Jump to content

effe

  • entries
    15
  • comments
    176
  • views
    1,773

L'estetica del fuoco


effe

636 views

1783532499_EFB_41653.thumb.jpg.f82a0d9769a14fafb10b7861048485f4.jpg

“.... per arrivare a Bosa dovrai attraversare l'inferno”

Sono queste le esatte parole che ho detto a Max Aquila prima di incontrarci.

Io, quell'inferno, lo avevo attraversato due giorni prima, il 29 luglio, con il mio amico Enzo.
Ho quasi 63 anni e ancora non mi sono abituato. Sono nato con l'odore della legna bruciata che mi penetrava le narici e, come tutti i sardi, ci ho convissuto per tutta la vita, senza poter fare niente per impedire lo scempio. E ogni maledettissima volta il dolore è il medesimo, stessa intensità, stesso odore, sgradevole e insopportabile, di legna bruciata. E affiora sempre la stessa ferita sulla terra che mi ha dato i natali e mi ha fatto grande. Una terra meravigliosa che non riesco a proteggere.

EFB_4166.thumb.jpg.b2a70e0dcd8326c6a1edbad58e07afab.jpg

 

In quei giorni su Instagram sono fioccate centinaia di immagini crude, terribili, di animali carbonizzati. Cani fedeli al loro dovere morti con le greggi che dovevano proteggere a costo della vita; e ancora animali abituati a muoversi velocemente, volpi, gatti, cinghiali che mai sarebbero potuti essere veloci come il fuoco spinto dal vento. E in lontananza allevatori in lacrime che assistevano impotenti ai roghi delle loro stalle, straziati dai disperati lamenti degli animali intrappolati dalle fiamme. E viene male persino parlarne, ma per un solo istante ad immaginare, a figurarsi ciò che è stato quell'inferno, si riesce a provare quel dolore, quella disperazione e si stringe lo stomaco, tanto quanto il pugno di un bambino.

Ed è allora che si capisce.

Con Enzo abbiamo deciso di documentare. Niente immagini crude. Solo la devastazione. Tanto dovrebbe bastare. Contrariamente a ciò che vedrete, le immagini sono a colori. I colori del carbone e della cenere in un paesaggio che non riconosco, rimodellato dalle fiamme, intersecato da muretti a secco anneriti che si incrociano più e più volte delimitando spazi confinanti all'interno dei quali regna il nulla in un ordine sinistro, malsano.

E' l'estetica del fuoco

EFB_4179.thumb.jpg.4f14f48e961574b566aa9f808302bf11.jpg

 

IMG-20210806-WA0013.thumb.jpg.b4142b11a3051110889a6321c7253b38.jpg

Dji Mavic Mini 2 - Copyright Enzo Cossu 2021

IMG-20210806-WA0015.thumb.jpg.73092a19fcf6cdb5bce9fda2ae669c9f.jpg

Dji Mavic Mini 2 - Copyright Enzo Cossu 2021

 

Non lasciatevi ingannare da alcune sparute macchie di colore, il fuoco ha superato l'orizzonte visibile, 20.000 ettari del Montiferru sono andati in fumo, cancellati da fiamme alte oltre trenta metri che hanno sviluppato temperature vicine ai 7000° con grande rischio non solo per le squadre di terra ma anche per Canadair ed elicotteri.

Due domus de janas ai margini di un canalone, per tanto tempo invisibili, nascoste dalla vegetazione, oggi rivelate dal fuoco.

EFB_4184.thumb.jpg.e56e982eb26222c7712b688979e37b78.jpg

 

Enzo dirige il drone

EFB_4190.thumb.jpg.09be2a4ec24937326ce293242639b5ae.jpg

 

La Panda 4x4, anche lei sofferente

EFB_4189.thumb.jpg.01ba9c9341dbb944126a00b8fb0b7f51.jpg

 

JEF_8115.thumb.jpg.6f80a40fe4c64470f08f4ce60f40265c.jpg

 

JEF_8118.thumb.jpg.c6b33f8f5a0731f4620b6b698cb27ad3.jpg

 

JEF_8127.thumb.jpg.1c17288c5b844972fc18641c02876a54.jpg

 

JEF_8135.thumb.jpg.6e625d79a0320c5c7df0ef805adfb7f6.jpg

 

Mi muovo lentamente su un terreno soffice, impiego qualche secondo per assaporare la sgradevole sensazione che si prova a camminare sulla cenere, sollevandone piccole nuvolette ad ogni passo. Mi guardo le gambe, sono segnate dai rami carbonizzati. Un'altra dolorosa fitta allo stomaco.

JEF_8133.thumb.jpg.8b88967b0b153e4df993dfd880955205.jpg

 

Sennariolo. Le fiamme hanno saltato la strada ma si sono fermate, improvvisamente, di fronte al cimitero.
Non ci può essere niente per il fuoco in un luogo nel quale regna la morte.

JEF_8142.thumb.jpg.83724f1a5bbb5da84e4cfd90418ec3eb.jpg

-----------------

 

I Know Why The Sun Shines, Judith Owen

 

Copyright Enrico Floris 2021 per Nikonland

 

 

 

  • Like 14

30 Comments


Recommended Comments



  • Nikonlander Veterano

Impressionante... e triste, tanto più perché se è vero - com'è vero - che la gran parte di questi incendi sono appiccati dall'uomo sia consapevolmente che inconsapevolmente, stiamo distruggendo la casa dove viviamo. Ed è una cosa di cui non riesco a capacitarmi.

Immagini ben riprese. Non so se io al posto vostro avrei avuto il sentimento di uscire di casa a documentare questo scempio.

Ma forse è meglio così, se ciò valga a suscitare indignazione e contribuisca a combattere chi opera questa violenza sulla Natura.

Link to comment
  • Redazione

Vissuto e struggente, il racconto come le immagini, dure come devono essere.  Non posso fare a meno di provare grande rabbia di fronte a queste cose.

Link to comment
  • Redazione

Che enorme tristezza, si resta senza parole.
Ma occorre trovarle perché, essendo dolosi, questi scempi hanno dei responsabili che occorre, per il bene di tutti e per evitare che lo rifacciano, togliere di mezzo. Spero che da qui riparta la natura, della quale noi facciamo parte anche se questi fatti atrocemente testimoniano che non lo abbiamo presente, facendo trovare a chi sa il coraggio di parlare.

Grazie per la condivisione!

Link to comment
  • Administrator

Non ho ancora pubblicato foto del mio viaggio in Sardegna, nel quale ci siamo incontrati con Enrico (effe) e Laura, sua moglie.

Non perché non ne abbia scattate, ma perché sono troppo contrastanti nei confronti della devastazione che ho purtroppo constatato al margine dei miei percorsi interni.

Il Fuoco è un elemento naturale.

Ma in mano all'uomo diventa arma di distruzione di massa...

Dalla Preistoria... che in Sardegna è in parte anche ben visibile ancora.

Il contrasto tra la devastazione e la magnificenza del paesaggio è davvero determinante.

IMG_20210728_200335.thumb.jpg.04f20b34ece87d1b86be2f8b2ef7883e.jpg

Inimmaginabile

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Un vero disastro...come in Sicilia...come in Grecia...Come l'anno scorso in Australia. Sempre Dolosi consapevoli o non Consapevoli e Pare che in ITALIA diventeranno Reati Non GRAVI!!!!

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Grazie a tutti per il passaggio, innanzitutto:)

In verità sono stato molto combattuto, non sapevo quanto fosse giusto pubblicare questa storia. Ma, nel caso, avrei dovuto cercare la giusta chiave narrativa, evitando il "politicamente scorretto" che mi avrebbe fatto finire dritto in tribunale. Alla fine l'unico modo giusto per raccontarla era scavare nei miei stati d'animo. Esprimere rabbia è più facile, indubbiamente, ma non voglio farmi il sangue cattivo più di quanto non sia già. In questi giorni ho visto anche la devastazione in buona parte del Sud Italia, Sicilia e Calabria, un vero disastro. Ed è qua che inizierebbe il "politicamente scorretto". La piaga degli incendi che invece è l'industria degli incendi, un'industria che produce tanti utili e tanti voti: si potrebbe iniziare con le società private che hanno in concessione i Canadair acquistati con soldi pubblici (avete presente Autostrade? Stessa cosa) e si finirebbe con finanziamenti statali a pioggia per gli allevatori e migliaia di assunzioni di forestali in tutta italia, il sistema più efficace da sempre per raccattare voti. Di ciò che sta nel mezzo è meglio tacere.

Ciò che posso fare al meglio è usare la mia fotocamera per denunciare lo scempio. Questo è politicamente corretto.

  • Like 1
  • Haha 2
Link to comment
  • Nikonlander

Amarezza e tristezza per come l'uomo riesca a distruggere tutto quello che lo circonda.

 

Link to comment
  • Nikonlander

Ritengo che gli accordi internazionali, come Parigi o Kyoto per quanto riguarda le emissioni di gas, debbano riguardare gli incendi boschivi e che adeguate politiche possano essere espresse nel contesto di un progetto unitario sovranazionale. Grazie del significativo repotage.

Link to comment
  • Nikonlander

al di la che possa accadere per cause naturali,quel che non capisco proprio è perchè i piromani facciano tutto ciò!

 

Link to comment
  • Administrator
40 minuti fa, Tanker ha scritto:

al di la che possa accadere per cause naturali,quel che non capisco proprio è perchè i piromani facciano tutto ciò!

 

Io non mi farei queste domande :

noah-vosen-the-bourne-ultimatum-2007-3601.jpg.4290dbf8d12ca21f6ad42ad6f5981027.jpg

questa è l'unica risposta.

  • Like 1
  • Haha 1
Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Loro ma soprattutto i loro mandanti :pugni:

  • Haha 1
Link to comment
  • Redazione
Il 9/8/2021 at 11:47, Tanker ha scritto:

al di la che possa accadere per cause naturali,quel che non capisco proprio è perchè i piromani facciano tutto ciò!

 

Senza pretesa di correttezza e completezza una o più di queste:
- per sgarbo verso chi ha la terra/attività che brucia
- per interesse economico condiviso con chi lavorerà sull’incendio o al ripristino post incendio
- per il risarcimento
- per permessi di costruzione
- per sgarbo a chi non ti ha dato i permessi di costruzione 
- per gioco o fare i fighi

Il punto è che, come in tutte le cose complicate, sgominare queste organizzazioni criminali necessita di vera motivazione. A mia memoria, l’ultima volta che le nostre istituzioni sono riuscite in un’impresa del genere è stata quando hanno fatto finire gli anni di piombo del terrorismo. E come la “lotta” alla mafia o all’evasione fiscale insegnano, più che la “causa” conta il contesto elettorale. 
 

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Direi la seconda che hai elencato, e non ho il minimo dubbio. 15.000 euro l'ora costa allo Stato il lavoro di ogni Canadair. In Sardegna erano 4 che hanno lavorato per 100 ore, 4 giorni. Sarebbe bastato un solo Canadair per tenere a bada il fuoco fino all'arrivo delle squadre di terra ed eventualmente di altri Canadair. Se solo quell'aereo fosse stato parcheggiato a Fenosu, 4 minuti di volo compreso il pieno d'acqua, dalla zona dellì'incendio.  Invece i Canadair erano a CIAMPINO e che cosa ci facessero a CIAMPINO il 24 luglio è facile da capire: almeno tre ore di percorrenza e una semplice colonna di fumo controllabile da un solo aereo si trasforma in un fronte di fuoco di trenta chilometri. A questo punto si va all'incasso: 6 milioni di euro (senza quelli che dovremo pagare alla Corsica e alla Grecia che ci hanno prestato altri quattro Canadair.

Purtroppo per te, per me, e per tutti noi proprio mentre scrivo su RaiNews24 stanno facendo un bel servizio sugli incendi che sono IL PRIMO SINTOMO DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO. Come dire AUTOCOMBUSTIONE. Vedi Massimo, siamo in minoranza. I media decidono e decidono sempre per favorire una parte. Il giorno dopo il disastro in Sardegna la frase più diffusa era CALAMITA' NATURALE.

Mi voglio fermare, è meglio. Chi ha orecchie per intendere lo faccia. Da qui in poi è' un argomento che riguarda la magistratura, se ha voglia di lavorare. O se ha ancora il potere per farlo (cosa della quale dubito fortemente).

Ora sono arrabbiato.:pugni:

Link to comment
  • Redazione
1 minuto fa, effe ha scritto:

 su RaiNews24 stanno facendo un bel servizio sugli incendi che sono IL PRIMO SINTOMO DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO. Come dire AUTOCOMBUSTIONE.

Non ho parole adeguate. Ma questa gente non ha memoria storica? 

Link to comment
  • Nikonlander Veterano
16 minuti fa, effe ha scritto:

Direi la seconda che hai elencato, e non ho il minimo dubbio. 15.000 euro l'ora costa allo Stato il lavoro di ogni Canadair. In Sardegna erano 4 che hanno lavorato per 100 ore, 4 giorni. Sarebbe bastato un solo Canadair per tenere a bada il fuoco fino all'arrivo delle squadre di terra ed eventualmente di altri Canadair. Se solo quell'aereo fosse stato parcheggiato a Fenosu, 4 minuti di volo compreso il pieno d'acqua, dalla zona dellì'incendio.

...

Perfettamente d'accordo su tutto.

Temo però che il problema sia più complesso, a partire dall'aspetto logistico legato alla possibilità / opportunità di creare e mantenere più basi di Canadair con piloti, squadre di manutenzione, attrezzature, ecc., stanziate in Sardegna, in Sicilia, nel Lazio, ...

Per la Sardegna poi ho sentito parlare della mancanza di manutenzione delle strisce tagliafuoco (si chiamano così?) per limitare e circorscrivere gli incendi boschivi, manutenzione che, senza dubbio, costerebbe meno di quanto hai elencato in termini economici e di risorse impiegate in caso delle emergenze descritte.

A monte, occorrerebbe poi fare cultura fin dalle scuole primarie per insegnare il rispetto della natura e, soprattutto, della cosa pubblica che, come tale, in Italia sembra che non sia di nessuno... Ma sbaglio o l'educazione civica non è più materia di insegnamento?

 

Link to comment
  • Nikonlander Veterano
8 minuti fa, Pedrito ha scritto:

Perfettamente d'accordo su tutto.

Temo però che il problema sia più complesso, a partire dall'aspetto logistico legato alla possibilità / opportunità di creare e mantenere più basi di Canadair con piloti, squadre di manutenzione, attrezzature, ecc., stanziate in Sardegna, in Sicilia, nel Lazio, ...

Per la Sardegna

Ecco, altro lavoro per la magistratura.

Mettiamola così: in Sardegna esistono alcuni comitati popolari che stanno cercando da alcuni anni di convincere la Regione ad acquistare almeno un Canadair (costo 20 milioni di euro) che sia in grado di intervenire rapidamente, come dicevo. Perchè il miglior deterrente è rendere il lavoro dell'incendiario inutile. Purtroppo non ci si riesce, ci sono intromissioni esterne, impedimenti... eppure non è possibile scambiare 20 milioni di euro con 1 miliardo di danni. Suona diversamente e si scrive anche diversamente. Se la politica ragiona diversamente allora significa che preferisce il miliardo di danni... per un buon miliardo di ragioni.

Marco. Sto pericolosamente sconfinando verso il politicamente scorretto. Sorry.

Link to comment
  • Nikonlander Veterano
2 minuti fa, effe ha scritto:

...

Marco. Sto pericolosamente sconfinando verso il politicamente scorretto. Sorry.

Ma no, Enrico, credo che quanto affermi sia condiviso da tutti. Solo che questi tutti sono troppo ... pochi.

Immagina se qualche migliaio di sardi scendesse in piazza a chiedere le misure che servirebbero per limitare o addirittura scongiurare questi danni: pensi che la politica non si mobiliterebbe?

 

Link to comment
  • Nikonlander Veterano
Adesso, Pedrito ha scritto:

Ma no, Enrico, credo che quanto affermi sia condiviso da tutti. Solo che questi tutti sono troppo ... pochi.

Immagina se qualche migliaio di sardi scendesse in piazza a chiedere le misure che servirebbero per limitare o addirittura scongiurare questi danni: pensi che la politica non si mobiliterebbe?

 

E visto che ci sono, un altro po' di veleno sull'argomento manutenzione. Un tempo i rischi erano più bassi perchè la manutenzione delle strisce frangifuoco e delle strade di penetrazione agraria era assicurata (parlo di oltre 40 anni fa) e il sottobosco cresceva molto meno perchè spesso i boschi erano invasi dalle greggi ed è funzione dell'animale brucante impedire che cresca di sottobosco. Oggi è fatto divieto agli allevatori di far entrare le greggi nei boschi. Perchè l'ambientalisti dicono che il sottobosco deve sopravvivere, cazzo O.o. E il bosco invece?  Il ventaglio delle responsabilità è parecchio largo e non c'è niente che mi farebbe più felice che vedere questo pentolone scoperchiato. Ma, come vedi, abbiamo già virato verso disastro ambientale provocato dal cambiamento climatico. Per cui: cambiamento climatico, contagi da covid in crescita, incendi che stanno radendo al suolo mezzo mondo e in contemporanea il più meraviglioso argomento per dividere gli italiani sotto un torrido Ferragosto: lo ius soli. La più efficiente arma di distrazione di massa che sia mai stata creata. Il derby che gli italiani aspettavano.
 

Ora, dimmi, come faccio a far condividere a tutti questa battaglia?

Link to comment
  • Nikonlander Veterano
1 ora fa, effe ha scritto:

Un tempo i rischi erano più bassi perchè la manutenzione delle strisce frangifuoco e delle strade di penetrazione agraria era assicurata (parlo di oltre 40 anni fa)

Scusami: chi faceva questo?

 

1 ora fa, effe ha scritto:

il sottobosco cresceva molto meno perchè spesso i boschi erano invasi dalle greggi ed è funzione dell'animale brucante impedire che cresca di sottobosco. Oggi è fatto divieto agli allevatori di far entrare le greggi nei boschi. Perchè l'ambientalisti dicono che il sottobosco deve sopravvivere, cazzo O.o. E il bosco invece?

Quindi sei convinto che gli Ambientalisti, tutti in genere, sono degli Stupidi? Perchè va da se che se tiri a salvare il sottobosco e non ti preoccupi del Bosco che può bruciare...cosa salvi se il sottobosco non esiste più.

 

1 ora fa, effe ha scritto:

abbiamo già virato verso disastro ambientale provocato dal cambiamento climatico

Diciamo una percentuale a caso: il 99% degli incendi è doloso, volontario o per negligenza, è pratica antica dar fuoco all'erba secca per rinnovare i pascoli ed alle stoppie nei campi di grano oppure lo si faccia per fare dispetti o per fare giornate di Lavoro ecc.ecc.  lo sanno i pompieri lo sa chi fa antincendio in generale. Se poi un giornalista vuol dare la colpa o gli dicono di dire che la colpa è del cambiamento climatico non vuol dire che sia pensiero diffuso tra gli ambientalisti, gli incendi sono praticamente sempre Dolosi. Il cambiamento climatico è abbastanza evidente nel mondo, Sono invece molto d'accordo con te che si potrebbe fare molto di più per evitare che tutto questo accada o che diventi un disastro. Ma qui si va a parlare che in questo nostro bellissimo Paese nessuno fa manutenzione del territorio e poi si piangono morti e danni economici. Passando dal fuoco all'acqua vedi tutte le alluvioni che si ripetono spesso nei soliti posti dove fanno costruire in maniera scellerata o le frane a cui il nostro territorio è sottoposto ma si costruisce sopra e sotto e poi si piange. S
Non voglio difendere gli ambientalisti ma scusate in Italia o nel Mondo hanno governato sempre Loro? Hanno deciso tutto quello che c'è di sbagliato loro? Io penso che se chi si occupa di politica a tutti i livelli avesse avuto un'occhio di riguardo per questa nostra terra la categoria degli Ambientalisti non sarebbe nemmeno esistita......

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Mai scritto che gli ambientalisti sono degli stupidi.

Ma quando hanno richiesto a gran voce norme regionali che impedissero agli allevatori di far entrare le greggi nei boschi per salvaguardare le essenze del sottobosco non si sono minimamente preoccupati del danno che ne poteva derivare.  E ho anche sottolineato che il ventaglio delle responsabilità è parecchio largo. Preferisco discutere ma evitando la polemica se mi riesce.

Sgomberiamo il campo da qualsiasi altra ipotesi: questi non sono incendiari qualsiasi, non sono neanche piromani. Stiamo parlando quasi di strategia militare: quel vento, proveniente da quella direzione, con quell'intensità permette di posizionare le esche i punti strategici ben precisi. Quando il vento proveniente da sud-est si infila in un canalone che devia a sud-ovest (esattamente il contrario) e in quel canalone viene posizionata un'esca quell'esca apre un altro fronte di fuoco in direzione opposta. La conoscenza perfetta del vento e del territorio può essere solo opera di uno studio approfondito. Perchè in un'isola il vento funziona così, può essere deviato da qualsiasi cosa, può aumentare la sua velocità in un canalone fino a raddoppiarla e se c'è fuoco può divorare quel canalone di 5-6 chilometri in meno di dieci minuti. In quell'incendio non c'erano meno di dieci-dodici esche  in una linea immaginaria di non meno di 40 chilometri e alcune che non si erano innescate sono state trovate dai vigili del fuoco.

E non andiamo in giro a raccontare storie su incendi per dispetto o per il pascolo o per speculazione edilizia (impossibile perchè scatterebbe il vincolo da parte dello Stato). A pensare male si fa peccato ma mi sono anche chiesto come mai nel contributo della Regione Sardegna sull'utilizzo dei recovery non c'era neanche una riga sull'antincendio... mah.

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Ho passato le estati dai 12 ai 18 anni in Sardegna, nello stesso posto.
Sono anni fondamentali dello sviluppo di un adolescente, e mi è rimasto tutto talmente dentro che quando sogno di essere al mare sogno sempre e solo quel luogo, e i ragazzini di allora.

Successivamente, fin troppo di rado, mi è capitato di tornarci, sempre in posti diversi. Se tutto va bene, domenica prenderò la nave per trascorrere due settimane vicino S. Teresa di Gallura.

Tutto questo per dire che adoro la Sardegna, e mi addolora profondamente vedere quello che è successo.
Non è una novità, ogni anno in cui sono stato su questa meravigliosa isola ho sempre visto per qualche giorno linee di incendi più o meno estese all'orizzonte, fortunatamente mai così vicine da costituire un pericolo.

Questo reportage sembra prenderti e buttarti in mezzo allo scempio. 
E' di un impatto quasi insostenibile, ed è un bene che sia così. Dovrebbe vederlo più gente possibile.

Ho trovato spiegazioni che non conoscevo sulle dinamiche, le motivazioni, perfino sulle modalità tecniche di innesco e propagazione degli incendi, ed è estremamente istruttivo.

Grazie Enrico per lo sforzo e la condivisione, immagino sia costato parecchio.

  • Like 1
Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Effe..  sono senza parole.. non sò che dirti, ogni parola detta mi sembra vuota e inutile davanti a tanto scempio.. che si ripete.. e si ripete.. ed ancora si ripete.. senza freni..  veramente l'uomo è la peggior BESTIA..  e purtroppo quei pochi, riescono a creare danni inimmaginabili..  ma la testa dove l'anno? ammesso però che abbiano una testa..

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

 

Grazie a te Gabriele. Ho provato ad evitarlo, ma alla fine qualche spiegazione ve la dovevo.  La verità è che sono stanco. Anche oggi è una giornata tremenda 40° con lo scirocco che soffia da ieri sera. Non si vede neanche il sole, sembra di stare in una pentola a pressione. Però ieri le previsioni meteo dicevano: "venti da sud-est, temperature oltre la media, rischio di incendi soprattutto in Sardegna".

Non è la stessa cosa che dire: "forti venti da nord-est, temperature sotto la media, rischio nevicate".  Mi viene in mente una battuta del film Lo Squalo: "Se gridi barracuda non frega niente a nessuno, ma se gridi squalo..."
Ecco, una frase come quella nelle previsioni meteo certifica il lavoro dell'incendiario ancora prima che lui lo faccia. E' un semaforo verde.
So che capisci il mio stato d'animo.  Insomma, alla fine ho quasi vuotato il sacco del tutto. Buona serata Gabriele :)

  • Like 1
Link to comment
  • Redazione

Come dicevo, la responsabilità di risolvere o non risolvere il problema è tutta politica. Senza addentrarmi nella fattibilità tecnica di creare un base per gli aerei antincendio in loco, relativamente alla manutenzione dei manufatti sul territorio come le linee tagliafuoco (ma se poi passiamo a parlare delle alluvioni ci potremmo dire la stessa cosa della pulizia dei corsi d’acqua) ci dobbiamo ricordare che siamo il paese che non paga per fare quel lavoro che sarebbe utile a tutti ma spende una fortuna in reddito di cittadinanza o altri ammortizzatori sociali tenendo le persone che li percepiscono a fare nulla. 
E la politica dovrebbe essere una cosa che i cittadini regolano andando a votare, cosa che da noi funziona maluccio. Funziona male in un mucchio di posti, ma per restare agli incendi, la Corsica non ha mai avuto un problema incendi confrontabile a quello della Sardegna: come mai? 

Link to comment

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...