Jump to content

Alberto Salvetti

Nikonlander
  • Posts

    600
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    21

Alberto Salvetti last won the day on March 26

Alberto Salvetti had the most liked content!

Personal Information

  • Regione di Residenza
    Veneto
  • Cosa fotografi in prevalenza ?
    Naturalistica

Recent Profile Visitors

4,021 profile views

Alberto Salvetti's Achievements

Advanced Member

Advanced Member (3/6)

  • Great Support Rare

Recent Badges

787

Reputation

  1. Grazie a tutti per gli auguri di guarigione. Ringrazio Antonio Biggio per il commento alla foto.
  2. Io faccio molte foto macro in stacking. Uso Helicon, del quale ho la licenza, e Photoshop. Helicon da dei buoni risultati quasi sempre, dipende dal soggetto. Siccome la Z7 canna 2 stacking su 3, uso Helicon per vedere in fretta il risultato, essendo velocissimo. Se voglio un risultato più curato sistemo i Nef in Capture One e li converto in jpg. A quel punto uso Photomerge di Photoshop, che è di una lentezza estenuante ma dà risultati nettamente migliori. Allego il risultato di 35 scatti Nef , uniti nel primo caso da Helicon che qualche volta produce degli strani artefatti e la seconda da Photoshop. La foto è da buttare in ogni caso perché per ottenere il fiore completo avrei dovuto fare 60 scatti, non 35. Ma è per dimostrare che non esiste una ricetta che vada bene per tutto. Comunque a parte la lentezza, Photoshop rimane sempre la soluzione migliore nel 90% dei casi. Per lo meno per i miei soggetti.
  3. Grazie Mauro. Hai capito perfettamente i miei dubbi sulla bontà dell'acquisto. Dopo tre anni di intenso uso della Z7, ancora non riesco a sopportare i tanti difetti, nonostante apprezzi gli evidenti pregi.
  4. Caro Mauro, dammi un consiglio. Coma già sai, io sono piuttosto monotono nel fotografare e non mi discosto mai dai tre filoni che preferisco e che quantitativamente si equivalgono in termini numerici. Per l’avifauna uso la D5 ormai esclusivamente con il 500/5,6 PF ED, e ne sono soddisfatto al 500%. Per farfalle, libellule e insetti vari uso la D500 con il 300/4 PF ED e TC 1.4, vagando e a mano libera. Sono molto soddisfatto per l’ergonomia e per la leggerezza, che in queste condizioni d'uso sono molto importanti. I risultati sono tra il soddisfacente ed il molto buono, ma non credo che esista un’attrezzatura equivalente con cui riuscire a fare lo stesso lavoro a una qualità superiore. Per la macro uso la Z7 con il 2.8/105 MC S. L’obiettivo è di una nitidezza straordinaria. Il motivo per cui preferisco questa accoppiata è esclusivamente per lo stacking automatico, veramente comodo rispetto allo stacking manuale con la slitta. La qualità dei file è indiscutibile. Nell’uso che ne faccio io, prevalentemente su prati aridi senza piante, la Z7 ogni volta mette a dura prova la mia pazienza: il monitor è inutilizzabile; mette a fuoco dove vuole; il cursore non rimane nel punto in cui si spegne la macchina, e tante altre amenità me la fanno detestare. Ben capisci che detestare un pezzo di plastica è il massimo. In un altro post, consigli di non arrivare subito alla Z9, ma impratichirsi con un’altra Z, perché la Z9 ha bisogno di adattamento e studio. Adopero malvolentieri da tre anni la Z7, figurati come mi troverei con la Z9. Tutte le considerazioni che fai in questo post sono condivisibili. Ma non riesco a sentirmi il destinatario delle tue considerazioni, perché sarei anche disposto a prendere una Z9, ma per farne che? Quale delle tre macchine che uso attualmente potrebbe sostituire con del vantaggio effettivo?
  5. 32 Dopo le piogge della scorsa settimana, sui prati aridi sono spuntati un po' di fiori e di conseguenza sono ricomparse le farfalle di stagione, prima completamente sparite. C'era solo l'imbarazzo della scelta. Erebia aethiops. Nikon Z 7 2.8/105 MC Z F.6,3, 1/200 sec., ISO 64, mano libera Pontia edusa. Nikon Z 7 2.8/105 MC Z F. 9, 1/320 sec., ISO 64, mano libera Melitaea didyma. Nikon D500 4/300 PF ED + I.4 TC F. 11, 1/640 sec., ISO 400, mano libera
  6. Non serve che lo segnali perché c'é un'App, Animal Tracker, che ne segnala la presenza con una approssimazione di 20 metri. L'ho segnalato ai carabinieri forestali, che hanno la caserma a circa 2 km, perché il pericolo è la imminente apertura della caccia.
  7. L‘altro giorno nel prato adiacente al mio capanno è comparso un Ibis eremita. Non a sto qui a far tutta la storia di questo uccello, quasi scomparso, e reintrodotto grazie ad un intelligente progetto che, se vi interessa, potete consultare su Wikipedia. L’ibis essendo allevato dall’uomo è estremamente confidente ed è altrettanto disturbato da improvvisati naturalisti che lo inseguono per farsi un selfie con lui. Per cercare qualche scatto diverso, ho scommesso che venisse nella parte del prato con dei ciuffi di fiori gialli. Facendomi notare, mi sono sdraiato in mezzo ai fiori ed ho aspettato. Dopo un po’ mi è arrivato fino a cinque metri ed ha continuato a pascolare indisturbato. Ho potuto fare più di un migliaio di scatti, molti dei quali li reputo discreti. Ho potuto osservare da vicino con quale perizia scovi le prede. Inserisce il lungo becco quasi del tutto nel terreno ed estrae grilli ed altri insetti. Ho calcolato che ne catturi più o meno due al minuto. Una volta preso o ingerito l’insetto, ha un momento di estasi e chiude per un secondo le membrane nittitanti (palpebre). Deve essere un esemplare giovane, lo presumo dalla zazzera corta. Peccato che non avessi con me l’attrezzatura per avifauna, bensì il set da libellule e farfalle, ossia D500 con il 300 PF ED + TC 14.
  8. Approfittando della disponibilità e delle conoscenze di Silvio, posto la foto di alcune damigelle per l’identificazione. Le damigelle per me sono sempre molto ostiche da riconoscere. La prima dovrebbe essere di Coenagrion puella. Le altre quattro di Ischnura elegans. Ma non ci metterei la mano sul fuoco. Nikon D500 Nikon 4/300 PF ED+ TC 1.4 F. 11, 1/2500 sec. ISO 1600, mano libera Nikon D500 Nikon 4/300 PF ED+ TC 1.4 F. 5,6 , 1/640 sec. ISO 320, mano libera Nikon D500 Nikon 4/300 PF ED+ TC 1.4 F. 5,6, 1/640 sec. ISO 200, mano libera Nikon D500 Nikon 4/300 PF ED+ TC 1.4 F. 5,6, 1/640 sec. ISO 220, mano libera Nikon D500 Nikon 4/300 PF ED+ TC 1.4 F. 8, 1/640 sec. ISO 280, mano libera
  9. E' una bella foto, ma aprirei le ombre, almeno sul dorso del picchio. Così è un pò penalizzato.
  10. Suggeriscimi un 300 mm che metta a fuoco a 120 cm dal soggetto e poi ne parliamo. Senza recuperare qualche dinosauro.
  11. Chiedo un parere anche a voi, ma a me, lo sfocato di questa foto dove la foglia della roverella è riconoscibile, piace.
  12. Se si parla teoricamente è esatto. Ma l'AFS era praticamente impossibile usarlo senza cavalletto essendo privo di VR, e quindi inutilizzabile a questo uso. Per quanto riguarda lo sfocato, basta fare un pò di attenzione e si può ottenere qualcosa di buono anche col 300 PF. In questo caso, essendo il soggetto, per me, molto raro, non sono stato lì a cercare lo sfocato migliore, ma ho focalizzato la mia attenzione sul soggetto.
×
×
  • Create New...