Jump to content

 

M&M M&M

Davide D.

Nikonlander
  • Content Count

    966
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    5

Davide D. last won the day on May 6

Davide D. had the most liked content!

Community Reputation

203 Excellent

About Davide D.

Recent Profile Visitors

2,078 profile views
  1. ... da che ce la si fa... Nikon Z6, 24-70 f/4, @32mm Finalmente si riesce dopo anni a fare qualche passeggiata sopra i 150 m s.l.m., dal Forte di Monte Ercole sulla strada militare facente parte delle vecchie fortificazioni ante I guerra mondiale. Posto perfetto per escursioni "famigliari"...
  2. No tranquillo... pensavo anche fosse da brrrrrr... ma fatto una volta lo fai cento altre volte senza più patemi!!! Anche perché è necessario visto che attira pelucchi meglio dello swiffer...
  3. Si potrebbe quindi dire che la variabile nei conti spannometrici (... che di solito sono sempre i più... precisi!) sulle stampe in proprio sono proprio il numero di stampe fatte / previste: diciamo che su una decina di stampe all'anno non ci dovrebbe essere storia per quanto riguarda il risparmio: terziarizzazione della stampa e via!? Fatta salva la soddisfazione personale non quantificabile...
  4. Tralasciando per un attimo il "fai da te" che ha il suo prezzo (inclusivo di apprendimento...) ma può regalare grandi soddisfazioni, faccio una domanda: tra un cd. STAMPATORE ARTIGIANO - che stando alle vostre esperienze pare di capire possa essere quasi un "interprete" dell'immagine - ed uno STAMPATORE INDUSTRIALE (es. White Wall, SAAL digital, per citare due esempi che mi vengono in mente...) - il quale apparentemente (?) non interpreta e traduce in automatico il file inviato - a livello di soddisfazione / esperienza / qualità percepita sul prodotto finale (la stampa) quali sono le vos
  5. Tolti gli album di famiglia ed un paio di album tematici come regalo (servizio on line, qualità proporzionata allo scopo) mai stampato seriamente qualcosa: prima dovrei avere la certezza che se appendo al muro una cosa, questa possa piacere a chi vive con me (ma questo è un altro discorso e la psichiatria non fa parte del sito ) ma soprattutto che il "flusso di lavoro" per arrivare al risultato finale sia tecnicamente valido. Stampa in casa? Affascinante senza dubbio, ma mi conosco e non avrei la tenacia e la costanza necessarie per arrivare a seguire anche questo mondo. Diciamo che sono
  6. Grazie per l'articolo Massimo. Mi sono messo con un (per i miei standard) discreto impegno nel provare CO20, complice da un lato la lentezza esasperante di LR, in modo abbastanza continuativo nel periodo di prova. Se posso, consiglio anche io di provarlo: vero che l'impatto come con tutti i nuovi sw è magari spiazzante, ma ne vale la pena. Mi sembra una via di mezzo tra LR e PS quanto a funzionalità generali (non parlo di qualità di elaborazione...). L'importante (come giustamente hai detto) è "smettere di usare LR": a maggior ragione se uno è appassionato e non ci lavora non vedo perchè non s
  7. Una riflessione di fondo che faccio, magari errata, è che l'integrazione con il "mondo video" abbia visto avvantaggiate in un certo senso proprio Canon, Panasonic e Sony che hanno solide radici nelle videocamere. E che appunto rappresentano il corpo della tua analisi. Integrazione magari solo tecnica ovviamente, che però avvantaggia il passaggio al lato fotografico. Perchè nessuno in buona fede può negare a Nikon una sincera predominanza nel "file sfornato" ma proprio per questo appare un gran peccato essere terzi di brutto e non secondi a qualche decina di percentuale sulle vendite rispe
  8. Ciao, ti dirò ... ammè piace più la seconda. Gusto personale ovviamente, ma lo spazio d'aria a destra secondo me fa guadagnare qualcosa al soggetto....
  9. 16-35 f2.8 14 f1.8 70-300 f4 (ma anche 70-250 se non fosse possibile, giusto per fare una via di mezzo... ma sempre f4) 150 MICRO
  10. Come premessa ovviamente non mi aspetto dei tutorial: Nikonland piuttosto lo vedo come quel posto dove... "lo trovi solo qui": un modo simpatico per dire che una "esperienza d'uso" di un software o nella scelta di un laboratorio di stampa (oppure al contrario nella scelta della stampa faidate) potrebbe valere molto, almeno all'inizio per fare da volano e traino per molti "silenziosi"... o per coprire qualcosa da approfondire. Morale "didascalica" in ordine di personale preferenza sugli argomenti? software di elaborazione e stampa (tenendo a mente che il "grosso della platea" non stampa in
  11. Fate venire voglia di perdere 6mm in basso e 4 mm in alto per questa meraviglia! ... entusiasmo contagioso, bravo
  12. La cosa più bella di partecipare a questa iniziativa è stato il fatto di cercare di accendere la lampadina, di farsi venire un'idea coerente, cercare di realizzarla (ah e trovare anche uno momento per metterla in atto, ma confesso che è stata tutto sommato la parte più facile, inaspettatamente per me!) e anche se spesso non ho centrato l'obbiettivo, devo dire che è stato divertente e stimolante. Non credo ci saranno mai "folle oceaniche"... forse per il fatto che bisogna lavorarci su, forse perchè non si può accedere al proprio archivio, ma anche al fatto che non è una "botta e via" ma bisogna
  13. E' un'operazione per niente banale, anzi estremamente stimolante! Certo che se uno è amante di libri gialli e polizieschi...
  14. Ciao e buona domenica a tutti... non so se sono ancora in tempo, forse no. in ordine di preferenza: 4. Uno scatto pensato e costruito senza nulla lasciare al caso, tanto meno la scelta degli oggetti che insieme alla luce danno inequivocabilmente vita al concetto di tramonto... 13. Se non è un tramonto questo... manca solo l'effetto del neon che sfarfalla . In particolare l'inquadratura mi mette un po'... come dire... un senso di tristezza, e credo che sia lo scopo del tutto! 5. Ognuno ci vede ciò che sente... ma il velo di angoscia, tristezza, abbandono, mi fanno quasi pen
  15. 10. Il tramonto di un treno Eppure un tempo erano all'avanguardia... ma il tempo passa per tutti, anche per gli strumenti che utilizziamo ogni giorno. L'automobile, il telefonino, il treno... testimoni silenziosi della nostra vita. NIKON Z 6, 24-70, f/10, 1/320, ISO100 @58mm E nel silenzio di uno scalo ferroviario, in un'assolata estate, solo le cicale si fanno sentire, quasi a volere sovrapporsi alle voci e ai i ricordi di un'epoca, dei viaggiatori e di chi con questi mezzi ha lavorato. Intorno anche un albero si è fatto grande e ha abbracciato la vecchia "littorina". Le r
×
×
  • Create New...