Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'sport'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Categories

  • Editoriali
  • News
  • Mondo Nikon Z
    • Nikon Z : Test fotocamere
    • Nikkor Z : Test obiettivi Nikon
    • Test obiettivi compatibili con Nikon Z
    • Adattatori Autofocus per Nikon Z
    • Accessori e altro per Nikon Z
  • TestMondo Reflex Nikon
    • Fotocamere Reflex
    • Obiettivi Nikon
    • Obiettivi Sigma
    • Altri Obiettivi
  • Altri Test
    • Guide all'acquisto
    • Memory cards and card readers
    • Binoculars Nikon
    • Flash
    • Tripods and Heads
    • Accessori
    • Software
    • Fotocamere Sigma
  • Evidenza
  • Grandi Fotografi Nikon
  • Storia Nikon
  • Wildlife Photography
  • Reportage
  • Di particolare interesse
  • Porting

Categories

  • Obiettivi DX
  • Grandangolari
  • Zoom Grandangolari
  • Super Zoom
  • Normali
  • Zoom Standard
  • Teleobiettivi
  • Zoom Teleobiettivi
  • Macro e Micro
  • Compatti
  • Fotocamere Z

Forums

  • Forum di Nikonland
    • Aiuto Online
    • Mercatino
    • Incontri, raduni, occasioni di fotografia insieme
    • Open Space : due chiacchiere in compagnia
  • Fotografia
    • Fotografie (commenti & critiche)
    • Fotografia e Grandi Fotografi
    • Contest di Nikonland
  • Apparecchiature
    • Hardware & Software
    • Flash & Luci
    • Club Nikon Z8
    • Club Nikon Z9
    • Club Z6 - Z7 - Z5 - Z6 II - Z7 II - Z6 III
    • Club Nikon Zf e Nikon Zfc
    • Materiale Fotografico
    • Reflex Nikon
  • Archivio Vecchie Discussioni
    • Contest Chiusi
  • BWV 988 : Variazioni Goldberg's Forum di Variazioni Goldberg
  • BWV 988 : Variazioni Goldberg's Consigli per gli ascolti di musica
  • Club Motori's Club Motori : forum

Blogs

  • Il blog di frankiedoc
  • Blog di Egidio65
  • Lo Zibaldone
  • Gruccioni
  • Il blog di pantaraf
  • Per Ardua ad Astra
  • Editor's Blog
  • Esperienze
  • Il blog di bimatic
  • Il Blog di Saverio Antinori
  • Strettamente personale
  • Il blog di Marco
  • Il blog di Paolo
  • Limited Edition
  • Il blog di Piermario
  • Max Aquila photo (C)
  • Crimini e Misfatti
  • Blog di Riccardo55
  • Blog di Antonio
  • il Blog di Alessandro
  • roby
  • il Blog di GiPa
  • Il blog di Claudio
  • Un terrone al nord
  • I miei scatti
  • Il blog di Ennio
  • Questa foto mi dice qualcosa... [proposta]
  • il blog di Angelo
  • Viaggi di Claudio
  • Il Blog di Marco Vitrotto
  • Il Blog di Castorino
  • Il Blog di Renato
  • Viandante
  • Comments
  • Blog di Dario Fava
  • Il blog di happygiraffe
  • Likethelight
  • Il Blog di Fab Cortesi
  • Sakurambo's Blog
  • effe
  • Consigli per comprare e vendere bene
  • Blog di Nikonland
  • Il Blog di Gianni
  • Cris7-BLOG
  • Il blog di Pedrito
  • Il blog di Davide D.
  • Il Giurnalett
  • il blog di Gianni54
  • PhotographyWord
  • Roby c
  • Silvio Renesto
  • Nicola
  • Blog di Vento
  • G.B OMBRELLO
  • Quattro chiacchiere con...
  • Il blog di Alberto Salvetti
  • C'era una volta ... Simona
  • IL Migliore Amico dell'uomo
  • Diario di un pigro
  • Muncias
  • Tentativi di Riky
  • ALBERTUS
  • [social] Considerazioni varie
  • Giannantonio
  • Modelle's Blog Modelle
  • Il Club di Max e Mauro's Omnia Vincit Amor et nos cedamus amori
  • Il Club di Max e Mauro's Wind and Wuthering
  • Il Club di Max e Mauro's aMAXcord
  • Il Club di Max e Mauro's Politicamente scorretto
  • Il Club di Max e Mauro's Profili di Grandi Fotografi
  • BWV 988 : Variazioni Goldberg's BWV 988 : Recensioni di Musica
  • BWV 988 : Variazioni Goldberg's Storie di Musica
  • BWV 988 : Variazioni Goldberg's BWV 988 : Recensioni Audio
  • Mauro's War Room's Achtung Panzer !
  • Mauro's War Room's Guerre e Battaglie
  • Mauro's War Room's Armi e Armati
  • Club Motori's Blog : motori

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Regione di Residenza


Corredo Nikon (sintetico !)


Cosa fotografi in prevalenza ?

Found 12 results

  1. Un caldo infernale, insopportabile. Uno scirocco rovente e una nube di sabbia che oscurava il sole. Così è iniziato il week-end italiano del mondiale di aquabike. Il vantaggio (o svantaggio, dipende da come la si vede) stava più che altro in una condizione di luce diffusa piuttosto “calda” visto il colore giallo del cielo, con l’aggravante che dopo un’ora ho dovuto tirare fuori dallo zaino una maglietta di ricambio perché ero inzuppato “a schifo”. Non ho resistito più di due ore, quasi 2.500 scatti La direzione di gara ha anche tentato di fregarmi (e ci è quasi riuscita) invertendo il tracciato, privandomi di un paio di angoli di ripresa sulle boe più vicine ma anche questo fa parte del gioco, ci si arrangia sempre. Ma come al solito nessun fastidio da parte del servizio d'ordine. E finché dura i sono felice. Si parte subito con le aquabike, fortissime in accelerazione e velocissime ma poco agili alle prese con le boe, soprattutto le più strette. Ma questi ragazzi sono veramente bravi e vanno sempre fortissimo. Come dicevo, da un certo punto di vista la luce diffusa è un bene na non ieri e non in uno sport così colorato Piacevole l'intermezzo con i funamboli del free-style in attesa degli spettacolari jet-ski Spettacolo breve e piacevole anche con il sottofondo degli AC-DC dagli altoparlanti, giusto qualche minuto prima dell'ingresso dei jet-ski Davvero mi è mancato il sole, ma può capitare. Ho sudato tanto ma mi sono divertito ed è questo che conta. Copyright Enrico Floris 2024 per Nikonland
  2. MAI titolo fu più appropriato, un declino inarrestabile che trasversalmente, ormai da tanti anni, investe qualsiasi disciplina motoristica in gestione FIA. Un solo credo: business a tutti i costi, soprattutto a costo dello spettacolo e dell’agonismo. Una distorsione difficile da correggere che nel WRC è evidenziata dal contatto diretto con il pubblico. Un pubblico appassionato e competente che da sempre segue queste gare. L’ultima trovata della FIA è stata garantire un bonus sproporzionato di punti al vincitore del power stage nell’ultima prova speciale e questo comporta inevitabilmente due giornate di gara al risparmio nelle quali praticamente si corre con il freno a mano tirato. Seguo i rally da quando avevo 19 anni e oggi ne ho 65, mi basta sentire il suono del motore a due chilometri di distanza per capire se il pilota sta pestando come si deve. E ultimamente sento solo motori strozzati. Questa infelice aggiunta al regolamento rappresenta un enorme risparmio per le assistenze che si concentrano praticamente solo sull’ultima prova, quella che garantisce il pieno di punti al vincitore. E il pubblico? Di quello si può fare a meno è solo un fastidio, tanto i diritti sulle immagini si vendono alle TV: tre elicotteri in volo muniti di telecamere e un cameraman a ogni curva. Ormai le strade d’accesso vengono chiuse a orari impossibili. Quest’anno si è arrivati all’assurdo di chiudere gli accessi alla speciale di Tempio a mezzanotte con la gara che partiva alle 7,41. Io ed Enzo siamo arrivati alla speciale di Maccia Marche alle 10, partenza alle 14,33 e l’accesso era già chiuso, siamo riusciti a passare solo perché eravamo muniti (eccezionalmente) di un pass per l’auto. Il disastro è sotto gli occhi di tutti, tre sole squadre ufficiali: Hyundai, Toyota e Skoda (quest’ultima con un solo pilota a contratto, Solberg, il quale si è ritirato prima della partenza per motivi di salute) più alcuni “privati” con buoni finanziamenti (soprattutto Ford con sponsor RedBull) e la festa finisce qui. Otto piloti in tutto, metà dei quali turnisti che a fine stagione cercano un contratto migliore. Un centinaio di auto alla partenza ma dopo la decima è meglio tentare di uscire dal tracciato e tornare a casa. Come si vuole risolvere Dal 2025 verranno eliminati i motori ibridi che attualmente sono in dotazione alle squadre ufficiali. Performanti sicuramente, ma troppo costosi da sviluppare e da realizzare e soprattutto poco affidabili in condizioni difficili (pioggia, fango, neve) per via dell’elettronica che richiede un’assistenza costante e costosa, spesso chiamata a sostituire centraline molto sofisticate. Questo soprattutto impedisce a molti marchi (anche di fama) di prendere parte al WRC. In poche parole, si sta tentando di porre rimedio tagliando i costi e invogliando case automobilistiche blasonate a entrare in gioco creando un campionato più livellato e più combattuto ma anche economico, tagliato su misura per WRC, WRC2 e scuderie private con spalle larghe. Tutti gli altri fuori. Però a sorpresa _ per quanto è dato sapere _ sull’intero circus aleggerebbe l’ombra della più famosa (o famigerata) trappola FIA: il BoP. Che il serpente stia tentando ancora di mordersi la coda? Non si capisce. Comunque, a sentire i rumors che danno la notizia come certa, Lancia dovrebbe rientrare nel mondo dei rally con una Ypsilon HF omologata Gruppo 4. Con la benedizione di Miki Biasion. Ma di annunci ufficiali ancora neanche l’ombra anche se il mercato piloti sembrerebbe in subbuglio (firme all’ultimo momento per piloti e navigatori e solo su contratti brevi). Io ho i miei dubbi, vedremo. Intanto godetevi lo spagnolo Jan Solans, uno dei pochi che non si sono risparmiati il quale con una Toyota privata è riuscito a stare dietro ai più forti Fotograficamente parlando invece penso di non essermi divertito mai così poco. Vedere piloti che tolgono il piede dall’acceleratore prima di un salto mi fa perdere il ritmo, vederli mollare il gas in una curva aperta peggio che mai. La carica adrenalinica per chi pratica fotografia sportiva è importante, il ritmo è importante, il timing definisce le raffiche. In questo caso ogni pilota ha un suo stile di guida, possono entrare nella medesima inquadratura, nella medesima curva tutti in maniera diversa e per me diventano tutte foto diverse. Ma l’appiattimento di quest’anno proprio non si era mai visto, sembravano su rotaie. Va anche detto che siamo stati piuttosto sfortunati. In realtà nella prima giornata avevamo in programma anche un’altra prova speciale ma purtroppo per via di un ritardo fuori programma dovuto all’eccessivo numero di partecipanti ci siamo ritrovati prigionieri all’interno del tracciato fra il primo e il secondo passaggio. Capita. Ma tanto per dire, la “scopa” è passata alle 20… https://vimeo.com/manage/videos/953133054 Immancabile lo show di Loelle, come ogni anno Adrien Formaux Elfyn Evans Sebastien Ogier Ott Tanak Nell’ultima giornata di gara non me la sono sentita di andare all’Argentiera per il power stage. Troppo faticoso. Ho preferito seguire il riordino a Porto Torres: sveglia a un’ora civile, niente zaino, niente pesi. Solo la Zfc con il 16-50, ciò che bastava. Magari non sarà così movimentato ma è interessante vedere i piloti che provvedono in proprio a piccoli aggiustamenti, anche i più stupidi. Si passa dalla semplice pulizia dei vetri all'inversione delle ruote, piuttosto che alla regolazione manuale degli ammortizzatori o semplicemente.... si fa il pieno di elettroliti prima del controllo orario per l'ultimo passaggio, il power stage. Ott Tanak col panno in mano si sta avviando a vincere il WRC Italia-Sardegna Sebastien Ogier e il suo nuovo navigatore Vincent Landais alle prese con gli ammortizzatori della Toyota Terry Neuville e Jan Solans scherzano amabilmente. Un momento importante per allentare la tensione La biondissima Enni Malkonen, copilota di Sami Pajari si sistema i capelli dopo essersi tolta il casco. Con una grandissima gara hanno portato la loro Toyota WRC2 alla vittoria e per questo meritano più di una foto Questo ragazzo ha solo 22 anni ed è un demonio Si riparte col controllo orario https://vimeo.com/manage/videos/953135049 Per finire, un doveroso omaggio a un club molto speciale #teamginawrc Vi presento la mitica GINA, completamente inzuppata di birra Anche quest'anno ce l'ho fatta Copyright Enrico Floris 2024 per Nikonland Don't Stop The Dance - Bryan Ferry PS - I filmati non sono riuscito a linkarli tutti. Non so cosa sia successo, ma sono cotto. Se la sono giocata bene. Tanak ce l'ha fatta per soli 6 decimi
  3. io devo ancora migliorare, lei affidabile compagna (oggi sequenza in H nella confort zone dei nef, domani testo i 30 per fidarmi dei jpeg)
  4. DA quest’anno Alghero e Olbia ospiteranno la prova italiana del WRC ad anni alterni. E già da quest’anno le prove speciali si sono spostate verso la Gallura con qualche sorpresa che fa tanto vecchio Costa Smeralda. Solite levatacce con tanti chilometri in più da macinare e solite attese, ma non si esagera più come negli anni passati perché tutto è diventato più faticoso per me ed Enzo. La passione c’è sempre ma il fisico non la segue più per cui va bene svegliarsi alle 5 del mattino e infilare lo stradone, va meno bene spostarsi rapidamente da una speciale all’altra per incassare il pieno di foto. Non ce lo possiamo più permettere. Per cui abbiamo preferito concentrare il nostro lavoro in due sole giornate, venerdì e sabato. Tre sarebbero state troppe. Pazienza per il gran finale di oggi. Come anticipato le sorprese ci sono state con le due prove speciali di Terranova, quella col salto _ a mio avviso _ più spettacolare fra tutti quelli visti sinora e quella che racchiude il tratto più insidioso: la mitica e discesa Kitzbuhel con una esse veloce in mezzo al granito. Vietato sbagliare. E alle 8 in punto stiamo parcheggiando all’interno del cantiere forestale di Terranova, proprio di fronte alla caserma della Forestale, distante un centinaio di metri dal salto. C’è tanto pubblico ma tutto sommato un servizio d’ordine attento ma non invasivo. Il motivo per il quale questo salto è così interessante sta nel fatto che le auto arrivano a velocità elevata su asfalto che diventa sterrato proprio nel punto del salto. Lo show ha inizio… Nonostante il sole, il cielo non prometteva bene. Temporali sparsi, anche di forte intensità. E li abbiamo visti, da dentro l'auto. A Kitzbuhel però la pioggia era già passata prima dell'inizio della speciale. Una luce pessima. In compenso, fango in quantità industriale Ecco la famigerata Kitzbuhel, una discesa pazzesca con una esse insidiosa tra le rocce di granito e una pendenza impressionante. Si scende "a palla": quì i più bravi fanno il tempo, gli altri tolgono il piede dall'acceleratore. Non ci sono immagini per raccontarlo perchè se non la si vede non si ha la giusta percezione .... e sotto di lei, il fango... Takamoto Katsuta, uno che pensa col piede Tierry Neuville Dani Sordo Molta pioggia significa anche molti guadi e sarebbe stato questo l'obiettivo della seconda giornata, trovarne almeno uno Un raggio di sole alle 8,20 fa la differenza. Solo Zfc col 16-50, contenta di fare il bagnetto mattutino (io un po' meno contento). Il pomeriggio, invece, è tutto della D500. Le distanze di Loelle richiedono parecchi millimetri. L'attesa è meno faticosa del solito per via della temperatura accettabile viste le condizioni meteo. Cionostante quattro ore d'attesa per il secondo passaggio sono davvero tante. Tenuta da combattimento Arrivano.... Elfyn Evans Dani Sordo Sebastien Ogier Per la cronaca ha vinto Terry Neuville Anche stavolta è andata. Dovremo trovare nuove location per il prossimo anno o sperare in altre novità, giuto per non fare sempre gli stessi scatti. Copyright Enrico Floris 2023 per Nikonland Pezzo consigliato: Come Up For Air - Albert Cummings
  5. La mia passione ha un prezzo sul piano fisico, nella maggior parte dei casi accettabile. Stavolta, invece, non è stato così. La prima giornata del WRC è stata in assoluto la mia peggiore giornata da fotografo: spossante, oltre 42° percepiti, uno scirocco rovente che risucchiava l'aria dai polmoni e la polvere... tanta, ma tanta da colorare di rosso me, i miei vestiti e la mia fotocamera. Per fortuna l'inferno è durato solo un giorno, già dalla sera i venti hanno cambiato quadrante, rendendo le seguenti due giornate enormemente meno faticose. Sul piano sportivo, invece, il WRC 2019 sembra iniziare bene: un rombo lacerante e la grinta di Sebrastien Ogier preannunciano una giornata fantastica .... giusto due curve e poi il disastro col driver transalpino che rompe il braccetto dello sterzo su una roccia Sarebbero bastati 10 minuti allo stesso Ogier per sostituire il braccetto... se Citroen si fosse ricordata di metterlo nel bagagliaio tra le dotazioni regolamentari. Oltre un'ora persa e un ritiro che non è avvenuto solo per le pressioni degli sponsor (immagino). The show must go on Altre volte vi siete sorbiti il mio "pistolotto" sulle condizioni di lavoro svantaggiate. Beh, stavolta ho sfruttato la cosa a mio favore Atterraggio duro per Mikkelsen Thierry Neuville al salto Ancora Ogier, ormai fuori classifica... ma riparato il guasto va come un proiettile I veri "missili" sono però le Toyota ufficiali di Latvala e Tanak. Sfortunati entrambi: Latvala rallentato da problemi meccanici e Tanak che si fa sfuggire la vittoria finale. Vittoria che va al più continuo e martellante Dani Sordo che con tanto merito ha saputo trovare il miglior equilibrio tra le prestazioni e la gestione della macchina. Questo il suo volo verso il traguardo Dietro le quinte Un meccanico al lavoro sulla macchina di Latvala Sebastien Oger controlla personalmente il lavoro dei suoi meccanici e trova anche il tempo di firmare una miniatura che rappresenta il suo salto dello scorso anno (quando correva con la Ford ufficiale) a Monte Lerno Concludendo. Non sono pienamente soddisfatto, mi sono affaticato molto e questo mi ha limitato parecchio nella mobilità fra una postazione e l'altra; per non parlare dei trasferimenti in auto tra le varie speciali (sempre molto rapidi facendo lo slalom tra marshall inflessibili e security particolarmente attenta). Sto invecchiando, sicuro, ma non riesco a darmi un limite. Finirò per restarci secco Buona visione a tutti Pezzo consigliato, mi pare appropriato: Driving Towards the Daylight, Joe Bonamassa
  6. Sono tantissimi gli sport che non ho mai fotografato e che mi piacerebbe fotografare. Ma, nonostante l'età che avanza, ogni tanto capita una buona occasione che non richiede accrediti, l'unico deterrente che tiene noi appasionati a distanza dalle grandi manifestazioni sportive. E' stato il caso, stavolta della pallanuoto internazionale. WaterPolo Sardinia Cup 2022, in corso di svolgimento proprio di fronte a casa, dovevo solo attraversare la strada per arrivare alla piscina all'aperto del complesso natatorio comunale. Due tornei distinti riservati alle nazionali A, un sei nazioni femminile (Italia, Spagna, Ungheria, Grecia, Olanda, Israele), terminato oggi e un quattro nazioni maschile (Italia, Serbia, Croazia e Grecia) che inizierà domani ma non so se riuscirò a seguirlo. Ingresso libero e scatto libero anch'esso, nonostante la presenza di alcuni fotografi ufficiali che godevano di accessi a me preclusi, ma comunque con la piscina a meno di dieci metri non ho avuto il benchè minimo problema e senza neache cambiare posizione perchè sia col 70-300, sia col 200-500 riuscivo a coprire qualsiasi angolazione. Lo dico subito, sport veramente difficile da fotografare. Non fa proprio a seguire la palla che viaggia molto veloce su spazi ristretti, conviene provare a seguire il gioco e trovare gli atleti che potrebbero ricevere perchè col campo stretto dei tele è l'unica soluzione, Il grado di difficoltà l'ho individuato subito e nel primo minuto sono andato a vuoto come mai mi era capitato. Ma una sfida è una sfida e allora: due partite in due giorni Spagna-Israele e Italia-Spagna, oltre non potevo andare per una serie di contrattempi che mi stanno rovinando l'estate e anche per il caldo (qua siamo a 40° da giugno e non ne posso più). Veramente spettacolari i portieri La prestazione atletica è imponente e queste ragazze hanno una grinta mai vista E cattiveria altrettanto imponente, con una spiccata predilezione all'annegamento dell'avversaria Guerriere che sanno essere eleganti E un black&white ce lo vogliamo mettere? Time Out "Questo non è certo uno sport per femminucce" diceva Nanni Moretti in Palombella Rossa Nanni, non lasciarti ingannare dallo sguardo angelico... Pezzo consigliato: Come Hell or High Water, Royal Southern Brotherhood Copyright Enrico Floris 2022 per Nikonland
  7. Ciao a tutti, ecco che iniziamo con le domande. Sulla Z9 l'opzione di default per l'IBIS è su sport, in tal caso non si ravvisa nessuna anomalia, ma se qualcuno ha provato a spostarlo su normal, al momento dello scatto si avverte uno spostamento dell'immagine, soprattutto ben visibile se si utilizza l'ottica macro a distanza ravvicinata. A qualcuno di voi è capitato? Lo stabilizzatore in Normal consente una maggior efficienza nella riduzione in condizioni statiche, ma nella Z9 che non ha oscuramento in fase di scatto (cosa alla quale devo ancora abituarmi) su scatti ripetuti (non mi riferisco alla raffica) si vede l'immagine spostarsi anche se ci si sente granitici in quel momento. La cosa è relativamente destabilizzante, ed in modo sport questo effetto sparisce completamente, al prezzo di dover ridurre i tempi di sicurezza per evitare il micromosso. È una cosa che ragionando risulta logica, perché di fatto il sensore si muove addolcendo i micro movimenti del fotografo ed al momento dello scatto (che è un micromovimento) lui si trova nella posizione precedente, solo che se tu fai macro a mano libera, non è detto che il punto di maf al momento dello scatto coincida con quello che stai pensando di prendere. Ma anche in condizioni normali se faccio 10 scatti non ce n'è uno che abbia l'inquadratura esattamente uguale al precedente, per quanto io mi sforzi di restare immobile. Voi come vi orientate?
  8. Cinzia Roganti lavora nel mio stesso Dipartimento, oltre ad essere un genio dei computers, fotografa (con fotocamera Nikon), soprattutto le partite di football americano giovanile degli Skorpions Varese, squadra in cui milita suo figlio. Ho avuto modo di vedere le sue foto, mi sono sembrate belle, così le ho chiesto se volesse gentilmente condividerne qualcuna con noi, anche perchè di foto sportive su Nikonland è un po' che non ne appaiono, ed eccole qua. La partita di questo piccolo "servizio sportivo" è un appuntamento classico del campionato giovanile: Skorpions Varese vs Seamen Milano, che ha avuto luogo il 21 dicembre 2021 allo stadio Vigorelli di Milano. Gli Skorpions entrano in campo L'entrata dei Seamen, la squadra di casa. Danza rituale! L'head coach Giorgio Nardi ci racconta: L'ultima sfida risale alla finale del campionato U15 di due anni fa. Lo scorso anno causa COVID il campionato è stato sospeso e quest'anno i ragazzi cresciuti si incontrano nel campionato U18 (foto della partita del 12 dicembre 2021 presso lo stadio Vigorelli di Milano) dove gli Skorpions hanno ultimato la regular season con 6 vittorie su 6 incontri svolti. Gli Skorpions nascono a Varese nel 1983, da un gruppo di ragazzi con la passione per questo sport ed oggi, dopo quasi 40 anni,quegli stessi ragazzi si trovano ancora, per trasmettere la loro passione ai giovani giocatori. Grazie Cinzia ! (foto di Roberta Marcellini)
  9. SCOPRII per puro caso, lo scorso anno, che una tappa del campionato del mondo di aquabike si svolgeva in Sardegna, non lo sapevo proprio. Ovviamente l'edizione 2020 venne totalmente cancellata dopo due prove, ma nel 2021 si sta cercando di recuperare, Per ora le prime tre prove Polonia, Ungheria e Italia sono andate a buon fine. La location scelta è Olbia, esattamente il molo Brin, un ampio spazio acquatico non più utilizzato di fronte al marina Mi ero riproposto di non perdere l'appuntamento e sono riuscito nell'intento ma solo in parte (per istinto di autoconservazione e anche per motivi indipendenti dalla mia volontà). Comunque per un pomeriggio e una mattina sono riuscito a produrre qualcosa. Lo dico subito: mai fotografato l'aquabike fino ad oggi e a dire il vero non conosco neanche le classi di gara e neanche il regolamento e, mea culpa, non conosco neanche i nomi degli atleti in gara... un disastro. Ciononostante il tempo che ci ho speso ritengo sia stato proficuo. Poche le postazioni a mia disposizione ma comunque una certa libertà di movimento l'ho avuta grazie a un servizio d'ordine comprensivo e a un limitatissimo affollamento. Ho lavorato tranquillo per qualche ora ed era ciò che più mi interessava. Sport magari noioso da vedere dopo i primi cinque minuti ma decisamente divertente da fotografare. Con grande sorpresa ho scoperto che si può fare tanto e le situazioni in acqua sono le più disparate. Un antistress consigliatissimo. Una grinta pazzesca questi ragazzi e anche tanti muscoli, perchè tenere un jet sky non è facile. Sulle boe fanno pieghe da paura... le orecchie in acqua E le ragazze non sono da meno, meravigliosamente aggressive. Da brivido L'unico rammarico è stato non poter assistere alla parte più divertente dello show, la specialità freestyle che potete ben immaginare. Purtroppo si è svolta ieri in notturna, con inizio alle 21. Per i motivi che ben conoscete ho dovuto rinunciare. Ero già in tira da ieri mattina e non posso più permettermi certe zingarate. Cercherò di gestirmi meglio nel 2022, sperando che il mondiale resti in Sardegna. Mi sono divertito veramente tanto e, sinceramente, non avevo mai prodotto tante immagini in un' paio di sessioni di poche ore ognuna. Vorrei pubblicarle tutte, Quest'ultima credo spieghi molto bene a cosa si va incontro... ci si può sbizzarrire veramente tanto. Pezzo consigliato: Let It Ride, della Bachman Turner Overdrive, per chi ancora se la ricorda. Alzate il volume Copyright Enrico Floris 2021 per Nikonland
  10. Escursione al Monte Baldo che si affaccia sul Lago di Garda. La funicolare che raggiunge l'altopiano porta schiere di appassionati (quasi tutti di lingua tedesca) di Parapendio che sfruttano le forti correnti di risalita per divertirsi con evoluzioni e volteggi. Non so nulla di parapendio ma sono rimasto affascinato los tesso. Credo richeda un certo coraggio oltre ad una buona esperienza ed una forza di braccia notevole per regolare il parapendio o come si chiama. In aria poi sono belli con i loro colori vivaci, nel contempo silenziosi. Mi immaginavo come deformazione professionale di essere sorvolato da grandi pterodattili (le dimensioni sono più o meno quelle ). Altra cosa che mi ha colpito molto è che si involavano anche quando le nuvole ci coprivano e non si vedeva quasi nulla. Lascio parlare le immagini, sperando siano di vostro gradimento. Attrezzatura: Nikon Z6 e 24-200. Preparativi nelle nuvole: Via, nel nulla! Le nuvole inizano a diradarsi, nuovi preparativi. E poi via nel cielo limpido! Qui dei Gracchi alpini (piccoli corvidi) come dei caccia, ispezionano il velivolo sconosciuto Ed è tutto!
  11. L'edizione 2020 in effetti si sarebbe dovuta svolgere a giugno, come ogni anno, ma a maggio ancora non si sapeva se e quando. Solo ai primi di luglio correva voce che il mese prescelto sarebbe stato ottobre. Naturalmente a campionato ridotto perchè molte prove del mondiale sono saltate proprio per i lockdown imposti in molte nazioni in quasi tutto il circuito. Ma la tappa italiana è sempre stata tra le più sicure, in parte per la chiusura dei confini per chi proveniva da stati non classificati sicuri e in parte per il “bluff” concordato con la FIA dal governatore della Sardegna che ha annunciato totale chiusura al pubblico. Cosa ovviamente impossibile, ma che è servita a scoraggiare l'arrivo di molti appassionati. Quest'anno doveva andare così. Complicato il programma. Prove speciali ridotte, orari improbabili e controlli attenti (soprattutto sulle mascherine). Ma quando mai mi sono lasciato scoraggiare? Nella prima giornata una prova speciale che non conoscevo e che attraversava un cantiere forestale meraviglioso, nei pressi di Castelsardo. Speravo meglio, con Enzo Cossu (bravo fotografo e nikonista, col quale normalmente ho piacere di lavorare) avevamo fatto un sopralluogo lungo tutta la speciale un mese fa, ci sembrava un'ottima scelta. Ahimè, così non è stato. Luce pessima con metà del tracciato in ombra e una foschia veramente fastidiosa. Ho preferito orientarmi sulle immagini ambientate, giusto per fare qualcosa di diverso e che non facesse troppo ringhiare. In piedi su una roccia, e con le ginocchia scassate... queste cose non le dovrei proprio fare, ma ancora non riesco a trattenermi. Veibi-Andersson su Hyundai i20. Primo anno per quest'auto e va veramente forte. Erano due le i20 in gara, l'altra affidata all'equipaggio russo Gryazin-Aleksandrov. Una scenografia pazzesca. Mi riprometto di tornarci con più calma... magari rischiando meno Me lo sentivo dentro che questa foto l'avrei dovuta fare, un primo piano degli americani Sean Johnston e Alexander Kihurani... ancora ignari di quanto sarebbe accaduto loro il giorno dopo.... ....... il giorno dopo. Nella "speciale" di Loelle. E io ero c'ero. MA CHE CULO ANCHE LORO... CHE SONO RIPARTITI Tre giorni di sveglia alle 4 del mattino, tutto il giorno in piedi o sdraiato in terra con la testa poggiata sullo zaino, l'attesa infinita e i crampi.... qualcosa la dovevo incassare, per giusto diritto. Noi fotografi siamo dei cercatori. Se cerchiamo, prima o poi, troviamo. Amen. Ma tant'è... lo spettacolo deve continuare. La grinta di Thierry Neuville nella speciale di Tergu, quasi al volo prima di rientrare a casa. Terzo e ultimo giorno all'Argentiera, in quella che _ per il paesaggio che attraversa _ viene considerata la più spettacolare tra le prove del mondiale e per questo molto difficile da documentare per i fotografi non ufficiali. Cioè noi. Ce ne faremo una ragione, per ora qualche idea ancora l'abbiamo. Anche senza un passe appeso al collo. Intanto un doveroso omaggio alla coppia Solberg-Mikkelsen, apripista veloci .... e agli irriducibili amici della polvere Sebastien Ogier Veibi-Andersson Gryazin-Aleksandrov Tanak-Jarveoja E l'arrivo spettacolare di Dani Sordo, vincitore in Sardegna per il secondo anno consecutivo. Stavolta "spinto" dal maestrale. Un traversone in prossimità del traguardo mi mancava. ----------- Copyright Enrico Floris 2020 per Nikonland
  12. Il riferimento alla pellicola cult di John Milius non è per niente casuale... in effetti ieri era mercoledì. E io avevo voglia di provare la D500 sul campo che preferisce, lo sport. L'idea di scrivere questo blog, invece, già mi balenava per la mente da alcuni mesi, e i campionati FISW, che quest'anno non solo assegnavano i titoli italiani, ma decidevano le qualificazioni per Tokyo 2020 per la specialità shortboard, sono stati la giusta occasione. Galeotto è stato un libro, una classica lettura estiva dal titolo Giorni Selvaggi, scritto dal giornalista e scrittore americano, premio Pulitzer per i suoi servizi di guerra dalla Somalia, William Finnegan. Giorni Selvaggi è la sua storia, la sua vita. Una vita divisa da sempre tra il grande amore per la letteratura e la religione (perchè di questo si tratta) del surf. Una vera e propria folgorazione nata alle Hawaii quando ancora era un ragazzino. Un libro avventuroso, straordinario; un ritmo che non annoia, piuttosto incuriosisce. Finnegan (oggi 67enne) ha girato il mondo per oltre cinquant'anni cercando le onde più difficili da surfare, quelle che egli stesso definisce onde killer, che si infrangono con lo stesso fragore di due treni che si scontrano; racconta della sensazione di terrore assoluta che si prova a surfare un'onda veloce, alta dieci metri. Terrore che in una manciata di secondi si fonde con la gratificante euforia per averla surfata senza cadere. Stati d'animo contrastanti che “sparano” l'adrenalina a mille. Una vita fatta di passione, rischi e sacrifici, tirando a campare, nel suo girovagare, con i lavori più umili: cameriere, benzinaio, giardiniere e di tanto in tanto qualche articolo che le riviste di surf australiane pubblicano volentieri. Persino insegnante di storia nel Sud Africa dell'apartheid, in un college per ragazzi di colore. Più avanti, da giornalista e inviato di guerra non viaggiò mai senza la sua tavola da surf. In quegli anni affrontò persino le onde di El Salvador durante la guerra civile e della Somalia... un bersaglio perfetto. Troppo difficile però rinunciare alla gioia di surfare, quasi per esorcizzare quei momenti difficili, di drammatica sofferenza. Un surfista randagio che i giorni selvaggi li ha vissuti per davvero, affrontando onde che oggi non esistono più perchè il mare, nel suo incessante lavoro di erosione, modifica i fondali. E' geloso delle "sue" onde e sa che non potranno mai più ripetersi e nessuno potrà mai più surfarle. Il campo di gara era lo spot di Mini Capo, nei pressi di Mandriola. Al mio arrivo (intorno alle 11) gli atleti erano già in gara da un paio d'ore, sulla line up, alle prese con onde di circa 4 metri che arrivano in serie (swell) di 3, distanziate di circa 5 secondi. Vento di maestrale, oltre i 25 nodi, abbastanza destabilizzante quando si sta su una tavola piccola, leggera e difficile da controllare come la shortboard. Ma loro sono bravissimi e spettacolari, agili e veloci interpretano alla perfezione ogni minima increspatura sull'acqua. Lo spettacolo infinito di uno degli sport tra i più fotogenici in assoluto... e io mi diverto come un matto. E la D500 nelle mie mani è una scheggia, reattiva e infallibile, nonostate il vecchio 70-300 VR, ieri veramente alla frusta (in attesa che mi arrivi il 200-500). E non potrei scrivere niente di meglio di quanto è statoo scritto finora su Nikonland. Voglio solo pensare che siano le immagini a parlare. E qualche volta l'onda ha la meglio, il mare non si lascia addomesticare Come al solito, spero di aver fatto un lavoro almeno dignitoso. In ogni caso, per poche ore, mi sono divertito tanto. E leggete Giorni Selvaggi, ne vale davvero la pena. Pezzo consigliato, visto l'argomento: dal genio di Brian Wilson, Surf In Usa, Beach Boys
×
×
  • Create New...