Jump to content

effe

Nikonlander Veterano
  • Posts

    1,803
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    29

effe last won the day on September 4

effe had the most liked content!

1 Follower

Recent Profile Visitors

4,399 profile views

effe's Achievements

Nikonlander Veterano

Nikonlander Veterano (4/5)

1k

Reputation

  1. Anche perchè i Suv non esistono più. Il primo e ultimo Suv che sia mai stato costruito era il Rav4 prima serie che era leggero e aveva anche una ridotta. Da lì in poi solo berline ingrassate il cui unico vantaggio è la guida alta (neanche più la vetratura ampia che è stata sacrificata per l'estetica).
  2. Ecco il punto d'arrivo. Lavorare tutti per lavorare meno, guadagnare tutti più soldi e avere tutti il tempo per spenderli quei soldi. Si inizia a quagliare. Il Pil andrebbe alle stelle, il denaro circolerebbe alla velocità della luce producendo sempre più denaro e garantendo ai ricchi di arricchirsi sempre di più e agli altri di vivere degnamente. Attenti, la provocazione non è questa, ma sta per arrivare: in una tale condizione di cosa non avremo più bisogno? Facile: della politica che esisterà solo finchè ci sarà gente che sta male, gente alla quale promettere meno tasse, più soldi, più tempo... più tutto. Una rivoluzione incruenta, anticamera per una società distopica (oggi vanno di moda termini tipo distopico, biopico, resiliente... azz, siamo messi male), ma con molto più tempo a disposizione.
  3. Eppure quando siamo venuti al mondo nessuno ci ha detto che arbitrariamente ci avrebbero cambiato le regole del gioco. Come dire che prima avevamo pieno diritto alla tetta e poi è finita che ce la dovevamo guadagnare... Quale passaggio ci siamo persi?
  4. Andrebbe studiato un algoritmo, secondo me, che stabilisca quanto lavoro, per quanto tempo, per quanto guadagno e definisca in maniera inequivocabile ciò che resta (al netto del sacrosanto riposo) per poter garantire ad ogni essere umano di farsi i cazzacci propri come meglio preferisce. E che diamine, siamo nel Terzo Millennio, o no?
  5. Proprio così Mauro, ma perchè così? Ciò che dovrebbe essere status symbol, in realtà, sarebbe che ognuno vivesse la propria vita. Diversamente sarebbe sopravvivere, o vivere una vita che viene decisa da altri, secondo schemi pensati per soddisfare esigenze altrui e garantire ad altri piena soddisfazione per ogni attimo trascorso a respirare la nostra stessa aria. Forse siamo noi che pretendiamo troppo dalla nostra esistenza. Se pretendessimo meno non ci proverebbe nessuno a toglierci il tempo che serve ad alcuni per stare meglio, non bene, meglio, molto meglio... (Un amico scherzando, ma non so quanto scherzando, un giorno mi disse "Homeless è una forma di protesta, non è una disgrazia, loro sanno bene che scelta hanno fatto").
  6. #4 Non pensavo di doverla pubblicare ma questa settimana probabilmente non farò altre uscite (o almeno non di un certo interesse). Campionato mondiale di kitesurf classe olimpica, ieri pomeriggio a Torregrande (Oristano). Disciplina particolarmente noiosa, niente a che vedere col kitesurf da onda che sono abituato a fotografare, per giunta molto distanti. Insomma, dire che mi sono divertito sarebbe un azzardo e non da poco. Comunque, una delle meno peggio, coreografia valida ritengo... Nikon D500, 200-500 alla massima estensione 1/1600 f. 13 ISO 400
  7. Interessante. Anche per me la seconda versione è meglio. Non mi infastidiscono il bianco o i forti contrasti ma in presenza di foglie basse tirare fuori un maggior numero di dettagli è sicuramente la scelta più appropriata. Ottima la composizione comunque.
  8. Bel posto. Devo dire che non ne conoscevo l'esistenza, ma mi è piaciuto molto e le foto danno un'idea chiara del luogo, Mi piace, ben tenuto, col fascino di tutti i borghi che si affacciano sul mare. Trovo molto interessante la luce, tipica delle giornate afose col cielo velato. Le ore del tardo pomeriggio sono le migliori, forse le uniche nelle quali ci può scappare una buona foto. Be lavoro Dimitri.
  9. Ecco, non dovrei proprio perchè ritengo che questa fotocamera sia assolutamente fuori dal range di utilizzo che ne posso fare ma vedendo questo filmato mi è venuta voglia di comprarla. Non sto bene.
  10. Sulla Zfc nessuna. E' un accessorio creato per le mattonelle di rango (da Leica e Fuji) che verrebbero inutilmente appesantite, anche nell'estetica, da un'impugnatura tradizionale. Ma costruirlo costa poco e qualcuno che se lo compra c'è. L'unica cosa positiva è che se nascono anche accessori superflui per la Zfc significa che stavolta Nikon ha centrato il bersaglio.
  11. Bellissimo posto, bello il racconto e anche le foto. Un giorno mi capiterà di fare un giro in montagna e poi questo luogo che hai descritto è veramente incantevole e io, nonostante l'età, sono ancora molto curioso di scroprire nuovi posti, mi ha colpito molto. Bel reportage, grazie per la condivisione (Naturalmente voto per la polenta concia)
  12. Hai fatto un'ottima recensione Max e da quello che ho visto è una bella lente. Devo dire che Viltrox sta sorprendendo, non ha proprio l'atteggiamento da outsider. Insomma, si impegnano e ottengono risultati più che apprezzabili. Penso che col passare del tempo cresceranno. Consideriamo anche che il sensore della Zfc è di ultima generazione ed è particolarmente portato ad evidenziare eventuali difetti delle lenti... ma questo 33, a parte i limiti nel trattamento antiriflesso, mi pare che difetti ne abbia veramente pochi. E poi c'è la fascia di prezzo, difficilmente aggredibile.
×
×
  • Create New...