Jump to content

Overview

About This Club

Club di Nikonland dedicato alla fotografia motoristica e ai motori in generale
  1. What's new in this club
  2. faremo un FIGURONE al Gran Premio ! Asfalto liquido, scivolare facile !
  3. Come sciupare un circuito storico. Prima la chicane era brutta, ora è orrenda.
  4. Ciò nondimeno, la tradizione vuole che America, chiami Amerigo Le frecce sono solo un apostrofo azzurro, tra il cielo e il mare di una storia d'amore che risale al 1501. All'epoca America era già America, anche se i nativi non si chiamavano né Joe, né Donald.
  5. ma siamo sicuri che gli americani di Biden e Trump si meritino tutto questo concentrato di bellezza, ardimento e tradizione militare? Continuiamo a dare le perle...
  6. Le Frecce Tricolori e la Amerigo Vespucci renderanno omaggio alla festa nazionale degli Stati Uniti incontrandosi a Los Angeles.
  7. Di foto mosse ne ho diverse anch’io, tra l’altro eravamo anche troppo vicini alle auto e poi non possiamo essere tutti bravi come “Mauro”, che immortala addirittura quelle che sfrecciano a 300 Km/orari.
  8. E' stato un piacevolissimo pomeriggio quello passato con Gianni e suo figlio (assieme a tanti altri appassionati come noi) nel tratto di strada che avevamo scelto per assistere a questa ennesima edizione della 1000 Miglia Storica. Gianni è un vero appassionato e conoscitore di auto storiche, tanto da riuscire talora ad indovinarne la marca prima di vederle semplicemente ascoltando il rombo del motore! Anch'io come lui ho fotografato quasi tutte le bellissime auto che mi sono passate davanti, arrivando addiritttura a saturare per la prima volta la mia scheda di memoria con quasi 1000 scatti (ovviamente, trattandosi di una manifestazione che si chiama 1000 Miglia... ). Tuttavia mi sembra che i panning di Gianni siano ben migliori dei miei, motivo per cui eviterò di pubblicarli su queste pagine (e duplicare le sue foto). Off topic, segnalo che solo il 35% circa delle mie foto scattate con questa modalità mi sono sembrate pubblicabili, mentre le restanti le ho dovute cestinare senza pietà perché mosse o fuori fuoco. Pertanto al netto della macchina (Z6) e dell'obiettivo utilizzato (Nikkor 24-200/4-6.3) oltre che delle mie scarse capacità di ripresa, davvero tale percentuale di scatti buoni è nella normalità, oppure potevo fare assai meglio? (Grazie).
  9. La Mille Miglia Storica è una corsa di regolarità per auto storiche costruite fra il 1927 e il 1957, che attraversa scenari unici della nostra Italia. L’edizione 2024 si è svolta in 5 tappe, con partenza ed arrivo a Brescia per un totale di Km. 2.200. Ho potuto ammirare il passaggio delle vetture nel corso della quarta tappa del 14 giugno, quando hanno attraversato la Toscana e precisamente nel transito pomeridiano fra Radda in Chianti e Panzano in Chianti, prima del tratto cronometrato sul passo Testalepre. Erano con il sottoscritto, mio figlio ed un Nikonlander “DOC”, Marco alias Pedrito, bravissimo fotoamatore e persona di rara squisitezza, con il quale abbiamo ripreso le arzille vecchiette per oltre tre ore, fra rombi diversi e profumi vari di benzine ed oli il più delle volte parzialmente incombusti. Quest’anno le vetture verificate sono state 421 (senza considerare le vetture del “Ferrari Tribute 2024” e quelle elettriche), delle quali 364 classificate all’arrivo a Brescia, per cui si presume che solo 57 di cui 47 ritirati, abbiano abbandonato la competizione per noie meccaniche o altre motivazioni. Un risultato eccezionale considerato la tipologia delle vetture partecipanti. La gara è stata vinta per la quarta volta consecutiva dall’equipaggio Vesco Andrea e Salvinelli Fabio su Alfa Romeo 6C 1750 SS spider Zagato del 1929, che sono stati in testa fino dalla prima tappa. I vincitori Alla manifestazione avrebbe dovuto partecipare anche il famoso pilota Jacky Ickx su una Mercedes Benz 300 SL, ma non è passato, e molto probabilmente ha effettuato solo il prologo per onore di sponsor (Chopard), dato che il giorno dell’arrivo della Mille Miglia a Brescia (15/06) il suddetto personaggio era sul circuito della Sartre a vedere la partenza della 24 ore di Le Mans (inquadrato dalle telecamere di Eurosport). Comunque, anche senza Ickx, il passaggio della Mille Miglia resta sempre uno spettacolo. Di seguito posto numerose foto fatte tutte con una Nikon Z 8 ed il 24-120/4. Aliverti Alberto e Valente Stefano - Alfa Romeo 6C 1750 SS Spider Zagato del 1929 – terzi classificati Turelli Lorenzo e Mario - O.M. 665 MM Superba 2000 CM3 del 1929 – quarti classificati. Erejomovich Daniel Andres – Llanos Gustavo – Alfa Romeo 6C 1500 SS del 1929 – quinti classificati e vincitori del Trofeo Gaburri Riboldi Federico e Alberto - O.M. 665 MM Superba 2000 CM3 del 1929 – sesti classificati Tonconogy Juan – Ruffini Barbara – Alfa Romeo 6C 1750 GS Spider Zagato del 1931 – settimi classificati Patron Luca e Matteo – Alfa Romeo 6C 1750 SS Young del 1929 – ottavi classificati Peli Osvaldo e Andrea - Alfa Romeo 6C 1750 GS spider Zagato del 1931 – noni classificati Sisti Sergio e Gualandi Anna – Lancia Lambda Spider Tipo 221 C del 1929 - - decimi classificati Perletti Riccardo e Maika – Bugatti T37 del 1926 – quindicesimi classificati Bussolati Maria – Bazoli Francesca – Fiat 508 S “Balilla” Coppa d’Oro del 1935 – 360° classificate Belometti Andrea e Ricca Cristian - Lancia Lambda Spider Tipo 221 Casaro del 1927 – ritirati Wetz Albert e Galloni Umbero – O.M. 665 SportSuperba 2000 cm3 del 1927 – 39° classificati Giacomelli Giancarlo e Gennaro Luigino - O.M. 665 SportSuperba 2000 cm3 del 1925 – 18° classificati Diana Alberto e Bellante Annalisa – Lancia Lambda Tipo 214 (corto) del 1925 – 31° classificati Ronzoni Enzo e Garro Marco – Bugatti T 40 del 1927 – 23° classificati Sala Enzo e Bonomi Pietro – Lancia Lambda V° serie Casaro del 1925 – 13° classificati Battagliola Domenico e Piona Emanuel – Bugatti T 37 del 1926 – 22° classificati Paglione Massimiliano e De Angelis Alessio – Bugatti T 37 del 1927 – 19° classificati Colpani Mattia e Brescianini Paolo – Bugatti T 37 del 1927 – 104° classificati Ferrari Pietro e Sbert Miquel Elisa - Bugatti T 37 del 1926 – 34° classificati Busi Mirko e Giacomini Mirella – Lancia Lambda Torpedo Tipo 216 del 1929 – 99° classificati Houtkamp John e Van Bussel Chelly – Alfa Romeo 6C 1750 SS Spider Zagato del 1929 – 14° classificati e 1° classificati fra i partecipanti dei Paesi Bassi Laarman Michel e Morris Klain – Sumbeam 3 Litre Super Sport del 1926 – 229° classificati Brazzoli Enrico e Tonioli Ennio – Lancia Tipo 221 del 1928 – 52° classificati Comini Andrea e Giacomo – Riley Brooklands 9 HP del 1928 – 179° classificati Goedkmakers Ronald e Cerfonte Cat – Alfa Romeo 6C 1750 GS Spider Zagato del 1930 – 35° classificati Somlo Tibor e Schreyvogel Maurus – Lancia Dilambda del 1930 – 90° classificati Goddijn Hendricus e Vigreux Corinne - Alfa Romeo 6C 1750 Gs Spider Zagato del 1931 – 62° classificati Morbio Stefano e Rinaldo Pasqualino – Fiat 514 MM del 1931 – 25° classificati De Smet Peter e Robin – Fiat 514 Coppa Alpi Sport Spider del 1930 – 264° classificati Basilico Paolo e Luca - Alfa Romeo 6C 1750 GS Carrozzeria Sport del 1930 - 40° classificati Gamberini Alessandro e Ceccardi Guido - Fiat 514 MM del 1930 – 17° classificati Borrello Paolo e Alberto – Aston Martin Le Mans del 1933 – 45° classificati Bessade Paul Emile e Elkyess Amel – Delage D6 75 Sport del 1936 – 354° classificati Hulsbergen Alan e Hamberg Hendrik Jan – Bentley 3 Litre del 1923 – 242° classificati Bellini Fabio Michele e Edoardo – Fiat 514 S del 1930 – 16° classificati Ambrosio Giuseppe e Fasoli Gianpaolo – BMW 328 del 1939 – 49° classificati Freeman David e Busst Russel – Aston Martin 2Litre Speed Mod. del 1936 – 66° classificati Acciai Gianni e Peruzzi Susanna – Chrysler 72 del 1928 – 53° classificati Piardi Enzo Stefano e Palini Luigi – Alfa Romeo 6C 1750 GT Cabriolet del 1930 – 60° classificati Biasion Miki – Confaloni Sabina – Lancia Aurelia B20 GT 2000 Berlina del 1951 – 332° classificati – I rally sono cosa ben diversa dalla regolarità Van Cauwengerge Joost Godfr e Van Cauwenberge Virginie - Maserati A6 Gcs Spider del 1953 – 252° classificati Pedrali Giovanni e Bonomelli Simona – MG Pb del 1935 – 33° classificati Boller Alexander e Dino – Bentley 4,5 Litre del 1929 – 259° classificati – seguiti da una BMW 328 del 1939 guidata da Bonomi Simone Quirino e Tarcisio – 30° classificati Belotti Antonio e Gambardella Ugo – Alfa Romeo 6C 2300 B Mille Miglia del 1937 – 55° classificati Leeijen Rien e Van Gorp Ruud – Alfa Romeo 6C 2500 S Cabriolet del 1942 – 197° classificati Mason Chris e Jeff – Fiat 509 C “Balilla” 1100 del 1939 – 268° classificati De Luca Fabio e D’Aiello Umberto – Fiat 522 del 1931 – 70° classificati Marmureanu Alexander e Huettner Laura – Fiat 1100 B del 1947 – 343° classificati Van Der Kwast Henk e Montanari Marco – Alfa Romeo 6C 2500 SS del 1947 – 218° classificati Niederkorn Mark e Becker Frank – Cisitalia 202 S MM Spider del 1947 – 57° classificati Van Dijk Erik e Maioor Henri Daniel – Talbot Lago T26 GS del 1950 – 116° classificati Weller Tim e Bergius John Roland – Ferrari 166 MM Berlinetta Vignale del 1950 – 95° Classificati Groenewegen Frank e Kistemaker Geert - Maserati A6 1500 Berlinetta Pininfarina del 1949 – 75° classificati Foucart Herman e Michel – Fiat Abarth 1400 berlinetta Touring del 1950 – 97° classificati Brendolan Stefano e Corbetta Marco – Porsche 356 1500 del 1952 – 54° classificati Van Haren Renee e Hagenbeek Bastiaan – Frazer Nash BMW 328 Speciale del 1939 – 240° classificati Cassina Alessandro e Matilde – Fiat 500 Sport del 1949 – 144° classificati Sekido Koki e Yoko – Lancia Aurelia B20 del 1950 - Ritirati Brown Alan e Sam – Invicta Low Chassis Phoenix Mrc del 1930 – 233° classificati Van Den Hanker Henrikus e Bastienne – Delahaye 135 CS del 1936 . 294° classificati Fargion David Michael e Vranjes Paolo – Fiat 8V berlinetta del 1954 – 295° classificati Miroschnichenko Nikolay e Igor - S.I.A.T.A. 208 Cs del 1952 – 136° classificati Kusano Kazuyoshi e Kumagai Haruaki - Ermini 1100 Sport del 1952 – 296° classificati Kuiper Chris e Den Eltzen Joost – Aston Martin DB 2 del 1952 – 122° classificati Gault Jeffrev Morgan e Jones Kent – Jaguar XK 140 Fhc del 1955 – 119° classificati Nastasi Massimo e Colaizzi Claudio – SIATA Daina Sport del 1950 – 287° classificati De Boer Jan e Jan Se – Lancia Aprilia berlina 1500 del 1949 – 219° classificati Gadioli Aldo e Borea Marco – Fiat 8V Berlinetta Zagato del 1953 – 51° classificati Zanni Maurizio e Stefanini Luca – Ferrari 212 Inter Europa Pininfarina del 1953 – 42° classificati Gavio Marcello e Passavini Piero Giovanni – Ferrari 250 MM Spider Vignale del 1953 – 258° classificati Peters Bert e Ton – Alfa Romeo 1900 Sprint Coupé Touring del 1953 – 239° classificati Rollinger Marc e Curridor Vanni – Ferrari 225 S Spider Vignale del 1952 - 94° classificati Flesch Paul e Wagner Marc Camille – Fiat 500 C “Topolino” del 1950 – 299° classificati Whitworth Derek e Ito Miwak – Ferrari 212 Export del 1951 – 192° classificati Kramer Frans e De Waard Caroline – Alfa Romeo 6C 2500SS Cabriolet Pininfarina del 1948 – 257° classificati Monstrey Frank e Noè Petra – Siata Daina Gran Sport del 1952 – 206° classificati Moij Ian e De Boer Angela – Mercedes Benz 190 SL del 1955 – 131° classificati Schwengsbier Bernd e Reber Sabine Caroline – Fiat 500 Sport del 1939 – 347° classificati Van Empel Guido e Mauritz Arie – A.C. Ace del 1954 – 325° classificati De Ceuninck Van Cape Pamela e Jacobs Henk – Ferrari 340 America Spider Vignale del 1952 – 212° classificati Pohl James e Mordenti Joyce – Sumbeam Alpine del 1953 – 265° classificati Badan Yves e Schwarz Jean Francois – Alfa Romeo Giulietta berlina del 1955 – 214° classificati Neumann Matthias e Gatzi Rolf – Mercedes Benz 300 SL (W198) del 1955- 101° classificati Thieme Mark e Willemse Casper – Autobleu 750 del 1954 – 176° classificati Star Pope Jeffrey e Arnold Blake Patrick – Lancia Aurelia B24 Spider “America” del 1955 – 340° classificati Ramamoorthy Bala e Brian – Ferrari 375 MM Spider Pininfarina del 1953 – 356° classificati Larini Nicola – Ciucci Luca – Alfa Romeo 1900 Sport Spider del 1954 – Ritirati Pagni Marco e Kelder Karin – Ferrari 750 Monza Spider Scaglietti del 1955 – 355° classificati Rogiers Raf e Sini Donata – Alfa Romeo C Super Sprint del 1954 – 172° classificati Morassutti Domenico e Paolo – Fiat Parisotto Pasqualin Morassutti del 1953 – 103° classificati Simon Georges e Feijts Monique – Alfa Romeo 1900 C Super Sprint del 1954 – 91° classificati Daemen Joseph Augustus e Oliver Willem – Porsche 356 1500 Speedster del 1955 – 185° classificati Berg Joel e Alva – Jaguar C Type del 1952 – 300° classificati Fuerst Lisa e Farrah Elle – Jaguar XK 140 Ots Roadster del 1955 – 336 classificati Ottanello Luigi e Ferrari Massimo – Healey 2400 Silverstone D Type del 1949 – 215° classificati Helber Karsten Alexander e Donati Timo Daniel - Mercedes Benz 300 SL (W198) del 1955 – 202° classificati Vento Vincent e Ahlgrim Stephen – Allard J2X del 1952 – 332° classificati Wegh Mark e Teerstra Sjoerd – Porsche 550 Spider RS del 1955 – 282° classificati Mueller Fritz e Karin – Alfa Romeo 1900 SSZ del 1955 – 155° classificati De Clerck Dominiek e Caudron Alexander – Maserati 150 S del 1955 – 251° classificati Baruzzi Gabriele e Giovanni Angelo – Ermini Tipo 357 Sport 1500 Scaglietti del 1957 – 78° classificati Owens Thomas e Stephens – Austin Healey 100 S del 1955 – 142° classificati Farina Andrea – Cironi David - Alfa Romeo 1900 C Super Sprint del 1956 – 225° classificati – Il Cironi conduce un programma su Motor Trend “Dal pollaio alla pista”, dove rimettono a nuovo macchine trovate in condizioni disperate. Covindassamy Michel e Ranga – Ferrari 250 GT Boano del 1956 – 346° classificati Carloni Diego e Marcus – Ferry F. 750 Renault del 1955 – 319° classificati Rutgers mark e Christian Bob – Rover 75 del 1956 – 293° classificati Vaughan Ken e Acampora Martino – Porsche 356° 1600 del 1957 – 244° classificati Honig Jasper e Boer Amare – Ford Thunderbird I° serie del 1955 – 324° classificati Stockmans Peter e Arnaud – Jaguar D Type del 1956 – N.C. Van Adrighem Arii e Brigitta – Gilco Fiat 1100 Barchetta del 1950 – 273° classificati Van Adrighem Peter e Berkel Cornelia – Stanguellini 110 Sport del 1950 – 279° classificati Moerenhout Ronald e Jacobs Stefan – Oldsmobile 88 5360 cc del 1955 – 221° classificati Roell Wofgang e Stefan – Ferrari 212 Inter Europa Berlinetta del 1953 – 315° classificati De Rop Gerrit e De Boeck Christa – Lotus Eleven Climax del 1953 – 241° classificati Van Der Valk Gert Jan e Elfi – Ford Thunderbird II° serie del 1957 – 271° classificati Vincono il Ferrari Tribute Frank Binder e Giordano Mozzi con una 296 GTS, secondi Celestino e Antonio Sangiovanni su una 812 GTS. nella foto a parti invertite. Grazie per chi ha avuto la costanza di arrivare fin qui, ma sono solo uno scampolo di quelle passate.
  10. Grazie Marco. Non saprei dirti, io non cancello mai gli exif. Comunque, come altre volte quando è presente l'acqua sia con le aquabike, sia con il surf, ho utilizzato un unico obiettivo, il 200-500 e due velocità dell'otturatore (tranne che nel panning). Quelle più normali sono state eseguite a 1/2500, tanto serve per impedire agli schizzi d'acqua di tracciare; ma se voglio ottenere l'effetto cristallo sull'acqua che si solleva allora devo abbassare ulteriormente il tempo di scatto. Quelle più ravvicinate sono eseguite a 1/6400. E anche con un po' di culo perchè purtroppo quando si va troppo sul campo stretto il soggetto impiega un soffio per uscire dal fotogramma, quindi parliamo al massimo di due scatti buoni e non sempre il 200-500 segue in velocità la D500. Purtroppo è un obiettivo lento, con un'ottima qualità d'immagine ma terribilmente lento. Una Z6III da far lavorare in DX con un 180-600 attaccato mi cambierebbe la vita. Ma per ora devo soffrire.
  11. Bellissime, la mia mia preferita è la prima, se ero ancora ad Olbia ti avrei incontrato volentieri. Sono foto scattate da una barca ?
  12. A Piero Ferrari l’idea piace assai !!! Intervistato a posteriori della vittoria bis a Le Mans: “Quando ho visto che per il secondo anno di seguito ce la avevamo fatta a vincere a Le Mans, beh, per un attimo ho pensato ad un altro sogno impossibile… [...] Vede, nel mondo delle corse c’è una cosa chiamata Tripla Corona… A noi come Ferrari manca solo l’ultimo anello della catena. Indy. È un sogno. Non ci sono le condizioni tecniche per realizzarlo. Ma io ogni tanto ci penso, essere anziani non significa perdere l’immaginazione. Mio padre ci pensò spesso, ma a parte uno sfortunato tentativo con Ciccio Ascari nei primi anni Cinquanta non se ne fece niente. Però, chissà…".
  13. Begli scatti Enrico, bravo! Non vedo gli exif: che lenti hai utilizzato e come hai scattato?
  14. Compilation di foto strepitose, impossibile sceglierne una fra tutte. È veramente uno sport che si presta a istantanee molto spettacolari. Grazie per la condivisione e complimenti per aver resistito due ore in quelle condizioni ambientali.
  15. Un caldo infernale, insopportabile. Uno scirocco rovente e una nube di sabbia che oscurava il sole. Così è iniziato il week-end italiano del mondiale di aquabike. Il vantaggio (o svantaggio, dipende da come la si vede) stava più che altro in una condizione di luce diffusa piuttosto “calda” visto il colore giallo del cielo, con l’aggravante che dopo un’ora ho dovuto tirare fuori dallo zaino una maglietta di ricambio perché ero inzuppato “a schifo”. Non ho resistito più di due ore, quasi 2.500 scatti La direzione di gara ha anche tentato di fregarmi (e ci è quasi riuscita) invertendo il tracciato, privandomi di un paio di angoli di ripresa sulle boe più vicine ma anche questo fa parte del gioco, ci si arrangia sempre. Ma come al solito nessun fastidio da parte del servizio d'ordine. E finché dura i sono felice. Si parte subito con le aquabike, fortissime in accelerazione e velocissime ma poco agili alle prese con le boe, soprattutto le più strette. Ma questi ragazzi sono veramente bravi e vanno sempre fortissimo. Come dicevo, da un certo punto di vista la luce diffusa è un bene na non ieri e non in uno sport così colorato Piacevole l'intermezzo con i funamboli del free-style in attesa degli spettacolari jet-ski Spettacolo breve e piacevole anche con il sottofondo degli AC-DC dagli altoparlanti, giusto qualche minuto prima dell'ingresso dei jet-ski Davvero mi è mancato il sole, ma può capitare. Ho sudato tanto ma mi sono divertito ed è questo che conta. Copyright Enrico Floris 2024 per Nikonland
  16. speriamo che su questa linea riescano a intervenire sul regolamento dello F1 del 2026 e del 2030. E magari preparino una sorpresa per Indianapolis ...
  17. in una bella animazione An8RytoxaTIA4Grx6SDAxJeoGA9AnkhXY5nqnDumtzLrT8h7h-LrdDy1Rkq-mGFrmXCgnIbgV2f6sXaY2MAr1ngc.mp4
  18. Bellissima notizia, ieri mattina mi sono svegliano con la notizia che le due Ferrari erano in testa dopo le prime 6 ore. Non ho potuto seguire la gara, mi vedrò qualche riassunto sul web.
  19. ma com'è che tutti questi professionisti fanno le foto alle auto tutte storte ?
  20. Felicissimo del risultato. La #50 ha meritato questo successo anche per quanto fatto vedere nelle precedenti gare dell'anno. Strafelice per Antonio Fuoco.
  21. Una battaglia durata 24ore. Pazzesca, con piloti veramente aggressivi, autentici guerrieri e strategie pazzesche con il meteo ballerino che solo a Le Mans... Veramente un altro mondo.
  22. Grandissima vittoria in una competizione ben più interessante della attuale F1.
  23.  
×
×
  • Create New...