attenzioni e che ha come "lavoro" quello di far compagnia e te e i tuoi cari e' stata una scoperta.

Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...