Jump to content

effe

  • entries
    24
  • comments
    273
  • views
    8,867

Architettura in abbandono - La Cupola di Antonioni


Enrico Floris

2,453 views

KEF_4049.jpg.9f3d89f162f77c0bb4e26efb60c18e01.jpg

16 giugno 2020. Sono assente da Nikonland da parecchie settimane. Come tutti voi sono stato frenato dal lockdown la cui fine, purtroppo, è coincisa con l'inizio del mio periodo di letargo fotografico per via delle condizioni di luce che per tutta l'estate non sono esattamente il meglio che un fotografo vorrebbe. Per diversi giorni ho cercato un argomento buono per popolare il mio blog e alla fine l'ho trovato. Piuttosto ostico e capirete perchè. Diciamo il classico passo più lungo della gamba, ma è difficile scrollarsi di dosso un'idea quando arriva.

Si parla di un'opera architettonica dimenticata da molti, quella che viene definita la Cupola di Antonioni, disegnata dall'architetto Dante Bini nel 1969 e realizzata a Costa Paradiso, a margine di un agglomerato residenziale d'élite, appunto per Michelangelo Antonioni. In realtà le cupole sono due, una più piccola. Ma la proprietà venne divisa e la più piccola, in seguito, ceduta.

Come dicevo l'argomento è ostico perchè entrare nel merito delle filosofie di progettazione applicata di certi geni dell'architettura Made in Italy è per me estremamente complicato. Ma sono rimasto talmente affascinato da quest'opera che devo assolutamente sforzarmi di scrivere questo pezzo evitando il più possibile di scrivere stupidaggini.

L'opera in sé richiama costruzioni già presenti in Italia, sin dal primo dopoguerra, esattamente a Milano, le famose case Igloo della Maggiolina. Diversa è la tecnica di costruzione: nel caso della Maggiolina le case Igloo erano costruite in mattoni e sorrette da losanghe in acciaio. Mentre la cupola costruita da Bini sfrutta una tecnica realizzativa da egli stesso ideata e denominata Binishell che consiste in un'unica colata di calcestruzzo su una forma d'aria sollevata a pressione (sostanzialmente forme prerealizzate e gonfiate ad aria). Facile oggi a dirsi e farsi, assolutamente geniale nel 1969.

Ma Dante Bini (classe 1932) era e continua ad essere un visionario. Oggi viene definito l'architetto delle piramidi e un motivo c'è: ha ideato la più colossale opera architettonica mai pensata e realizzata dall'uomo, quella che viene definita Piramide di Tokyo, un'immensa struttura a forma di piramide, appunto, alta 2.004 metri, sorretta da nanotubi in carbonio e in grado di accogliere 1.000.000 di persone che _ se realizzata _ avrà un costo di 554 miliardi di euro, inizio lavori nel 2030, fine lavori nel 2110.


 

La Cupola di Antonioni
 

KEF_4013.jpg.617d18f6d730112c255b118afe245c50.jpg

Il primo impatto con questo incredibile manufatto produce un certo disappunto. Sembra uno sfregio ambientale insanabile, su un costone di roccia e vegetazione che precipita in acqua, già largamente degradato dalla presenza di centinaia di villette che si affacciano su un mare invivibile, esposto a tutti i venti del quadrante occidentale. Incomprensibile.
La cupola è fortemente degradata e in stato di abbandono, i segni del tempo sono largamente visibili. Sorprende subito il corridoio sospeso che porta all'ingresso. Ed è in questo momento che questo manufatto esercita tutto il suo fascino e riesco ad immaginare la casa del futuro, una cupola completamente rivestita di pannelli solari, una superficie inattaccabile dall'acqua che non ristagna sul tetto ma scivola per gravità; resistente al vento che, per quanto forte, non può far altro che scorrergli attorno.

KEF_4017.jpg.f816bc454c11906990d63cc82a504b5a.jpg

 

KEF_4050.jpg.1312b4c083d30cdfff4932e8caa59955.jpg

Interessante la seduta a destra dell'ingresso ricavata da un blocco di granito e la singolare finestra

La curiosità cresce e scendo pochi scalini che mi conducono dabbasso, dove intravedo una porta aperta...

KEF_4023.thumb.jpg.ada5294cfd0ba53945948e99a8030730.jpg

 

... la oltrepasso e mi ritrovo in un incredibile open space, una zona giorno piuttosto ampia e perfettamente illuminata. Ma come è possibile illuminare ciò che a prima vista appare come un bunker impenetrabile persino ai fotoni? Le soluzioni sono semplici ed estremamente efficaci: un'enorme vetrata che segue la curvatura della cupola e un "oculo" centrale che proietta dentro la luce del sole. Tanto basta.

52481209_KEF_40242.jpg.6089e9977c317f20628341e9c29d7196.jpg

 

KEF_4032.jpg.e891ea3f1def0a878e1a359125f3a18c.jpg

 

L'oculo non ha mai avuto un vetro, si capisce perfettamente. E perpendicolarmente ad esso è posizionato un piccolissimo giardino che quando piove viene innaffiato naturalmente. Molto difficile fotografarli assieme e mostrarli. Credetemi, è stata l'unica volta in vita nella quale ho desiderato di avere un decentrabile montato sulla baionetta.

1480483902_KEF_40351.thumb.jpg.455caf1d111da0e4a26fe6ce0d6bcd9f.jpg

..

Forme inimmaginabili, luci e ombre che si fondono e talvolta creano contrasti netti. Pavimenti e scalinate basse, irregolari rigorosamente in pietra e il movimento creato sulla parete circolare dall'intonaco, anch'esso irregolare, volutamente steso con la spatola (ho tirato un po' la struttura perchè risaltasse) e in grado di generare movimento perchè un'unica parete liscia diversamente diventerebbe terribilmente occlusiva e claustrofobica. Trovo che l'architettura talvolta diventi l'arte dei particolari dove niente deve sfuggire.

KEF_4028.jpg.46db7b13903405aa70271f441524f712.jpg

 

KEF_4029.thumb.jpg.76cf47bd4ac0a0798dad3bda58ace3be.jpg

 

1575486992_KEF_40392.thumb.jpg.b7bcf28ae4555125f4f5cfd31aa7d159.jpg

 

KEF_4037.jpg.674890ab771b7b7e2b28c67802518156.jpg

 

KEF_4042.thumb.jpg.57b7e4eb3ba592832d94b30b01d78452.jpg

 

1207723012_KEF_40481.thumb.jpg.3cdcd177f18ca32557be14d6addf32cb.jpg

Michelangelo Antonioni la commissionò come rifugio per se e per Monica Vitti. E Dante Bini fece un lavoro eccellente, ahimé curandosi poco dell'ambiente circostante. Ciononostante ritengo che debba essere recuperata. Come dicevo, il Fondo Ambiente Italiano sta cercando di acquisirla e restaurarla. Sicuramente è un'opera di grande valore architettonico e anche storico. Mi auguro che il FAI riesca ad ottenere i finanziamenti necessari. D'altronde, a vedere in che stato versa, non credo che gli eredi Antonioni (se ne esistono, non so) interessi qualcosa.

Perchè il Bianco e Nero

Perchè gli Anni Sessanta facevano tanto Nikon F e scatti in b/n con forti contrasti. Un po' di nostalgica immaginazione non guasta mai. E poi credo che luci e ombre generate dalla matita di un architetto risaltino meglio col monocromatico. Invece le curve un po' esasperate sono opera mia (potete dissentire liberamente, ci mancherebbe):)

Conto di ritornarci perchè ho la sensazione di non aver finito il lavoro. Qualche volta mi capita. Buona visione a tutti
Un pezzo appropriato mi pare Time Machine di Devon Allman

------------

Tutte le immagini sono realizzate con Nikon D7100 e Tamron 17-50 f.2,8 in luce ambiente. Copyright Enrico Floris per Nikonland

 

 

  • Like 14
  • Haha 1

11 Comments


Recommended Comments

  • Nikonlander Veterano

Interessante reportage, che effettuato con una lente più corta sarebbe stato ancora più efficace.

Ma il bianco e nero per le foto di architettura è un must! (vedi ad esempio le immagini di Basilico), pertanto spiegare il motivo della tua scelta è forse ridondante.

Mi sorprende invece vedere all'interno della struttura poltrone, vetri e interruttori in buono stato di conservazione e non oggetto dei soliti vandali: immagino che l'edificio sia mantenuto chiuso e sorvegliato di tanto in tanto, perché al contrario non si presenterebbe così "ordinato".

 

Link to comment
  • Nikonlander Veterano
15 minuti fa, Pedrito dice:

Mi sorprende invece vedere all'interno della struttura poltrone, vetri e interruttori in buono stato di conservazione e non oggetto dei soliti vandali: immagino che l'edificio sia mantenuto chiuso e sorvegliato di tanto in tanto, perché al contrario non si presenterebbe così "ordinato".

 

Esiste una sorveglianza fisiologica continua, nel senso che l'intero complesso di edifici è frequentato tutto l'anno da squadre di manutenzione e poi nello specifico ho scoperto che la cupola spesso viene usata come set da parecchi fotografi con modelle al seguito e ogni volta viene ripulita, riordinata. Comunque nessun segno di vandalismo, neanche un cicca in terra. Solo degrado.
Sì, una focale più corta sarebbe stata utile. Un 14mm sarebbe bastato

 

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

bel reportage, interessante la storia della Cupola.

ottime foto in B/N che risalta le opere architetturale e complimenti.

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Le foto sono molto belle, trasmettono le sensazioni che nascono dall'unirsi di un'architettura  quasi spaziale con una condizione di abbandono un po' straniante. Perfetta la scelta del bianco e nero Bellissimo reportage.

Grazie,

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Ciao effe, ti mando due righe dal portatile, bel lavoro il tuo  con un peso di malinconia fuori dal tempo..

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Il posto e' bello e merita di essere documentato, il B/N aggiunge enfasi e fa venire voglia di tornare con un'attrezzatura diversa, idee maturate ecc ecc, insomma funziona !

Quello che mi chiedo quando vengono proposte "location" come questa e' quanto siano davvero visitabili ; non ne voglio fare una colpa a te o a chi ci va per documentare solo che a fronte di 2 o 3 che , come te appunto, danno visibilita' al posto, altri 100 vandalizzano...il tutto con un rischio di violazione di proprieta' privata, benche' semi-abbandonata. La mancanza di soldi per restauro/mantenimento/manutenzione e' , seppur banale, la risposta.

Al nord e' famosa Consonno.

Il riferimento alle case a fungo mi fa sorridere, sono cresciuto a poche vie da loro e nelle immediate vicinanze c'e' Villa Figini, una visionaria palafitta ( il Seveso gia' ai tempi era minaccioso ) del 1934 ora tutte sono inglobate in mezzo ad altre abitazioni.

Link to comment
  • Nikonlander

Belle foto e bel articolo.... a me sono sempre piaciute questo genere di foto, molto azzeccato il b/n che come fatto già da altri enfatizza ancora di più.

Il 20/6/2020 at 11:25, bimatic dice:

Quello che mi chiedo quando vengono proposte "location" come questa e' quanto siano davvero visitabili ; non ne voglio fare una colpa a te o a chi ci va per documentare solo che a fronte di 2 o 3 che , come te appunto, danno visibilita' al posto, altri 100 vandalizzano...il tutto con un rischio di violazione di proprieta' privata, benche' semi-abbandonata. La mancanza di soldi per restauro/mantenimento/manutenzione e' , seppur banale, la risposta.

per risponderti in breve di solito non lo sono “visitabili” o comunque se lo sono sono a responsabilità di chi ci va.... e sì, a fronte di pochi che portano rispetto per questi luoghi a cui magari interessa documentarne la storia e condividerne l’esperienza c’è ne sono molti di più che li vandalizzano senza ritegno, ed è triste!

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

FANTASTICO!!!!

Un tuffo nei primi '70. Ma quelli belli, quelli solari, magari un po' "coscion" ma di certo lontani 100 anni luce dal grigiore della periferia del nord padano. 

Boia cane avessi i soldi la prenderei io altre che FAI.

Tranqui, accesso libero, previo acquisto ticket :)

 

Link to comment

Purtroppo si tratta di violazione di domicilio, trattandoi di proprietà privata, contrariamente a quanto affermato depredata e vandalizzata più volte, tanto da costringere i proprietari attuali a far collocare una recinzione alta che "dovrebbe" dissuadere da incursioni non autorizzate.

Link to comment
  • Nikonlander Veterano
19 ore fa, Micol ha scritto:

Purtroppo si tratta di violazione di domicilio, trattandosi di proprietà privata, contrariamente a quanto affermato depredata e vandalizzata più volte, tanto da costringere i proprietari attuali a far collocare una recinzione alta che "dovrebbe" dissuadere da incursioni non autorizzate.

Intendevasi dire: se la acquistassi io, lascerei libero accesso previo ticket ingresso (cifra simbolica), con visita guidata IN SARDO, che è più verace e crea l'atmosfera.
Ma sereni tutti: non c'è pericolo, non dispongo della pecunia sufficiente a soddisfare anche il prezzo più stracciato che si possa proporre per quel luogo ;) 

 

un saluto

  • Haha 1
Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...