Jump to content

Leaderboard

Popular Content

Showing content with the highest reputation since 12/18/2020 in all areas

  1. In occasione del nuovo anno che è già quasi in dirittura d'arrivo... spero non sia troppo piccolo il file.. ma tantè.. il concetto lo esprime.... L'autore ovviamente non sono io del bel " Disegno " ma un vecchio amico di mio cognato, anche lui disegnatore che ha avuto la possibilità di utilizzare il personaggio di calimero, ovviamente senza fini di nessun lucro, ho chiesto la possibilità di metterlo su NL, mi è stata accordata; però non sapendo ne leggere e ne scrivere.. ho ridotto la risoluzione, almeno quella..
    17 points
  2. Giornata abbastanza fiacca, pochi soggetti e un discreta faticata a causa della neve e del poco allenamento. La Z6 accoppiata al 70-300 AFP, andando in montagna in cerca di animalscapes, è superlativa - la miglior combinazione mai usata allo scopo. Ed in questa giornata ha del tutto surclassato l'altra Z6 sul 500PF. Z6 su 70-300/4.5-5.6AFP @ 165mm 1/200 f13 ISO 140 Z6 su 70-300/4.5-5.6AFP @ 82mm 1/640 f8 ISO 100 Z6 su 70-300/4.5-5.6AFP @ 210mm 1/250 f13 ISO 560
    14 points
  3. In prossimità delle feste quest’anno in centro città sono apparse queste luci accompagnate in piazza dei Signori anche da una colonna sonora. Qui ci accontrentiamo delle immagini.. Palazzo Moroni Piaza "dei Frutti" piazza dei Signori con la loggia della Gran Guardia Piazza "delle Erbe"
    13 points
  4. Effimeri diamanti è praticamente un ossimoro, ma a me queste formazioni fanno pensare proprio a quello. Z6 su 70-300/AFP@175mm 1/13 f16 ISO50 Z6 su 70-300/AFP@300mm 1/30 f16 ISO100 Z6 su 70-300/AFP@300mm 1/15 f22 ISO100 Z6 su 70-300/AFP@300mm 1/3 f16 ISO100 (ND 3 stop) Z6 su 70-300/AFP@155mm 1/3 f16 ISO100 (ND 3 stop)
    12 points
  5. Chi segue Nikonland sa benissimo che le libellule sono i miei soggetti preferiti per la fotografia ravvicinata. Ho già scritto diversi articoli su come mi piace fotografarle, qui voglio raccontare qualcosa di un po' diverso. Voglio descrivere le libellule che ho fotografato, non proprio in modo scientifico, da manuale, piuttosto, cerco di ritrarre il loro carattere, le impressioni (o sensazioni), che mi da' il vederle. Qualcosa di più personale, però senza cadere nel tranello dell' "umanizzare" gli animali, cioè senza affibbiare loro caratteri, sentimenti e atteggiamenti che non hanno. Gli
    12 points
  6. Più bella cosa non c'è... di teleobiettivi come questo 500/4 e tutti gli altri che appartengono alla categoria delle superlenti: disegnate, strutturate, realizzate per primeggiare su aria e luce, prima ancora che rispetto i concorrenti stessi. Ho il mio totem Nikon da appena dieci mesi e ha già scattato con me quasi 30k fotogrammi la maggior parte dei quali a mare, per le fotografie per cui l'ho lungamente desiderato. Quasi quattro kg di peso, diventa una piuma se gestito attraverso treppiede e testa livellante montata su gimbal, punta come un molosso la preda, azzanna con l'AF
    12 points
  7. Questa mattina, alle prime luci. Nevicava molto fitto, sfumando i contorni di ogni forma, già incerta per effetto della luce soffusa. Z6II su 70-300AFP@70mm 1/3" f8 100ISO
    11 points
  8. Approfittando di una rara congiunzione astrale per la quale mi è stato contemporaneamente possibile uscire di casa in quanto residente in zona gialla-Covid, contare su tempo favorevole dopo una serie di inconsuete e copiose nevicate, ed avere disponibilità di una mezza mattinata libera, ho allora approfittato per fare una breve visita al Santuario della Verna – nel Parco delle Foreste Casentinesi – e scattare le prime foto in questo nuovo Anno. Il Monte Verna con il suo Santuario è il luogo francescano più famoso dopo Assisi perché qui il Santo si recava per periodi di preghiera e peniten
    10 points
  9. Il Valdarno Superiore, confinante con l’Aretino, la Val di Chiana, la Val di Sieve, le colline del Chianti, il Pratomagno e l’area fiorentina, è una terra singolare e pittoresca. La zona emerse in età preistorica dal naturale fluire delle acque di un lago che invadeva il bacino alla fine dell’era terziaria. Oggi è tutta un susseguirsi di dolci declivi e calanchi dove i colori esplodono. Il verde dei pini sulla sommità delle Balze giallastre, l’argento degli uliveti che si alternano alle vigne e il blu del cielo toscano sono i colori predominanti. Per tutta la valle svettano i campanili dei pae
    10 points
  10. Si sta chiudendo il 2020, anno di relativa reclusione con poche possibilità di sfogo usuali, anche per mancanza di soggetti disponibili, almeno da parte mia. Però ricchissimo di occasioni di provare materiale fotografico Nikon (e per Nikon) che ci sono state comunque offerte dai nostri partner e che hanno generato acquisti. Ne ho scritto nei vari articoli ma vorrei in questo blog fare una riflessione su quanto mi è capitato in mano, così a distanza, riportando a freddo le mie impressioni. *** Il 2019 si è chiuso con lo straordinario Noct Nikkor Z 58mm f/0.95 e il 2020 si è
    9 points
  11. Lui è Ignazio Arena, classe 1941, l'agricoltore che da cinquant'anni cura la vigna e l'uliveto della mia famiglia, contando il tempo come si usa in campagna, a potature, per cui il riferimento di un fatto avvenuto nel fondo si considera avvenuto ..."alla terza pota" o giù di li. È ritratto accanto al suo trattore col rimorchio carico di uve catarratto, appena vendemmiate. Vedendomi come sempre in giro per il vigneto a fotografare, mi ha chiesto, (contrariamente alle sue abitudini, secondo le quali non ha mai chiesto ma solo eseguito, nella sua vita di lavoro, iniziata già ai suoi ott
    9 points
  12. Come ogni anno eccomi ancora qui per un piccolo bilancio di questo 2020 che si sta concludendo. Un anno anomalo, per non dire di peggio, per la pandemia che ci ha colpiti e che ha influito anche sul nostro fotografare e sulle occasioni e possibilità che abbiamo avuto per farlo dove e come di solito. O perlomeno è ciò che è successo a me. Perché amo scattare per strada cogliendo situazioni di vita curiose o che attraggono la mia attenzione ma, stante la situazione, in questi mesi non ho trovato quasi nulla di spensierato da fotografare nelle città in cui la gente si muove con il viso fasci
    9 points
  13. Dopo l'imperatore, arrivano i Dragoni. Si tratta delle Aeshna. Anche loro sono libellule grandi, appena più corte di Anax imperator, ma più vivaci nei colori. Non so il perchè il nome comune in italiano di queste libellule sia Dragone, però gli sta bene. Il nome Aeshna invece pare che non abbia un significato, qualcuno suggesisce che sia una corruzione del nome greco Aechma che vuol dire "dardo", se fosse vero sarebbe azzeccato, perchè in volo sono delle vere frecce. I Dragoni sono molto belli a vedersi per via della varietà dei colori, come al solito più spiccata nei maschi. Come Anax
    9 points
  14. Articolo ironico con contenuto serio. Questo blog esprime le mie opinioni personali, basate su quel che so, ma essendo opinioni non hanno pretesa di verità, ed è assolutamente possibile non essere d'accordo in parte o del tutto. Non è mia intenzione offendere nessuno. Credo che tutto possa essere più o meno cominciato con questo libro (questa la versione italiana, ma il libro è stato un successo enorme in tutto l'Occidente): In cui l'autore, un professore tedesco di filosofia, racconta che essendo incapace di concepire lo Zen a livello intellettuale (lo credo bene!) gl
    9 points
  15. Gli aerei mi piacciono, ai tempi delle scuole medie avevo montato 67 modelli di caccia e bombardieri della Seconda Guerra Mondiale, poi i miei interessi naturalistici hanno preso il sopravvento. Gli aerei rimangono comunque fra le cose che mi piacciono di più tra quelle non animate che si muovono. Non sono certo capace di fotografarli, ma ho pensato che un piccolo post su un fotografo nikonista specializzato in questo difficilissimo genere potesse piacere a qualcuno . Katsuhiko Tokunaga, classe 1957, è un fotografo "nikonista" giapponese (ovvio) specializzato nelle riprese air-
    9 points
  16. É un po' di tempo che non seguo ma almeno per Natale sono passato a fare gli auguri a tutti voi. Ho rispolverato una vecchia foto fatta al pavimento della Basilica di S.Maria Novella a Firenze. Un albero di Natale di luce, come augurio per un futuro migliore per tutti. Andrea
    9 points
  17. Siamo quasi a fine anno , mi è venuta voglia di valutare la mia annata fotografica, per curiosità, per vedere se qualcosa è cambiato e quanto le "reclusioni " e tutto il resto hanno inciso sulla mia "produzione". Dover riorganizzare completamente la mia attività soprattutto per adattare le mie lezioni alla famigerata DaD (Didattica a Distanza) tramite PC è stato un lavoro che mi ha tenuto incollato al PC per quasi tutto il tempo in cui non ero ... incollato al PC a tenerle, le lezioni, weekend compresi. E quando non dovevo lavorare, non si poteva andare in giro. Per fortuna l'"a
    9 points
  18. Prima uscita con il mio nuovo superzoom per la Z6, il Nikkor Z 24-200mm f4/6.3 Vr. Non avevo pretese di realizzare grandi foto dal punto di vista artistico, mi interessava vedere com'era la sua resa e come mi sarei trovato con questo tuttofare di cui si è parlato molto bene. Il mio non è un test "numerico", sono delle prime impressioni ed una valutazione soggettiva, rapportata all'uso che intendo farne. Per i test più approfonditi, foto dell'obiettivo ecc., vi rimando agli articoli di Mauro Maratta e di Max Aquila. L'obiettivo. Sorprendentemente leggero! Pesa meno del 24-70 f4 S
    8 points
  19. Solitamente la stagione sugli sci era cominciata da un pezzo, fortunatamente una passeggiata sulla neve rimanendo nei limiti comunali... si può :-)
    8 points
  20. Bloccato in zona arancione mi guardo intorno e trovo un sentiero che, a pochi passi da casa, mi porta in un'altra dimensione. Un sentiero frequentato da runners che costeggia il torrente Lavino a Zola Predosa (BO). Il torrente poco interessante in inverno, si rivela nelle sue casse di espansione. Oggi, dopo lunghissimi giorni piovosi e grigi ho potuto ripetere le immagini che avevo scattato il 31 dicembre con lo smartphone, al tramonto. Il sole ha illuminato il Foveon ed è colore!
    7 points
  21. Cosa c'è di meglio per dei bambini di passare il capodanno in baita, con tanta neve? Forse preparare una bella rampa e lanciarsi con gioia e spericolatezza nel 2021. Il più grande di 11 anni si è lanciato pure in un salto mortale all'indietro! Buon anno a tutti!
    7 points
  22. Per il fotografo naturalista russo Sergey Gorshkov, il 2020 ha visto realizzato un sogno d'infanzia. La sua immagine di una tigre dell'Amur nelle foreste dell'Estremo Oriente russo che si sfrega contro un abete della Manciuria ha vinto il premio fotografico più ambito di quest'anno e ha catturato l'attenzione globale. Ora, con le sue stesse parole, ci guida attraverso il sorprendente processo che si è rivelato molto più complicato di quanto previsto una volta. Per fotografare uno degli animali più rari al mondo è necessaria una combinazione di notevole abilità, l'equipaggiamento giusto e
    7 points
  23. Non il solito Wata come lo pensiamo: molto dimagrito anche se tonico, ci fa gli auguri per l' anno appena entrato Sul finire del suo spot, fa un accenno al fatto di aver personalmente sofferto...ma di essersi rialzato col sasso in mano... Auguri da tutti noi di Nikonland, quindi. Continueremo a contribuire con la sua creatura.
    7 points
  24. Oggi riproduzioni stampe cianografiche ottenute a contatto con negativo 20x25 cm su carta cotone 100% Fabriano
    7 points
  25. Carissimi amici, al termine di questo particolare anno vi scrivo per dimostrarvi grande riconoscenza e affetto. In questi ultimi 12 mesi ho frequentato assiduamente Nikonland pur non partecipando attivamente, ho apprezzato moltissimo quello che avete fatto per me e per gli altri, lavoro denso di passione e tanta competenza, grande condivisione fatta di parole, immagini e sorrisi, sempre in un clima di cordiale amicizia. Auguri a tutti e continuare a fare quanto di bello ed emozionante avete fatto fino ad oggi. GRAZIE!
    7 points
  26. Anche qua, a Rho, come in molte altre parti della Lombardia, sta nevicando. Focali da 12mm a 600mm equiv... c’è un bel silenzio e una bella atmosfera PS: postprodotte su iPad con Snapseed.
    7 points
  27. Mi perdonerete se una è fatta con l’iPhone (indovinate quale 😂) ma volevo condividere con voi in questo anno e Natale fuori dall’ordinario i miei sinceri auguri. Che tutto torni alla normalità al più presto. Auguri anche da parte del mio Grinch E del mio folletto (Z7 85s riconoscimento occhio animale)
    7 points
  28. Approfitto della foto a tema natalizio con la mia ultima... 'modella' per augurare a tutti un sereno Natale!
    7 points
  29. In attesa di fare qualcosa di nuovo, un ripescaggio. Nikon D500 17-70 Sigma a 50mm.
    7 points
  30. Volevo anche io condividere alcune foto fatte in questi ultimi giorni con questo obbiettivo, preso per le uscite ad ottica singola...Ribadisco quello detto già da altri qui su Nikoland che è decisamente nitido, per l'ottica che è, utile e versatile logicamente, ma che con le Z riesce ad essere efficiente anche in situazioni di Luce Scarsa senza risentire eccessivamente della sua carente Luminosità..... Tutte le foto sono solo ridimensionate, nessuna PP.
    7 points
  31. Ognuno si allena a modo suo... Nikon Z6 e 24-70mm ...
    7 points
  32. Niente di che, però con la Z6
    7 points
  33. Più piccole di Imperatori e Dragoni, ma altrettanto stupende. Ecco le libellule Smeraldo. In inglese vengono dette semplicemente Emerald (Smeraldo), in Italia si preferisce usare il femminile, "la Smeralda". Di solito, le libellule che ci vediamo volare intorno sono per lo più rosse o azzurre (i maschi) o di colori ocracei (le femmine). Le Smeralde invece sono di uno splendido verde metallico che riflette la luce del sole come le pietre preziose da cui prendono il nome. Si possono incontrare lungo i corsi d'acqua con un po' di corrente, di cui ne percorrono velocissime le rive in un con
    6 points
  34. Alcuni anni fa, di questi tempi sembra quasi un'altra vita. Sto ripescando nel catalogo alcune foto, e le postproduco con gli attuali strumenti - C1! - cercando di rendere quello che non mi era riuscito prima, cioè la luce degli ultimi momenti del giorno. D5 su 500/4G AFS VR 1/30 f4 ISO 3200 Questa immagine ha un significato speciale, in relazione alla complessità per farla. Per la capacità di stare mimetizzati - non è un crop - ed è evidente che mi ha visto, ma solo perché l'ho fotografato ed ha sentito il rumore dell'otturatore della D5. Altrimenti non mi sarebbe mai venut
    6 points
  35. Ok tiriamo fuori una parte dell'anima:
    6 points
  36. Avevo quasi un anno e cinque mesi, agosto 1965, quando Vicio, mio padre, decise di smettere di chiedere in prestito a suo fratello Nino, mio zio, la sua Rolleicord e di fare il passo che non ti aspetti: entra nel miglior negozio di fotografia della città, all'interno dei portici di via Ruggero Settimo, di fronte alla sede storica del Banco di Sicilia va a parlare al banco con il Caporeparto della Fotografia, il quale vincendo le sue resistenze, lo convince a comprare una macchina in quel momento in offerta speciale, una bellissima Rolleiflex Tessar 75mm f/3,5 grigia, in offe
    6 points
  37. Non mi era mai capitato, fin qui, di annoverare contemporaneamente nel mio corredo e non soltanto nelle mie vetrine, tre esemplari di eccellenza dei tre diversi concetti di mediotele in fotografia: ossia un 85, un 105 ed un 135 extraluminosi e rappresentanti "the best of..." nelle attuali rispettive categorie Da ieri si è aggiunto nella mia borsa, desiderato da tempo, un Nikon AF-S 105/1,4E ad aggiungersi alla possibilità di scelta rispetto a Sigma Art 135/1,8 DG HSM e Nikkor Z 85/1,8S Giusto per definirli, in ordine cronologico di apparizione sul mercato:
    6 points
  38. Io non sono un maestro Zen, anzi sono meno di un principiante scarso, non posso quindi istruire nessuno di mio, a meno di scrivere un altro libro di ricette banali. Però posso riportare gli insegnamenti classici, almeno per quanto riguarda il metodo. La componente Taoista del Buddhismo Zen comprende il concetto di Via (metodo, percorso) che è una delle sfaccettature della "Grande Via", il Tao (cinese pinyin Dao, da cui il giapponese Do. Per cui Ju-do, Ken-do, Kyu-do Cha-do (l'arte del tè) ecc. sono tutte vie per arrivare ad una "divina maestria" che è però non è il fine ultimo, ma
    6 points
  39. foto di famiglia in interno da sx verso dx: Nikkor-UD 20mm f/3,5 1967 11 lenti in 9 gruppi Nikkor-O 2,1cm f/4 1959 8 lenti in 6 gruppi Nikkor Z 20mm f/1,8S 2020 14 lenti in 11 gruppi Nikkor 20mm f/4 1974 10 lenti in 8 gruppi UW Nikkor 20mm f/2,8 1985 10 lenti in 6 gruppi Sono soltanto cinque i 20mm Nikon attualmente in mio possesso, accomunati dal fatto che li terrò per sempre con me, rappresentando il meglio che la Casa di Tokyo abbia profuso nella sua storia recente, fin dalla Nikon F (equipaggiata col 2,1 cm di derivazi
    6 points
  40. Nikon D80- Nikkor AFS 35mm 1.8, 1/125, f/5, iso 100, postp Capture NX-D
    5 points
  41. Max cosa dici di queste ombre XD La foto precedente è stata fatta sul set preparato per colombe e panettoni ... al cioccolato e mandorle... buono !!!
    5 points
  42. E spruzza dappertutto. Castelletto Merli (AL). Da capanno. Una calda estate di qualche anno fa.
    5 points
  43. Ancora (ancora) sul web fioccano minchiate riguardanti Nikon e la sua tenuta sul mercato fotografico. Le ultime relative al fatto che lo spostamento della produzione delle fotocamere in Thailandia non sarà sufficiente a riportare in terreno positivo le vendite. Boh. A me sembrano discorsi in libertà. Se dovessi fare io una previsione da Nostradamus dei poveri, direi che è più facile che Sony esca dal mercato a fine del prossimo ciclo di upgrade (in stile Vaio) piuttosto che Nikon lasci il mercato che le da lustro. Nikon potrebbe anche dedicarsi solo a fare prodotti ottici per l'indust
    5 points
  44. Si sta chiudendo il 2020, anno di relativa reclusione con poche possibilità di sfogo usuali, anche per mancanza di soggetti disponibili, almeno da parte mia. Però ricchissimo di occasioni di provare materiale fotografico Nikon (e per Nikon) che ci sono state comunque offerte dai nostri partner e che hanno generato acquisti. Ne ho scritto nei vari articoli ma vorrei in questo blog fare una riflessione su quanto mi è capitato in mano, così a distanza, riportando a freddo le mie impressioni. *** Il 2019 si è chiuso con lo straordinario Noct Nikkor Z 58mm f/0.95 e il 2020 si è
    5 points
  45. Continuazione ideale di uno dei miei primissimi articoli su Nikonland, al quale sono affezionato quanto alle fotocamere, che continuo a conservare e riverire... L'insostenibile pesantezza dell'essere F... ho pensato a questa reprise perchè sono molto contento di aver ricomprato una F5, a distanza di dodici anni da quando avevo venduto la precedente, per finanziare parte dell'acquisto di una D200 gli anni non passano mai invano ed ecco che uno sconosciuto nipponico ha nel frattempo tenuto da parte quest'altra per me ...per me che sono il primo di sicuro a far sc
    4 points
  46. Ieri sera ho visto un film/commedia francese intitolato "C'est la vie"/prendila come viene. Niente di che, ma con quella frizzante leggerezza ed ironia tipica di certa commedia francese , che è sempre gradevole e penso favorisca anche la digestione. Riguarda l'organizzazione di una sontuosa festa di matrimonio con cena, musica ecc. Uno dei personaggi è il fotografo matrimonialista. Non voglio discutere di come sia stato tratteggiato bene o male il personaggio, nè di nient'altro. Voglio solo riportare una inquadratura di una scena che mi è sembrata emblematica della quotidianit
    4 points
  47. Gran bella foto, al di là della tecnica di ripresa, il soggetto è raro, è ripreso mentre "fa" qualcosa che è tipico del suo comportamento naturale, un qualcosa che si vede anche raramente; di solito si vedono foto di tigri che "passano di lì" o che cacciano, (intendiamoci, non sminuisco nulla, se potessi anche solo vedere dal vero una tigre che "passa di lì", nel suo ambiente, camminerei sollevato di trenta centrimetri da terra), non ricordo di aver visto foto di una tigre siberiana (=dell'Amur) mentre marca il territorio con le unghie e poi strofinando il muso per lasciare la traccia odoro
    4 points
  48. Dopo la fine della II Guerra Mondiale, l'Unione Sovietica si impadronì, come risarcimento per i danni bellici, tra le altre fabbriche tedesche della sua Zona di Occupazione, della notissima e produttiva Carl Zeiss Jena, insieme al know-how ed ai tecnici ivi occupati. Uno dei progetti ottici di ultima generazione Zeiss era proprio il 6 lenti in 4 gruppi (Tessar) Biotar 58mm f/2 del 1939, costruito come standard di riferimento per il primo sistema reflex ad ottiche intercambiabili Ma il vetro di Schott tedesco, che non proveniva dalla zona occupata dai sovietici, non poteva e
    4 points
×
×
  • Create New...