Jump to content
  • Valerio Brustia
    Valerio Brustia

    Un anno lungo il fiume

    Un tempo l’inverno era fatto di freddo, tramonti lunghi e luci sempre diverse, fotograficamente irresistibile. Poi qualcosa ha cominciato a cambiare, lentamente; da un inverno al successivo si sono ridotte le brine, il ghiaccio nei fossi è pian piano scomparso, fino all’ultimo inverno il 2022-23 in cui praticamente, non mi sono mai trovato a combattere con il freddo. 

    28_PLS_0109.thumb.jpg.a388ec9a6c0bb9cde268e437d2e20e9d.jpg


    E si combatte, eccome, se si resta immobili, nascosti sotto una rete mimetica per 2-6 ore.

    35_VAR_0032_FJ.thumb.jpg.ad5cbe6e7a7254a5ab9fb7575e112080.jpg


    Ho percorso i mesi dell’anno 2022 esplorando il mio fiume Sesia che qui, nella bassa appena a nord di Vercelli, offre ancora qualche tratto di carattere selvaggio. D’inverno, da 7 anni a questa parte, qui arrivano le Gru. Arrivano dalla Lituania, cosa avran trovato di speciale nei campi brumosi di stoppie, lo san solo loro, ma tant’è ed io le inseguo, da anni, con pervicacia. Le aspetto la sera sui greti del fiume, appena prima che l’ultima luce sbiadisca e rimanga solo la notte blu e scura. 

    34_PLS_0144.thumb.jpg.5761e1bd7b863b457ba1a6d97c9d224f.jpg


    Per fotografare nelle ore del crepuscolo la Nikon D3 era il massimo, ma lo era quando gli inverni erano ancora freddi; ora ho una Nikon D5 cambia la qualità del file, ma non la procedura di ripresa, che rimane farraginosa. Nella notte non esiste fotocamera in grado di focheggiare automaticamente, si deve operare in manuale, ma c’è un problema: il mirino ottico ad f/4 è buio anche per l’occhio di un gufo. Sono perciò costretto a traguardare (a stima) la messa a fuoco del 600mm per poi verificare, sul display posteriore, la nitidezza del piano di fuoco e correggerla fino ad intercettare il punto desiderato. Difficile ma non impossibile, in pochi scatti si trova la quadra, e le gru, 7 anni fa con la D3, le ho potute fotografare solo così. La Nikon D5 è un bel passo avanti, con 600mm f/4, ISO 8000, mUp, autoscatto, treppiede pesante, t=1/2-6s e garanzia di rumore contenuto, sono pronto.
    Ma loro non vengono, cioè si, ma scendono troppo a nord o troppo a sud o non scendono affatto. Provo 4-7-10 volte ed arriva la primavera; le gru a marzo sono già un ricordo e fa subito caldo. Per il terzo anno di fila, le gru mi hanno gabbato; così le precipitazioni, che sono state scarsissime; i giorni cielo limpido, si sono succeduti, tutti uguali, per mesi. Queste giornate assolate sono tutte qui, in questo fiume che è l’ombra di sé stesso; i greti sbiancati sono inghiottiti dalla vegetazione e l’acqua è ridotta ad un corso lento, direi stanco. Ed è difficile anche solo inquadrare un germano, perché non ce ne sono più, come le gallinelle, i martin pescatore e i tuffetti, anche loro spariti. Qualche raro cormorano e poche le gazzette. Invece è diventato “normale” incontrare i caprioli ed anche i paurosi ma scaltri cinghiali. 

     

    35_PLS_0365.thumb.jpg.3a81ddfab75c9a180a451bf04568e8d4.jpg


    La primavera si scioglie nell’afa dell’estate, non mi accorgo del cambio, sono troppo sudato e indaffarato a difendermi dalle zanzare. I gruccioni garriscono in cielo e io tiro notte con la fedele D5 aggrappata al 600/4 VR che inquadra quel poco che passa. Una giovane nitticora a caccia di rane, ma ora è troppo buio, passo al 200/2 VR II ed eccomi faccia a faccia con un capriolo che, nell’oscurità, non mi distingue; la D5 tiene il fuoco sul musetto, tre scatti ad 1/50s f/2 per 8000 iso; mi tradisce il clack della reflex e il cornuto (è un fatto)  se ne va abbaiando (il capriolo fischia e abbaia, anche questo è un fatto).

    34_VAR_0141.thumb.jpg.3597abf1215d20c23d4d45953869cafa.jpg


    L’autunno è un sollievo, un po’ di fresco rasserena, ma niente pioggia autunnale, ancora cieli azzurri. Mi sposto nel bosco, tra rane, funghi e scoiattoli “nervosi”, qui piazzo un capanno fisso che mi regalerà dei bei ritratti di uno spavaldo pettirosso. Sono circa le 7.00 del mattino sul finire di novembre e, da dentro il capanno, sento il richiamo delle gru; ho da poco le nuove Nikon Z9, le sto provando, le sto conoscendo e comprendo che il mirino elettronico potrà fare la differenza proprio alle riprese delle gru. L’EVF amplifica il segnale rendendo visibile ciò che altrimenti non sarebbe. Con al Z9 non devo più traguardare, devo GUARDARE. 

    35_VAR_0021_FJ.thumb.jpg.659b9ff30034ea5b06a14b6268500f50.jpg


    E’ ormai gennaio, convinco l’amico Massimo a seguirmi sul Sesia con il suo nuovo Nikon Z 600/4 TC perché con due punti di osservazione, è matematica, si raddoppiano le probabilità. Scelgo un detrito fluviale lungo il greto, guarda a nord, stendo le mimetiche e mi infilo sotto. Massimo resta su un’ansa che punta a sud dove lo scorso anno le ho viste posarsi. Lo stormo arriva, saranno 200 gru, e si posa sul greto a circa 150 metri, al limite del campo inquadrato dal mio 600mm. Sono le 17.30, significa f/4 per 10000 iso t=1/30 in rapido aumento. Metto in DX mode, autoscatto 2s, non mi serve nemmeno lo scatto a filo, pochi momenti e tutto finisce, ormai è troppo buio. E così finisce anche un inverno breve come non ne ricordo.

    34_PLS_0058.thumb.jpg.b536d01395ed3fd39b1ebc101ee91f2d.jpg


    A marzo nel giro di una settimana il bosco da grigio diventa verde brillante. Un sabato pomeriggio di metà aprile, seguo una pista tra fiume e bosco, arrivo ad radura tra gli alberi e qui arrangio un camuffamento volante sotto le fronde di un nocciolo. Passa meno di un’ora e da sud, prima un fruscio poi il movimento: un capriolo viene dritto verso di me. Oriento il 600mm lentamente nella sua direzione, non vedo più nulla, è sparito, ma è lì per forza sarà a 30 - 40 metri. Passa un bel quarto d’ora di silenzio rotto solo dalle pernacchie di una ghiandaia; mi rassegno e cerco una posizione più comoda, ma eccolo, è una femmina dietro la siepe, spunta il muso e ci guardiamo. Scatto a raffica, vedo i suoi occhi neri enormi che mi fissano, le orecchie tese verso di me, non si muove. Non sto facendo alcun rumore, non c’è nessun clack a tradirmi, solo l’occhio tondo (gigante) del 600mm. Lo sposto millimetricamente, se ne accorge e fugge. 

    34_PLS_1242.thumb.jpg.fbb34113c3df7d95949ddf2c0be1b38d.jpg


    Il giorno appresso nello stesso punto cercherò di inquadrare una famiglia di furbissimi cinghiali, fallendo miseramente. 

    34_PLS_0898.thumb.jpg.0d60ec7aeb5ef2257dc41552468bd969.jpg


    A breve la primavera diventerà estate e questo luogo diventerà intollerabile, ma non per me, giuro, non per me. 
     

     

    34_PLS_0014.jpg

    34_PLS_0699.jpg

    34_PLS_0739.jpg

    34_PLS_0798.jpg

    34_PLS_0866.jpg

    34_PLS_0927.jpg

    34_PLS_1037.jpg

    34_PLS_1047.jpg

    34_PLS_1107.jpg

    34_PLS_1150.jpg

    34_PLS_1312.jpg

    34_VAR_0119.jpg

    34_Video_PLS_0365.jpg

    35_PLS_0001.jpg

    35_PLS_0075.jpg

    35_PLS_0238.jpg

    35_VAR_0010.jpg

    35_VAR_0016_FJ.jpg

    User Feedback

    Recommended Comments

    • Nikonlander

    Valerio, sai che ha dell'ansiogeno questo racconto?

    Come finirà? Vincerà lui o le Gru riusciranno ad eludere il suo obiettivo?

    E attorno tutto il resto del mondo animale che transita dalle tue parti.
    E' come una fiction gialla dove il caso principale si snoda lungo tutte le stagioni e solo all'ultima puntata,
    dell'ultima stagione svelerà il colpevole.

    E' superfluo dire che stiamo tutti aspettando la prossima stagione.

    Grazie per la condivisione delle foto e del tuo diario di appostamenti.

    :36_1_55:

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    13 minuti fa, Giuseppe Paglia ha scritto:

    [...] Come finirà? Vincerà lui o le Gru riusciranno ad eludere il suo obiettivo?

    Beh, per farsi trovare pronto non ha forse comprato il 400/2.8 con il suo moltiplicatore magico ? :36_14_12:

    • Like 1
    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    Racconto molto appassionante, nonostante descriva un attività che richiede grande pazienza.
    Alla fine ti becchi caldo, freddo ed altro e rischi spesso di tornare con zero immagini.

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano
    2 ore fa, Giuseppe Paglia ha scritto:

    Valerio, sai che ha dell'ansiogeno questo racconto?

    Come finirà? Vincerà lui o le Gru riusciranno ad eludere il suo obiettivo?

    E attorno tutto il resto del mondo animale che transita dalle tue parti.
    E' come una fiction gialla dove il caso principale si snoda lungo tutte le stagioni e solo all'ultima puntata,
    dell'ultima stagione svelerà il colpevole.

    E' superfluo dire che stiamo tutti aspettando la prossima stagione.

    Grazie per la condivisione delle foto e del tuo diario di appostamenti.

    :36_1_55:

    Non ci sono ne se.. e neppure ma, è scontato... Le Gru alla fine soccomberanno ( beh... virtualmente s'intende.. ) alle micidiali Z 9 ed i loro vetri.. ma sopra tutto, per la pazienza e la costanza.. del nostro.. credetemi..

    Io, di dubbi non ne ho..

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander

    Molto bello, interessante e inquietante come stiamo modificando il pianeta......

    devo essere sincero provo sempre ammirazione per come riuscite a stare ore in attesa, magari di un nulla di fatto......che dire, standing ovation per l'impegno :36_1_55:

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano
    7 ore fa, Fabio Zambelli ha scritto:

    Molto bello, interessante e inquietante come stiamo modificando il pianeta......

    devo essere sincero provo sempre ammirazione per come riuscite a stare ore in attesa, magari di un nulla di fatto......che dire, standing ovation per l'impegno :36_1_55:

    Scusami.. sarebbe opportuno a mio parere dire: come Abbiamo modificato il pianeta.. e continuiamo..

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites

    Ottimo racconto corredato da belle foto, complimenti!!

    Leggendolo mi e sembrato di essere lì con te a vivere tutte quelle emozioni che hai perfettamente descritto .

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    Grazie a tutti per i commenti e per aver letto delle mie avventure dietro casa

    ci tengo a precisare un dettaglio, per me importante, che può fornire una indicazione in più al lettore:
    nessuna delle foto qui prodotte è stata ritagliata (zero crop). Specificarlo per me non è una fisima, ma una indicazione che, unitamente al formato e alla LF di ripresa, fornisce il dato della distanza tra me e i soggetti ripresi. Ritengo che sia molto importante perché quella misura è l'indice della relazione di "disturbo" che un selvatico può tollerare. La sua riduzione è fondamentale, da qui l'uso di ogni possibile tecnica di camuffamento.

    In diretta conseguenza, voglio infine chiarire per bene  un aspetto: NON sono interessato a produrre immagini con fototrappole.
    Va detto che nel luogo oggetto dell'articolo, con lo scatto automatico o remotizzato, si può fare un enciclopedia di immagini spettacolari, ma io non lo farò mai e prendo l'occasione per chiarire le ragioni della mia scelta. Un'immagine colta in automatico non testimonia nulla oltre il significato di documentazione, scientifico e di indagine. Diverso invece è il contesto nel quale a sudare o a gelare, dietro alla fotocamera, c'è l'occhio di un osservatore. In questo caso quell'immagine diventa la certificazione di un attimo di vita vissuta da due soggetti: l'animale inquadrato e il fotografo che lo ha ripreso. In questo genere di foto io, da fotografo, mi identifico e mi emoziono. Con le "fototrappolate" mi posso solo documentare.

    Grazie ancora a tutti e buon fine anno e auguri per il nascente 2024

    • Like 5
    • Thanks 7
    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano
    3 ore fa, bimatic ha scritto:

    Complimenti per il racconto, l'impegno, i risultati.
    Auguri anche a te e tua moglie, l'altra meta' dello scatto :) .

    Va che lei in 30 anni che ci frequentiamo (ma siamo sposati da meno) sara' scesa con me max 2 volte.

    E tutte e due le volte NON erano IN ESTATE. In estate mi ha sempre detto "ma tu sei matto, le paludi del gange sono meno malsane di quel posto li!!"

    Eccessivo

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano
    30 minuti fa, Valerio Brustia ha scritto:

    Va che lei in 30 anni che ci frequentiamo (ma siamo sposati da meno) sara' scesa con me max 2 volte.

    E tutte e due le volte NON erano IN ESTATE. In estate mi ha sempre detto "ma tu sei matto, le paludi del gange sono meno malsane di quel posto li!!"

    Eccessivo

    Ma dai.. non ci credo... il Gange dillo a Laura e una cultura di batteri ed altro.. comunque sia, dietro al tuo lavoro Laura è presente anche se in modo latente... e ( anche a ) grazie a Lei che riesci a fare i tuoi bellissimi lavori.. io almeno la vedo così.

    tanti auguri di Buon Anno ragazzi..

    • Like 1
    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites

    Molto interessante  e sarebbe bello se questo amore e rispetto per l'ambiente potesse contagiare il maggior numero di persone, forse questo pianeta si potrebbe salvare.

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites



    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...