Jump to content
  • MM!
    MM!

    Nikon Z6 e Z7 : long term review (esperienza di lungo corso)

     

    Z7X_3763.thumb.jpg.c0b015f507be09015127ddda0a98cb26.jpg

     

    E' passato più di un anno e mezzo dalla presentazione ufficiale delle Nikon Z6 e Z7.
    Chi scrive è stato invitato all'evento di lancio a fine agosto 2018.
    Ed è stato il primo a ricevere la Nikon Z7 a Milano.

    Nel tempo, la pattuglia di Zetisti di Nikonland, si è allargata e ad oggi conta oltre un centinaio di fotografi.
    In tutto questo periodo abbiamo scritto decine di articoli di approfondimento pratico e di test e, soprattutto, di utilizzo delle apparecchiature Nikon Z.

    Questo nuovo articolo vuole essere una recensione di lungo periodo - e quindi dopo 12-18 mesi di effettivo utilizzo - dopo approfondita esperienza pratica.
    Proprio l'opposto di quanto fanno usualmente certi tester multimediali/vblogger, che improvvisano video di prova dopo nemmeno due ore di utilizzo, di materiale che invece necessita di lunghi approfondimenti d'uso e che si può solamente giovare di una ultratrentennale esperienza nikonista alle spalle.

    E' anche, per la prima volta di Nikonland, un test complessivo che coinvolge praticamente tutta la redazione attiva di Nikonland.
    Sfaccettature, punti di vista differenti, esigenze e soprattutto aspettative diverse verranno compendiate nelle righe a seguire.

    E voi ?

    Ci piacerebbe veramente leggere il vostro punto di vista di fotografi esperti ad integrazione di quanto da noi sviluppato in questo articolo.

    Intanto buona lettura e buona Pasqua !

    ***

    Nikon Z6 di Max Aquila

    Sono stato il primo su Nikonland (ed uno dei primi in assoluto) a poter utilizzare una Nikon Z 6 all'indomani della presentazione, a Novembre 2018 ed i 4-5000 scatti effettuati in un paio di settimane mi hanno subito convinto di trovarmi di fronte ad uno dei futuri successi di mercato cui Nikon ci ha abituato negli anni.

    Ho riscontrato subito dei punti di forza rispetto l'ammiraglia 7, che per pochi mesi l'aveva preceduta, in termini di reattività del mirino elettronico, di capacità di buffer negli scatti alla massima velocità, (12ftg/s) inizialmente limitata dal blocco dell'esposizione su quella del primo fotogramma, poi, dopo uno dei primi aggiornamenti fw, sbloccato anche questo limite.
    Del resto, il taglio del sensore da 24Mpx, molto più agevole da gestire dal processore rispetto quello ponderoso della 7, la velocità massima di raffica e l'assoluta incapacità di saturare il buffer in jpg alla massima risoluzione, la individuavano subito come la mirrorless Nikon più indicata per le foto di azione e reportage.

    Appena disponibile sul mercato italiano, garantito dalla regolare importazione, ho comprato una delle primissime disponibili, a gennaio 2019, che adesso, a 15 mesi di distanza ha superato abbondantemente i 90mila scatti.

    Acquistata in kit con adattatore FTZ e Z 24-70/4S ho subito rafforzato il mio convincimento sui punti di forza, in funzione della infallibilità della compatibilità con le ottiche F in mio possesso, dell'adattatore, a buon diritto da considerare uno dei principali punti di forza del sistema in assenza di un congruo parco ottiche native.

    Avendo già provato a Novembre le potenzialità del 50/1,8 nativo me ne sono immediatamente dopo procurato uno e a seguire, appena uscito, la scorsa primavera, il 14-30/4S anch'esso un caposaldo del sistema nel suo primo anno di vita.

    Delegando all' FTZ la disponibilità di mediotele e telezoom, in attesa dell'espansione del sistema lato ottiche, mi sono dedicato a quelli che sono i miei principali soggetti fotografici, ossia il reportage sportivo e di costume e people, nelle quali categorie la Z6 eccelle per alcuni aspetti e diventa carente per altri:

    1.thumb.jpg.0ea1ce6be5bfad43d8b3925076011446.jpg
    Z6 e 14-30/4S  a 14mm f/8 t/1000 ISO 360



    non ci sono dubbi che nitidezza, saturazione, contrasto e immediatezza nelle fasi di composizione/inquadratura/scatto, ne fanno come di ogni mirrorless uno strumento insostituibile per riprese al volo, magari anche in condizioni precarie, sommersi da folla con migliaia di presenti, come nel soggetto di questa foto, scattata utilizzando il funzionalissimo touch screen del monitor, immediato come nessuna reflex prima di questa ML nel point & shoot

    La disposizione dei sensori AF sul fotogramma, 273, non moltissimi rispetto la 7 e alcune concorrenti, però non lascia troppi spazi vuoti, pur se con il compromesso della dimensione davvero eccessivamente grande e non regolabile dei singoli sensori: il che ci porta ad uno dei principali difetti della macchina, quello di non essere infallibile nella scelta del soggetto su cui mettere a fuoco, se lo sfondo dell'immagine sia ricco di elementi.

    Questo difetto vorremmo corretto dalla macchina che seguirà questa Z6, ritenendo fantascientifico un aggiornamento fw risolutivo in proposito.

    Di fatto sembra che Nikon sia riuscita con questa Z6 a trovare il giusto compromesso tra dimensioni e densità del sensore, prestazioni e prezzo in funzione del massimo numero di utenti possibile.

    Altra caratteristica che colpisce in questa mirrorless Nikon è la possibilità di scegliere on camera di riprendere in tanti modi, oltre quello consueto: altrettanti punti di forza sono quindi il Time Lapse, mutuato dalle inveterate abitudini delle giovani generazioni e reso possibile dalle considerevoli prestazioni in video della Z6 che ho messo alla prova in questo senso con grande soddisfazione oggettiva (ma non rientrando il video tra le mie congeniali operatività ... non ve ne propongo i risultati, pur eccellenti tecnicamente)

    La ripresa di una scena con cambio della messa a fuoco, ossia Focus Stacking, che consente on camera di impostare un numero variabile di scatti con una variabilità di spostamento della maf...introdotta già dalla D850 e basterebbe questo a definire il livello di pregio della fotocamera

    2.thumb.jpg.c5d44e04d3bb984ff058ab8a03fc43e3.jpg
    63 file in pila, con scarto di 3mm di maf  con Z6 e 24-70/4 a 50mm f/5,6

    Sicuramente perfettibile (preferiremmo fosse possibile inserire i due punti da dove a dove ottenere nitidezza, demandando al programma la traduzione in numero di scatti e step di maf) ma rappresenta di certo un plus che consente a chiunque di misurarsi con gli inevitabili problemi relativi alla profondità di campo ottenibile con le ottiche non decentrabili, utile in molti generi, dallo still life, alla super macro, al food etc...

    A questo proposito, in questo anno e mezzo di utilizzo del sistema Z, mi sono convinto (e non sono il solo su Nikonland) delle ottime qualità di tuttofare dello zoom standard del sistema, questo 24-70/4 che possiede ottime doti anche nella ripresa ravvicinata di soggetti, arrivando di suo già al RR 1:3, senza l'ausilio di lenti addizionali, soffietti o tubi di prolunga, ma facilmente utilizzabile anche con i suddetti ausili per andare molto oltre il suo campo di applicazione progettuale.
    Si, ... a tutti gli effetti il Nikon Z 24-70/4S rappresenta un valore aggiunto nello Z-mount

    Altro punto di forza della Nikon Z6 la capacità di valutare a mirino in tutti i profili colore disponibili, (di default ce ne sono 20 oltre gli 8 usuali) anche quelli metafisici come "bitonale" di questa foto


    3.thumb.jpg.e59ba765c43a5174ec4b45faf8d558d9.jpg
    Z6 + adattatore RF e Nippon Kogaku 13,5cm f/3,5 del 1953  f/4 t/640  ISO 1000

    utilizzando quindi qualsiasi obiettivo, spioncino, bicchiere, dotato di apposita baionetta/adattatore, ma sopra ogni cosa, capace di valutare a mirino, magari con l'assistenza dell'istogramma, esposizione e contrasto in Bianco e Nero direttamente in ripresa, ottenendo poi quanto impostato sul file da passare in sviluppo.

    La qual cosa si sposa a meraviglia appunto con la possibilità di utilizzo di ottiche vintage, ottimizzate per il bianco e nero o per contrasti cromatici ben differenti da quelli degli obiettivi moderni ai nanocristalli, ma più vicine invece ad alcuni dei picture control "smart" tra i 20 disponibili.

    Andando poi alle eccellenze che caratterizzano la Nikon Z6, non si può non menzionare la predisposizione dinamica allo scatto che, insieme all'elevata latitudine di posa del sensore, capace di amplificazioni di segnale che sfiorano i 50mila ISO con livelli contenuti di rumore e comunque molto progressivi, consenta la pratica del modo di scatto che si sta sempre più imponendo in riprese scattate in condizioni di luce impegnative e con alta densità di scatto alla massima velocità consentita, ossia AutoISO in modo M, impostando e regolando via via i parametri che interessino, tempo di otturazione e diaframma di lavoro, facendo correre gli ISO, cosa che sicuramente produce i volumi di scatto che ho praticato  per la prima volta su di una sola fotocamera in un periodo di tempo così limitato... ma ...

    produce altrettanta soddisfazione

    4.thumb.jpg.af822b5b5d1f3bb1e711286cde621b03.jpg
    Z6 + FTZ + Sigma Art 135/1,8 a f/2,5 t/2500 ISO 500  (direttamente ripresa in 16:9 come consentito dai formati della fotocamera)

    ...realizzando sequenze all'interno delle quali si trova il fotogramma che valorizza quello shooting

    come nello sport, dove la mutevolezza delle condizioni di luminosità porti a scattare a valori di amplificazione del segnale davvero elevati

    5.thumb.jpg.8304cfbce6740edc95da8f375e9b6859.jpg
    Z6 + FTZ +  Nikon AF-S 800/5,6G FL  a 8000 ISO f/5,6 t/2000 e eyeAF in funzione

    e l'aiuto tecnologico delle innovazioni come quella fantastica dell' eye-AF consentita dall'aggiornamento fw 2.0 giunto dopo pochi mesi dalla commercializzazione, a maggio 2019 ed i successivi perfezionamenti, fanno comprendere come Nikon tenga a questo progetto Z che va trimmando con continuità di aggiornamento.

    La mia naturale propensione alla fotografia sportiva, specie in ambiente "ostile" come a mare, tra salsedine e spruzzi di salmastro, mi conduce a cercare di volta in volta le attrezzature più consone a questo scopo e a questo proposito devo dire che accanto alla soddisfazione per l'operatività dimostrata da questa fotocamera, che mi consente di realizzare scatti e sequenza che erano accessibili solo a DSLR di ben altro livello e costo (e posizionamento di mercato)...

    6.thumb.jpg.41032fc4f1ec398fde36c6e6952edfec.jpg
    Z6 + FTZ e Nikon AF-S 500/4G VR  a f/4 t/5000 ISO 640

    d'altro canto, dimensionalmente ed ergonomicamente, nonchè dal punto di vista operativo, non possiamo parlarne come di uno strumento adatto ad una continuità di attività professionale, mancandole i presupposti del relax di utilizzo con obiettivi pesanti, un secondo slot di backup, delle caratteristiche perfettibili in termini di AF dinamico, di velocità di raffica (la piccola Nikon One. grazie al sensore da 1" raggiungeva con la V3 raffiche da 30 ftg/s... tanti anni fa)

    In realtà vorrei che Nikon determinasse un ulteriore step di fotocamera mirrorless dalle caratteristiche reportagistiche, ossia con sensore dalla densità tra i 24 e massimo 30 Mpx.

    Da accostare alla erede della Z7 con eventuale mega sensore da 60Mpx, adatta alle riprese. statiche ad alta densità di contenuto immagine.

    Come nei dualismi di un tempo D2x e D2h  e quelli più recenti, anche se di diversa concezione, D5 D850.

    Le aspettative ulteriori sono quelle per il completamento del parco ottiche fin qui già soddisfacente, ma non ancora certamente definitivo: quando i tempi saranno propizi (speravamo entro il 2021...ma adesso dovremo riqualificare le priorità) a consentire il definitivo passaggio (con i corpi ulteriori auspicati) alla baionetta Z, eliminando buona parte dei "contro" qui sopra evidenziati.

     

    Max Aquila per Zetaland 2020

    ***

    Nikon Z6 di Massimo Vignoli

    Premessa.

    All’inizio ero molto scettico su queste Z e devo dire che, quando l’ho comprata lo scorso maggio 2019, è stato più per la curiosità di sperimentare e la disponibilità del payback Nital che per la convinzione che questo potesse essere effettivamente uno strumento valido.

    Questo vale in particolare per il mio genere fotografico preferito – il wildlife – ma anche per le sue potenzialità in studio, facendo paesaggio o fotografia generalista. E, di fatto, la non fiducia nella maturità di questi oggetti e nelle scelte di Nikon è uno dei motivi più importanti che più ha definito la scelta di prendere la Z6 e non la Z7. Il ragionamento fu di acquistare l’oggetto più semplicemente rivendibile!

    Non di meno, per provare sul serio, ho scelto comunque di:

    • dotarmi subito della Z6, del 24-70/4 e del 50 1.8, oltre all’evidentemente indispensabile FTZ;
    • di metterla al lavoro “senza rete”: la prima uscita, dopo qualche esperimento in casa, la mia Z6 l’ha fatta in studio, durante uno shooting a pagamento al quale non ho portato nessuna reflex, e così è stato per tutte le successive uscite: non ho mai portato una DSRL “caso mai”.

    Per cui credo proprio di essere un tester asettico, al massimo “a priori contro” le Z e non a favore.

    Esperienza personale.

    All’inizio, molto in salita. In quella prima uscita in studio non ne voleva sapere di far andare i flash, e non ne voleva sapere di mettere a fuoco nel buio dello studio rischiarato solo dalla luce pilota. Meno male che avevo 2 ore, perché le prime foto buone – superati i blocchi è stato necessario ripristinare una situazione creativa e produttiva - sono uscite dopo un’ora e mezza di imprecazioni a denti stretti. Avessi avuto con me la D5, probabilmente dopo 10’ sarebbe tornata in borsa ed il giorno dopo sarebbe stata in vendita.

     

    1mv.thumb.jpg.0b79e3e4e20ec78263581696555c0cd8.jpg

     

    Ma a casa, guardando i file, ho capito che quella Z6 con il suo cinquantino creava una coppia veramente superlativa. Anche ai tempi dei tentennamenti del firmware 2.0.
    Ora, con il firmware 3.0, siamo veramente oltre. Per me in studio la Z6 è ben sopra a quello che mi consentiva di fare la D5. Con i flash o in luce naturale, a colori o in BN.

     

    2mv.thumb.jpg.5ec6e029ca01dd56522754083b4d403d.jpg

     

    In giugno, cioè 4 settimane dopo, dedicate a capire le Z e le ottiche native, mi lancio nella mia prima esperienza di fotografia notturna. In mezzo, esperimenti su ampia scala. Con i quali promuovo definitivamente il 50/1.8S – mi piace proprio - e boccio il 14-30/4S che altrettanto radicalmente non mi è piaciuto. Di fatto, per i paesaggi in generale, mi doto di un 14-24 AFS 2.8 comprato usato, come fosse un noleggio. È una lente grossa, pesante, problematica e sostanzialmente obsoleta. Ma che ho preferito in maniera netta al più comodo fratellino attacco Z, che reputo essere una riedizione ammodernata rispetto al anch’esso obsoleto 16-35/4 AFS, con il quale condivide l’impostazione basata sulla ricerca del miglior compromesso. Certo, il nuovo compromesso è meglio del vecchio, ma tale resta. E non solo di notte.

     

    3mv.thumb.jpg.991c23bac8e50443258f91a1dff221d7.jpg

     

    Di notte, in realtà, la scelta progettuale dell’autofocus delle lenti Z - che sono focheggiate elettronicamente e non meccanicamente - pare essere un grande limite: non è possibile, dopo aver spento la macchina, riportarle ad un punto di fuoco preimpostato. Vedremo come evolverà il catalogo di lenti native, per le quali aspetto sia il 14-24 2.8 sia il 20 1.8, anche per sapere se lato software riusciranno a risolvere questo problema o se i paesaggisti notturni dovranno continuare guardare altrove (caso nel quale il mio “noleggio” probabilmente si prolungherà).  

    Ma anche qui, foto notturna, abbiamo un punto molto forte a favore della Z6: la qualità ad alti ISO è veramente vicina vicina a quella della D5, che resta migliore, di poco, solo ad ISO superiori ai 6400…. Ma ad altro prezzo.
    Dove la Z6 realmente eccelle, comunque, è nella versatilità d’uso. Non riesco ad immaginare niente di meglio per gironzolare da turisti per città.
    Scattando non visti, senza portare la macchina al viso ma beneficiando sia dello schermo basculante sia del riconoscimento dell’occhio del soggetto.

     

    4mv.thumb.jpg.3636fc81842935c27cfe3c1abb518f6c.jpg

     

    O di notte sfruttando gli alti ISO molto puliti.

     

    5mv.thumb.jpg.bbb8bcd81290284ba7c33b6a9a1778f2.jpg

     

    Nella fotografia naturalistica, invece, abbiamo punti di forza - in particolare ISO, stabilizzatore e scatto silenzioso – che non bastano a far emergere questa Z rispetto alla D5 per colpa dell’ AF ancora non sicuro come vorrei, in particolare si “distrae” se lo sfondo è più chiaro del soggetto e/o il soggetto è piccolo e fatica ad agganciare/tenere agganciati soggetti in rapido movimento.
    È per me, inoltre, ulteriormente penalizzata dalle dimensioni troppo piccole del corpo macchina.

    Per cui, al momento, se non mi è necessario lo scatto silenzioso preferisco senza dubbio ancora la D5. Ma è evidente che Z6 e D5 giocano in campionati diversi e che sarebbe ingeneroso, per entrambe, metterle in competizione.

    Un particolare da non sottovalutare riguardo allo scatto elettronico è che, essendo privo di parti in movimento, consente di scattare con tempi assolutamente proibitivi con le reflex, anche a mano libera – ed anche grazie all’efficacia combinata dello stabilizzatore sul sensore e di quello sulla lente (qui 1/25  con il 500/4 a mano libera, e non mi ha visto e sentito).

    6mv.thumb.jpg.da0d734b23a3b051e65fea107d349fae.jpg

     

    Conclusioni con pro e contro.

    Tolto il Covid-19 e la “segregazione”, tra il 26/5/2019 ed il 1/3/2020 sono poco più di 9 mesi e 22 mila fotografie. Fatte in mote situazioni di scatto diverse, solo alcune illustrate nell’articolo.

     

    Devo dire che nel sistema Z ci sono molte cose che mi piacciono, in particolare :

    • Automatismi di messa a fuoco, in particolare nella fotografia di persone.
    • Qualità del mirino elettronico ed informazioni disponibili
    • Stabilizzatore sul sensore
    • Scatto silenzioso
    • Qualità ottica delle lenti

    Ma anche alcuni contro :

    • Correzione non disattivabile dei difetti delle ottiche, spero che tornino indietro
    • 14-30/4 scarso ed incongruo nel rapporto con il prezzo di listino in uscita
    • Dimensione dei corpi macchina, troppo piccoli
    • Firmware che non viene sviluppato abbastanza rapidamente ed abbastanza intelligentemente nemmeno nelle cose “piccole”: continua a mancare un modo comodo di utilizzare contemporaneamente 2 modalità di messa a fuoco, come è da sempre possibile sulle reflex, così come un modo mirino completamente pulito da informazioni…. E tante altre…
    • Punto di fuoco perso ad ogni spegnimento della macchina per le lenti Z

     

    Aspettative per il futuro.

    Facile, solo tre cose:

    • Una Z meglio della D5 nella fotografia d’azione e di natura (corpo grande - batteria grande – più comandi fisici - AF veloce e più sicuro)
    • Uno zoom ultrawide filtrabile e meglio del 14-24 AFS, in tutti gli ambiti d’uso.
    • Uso pervasivo, sui nuovi supertele attacco Z, della tecnologia PF abbinata ad una luminosità massima uguale o superiore all’attuale.

    ***

    Nikon Z6 di Silvio Renesto

    Ho la Z6 dal novembre 2019, quindi non da moltissimo, ma abbastanza da essermene fatto un'idea. L'ho presa perché mi serviva una mirroless valida per la macro/still life, che faccio sia per lavoro che per passione, ma anche da sfruttare per lo street e paesaggio in bianco e nero, un genere in cui faccio occasionali incursioni.

     

    1sr.thumb.jpg.2525406ecf7061de10d4206ef192ee8a.jpg

       Z6 e 24-70/4 S a 68mm,  il 24-70/4 è un ottimo zoom standard.

     

     

    Purtroppo la situazione di isolamento forzato a cui siamo obbligati ci ha sottratto la primavera, quindi non ho potuto provarla come si deve nella macrofotografia agli insetti, cosa a cui tenevo molto e dove, per i pochi test che sono riuscito a fare, sono sicuro che avrebbe reso al meglio.
    Ho potuto però sfruttarla per gli altri usi per cui l'avevo comprata, soprattutto per lavoro (ma le foto non posso mostrarle, purtroppo) e ne sono rimasto soddisfatto. Le potenzialità sono quelle tipiche della mirrorless  (previsualizzazione dell'esposizione, precisione nella messa a fuoco in still-life, possibilità di posizionare il punto di messa a fuoco ovunque e così via).  Il corpo macchina mi piace, è moderno ma nel contempo la sua forma squadrata essenziale richiama un po' le nikon FM o FE, con cui ho iniziato a fotografare sul serio. Al di là dell'aspetto nostalgico, la funzionalità di pulsanti e ghiere è buona, nonostante abbia mani grandi non ho incontrato problemi, solo il corpo è un po' piccolo, prima di acquistarla mi sembrava che una basetta  di qualche genere fosse più che altro un vezzo, ma poi mi sono dovuto ricredere, montandola la presa diventa molto più comoda e stabile.

    Il monitor è molto bello, ampio e oltre a dare un'immagine nitida, è ricco di informazioni ed è touch, ma questo lo immaginavo, la maggiore sorpresa in positivo è stato il mirino elettronico, veramente eccellente. 

    Per quanto riguarda l'uso, da buon nikonista d'annata, non ho avuto bisogno di leggere  le istruzioni per gestire il 99% delle funzioni. Ne ho personalizzate alcune secondo le mie necessità: ad esempio  ho attribuito al pulsante Af-on la funzione di ingrandimento istantaneo al 100%, che mi viene comoda in alcune macro-occasioni.

    In macro l'Af-S più la selezione della area Af pinpoint risolvono egregiamente quasi tutte le situazioni. Molto raro che si debba usare la messa a fuoco manuale. In quel caso il focus peaking funziona bene, ma occorre fare un un po' l'occhio per capire quando si è esattamente a fuoco, perchè si ha un aumento dell'intensità del contrasto molto graduale e sulle prime mi capitava di scattare troppo presto, convinto che il soggetto fosse già a fuoco. Con l'uso però ci si fa la mano e soprattutto la combinazione di focus peaking e ingrandimento istantaneo 100% risolvono il problema, ma come ho scritto, nella gran parte parte dei casi l'area af pinpoint risolve ogni situazione.

     

    La Z6 mi permette inoltre  di sfruttare i miei obiettivi nikkor tramite adattatore, in attesa di ottiche equivalenti con attacco Z, cosa indispensabile per me soprattutto nell'attività professionale dove mi occorre un vero obiettivo macro (non sono un fotografo, sono un paleontologo, lo ricordo, ma i paleontologi hanno necessità di fotografare gli esemplari nei dettagli). Il Nikkor 105 f2.8 afS G ha una certa età, ma sul sensore della Z6 trovo che se la cavi ancora abbastanza bene, in attesa di un macro con attacco Z che speriamo essere di qualità  "stratosferica"  .

    2sr.thumb.jpg.d3ec21041d7545e6ce7b3585c5ffbe36.jpg

    Z6 e 105 micro Af G.

    Questa traccia fossile farà parte di una mostra personale  "Forme nella pietra" che si terrà a ottobre (doveva essere ad Aprile, ma il coronavirus l'ha fatta slittare).

    Apprezzatissimo lo scatto in sequenza che libera dalla necessità della slitta micrometrica quando si vuole ottenere una serie di scatti da combinare tramite focus stacking.

    3sr.thumb.jpg.759136e291ddde0c7d94f8e9c37befec.jpg

    Z6 e 105 micro Af G. Macro con stacking da ripresa in sequenza.

     

    Sempre in attesa di un vero macro dedicato per la fotografia ravvicinata si possono ottenere risultati interessanti anche accoppiando obiettivi S soprattutto il 50mm f1.8, ma anche con l'85mm f1.8, coi tubi dedicati quali i Fotodiox o i Meike (più convenienti!).

    8518stackweb.jpg.fcedab3b4d4489d1665cdc1bdf6c86b6.thumb.jpg.a985f774d7f29d1ffd6e9f354757ad5c.jpg

    Stacking di  più scatti realizzati con la Z6 e l'85mm f1.8 S accoppiato ai tubi Meike.

    La Z6 con gli obiettivi nikkor F tramite adattatore FTZ permette di fotografare di tutto o quasi, mantenendo una qualità di immagine ottima con una notevole latitudine di posa.

     

    4sr.thumb.jpg.e2d4c5fc65d967b2f77f22f9dfe6a32c.jpg

    Questo scoiattolo era nell'ombra più fitta. Z6, 300mm f4 PF e TC 14 EIII, 12800 ISO.

     


    Il firmware che permette il riconoscimento dell'occhio umano e dei mammiferi è un'altro plus notevole, anche se non ne faccio un uso intensissimo.

    A dire il vero mi sono divertito ad usarla anche in contesti per i quali non era proprio tagliata, come la wildlife photography,  dove può dare sì soddisfazioni, ma è dove per l'uso che ne faccio io, l'af spesso mostra un po' la corda, anche dopo il deciso miglioramento via firmware, per una reattività non sempre fulminea ed una tendenza a perdersi negli sfondi anziché centrare sul soggetto.

    5sr.thumb.jpg.08ac0e33930ef4dd97d75278d5efbd2d.jpg

    Z6 e 300mm f4 PF : se il soggetto non si agita troppo non ci sono problemi

    _DSC1477l.jpg.d8937e08624de97dfbfacd6bc57a85fe.thumb.jpg.fc6effab71ec2c99d0be7d90833b5268.jpg

    Con un po' di pazienza e di ... fortuna si possono ottenere risultati soddisfacenti anche con il 300mm accoppiato al famigerato TC 17 EII!

    Conclusioni

    PRO

    • Una fotocamera ben costruita, solida
    • Ottimi file,
    • Obiettivi (quelli che ci sono) di elevata qualità
    • Mirino elettronico molto valido
    • I classici vantaggi delle mirrorless che ho descritto prima (WYSIWYG, nessun necessità di tarare gli obiettivi, predispposizione focus stacking...)

    CONTRO

    • Vivamente consigliata almeno una basetta per impugnarla meglio, da sola il mignolo sfugge sotto (quando ne ho letto, non credevo fosse così importante, ma provandola... ho cambiato idea)
    • Reattività  migliorabile  (ci mette un po' a "risorgere" dallo stand by, ad esempio) 
    • Precisione Af migliorabile.
    • Vale per entrambe le Z: l'adattatore FTZ ha la basetta per il cavalletto che è più di intralcio che di utilità

    Se gli  ultimi due problemi potessero essere corretti via firmware, sarebbe un'ottima cosa e la mia soddisfazione sarebbe piena. Se invece  futuro uscisse una versione aggiornata,  (e un poco più grande) la acquisterei molto volentieri. 

    ***

    Nikon Z6 e Nikon Z7 firmware 3.0 di Mauro Maratta

     

    Z6H_4473.thumb.jpg.86c97bae280cdf0bf1492a17b4509be1.jpg
    La mia Nikon Z7 con il grip SmallRig  e in bella mostra, la nuova CFexpress di ProGrade a confronto con la vecchia XQD di Lexar, ripresa con la mia Nikon Z6. Oramai nella fotografia corrente di tutti i giorni io sono reflex-less

    Ho scritto in lungo e in largo sulle Nikon Z e su tutto quello che le riguarda, su queste pagine, sin dal luglio 2018.
    Sono persino arrivato a provare la Z50 che, pur essendo una bella fotocamera, mi attira come una seduta fiume dal mio dentista (che pure è una bellissima ragazza con due occhioni verdi che non ti lasciano scampo mentre ti trapana l'osso della mandibola !).
    Per cui qui andrò solo per valore aggiunto, valutandole allo stato dell'arte attuale con il nuovo firmware 3.0, che non sarà l'ultimo ma rappresenta anche la maturazione finale del sistema.
    E la disponibilità - finalmente ! - delle tanto a lungo promesse schede di memoria CFexpress

    Ho avuto ogni ammiraglia digitale Nikon sinora e buona parte delle macchine professionali Nikon.

    Queste due signorine non sono macchine professionali e a dirla tutta sono due "giocattoli" costosi. E' stata la mia prima impressione e la confermo. Per arrivare a livello di una F5-D1-D3-D5 ci vuole altro. E questi primi modelli non ce la faranno mai.

    Z7X_6383.thumb.jpg.9bc6de0053c7af6af990fbca5a3d227e.jpg

    Nikon Z7 e l'oggetto del desiderio di Silvia (no, non il mio Nikkor 105/1.4E quello non lo cederò mai !)

    Z7X_8289.thumb.jpg.d04ddec5629d87c49859785726bf458c.jpg

    Nikon Z7 e obiettivi compatibili (in questo caso la focale migliore per il volto di Oonagh, il mio Sigma 135/1.8 Art)

    Perchè sono nate sotto la luna del compromesso per scelta progettuale non per limiti industriali.

    Piccolo è bello ma è anche maledettamente impossibile farci stare un buffer di memoria serio, un processore veloce e dei comandi all'altezza delle aspettative di chi spende 6000+ euro più le svariate migliaia di euri necessari per dotarle del corredo minimo di obiettivi.

    Che al netto delle promesse ... rimane una promessa.

    Ma ... se ci fermassimo qui mi dovreste chiedere naturalmente perchè posseggo sia la Z7 che la Z6, perchè prima dello stop infernale dovuto al virus sommavo oltre 250.000 scatti tra l'una e l'altra (con la prospettiva di arrivare a 450.000 prima di pensionarle), perchè ho venduto per inutilizzo la D850 e perchè ho prestato la D5 e non ne sento la mancanza (dato che per me è diventata semplicemente una jpg-machine dedicata allo sport più difficile).

    Infatti, pur nelle loro limitazioni, Z6 e Z7 per me rappresentano il rinnovo dei voti matrimoniali con Nikon.

    tb.thumb.jpg.132e50bf8d8ffa788920c9b8e52b0f69.jpg
    Una Nikon è per sempre. Perchè accontentarsi di un hamburger quando a casa c'è una bistecca di roastbeef che ti aspetta (cit. Paul Newman) ?
    E' questo l'effetto del Nikkor Noct 58/0.95, una esperienza che non si può dimenticare, assuefazione pura dopo di che niente sarà più come di prima.

     

    Ah, già, qualcuno non lo sa. Io non mi sono mai sposato. Nemmeno fidanzato. Tranne che con Nikon, nell'estate di oramai trentasette anni fa. Ma questo però non mi nega il piacere di criticare aspramente "mia moglie" quando ne sento la necessità. Né di essere equilibrato quando si tratta di valutarne ... i frutti.

    Ci sono caratteristiche nelle Nikon Z che mi fanno attendere con grande aspettativa i prossimi modelli se questi sublimeranno le caratteristiche che più mi servono oggi - perché ogni fotografo che non sia ancora stato inumato si evolve nel tempo, non rimane fermo agli stilemi imparati negli anni '70 del secolo scorso - specialmente oggi che con il firmware 3.0 siamo arrivati alla maturità.

    Oggi utilizzo al 98% le mie due Z, relegando la D5 a poche circostanze dove la sua reattività mi permette di superare i ritardi e i limiti di messa a fuoco e di lag della Z6. Ma la D850 è un ricordo del passato e non la rimpiango nemmeno un minuto, tanto più che in fondo l'ho utilizzata per la gran parte del tempo, a specchio alzato e su treppiedi come fosse la mirrorless che allora non avevo.

    Il livello di maturità raggiunto con il firmware 3.0 dalle Z mi permette di scattare al 100% fidandomi del loro riconoscimento dell'occhio, per cui delego del tutto la messa a fuoco alle fotocamere : io inquadro e non penso ad altro.
    Le uso in modo indifferente, avendo solo cura di mettere il 105/1.4E sulla Z7 per consentirle di recuperare quello stop di svantaggio sulla Z6 quando le impiego insieme.
    Sono persino arrivato ad acquistare lo zoom che più ho detestato nel tempo (pur avendone avuti, tra 28-70 e 24-70, addirittura quattro esemplari), perchè il nuovo Nikkor Z 24-70/2.8 S é semplicemente impareggiabile.

    L'eye-AF delle Nikon Z, sia con gli umani che con cani e gatti è un game-changer. Oramai non riesco più ad utilizzare una reflex per fotografare le persone. Persino con la D780 ho scattato esclusivamente in live-view per non perdere questa opportunità. Nessun bisogno di tarare le ottiche e fuoco sempre sull'iride.

    E dai tre giorni di "terrore" passati con il Nikkor Z 70-200/2.8 S (fotografando per una Milano già conscia del pericolo virus) ho capito che quello sarà il baton de mon vieillesse. Specie se si ricorderanno di fare anche un TC20 all'altezza.

    _Z6H2987.thumb.jpg.1967e975c48502083569e18eafdbe8c4.jpg

    Z6 e Nikkor 70-200/2.8E FL via FTZ in attesa del Nikkor Z e della ripresa delle gare (in settembre ?)

    Scatto al 99,99% in otturatore elettronico salvo quando sono in luce artificiale a frequenze pericolose o con il flash, e se il soggetto me lo consente, il tempo di scatto non è più una variabile, grazie al grandioso stabilizzatore integrato sul sensore
    In manuale per tutto il tempo e selezionando il picture control che a mirino mi dia già il risultato atteso, in modo tale da avere in Lightroom già il lavoro per lo più fatto.

    Il flusso di lavoro si è di gran lunga agevolato. A differenza di Massimo Vignoli io trovo assolutamente impagabile il fatto che i programmi Adobe ritrovino tutte le regolazioni on-camera senza dover reinventare ogni volta la ruota o l'acqua calda.

    Il risultato è che tra le piacevolezze delle due fotocamere, l'elevatissima qualità delle ottiche, la naturalezza d'uso, la spontaneità del risultato, la vastità delle potenzialità del sistema (che si estende grazie ai miei due FTZ, al battery-pack permanentemente montato sulla Z6 e prossimamente ad una scheda CFexpress da 325 per avere autonomia virtualmente infinita e rapidità di scarico sul pc) il numero di scatti che faccio con le Z è talmente più elevato di quello che ho sempre fatto con le reflex che non mi bastano più gli hard-disk (sono passato ai 16 terabyte ma non ci sono, per ora tagli superiori a buon mercato... !)

    Z7X_2972.thumb.jpg.149774e0fc45348a2b348522a2062acf.jpg

    Nikon Z7 e Nikkor 300/4E PF via FTZ, un perfetto connubio di leggerezza e prestazioni

    Ma l'appetito viene mangiando e queste due Z e questi primi obiettivi non sono che l'aperitivo.

    Anche perchè, quando uno ha assaggiato un bordeaux messo in bottiglia nell'anno della cometa (AD 1811) come il Nikkor 58/0.95 Noct, le aspettative per tutto quello che verrà sono naturalmente moltiplicate all'infinito !

    In attesa del prossimo Nikkor 200-600mm sono arrivato a sperimentare persino il 500/5.6E PF duplicato 2x con la Z6 ottenendo foto da paparazzo ma che comunque mai mi sarei aspettato di scattare.
    Il tutto arriva con totale naturalezza e grande divertimento che non se ne ha mai abbastanza.

    Insomma, Mauro Maratta ama le Nikon Z.

    Ma le conclusioni non possono del tutto essere entusiastiche perchè oramai sono maturi i tempi per una prossima generazione visto che io ho ampiamente superato i limiti di  utilizzo delle Nikon Z6 e Z7 che, pur ottime, mostrano più di qualche ombra.

    Concludendo

    A favore

    • le peculiarità delle mirrorless sublimate già alla prima generazione (mirino elettronico di ottime prestazioni, stabilizzatore, otturatore elettronico, link hardware-software, sviluppo firmware inusitato per Nikon)
    • prestazioni di tutte le ottiche Nikkor Z che fanno dimenticare sia i migliori Nikkor F che i migliori Sigma Art (dimenticare, non una parola scritta a caso)
    • equilibrio tra prestazioni e impegno d'utilizzo che facilita e rende anzi, più piacevole l'utilizzo, tanto che il numero di scatti cresce a dismisura
    • capacità complessive che, a dispetto dei detrattori della prima ora coprono il 90% delle necessità di tutti i fotografi nikonisti (per il restante 10% di specialisti di wildlife e di sport, si dovrà avere pazienza 12-18-24 mesi per la prossima generazione)
    • video di qualità superlativa, anche in autofocus, specie con la Z6
    • due corpi uguali che cambiano solo per il taglio della risoluzione del sensore senza doversi riadattare nel cambiare corpo. Mentre scatto con Z6 e Z7 mi rendo conto della macchina che ho in mano solo perchè nella Z7 ho lo SmallRig e nella Z6 il battery-pack
    • sostanziale mancanza di ogni tipo di surriscaldamento anche in ore di impiego, di vibrazione
    • affidabilità da professionale Nikon (lo dicono i miei 250.000 scatti in un anno e mezzo senza nessun inconveniente)
    • memorie professionali adesso anche di taglio notevole, abbasso le schede SD !
    • l'EYE-AF, anche degli animali, perchè è rivoluzionario. Il più grande salto prestazionale dai tempi della D3x (prima l'avevo avuto con la F5).

    Contro

    • chi è abituato alle Nikon professionali grida vendetta ! Queste sono macchine biecamente amatoriali vendute ad un prezzo professionale. Ma soprattutto hanno una ergonomia deficitaria che le rende inadatte all'uso con ottiche importanti
      La torretta PASM non si può vedere su macchine di fascia top, vanno bene al più per la Z50. Idem la mancanza di tutti quei tasti che hanno fatto la fortuna delle Nikon professionali
    • la concezione scioccamente "alternativa" rispetto allo stato dell'arte dell'autofocus implementato in decenni di sviluppo con le reflex professionali.
      Perchè, mi chiedo io, non estendere semplicemente al frame completo, le funzionalità della D5 o, meglio ancora, della D6 ? Eresia .... ?
    • piccolo è bello ma c'è chi lo vuole grande. I compromessi accettati per avere corpi piccoli sono inaccettabili per molti altri (che si traduce in : una sola scheda di memoria, un battery-grip che non è un battery-grip, carenza di comandi fisici, etc. etc.)
    • autofocus non all'altezza delle aspettative dei più smaliziati e della migliore concorrenza, nonostante i ripetuti interventi firmware
    • la Z7 per pagare il numero di pixel e di punti di messa a fuoco, cede ulteriormente al compromesso nel rapporto prezzo/prestazioni (che è il peggiore di tutto il listino Nikon dai tempi della D3x) e in molte caratteristiche (autofocus, rolling-shutter molto più pronunciato, lentezza operativa)

    Il che apre le porte alle aspettative future :

    Prossima generazione di Nikon Z ?

    • ancora due corpi identici sul piano meccanico, divisi solo dal taglio del sensore, uno a bassa e uno ad alta risoluzione
    • ma due corpi equivalenti in tutto alla Nikon D850 (costruzione, comandi, niente PASM, effetti, vaccate varie, due schede di memoria, battery-grip professionale, peso adeguato ad ottiche superprofessionali)
    • processore potente e sovradimensionato
    • impostazione di AF, menù, impostazioni, derivato dalle Nikon D6 e non dalle Coolpix. Noi spendiamo migliaia di euro per queste macchine : non siamo teen-agers, siamo vecchi nikonisti con aspettative over-the-top.
    • buffer moltiplicato per dieci
    • prestazioni allo stato dell'arte per il mercato (Nikon : è l'ora di tornare a dettare il passo, non ad inseguire in coda al gruppo)
    • mirino migliore
    • sviluppo del firmware che consente un aggiornamento costante delle prestazioni dei corpi anche a 3-4 anni dalla data di lancio
    • e tutto quanto fa di una Nikon professionale uno strumento affidabile, duraturo e il cui valore si vede in ogni dettaglio

    Edited by MM!

    • Like 6
    • Thanks 2


    User Feedback

    Recommended Comments

    La Redazione tutta di Nikonland vuole augurarvi una serena Pasqua con i vostri cari con questo test di lungo termine scritto a otto mani sulle Nikon Z.

    Spero che lo apprezzerete e che vorrete ricambiare con i vostri stimati commenti.

    • Like 6
    • Thanks 2

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Siete stati bravissimi a realizzare questo compendio, una sorta di riassunto delle vostre impressioni di utilizzo dopo che largamente, tutti, avete pubblicato separatamente i vostri test, le vostre prove sul campo, gli elogi, le critiche e i dubbi. E più vi leggo, più guardo le vostre foto e più mi convinco che il mio futuro sarà Z.
    Una svolta epocale per Nikon, non solo perchè traccia un confine netto fra ciò che era e ciò che da questo momento sarà, ma anche e soprattutto per il concept espresso nella progettazione di questa nuova genia di fotocamere. Un taglio netto con il passato, strumenti ripensati da zero nei quali niente può o debba assomigliare anche vagamente a qualsiasi elemento del precedente sistema F con la determinata volontà di estinguere ques'ultimo lentamente, evitando uno shock di mercato. Hanno pensato a tutto, hanno programmato, progettato, costruito senza lasciare niente al caso. Si procede lentamente ma con decisione. Z6 e Z7 sono la svolta del marchio, l'inizio di una nuova vita. Nikon ricomincerà a stupirci, ne sono certo.
    E voi avete fatto un gran lavoro. Avete tutti e quattro un modo diverso di lavorare, avete interessi diversi e usate le fotocamere praticamente in tutte le condizioni ambientali e di luce. Sono certo che da nessuna parte nel web sia possibile leggere impressioni e valutazioni così dettagliate e reali. Insomma, se qualcuno ha intenzione di comprarsi una Z è su Nikonland che deve venire ad informarsi. Chapeau:)

    • Like 5
    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    La cosa che mi piace di più della redazione di Nikonland è che, nonostante siate i primi "amanti"  e tifosi delle Nikon
    nei vostri test esaltate sia i pregi che i difetti cercando di dare dei giudizi il più possibile "oggettivi" in modo che
    chi vi legge  abbia una visione generale il più vicino possibile alla realtà. Insomma non vi fate condizionare dal vostro 
    amore per questo marchio. Sembra una banalità ... ma metterlo in pratica non è così facile.
    Complimenti

    • Like 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Complimenti, una bella lettura in questi giorni di isolamento.

    Avete sempre la capacità di fornire recensioni altamente qualitative ed interessanti.

    Per quanto poi in dettaglio la Z 6, ne sono felice possessore e condivido i punti di forza e di debolezza evidenziati.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Giudizi obbiettivi e corrispondenti allo stato delle cose. Ho acquistato la Z6 e Z7 dando indietro la D850 e la D500 con relative ottiche dopo un viaggio in Islanda, nel quale da settantenne , con un tempo da lupi, mi sono portato in giro uno zaino del peso di 15 Kg. Il tutto è avvenuto nel mese di febbraio e ovviamente il peso non è stato il solo motivo per cui sono passato a z6-7, ma anche perché ritengo che gli sviluppi e gli investimenti delle case costruttrici e della Nikon vadano in quella direzione. Non ho avuto quindi la possibilità di testare le due fotocamere, faccio prevalentemente paesaggio e ritratto e vista la situazione attuale ho fatto pochi scatti, mi sono divertito in studio con la Z7 ed il 50, 1,8 ed i risultati a mio avviso sono stati molto molto soddisfacenti. Come ottiche al momento ho il 24-70 f4, il 14-35, il 50 1,8 ed il 24 1,8, sono in attesa del 70-200 e del 14-24 che purtroppo penso dovrò aspettare ancora per averli. Un caro saluto a tutti ed ..... Auguri di Buona Pasqua.

    • Like 2

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Z6 L’ho presa ormai da più di un anno, Gennaio 2019 e non mi ha fatto rimpiangere assolutamente la D750, Anzi.

    L’ho usata con piacere cercando di approfittare di tutte quelle che sono le migliorie “infilate” da Nikon in questa nuova ML. Ed io non uso e sfrutto tutto lo sfruttabile nonostante su Nikoland si sia parlato e sviscerato molto questa macchina. Mia Moglie ha preso la Z7 e la usa con soddisfazione, molta.

    Ho usato la Z6 per i generi nei quali usavo la D750 ed in molti casi le V, soprattutto la V3. BN utilissimo per me poter vedere in BN appunto. Paesaggio il suo essere comunque più leggera di una Reflex ed avere il VR sul Sensore permette di scattare a tempi bassi, questo aiuta tantissimo chi come me non usa praticamente mai il cavalletto. L’ho usata anche nel poco Street che di solito faccio ed anche qui la sua leggerezza e le dimensioni degli obbiettivi a lei dedicati sono un grosso vantaggio. l’Unico obbiettivo che rimpiango un pò è il 14-24 mm, il mio aveva qualche problemino e che ho dato indietro per il 14-30 che a me non dispiace, ma non può rivaleggiare con il “vecchio” e pesante parente. Io comunque non mi sono trovato male, anzi, anche con molti degli obbiettivi F che avevo e che ho tenuto per usarli con l’FTZ, un vero gioiellino. L’ho usata anche per fare foto agli animali, qualche volta per dare una mano alla D500, in questo campo la Z6 non è all’altezza, ancora, nonostante le migliorie apportate con i vari aggiornamenti. Si in questo campo aspetteremo una Nuova ML che non faccia rimpiangere le Reflex. Forse anche una ML Dx sarebbe utile….perchè i mm non bastano mai, soprattutto in Italia. Parlando di mm siamo in tanti ad aspettare l’uscita dei tele targati Z, la promessa di un 100-400 e di un 200-600 con caratteristiche che immagino saranno adeguate a queste e alle ML che verranno ha fatto venire l’acquolina a chi pratica sport e foto agli Animali. Il blocco forzato attuale farà scivolare più lontano l’uscita di queste ottiche e di altre che molti stanno aspettando, speriamo che Nikon riesca a fare Miracoli nel prossimo futuro…..

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    44 minuti fa, Gianni dice:

    [...] Il blocco forzato attuale farà scivolare più lontano l’uscita di queste ottiche e di altre che molti stanno aspettando, speriamo che Nikon riesca a fare Miracoli nel prossimo futuro…..

    I dati di vendita di marzo registrano crolli del 55-65% delle vendite e al 31/3 si è chiuso l'esercizio 2019-2020 e si è aperto quello 2020-2021.
    Quindi non dovranno fare miracoli per tenere il mercato nel nuovo anno, dovranno battersi con il coltello tra i denti perchè tutti i concorrenti sono conciati allo stesso modo.
    E d'altronde la gente in questo momento, a tutto pensa tranne che a spendere gran soldi per apparecchiature fotografiche.

    Quindi per farci scucire i nostri dobloni dovranno essere audaci, coraggiosi, spregiudicati. Non è più tempo di guardarsi indietro e tutto quello che é il catalogo precedente, destinato a fare polvere.
    O, almeno,  per quanto mi riguarda, io non comprerò più niente che sia compromesso al ribasso, solo proposte di punta.

    Circa il 200-600 io mi aspetto che sarà un eccellente obiettivo, ben superiore al pur onesto 200-500 F.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Io, come detto, aspetto un nuovo corpo macchina, con caratteristiche tali da farmi dimenticare le difficoltà operative attuali sui grossi volumi di scatto: sensori AF dimezzati nelle dimensioni e raddoppiati di numero, schede CF Express, doppio slot, battery grip con tutti i sacramenti (ghiere e pulsanti verticali), oppure forma monolite come una D5, sperando anche che non pensino a venderla a prezzi da Leica.

    Tutto ciò non avverrà nè quest'anno, nè all'inizio del prossimo: ho il tempo per mettere da parte il denaro.

    Oltre alla mia batteria di 6 obiettivi nativi, con piena soddisfazione di tutti, dai fissi ai due zoom, 14-30/4 e 24-70/4 che nelle rispettive categorie di luminosità e prezzo, sono a mio avviso il meglio che ci sia sul mercato mirrorless. 

    Ad oggi

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Gran bel articolo, bravi! Pur non avendo ancora fatto il grande salto da F a Z, seguo con molto interesse queste analisi fatte da VERI utilizzatori e non da youtuber da strapazzo che in 5 minuti pensano di averci capito tutto...

    Avevo previsto di farmi un gran regalo per i miei 50 anni a marzo 2021...magari presenteranno le nuove Z in quel periodo...vedremo...

    Da quello che leggo, le Z hanno sicuramente avuto qualche problema di gioventù inizialmente, colmato o ridotto nel corso di questo anno e mezzo, ma come esordio nel mondo FF mirrorless mi sembra molto più che buono!

    Tanto è vero che Mauro le approva per il 90% dei casi e dei fotografi, non è sicuramente poco! Confortante è il giudizio quasi unanime sulle ottiche Z, segno che la strada è quella giusta! 

    • Like 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    1 ora fa, SGAMBI dice:

    Gran bel articolo, bravi! Pur non avendo ancora fatto il grande salto da F a Z, seguo con molto interesse queste analisi fatte da VERI utilizzatori e non da youtuber da strapazzo che in 5 minuti pensano di averci capito tutto...

    Avevo previsto di farmi un gran regalo per i miei 50 anni a marzo 2021...magari presenteranno le nuove Z in quel periodo...vedremo...

    Da quello che leggo, le Z hanno sicuramente avuto qualche problema di gioventù inizialmente, colmato o ridotto nel corso di questo anno e mezzo, ma come esordio nel mondo FF mirrorless mi sembra molto più che buono!

    Tanto è vero che Mauro le approva per il 90% dei casi e dei fotografi, non è sicuramente poco! Confortante è il giudizio quasi unanime sulle ottiche Z, segno che la strada è quella giusta! 

    Forse Mauro.

    Invece io sostengo che per il 90% dei fotografi vada già benissimo la Z50...

    Qui si parla solo della Z6: che di problemi di gioventù, da quanto puoi leggere, non ne ha avuti per nulla. E' una macchina nata per una fascia di utenti paragonabile a quelli D750 e già alla nascita incommensurabilmente a quella superiore.

    Per giunta tenuta d'occhio costantemente da Nikon, che con successivi aggiornamenti la ha migliorata ulteriormente.

    Intendiamoci bene sui presupposti.

    Pensa che c'è chi, facendo impropri accostamenti, continua a ritenerla perdente solo alla D5 : e vorrei ben vedere :rotfl:

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Se per la Z50 ci fosse una terna di obiettivi piccoli, compatti e molto più economici (pur qualitativi) in formato DX sarei d'accordo.

    Ma al momento non ha senso comprare una Z50 ed avere solo obiettivi che già alla seconda tacca dello zoom, aprono ad f/5.

    La Z50 va quanto la Z6 ma montando gli obiettivi della Z6. Ma a quel punto ... mi compro la Z6.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    4 minuti fa, MM! dice:

    Se per la Z50 ci fosse una terna di obiettivi piccoli, compatti e molto più economici (pur qualitativi) in formato DX sarei d'accordo.

    Ma al momento non ha senso comprare una Z50 ed avere solo obiettivi che già alla seconda tacca dello zoom, aprono ad f/5.

    La Z50 va quanto la Z6 ma montando gli obiettivi della Z6. Ma a quel punto ... mi compro la Z6.

    tu.

    Che usi anche il Noct e i supertele.

    Chi nasce e muore con uno o due zoom (il 90% di chi compra una fotocamera) gli bastano 16-50 e 50-250: al prezzo di mezzo kit Z6 con 24/70

    Basta sapersi immedesimare

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Quelli, non vengono a leggere Nikonland. E Nikonland non scrive per loro. I'm sorry !
    PS : se qualcuno di loro è in linea, vuol dire che ci ha confusi per un altro sito ;)

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    2 minuti fa, Max Aquila dice:

    tu.

    Che usi anche il Noct e i supertele.

    Chi nasce e muore con uno o due zoom (il 90% di chi compra una fotocamera) gli bastano 16-50 e 50-250: al prezzo di mezzo kit Z6 con 24/70

    Basta sapersi immedesimare

    No, nemmeno io la penso così. Non è questione di supertele ma di controllo sulla fotografia. A meno che non ci stiamo dicendo che alla maggior parte degli acquirenti della Z50, alla fine, basterebbe anche il telefono ;) 

    Vedi il successo di fujifilm: macchina e sensori piccoli ma ottiche prestazionali e di prezzo abbordabile perché destinate ad un sensore piccolo.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Boh.

    Mi pare che non leggiamo bene i numeri.

    A cominciare dai prezzi di vendita degli apparecchi, per cui anche tra di noi abbiamo la falsa credenza che le Nikon e i Nikkor costino sempre più degli apparecchi di altre marche, indipendentemente da luminosità e formati. E che le attrezzature Nikon nascano gravate da problemi e gioventù...mentre le altre sembrano immunizzate.

    Lo so che il 90% dei lettori di Nikonland si sentirebbero a disagio nel dotarsi di un kittone Z50.

    Ma se venissero a pagarmi per dire a ognuno di essi quali attrezzature gli consiglio, funzione delle soggettive esigenze, all'inizio forse si offenderebbero, ma dopo un anno di terapia verrebbero a ringraziare per la soddisfazione e le economie realizzate...

    Gratis mi impongo di non dirlo più 😷

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Questo é un altro paio di maniche.

    Ma restiamo fuori dalla mission di questo sito.

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    1 ora fa, SGAMBI dice:

    Tanto è vero che Mauro le approva per il 90% dei casi e dei fotografi, non è sicuramente poco! Confortante è il giudizio quasi unanime sulle ottiche Z, segno che la strada è quella giusta! 

    Mauro secondo me è conservativo: il 90% in realtà potrebbe essere anche un 98%, solo bisogna intendersi su quali sono i fotografi, e quindi gli ambiti fotografici, di cui parliamo. Per me, ad oggi, ci sono 2 macchine fotografiche che non sono superate dalla Z6, e sono la D5 e la D500, ed è così solo se fotografi azione rapida. Ma la D500 è ostacolata dal sensore  piccolo, sugli alti ISO, per cui difficile considerarla in realtà una macchina da azione nel senso stretto del termine, visto che molte volte questa avviene con poca luce, nello sport e nel wildlife. 

    La D850, la usa in parte chi fa paesaggio - e secondo me in quell’ambito la Z7 non è cedente, anzi! degli altri utilizzatori, c’è chi poteva essere meglio servito da una D4 o da una D750 perché non stampa abbastanza grande da vedere la differenza; E quindi  da una Z6... nel 98% dei casi.

    La vera discriminante la fanno e sempre più faranno le lenti. Oggi banalmente non ci sono lenti F che stanno al pari delle Z già uscite, e non solo a parità di  segmento. Via via che il catalogo sarà completato, le Z, anche quelle di oggi, vinceranno a mani basse sulle reflex in termini di risultato fotografico raggiungibile.

    • Like 1
    • Haha 2

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Secondo me Nikon sta operando (e non potrebbe fare diversamente) l'avanzamento di uno o più step rispetto a tutto ciò che conosciamo del sistema F. La Z50 che ancora è una novità fra un anno _ o forse più, visto l'attuale stallo mondiale _ sarà da considerare la porta d'ingresso a tutto il sistema Nikon; Z6-Z7 saranno una fascia semiprofessionale (e sono quasi certo che subiranno diversi aggiornamenti ma non verranno dismesse). E diamo per scontato che a quel punto nessuno parlerà più di F in termini di paragone. E le lenti Z _ dalla più economica alla più costosa _ si stanno dimostrando altamente performanti e sono una base importante perchè in questo campo i migliori sistemi sono basati proprio sulla qualità degli obiettivi.
    D'altronde i responsabili Nikon lo hanno dichiarato più volte: "Pochi modelli che con gli aggiornamenti avranno una vita molto lunga". In questo discorso bisogna starci.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    2 ore fa, Max Aquila dice:

    Forse Mauro.

    Invece io sostengo che per il 90% dei fotografi vada già benissimo la Z50...

    Qui si parla solo della Z6: che di problemi di gioventù, da quanto puoi leggere, non ne ha avuti per nulla. E' una macchina nata per una fascia di utenti paragonabile a quelli D750 e già alla nascita incommensurabilmente a quella superiore.

    Per giunta tenuta d'occhio costantemente da Nikon, che con successivi aggiornamenti la ha migliorata ulteriormente.

    Intendiamoci bene sui presupposti.

    Pensa che c'è chi, facendo impropri accostamenti, continua a ritenerla perdente solo alla D5 : e vorrei ben vedere :rotfl:

     

    Max, per problemi di gioventù mi sono espresso male, intendevo che alcune peculiarità si sono aggiustate con i firmware che Nikon ha rilasciato. E che le Z non abbiano avuto richiami, come invece è capitato per D600 e D750, testimonia se ce ne fosse bisogno,

    la bontà del progetto. Non mi sembra di dire una corbelleria che le Z al primo tentativo sono "uscite" migliori delle prime uscite della diretta concorrenza. Piccola digressione sulla Z50, ho partecipato ad un workshop di presentazione e ne sono rimasto 

    davvero ben impressionato, hai ragione che al 90% dei fotografi sarebbe più che sufficiente. 

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    1 minuto fa, SGAMBI dice:

    Max, per problemi di gioventù mi sono espresso male, intendevo che alcune peculiarità si sono aggiustate con i firmware che Nikon ha rilasciato. E che le Z non abbiano avuto richiami, come invece è capitato per D600 e D750, testimonia se ce ne fosse bisogno,

    la bontà del progetto. Non mi sembra di dire una corbelleria che le Z al primo tentativo sono "uscite" migliori delle prime uscite della diretta concorrenza. Piccola digressione sulla Z50, ho partecipato ad un workshop di presentazione e ne sono rimasto 

    davvero ben impressionato, hai ragione che al 90% dei fotografi sarebbe più che sufficiente. 

    grazie della puntualizzazione: sono d'accordo con te. 
    le problematiche affrontate dagli acquirenti del primo periodo delle D600 e delle D750, tendiamo a dimenticarle e non sono state un bel biglietto da visita per una Casa che scivoloni simili non ne aveva mai affrontati su modelli popular come quelli.

    Per l'ultimo punto, come ho scritto, ormai ricevo a pagamento :rotfl:

    • Like 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites


    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...