Jump to content

Davide D.

Nikonlander
  • Content Count

    688
  • Avg. Content Per Day

    1
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    3

Davide D. last won the day on January 14

Davide D. had the most liked content!

Community Reputation

96 Excellent

About Davide D.

  • Rank
    Advanced Member

Recent Profile Visitors

1,457 profile views
  1. Insomma, tanto per cambiare Nikon ha sfornato una macchina fotografica con la quale realizzare ottime immagini! Ma non c'erano dubbi in proposito, la capacità di Nikon in tal proposito è più sicura di un buono del tesoro tedesco... (mi permetto di citare un commento di Mauro tratto dal test sulla D750: "Non c'era bisogno di questa sensibilità, 1.000 ISO sarebbero bastati. Infatti è raro aver bisogno di queste sensibilità. Chi ne ha bisogno costantemente dovrà interrogarsi sul suo modo di fotografare. Tranne che per attività lui non fotografi il basket nei palazzetti dello sport meno illuminati del mondo ... " ecco, credo che sia giusto mostrarne il potenziale a ISO elevati, anche per essere consapevoli dell'evoluzione tecnologica dei mezzi, ma non si può pretendere la luna oltre l'umanamente corretto) Piuttosto però... se questa 780 avesse il corpo di una 8nn potrebbe essere un oggetto del desiderio? O la partita reflex è chiusa a prescindere?
  2. Grazie per le immagini e per le descrizioni! Paesaggi bellissimi che meriterebbero una vacanza apposita... Ci terrei a sottolineare anche una cosa in parziale OT: vedendo "dal di fuori" emerge la cura riservata al paesaggio da parte dell'uomo (al netto che non sia neanche lì tutto perfetto, ovviamente). Mi riferisco per esempio ad una banalità, me ne rendo conto ma che a me balza subito all'occhio, ovvero all'assenza di grossi elementi di disturbo. Vero che le Crete sono una zona rurale ma è possibile che ci siano posti (altrettanto rurali...) dove non si riesca a fare un chilometro senza riprendere almeno un traliccio, un'antenna, un cartellone pubblicitario, 3 elettrodotti nel giro di 300 metri? Non parlo di siti industriali o grandi città, ma di collina e campagna... Fine OT e quindi doppi complimenti!
  3. Ciao a tutti e grazie del passaggio. Sì dici bene, non c'è dubbio. Però sai, il cervello certe volte fa ragionamenti un po' strani: può essere che apprezzandone la specializzazione venga più voglia di usarla... Chissà, fra 6 mesi tirerò le somme.. in tutta serenità e trasparenza. Mi farebbe doppiamente piacere... Conoscere un nikonista vicino e provare finalmente questo dibattuto 14-30!! Riguardo alla discussione... Io riassumerei il tutto semplicemente con l'esempio dell'uovo e della gallina. Non esiste sistema senza ottiche o senza corpi. Servono entrambi. Serve un corpo più grosso per il 70-200 ma serve anche un grandangolo zoom per il 90% degli acquirenti. Valerio, capisco quello che dici, ma a Tokyo devono vendere... Canon se lo può permettere di fare incavolare i possibili acquirenti con prezzi da capogiro, Nikon no. Se il 14-30 fosse stato fatto diversamente sarebbe un 14-30 pesante e grosso come già l'esistente, non ci sarebbe stata l'auspicata innovazione di immagine del mondo Z. Riguardo il 180 nuovo per 10 di noi o di un micro 200 per pochi intimi, se fossero messi in vendita prima del 24-105 o del 70-200 ci sarebbero file di inferociti coi forconi anche qui non solo su altri forum...
  4. Ovviamente non voglio (e tanto meno posso) fare nè una recensione nè tracciare dei giudizi... ma semplicemente riportare le mie impressioni d'uso dei miei primi passi con Z 6 con gli accoppiati 24-70 f/4 e 50 1.8 ad essa appositamente dedicati. Saranno immagini di scarso valore essendo in questo momento più preoccupato ad "imparare" le innovazioni del mondo Z rispetto al mondo D. Personalmente però trovo che sia giusto, a fianco (anzi dietro) ai molti Nikonlander che da tanto la usano proficuamente, dire la mia... magari a quelli che (come me d'altronde) sono indecisi... rapiti dalle bellezze delle gallerie già ben popolate, ma che non sono sicuri che in mano loro possa essere una tecnologia UTILE. Innanzitutto è una Nikon: è fatta bene, mi ha dato una impressione di solidità e di buona costruzione. Gli obiettivi sono a mio avviso fatti anche meglio rispetto alle vecchie controparti per F: nulla da eccepire. Il tutto è leggero ma non "cheap", spero di essermi spiegato... Abituato alla D850 è chiaramente un altro mondo, una volta presa in mano sono rimasto un po' spiazzato, ma si impugna però bene.... e non affatica il collo girando per la città. Arriveranno un domani dei corpi più grossetti, ma per il momento non posso ritenermi affaticato, per l'uso a cui è attualmente destinata. Qualità di immagine, tenuta ISO.... non scherziamo, è una Nikon e il suo sensore (lo ammetto) talvolta mi è mancato... quindi niente da aggiungere. Assicuratomi l'installazione dell'ultimo FW come prima cosa, una parola sull'autofocus, del quale se ne sentono di tutte. Per me è veloce e lavora benissimo, anche con luce scarsa. In questo mi ha stupito, anche con FTZ e altri obiettivi come Sigma ART 85 e 14-24... In AF-C lo ammetto, la prima cosa che ho fatto è stato provare il riconoscimento del volto/occhio: posso dire candidamente di essermi sentito (magari sarò ingenuo, ma non in mala fede) come un bambino in un negozio di caramelle... senza flash, luci continue, una linea LED e ISO Auto.... mi sono divertito, soprattutto a pensare all'inquadratura e non a fare entrare 2 teste nell'area AF. Su questo appoggio molto l'entusiasmo di chi mi ha preceduto. Altre modalità di AF, in particolare l'aggancio di grandi soggetti in movimento, devo semplicemente prenderci la mano. "Ok / sposta / Ok" non è immediato all'inizio, ma se qualcuno ha fotografato il motocross e l'automobilismo allora non è impossibile... si impara tutto nella vita! Chiaro che per soggetti più piccoli e in movimento random... è un'altra storia, ma dove non si può imparare e dove proprio non ce n'è, ci arriverà mamma Nikon prima o poi, ne sono sicuro. Ultima cosa riguardo l'EVF: poter vedere subito a mirino il risultato finale, vale il prezzo del biglietto.... Personalmente pensavo peggio. Capisco chi eventualmente non lo sopporta per questioni "fisiche" o di prolungato lavoro... ma per un uso molto "generale" non mi è per nulla dispiaciuto. Ah e lo stabilizzatore mi pare che lavori alla grande. Non ho misurato un bel nulla ok, ma credo possa fare egregiamente il suo (per tutto il resto c'è il treppiede...) Cosa mi manca sinceramente (per il momento)? Qualche millimetro in più del corpo per le distanze tra i tasti e i tasti retro illuminati. Per l'AF, come ho detto, prima imparo a correre, poi vedrò se è il motore che non ci arriva! p.s. immagini come sfornate dal jpg in macchina... qualcuna raddrizzata e basta...
  5. Mancherebbe solo l'avviso "non provate a replicare queste operazioni a casa senza la supervisione di un adulto" Penso che quello che hai sottolineato in rosso sia la prova del grosso sforzo che Nikon ha messo in campo in questo momento (ma direi da qualche anno, certe cose non si inventano su due piedi..). Affascinante senza dubbio... soprattutto per chi debba mettersi a fare "Reverse engineering"...
  6. Pur con tutti i benefici di inventario legati alle incertezze delle date di uscita, dei dati di targa e del prezzo, ma immaginando una media ponderata di quello che propone attualmente la moda del mercato, ho votato come molti per 100-400 24-105 micro 105 per sostituire qualcosa di obsoleto che ho e che in più potrebbe fare scopa con il concetto attuale di ML
  7. Aggiornamento: D850 con BG Neewer; Nikon Z6 Nikon 24-70 S f/4 Nikon 50 S 1.8 Samyang 14 2.8 prossima vendita Sigma ART 14-24 Sigma ART 24-35 Sigma ART 50 Sigma ART 85 Sigma 105 OS Macro Sigma ART 135 Nikon 24-120 Sigma 100-400 C Flash SB-700, Godox TT685 e AD200 con diffusori e trigger Treppiede Genesis C5 Zaino Tamrac e tracolla Case Logic..
  8. Mannaggia a voi, ai tarli, alle scimmie, ai cashback, ai morbi e ai verbi... Dato dentro tre obiettivi, preso il kittone e il 50mm, son salito anch'io sul treno Z!! Messa già in carica la batteria, aggiorno il censimento... a presto per le inevitabili problematiche esistenziali che mi verranno in mente ma soprattutto per le immagini da caricare
  9. Giusto così d'altronde: giustificano il nuovo innesto e inoltre ampliano la forbice di targa, prezzo, qualità e destinazione d'uso che esisteva tra 1.8 e 1.4... diventando ora 1.8 - 1.2 ma da una "base" decisamente più valida... Spero però che al momento del lancio del 200-600 ci sia anche una Z di fattura adeguata che esca "dalla pentola che bolle"...
  10. ... ma d'altrocanto uno che ha una 750 e non è già passato a ML o a una 850 potrebbe pensare di spremere il possibile dalla vendita e mettendo dentro altri 1200 euro (meno qualche euro da qualche obiettivo del corredo magari...) prendere una D780 che gli garantisce almeno per qualche anno un certo valore. Ogni ragionamento in fin dei conti è plausibile. Da quel che immagino secondo me ne venderanno abbastanza, perchè il concetto di fondo è: Nikon ti da un ibrido tra la cara vecchia reflex e una ML. Se poi ti piace il nuovo sistema in LV la dai dentro per una Z6 sennò amici come prima... Mossa tutto sommato che ha un senso. Certo, spero che la prossima Z sia un ibrido tra reflex e ML: come forma naturalmente!
  11. Bellissimo e ottimo sicuramente... Ma messo in foto con una attuale Z sembra più un... 500!
  12. Ciao Marco! Si infatti basta con questi stereotipi triti e ritriti... Comunque Roby tranquillo che non è stato facile alzarsi dal letto... ma la fotografia è anche una scusa per vivere qualche bella sensazione (...anche il principio di assideramento)
  13. La tentazione di scambiare il corNetto per un corRetto è stata tanta... ma terrò l'idea di un buon bianco per la fase del tramonto 😁
  14. Il mio capo proprio non capiva le macchine moderne: per lui il massimo dell'innovazione era l'ABS, l'airbag e il climatizzatore, tutto il resto che è venuto dopo era "fuffa per mettere dentro robe che si rompevano alla prima occasione". Poi quando ha cambiato la BMW 525 con 300.000km ha comprato una BMW 525. Non una Dacia Logan. Questo per dire che secondo me si chiama sviluppo, e passa da una squadra di progettisti che si occupa di sensori che vedono nel buio come fosse giorno a quella che si occupa di progettare una connettività seria (non un piffero di Wi-fi e Snapbridge che non funziona manco se lo preghi in ginocchio). Se capissero che questi si chiamano investimenti per il 100% dei fotografi (o appassionati tali) allora sarebbe innovazione.... Insomma: che abbiano la forza e il coraggio di dare gli strumenti giusti, saremo noi poi a utilizzare quelli di cui abbiamo bisogno....
×
×
  • Create New...