Jump to content

Lasciate un commento

Commenti e feedback sono fondamentali per indirizzare la redazione nella stesura degli articoli.
Lasciare un commento significa lasciare un segno del vostro passaggio, è un gesto nei confronti dell'autore, un segnale utile per gli articoli successivi.
Noi decidiamo le linee editoriali di Nikonland anche in base ai vostri commenti e feedback.
Non fate mancare il vostro apporto !

M&M M&M

 

M&M M&M
  • M&M
    M&M

    Dove va la Nikon ?

    2PNkXR_0Ld0Aays00.jpg.6c1c48d5c1d6e9763fad76fd81a8ee1a.jpg

    Nikon ci ha spiazzati !

    Nessun problema ad ammettere che Nikon ci ha spiazzati con la Nikon Z5.

    Personalmente mi aspettavo una Z50 con sensore full-frame. Quindi tante rinunce per avere un prezzo allettante per il grande pubblico.
    Nikon ha bisogno di incrementare la quota di mercato complessiva di vendite mirrorless.
    La Z5 è strategica per questo, insieme alla Z50.

    Sappiamo bene che il grosso delle vendite si fa a cavallo dei 1000 euro e dei 500 euro, non nelle fasce di prezzo riservate ai fotoamatori più esigenti e ai professionisti.

    La Nikon Z5

    Per questo una Z5 che non è altro se non una Z6 con pochissimi ritocchi ma senza rinunce importanti, pensata più per il fotografo che per il videografo sofisticato è una mossa straordinaria.

    article-1280x720.28d61977.thumb.jpg.3517a6616003fa5489f9c64795f60dc8.jpg

    La Z5 strizza l'occhio con caratteristiche allettanti sia a chi è ancora con reflex in formato DX sia chi ancora non si è staccato da reflex full-frame di prima generazione, tipo D700 e D6x0 ma è attento al prezzo.

    La Z5 a questi fotografi offre ... l'essere una mirrorless. Lo stabilizzatore integrato sul sensore (non averlo sarebbe stata una grossa rinuncia, fidatevi), lo stesso mirino della Z6, sostanzialmente lo stesso corpo della Z6.
    Bene o male prestazioni simili tranne che nella raffica.

    Ma rinuncia a memorie esoteriche come le XQD e CFExpress che a queste latitudini sono solo un lusso e non un vantaggio.
    Due slot SD consentono a chiunque di fotografare subito senza ulteriori spese o comprando per pochi spiccioli un lettore SD cinese se ancora usa le Compact Flash (su D700).

    L'obiettivo si presenta molto valido a guardare gli MTF ma soprattutto, è estremamente compatto e leggero. Oltre che economico.

    Il conto finale dovrebbe essere anche in Italia sotto ai 2000 euro.
    Un filo troppo secondo noi ma siamo certi che per la stagione delle feste natalizie questa offerta scivolerà verso valori molto più simpatici. E per tutti l'opportunità di un finanziamento ad interessi zero potrebbe completare l'offerta e consentire il salto.

    Noi siamo sicuri che magari non subito appena da dopo Ferragosto, ma di qui a sei mesi, la Z5 sarà venduta a "tonnellate" perchè è il prodotto giusto nel momento giusto.
    Guai se non l'avessero fatta.

    Il giusto prodotto insieme alla Z50 per diffondere la nuova piattaforma senza specchio.

    E la Nikon Z6 ?

    Un personaggio che parla di tutto, presenta tutto, sa tutto e che riempie il suo canale Youtube con lunghi monologhi di 20 e passa minuti alla volta, nel commentare il lancio della Z5 - che ovviamente non ha ancora visto - ha scherzato sul fatto che ci si sarebbe dovuto aspettare piuttosto il lancio della Z6s e della Z7s.
    Presumo come risposta alle due Canon EOS R appena lanciate e alla Sony A7S III in arrivo la prossima settimana.
    Forse perchè si vorrebbe snobbare la Z5 come un modello che nasce superato, banale, noioso.
    Lungi da noi criticare lui, Canon o, Dio ce ne scampi, Sony, mai sia.

    Atomos-Shinobi-on-Nikon-Z6-Z7-mirrorless-camera.thumb.jpg.9abd2fc93cbcedb551dfe4d4151f09c3.jpg
    Z6 e Atomos Ninja V : Raw over HDMI

    Ma le strategie di marketing vanno applicate al proprio mercato, non al mercato in senso assoluto.

    La penetrazione di Nikon sia nel segmento mirrorless che in rapporto a mirrorless Nikon rispetto a reflex Nikon è ancora troppo bassa per pensare troppo in grande.
    Ci vuole più base di installato per sperare che poi i fotografi inizi un ciclo di sostituzione Z contro Z.
    Prima si devono convincere quelli che usano per lo più reflex che è arrivato il momento di guardare ad una Z.

    Con gli obiettivi, certo ed auspicabilmente, ma anche con corpi non troppo impegnativi per quanto riguarda il prezzo (bella una Z9 oggi a 5000 euro, vero ? Ma sapendo che facilmente non è ancora lo stato dell'arte l'avreste comprata così a cuor leggero ? O avreste aspettato la prossima generazione, contentandovi della vostra Z6 ? Conosciamo la risposta ...).
    Ecco la Z5.

    Ma per i fotografi più sofisticati ?

    Z6 e Z7.

    Si, certo ma ...

    Guardando la Z6 e la Z5 è evidente la sovrapposizione su tutto. Tranne che per la raffica - un aspetto che interessa una minima percentuale di fotografi - e il video 4K.
    Che nella Z6 è full-frame mentre nella Z5 è 1.7x.
    Troppo poco perchè la gente si compri oggi una Z6 anzichè una Z5. Salvo che per l'appunto non pensi a 4K, magari ProRes Raw via Atomos etc. etc.

    Quindi Z6s e Z7s

    Rumors molto accreditati anticipano per l'autunno (che comincia a fine settembre e finisce e fine dicembre, più o meno) il lancio di due modelli perfezionati di Z6 e Z7.
    Attenzione, non due macchine totalmente nuove, altrimenti avremmo avuto una numerazione diversa.

    Quindi due macchine con lo stesso sensore delle macchine che sostituiscono ma con prestazioni migliorate abbastanza da eliminare la sovrapposizione tra Z6 e Z5, per il modello a 24 megapixel.
    E qualche cosa di nuovo sulla Z7s perchè possa tentare chi ha già una Z7.

    Non ne sappiamo proprio nulla.
    E Nikon è ancora più abbottonata di sempre in quanto a notizie lasciate trapelare fuori dalla porta.

    Probabilmente perchè vuole spiazzarci ancora come ha fatto con la Z5.

    E noi per non cadere ancora nel tranello, evitiamo di fare congetture.

    Ma considerato che il conto economico di Nikon (come degli altri operatori del settore) langue, crediamo fermamente che Z6s e Z7s saranno evolute abbastanza, sia lato hardware che software - componente sempre più importante delle fotocamere post-reflex - da solleticare la carta di credito sia di chi ha D800-D810-D850 che di chi ha già Z6 e Z7.
    E magari un domani anche di chi ha Z50 o Z5.

    Immaginiamo che avranno due slot di memoria - si può fare come dimostra la Z5 - sicuramente un battery-grip come si deve con i comandi verticali.
    Forse, dico forse perchè non ho idea se il sensore lo consenta, il video 4K in formato 60p, oramai richiesto come standard nelle produzioni commerciali e che costituirebbe insieme al video ProRes Raw senza modifiche post-vendita, da solo un motivo di acquisto per tanti professionisti
    (il mio amico Rossano Rinaldi per esempio, viene richiesto dai suoi committenti di video in formato 4K60p che la sua D750 ovviamente non gli consente di avere. Quindi una Z6 non gli basterebbe ed ha l'opzione di comprare una Z6/Z5 per le foto più una videocamera, certamente non Nikon, se Nikon non proporrà entro l'anno una Z con video 4k60p).


    Sono cose che per moltissimi fotografi non spostano l'ago della bilancia ma per chi fa molto video invece possono motivare oppure no un acquisto.

    NIKKOR_Z_LINEUP_July_2020_en_EU_rid.thumb.jpg.e2cbd5c053dfb27161bf686b33c41a08.jpg

    Nikon Z8 e Z9

    Che altro avranno Z6s e Z7s ? La nuova batteria EN-EL15c ricaricabile anche in marcia e maggiore potenza in più.

    Ma non tanto da trasformarle in macchine di seconda generazione Z.

    Per quelle si dovrà aspettare che la massa critica di chi usa Z quotidianamente sia al punto tale da poter avviare un ciclo di rinnovo, come fatto a suo tempo con D1/D100 su D2/D200 e D3/D700.
    Ricordate ? Ci vollero circa 7 anni.
    Adesso siamo a due e non abbiamo nemmeno un corredo di ottiche minimo in grado di fare sistema.

    Però Nikon sta costruendo un sistema coerente ed omogeneo con ogni componente perfettamente intercambiabile.

    Possiamo montare un Noct su una Z50 senza problemi ed usare con soddisfazione un DX Z 16-50 su una Z7.

    Quindi Z8 e Z9 arriveranno quando i dati di vendita mostreranno che la finestra si è aperta.

    Quando ?

    Quando ci saranno anche obiettivi che pretendono quelle macchine e che adesso solo cominciano ad intravvedersi

    Io presumo da fine 2021/2022. Ma i tempi mutano rapidamente e Nikon potrebbe spiazzarci - in positivo - ancora come ha fatto l'altro ieri con la Z5.

    Io ci conto. Noi di Nikonland ci contiamo.

    Una cosa è ancora più sicura di tutto questo. Nikon è qui per restare. Le Nikon Z ci accompagneranno per i prossimi lustri.
    Nikonland ce la metterà tutta per essere qui finchè ci sarà possibile.

    Nikon-Nikkor-Z-14-24mm-f2.8-S-lens-1.jpg.1c05c63474d4915a731c7ac4f65b1422.jpg

    Il nuovo Nikkor Z 14-24/2.8, terzo della serie di zoom professionali f/2.8, atteso per l'autunno, crediamo insieme a Z6s e Z7s.

    Edited by MM!

    • Like 3


    User Feedback

    Recommended Comments

    Il pubblico dei fotografi Nikon è da sempre il più esigente e severo nei confronti dei mezzi che usa e di quelli che vorrebbe acquistare.

    Perché Nikon la ha viziato per decenni con corpi macchina a pellicola, digitali, a telemetro, reflex, di nuovo mirrorless,  senza compromessi o quantomeno che non fossero più che accettabili.

    Sarà difficile convincere gli user di una D850 o di una D750, così come quelli di una D7200 o di una D500 a comprare una mirrorless, ma è proprio con modelli come questa Z5 che si lancerà la passerella

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Disamina interessante, l'ottimismo che trapela dalle tue parole è un toccasana per chi sta attendendo ulteriori novità in casa Nikon, vuoi per un motivo piuttosto che per un altro.

    Se la pazienza deve essere una delle virtù di ogni fotografo, penso che i più affezionati al marchio ne avranno a sufficienza per attendere ciò che attendono...se non saranno costretti a fare altre scelte per motivi di lavoro ecc.

    Viste le caratteristiche ed i prezzi della Z5 e della Z6, sono molto curioso di sapere con cosa potrebbero invogliarmi a spendere un po' di più (ma non troppo) per una Z6s, sono abbastanza fiducioso che le migliorie saranno sufficienti a mettere quella macchina su un gradino diverso dalla Z6. Ad ogni modo fa piacere essere stupiti, ma farebbe anche piacere condividere una strategia più ampia, ma in questo campo Nikon ci sta abituando ad attendere ed avere "solo" fiducia in loro, senza chiedere molto altro.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Io farei il cambio oggi (per una sostituta mirrorless di una D5 - che non ho più - di una D850 - che non ho più - o di una D500 - che non ho più da anni ) ma molti di quelli che hanno comprato una reflex professionale di ultima generazione, lo hanno fatto negli ultimi tre/quattro anni.

    Questi fino alla fine dell'anno prossimo, a prescindere da tutto, saranno restii a fare il cambio, solo nel 2022 realisticamente penseranno che sia l'ora.

    Proporre oggi macchine di categoria superiore, magari acerbe come le Z6-Z7 al lancio sarebbe un salto nel vuoto, pericoloso.

    Pensare ai fotoamatori più onesti (verso se stessi) e in grado oggi di spendere i 1850 euro salvo sconti della Z5 è come ripetere l'operazione D600 a distanza di 8 anni (13 settembre 2012).
    Proprio quelli, oltre ai residuali ancora in possesso di D700, sono il target di questa macchina.

    Z8 e Z9 oggi non avrebbero nemmeno il parco ottiche necessario ad esprimersi mentre Z6s e Z7s saranno due nuovi palliativi in attesa del futuro. Necessarie e performanti ma ancora inadeguate alle aspettative dei più sofisticati.

    E' notizia di questa mattina (ora di NY) che Associated Press ha fatto un contratto con Sony per dotare tutti i suoi fotoreporter di kit A9 II e ottiche GM.
    Primo appuntamento : le presidenziali dove, nella maggior parte dei casi, le reflex non saranno ammesse (perchè alle conferenze stampa il click-clack di specchi e otturatori adesso è vietato e alla Casa Bianca le reflex sono bandite).
    AP era prima "montata" su Canon.
    Ma quello è un target di clientela cui Nikon per ora non ha altro da offrire che D6 e zoom e tele f/2.8

    Per avere la stessa offerta su mirrorless ci vorrà il suo tempo. Non c'è molto da fare al riguardo.

    L'ottimismo è quello di chi osserva una società seria e pragmatica che ha impostato un percorso che sta perseguendo con molta coerenza e lucidità.
    Un pò troppo giapponese come approccio, certo, ma non dipende da loro se in occidente si fanno solo Leica ...

    In ogni caso, per il fotoamatore medio come lo conosciamo noi, aggiunti due o tre obiettivi, già l'offerta Nikon Z tra qualche mese sarà più che sufficiente a coprire il 90% delle esigenze comuni.
    Gli altri per coprire il 10% residuale terranno reflex e supertele.

     

    • Like 1
    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    NIKKOR_Z_LINEUP_July_2020_en_EU_rid.thumb.jpg.e2cbd5c053dfb27161bf686b33c41a08.jpg

    un punto d'arrivo comprensibile per una Casa che arrivi da qui:

    1085100617324.jpg.cc36ed8039e05b6501c140abf9663599.jpg

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    Il 23/7/2020 at 16:49, MM! dice:

     

    In ogni caso, per il fotoamatore medio come lo conosciamo noi, aggiunti due o tre obiettivi, già l'offerta Nikon Z tra qualche mese sarà più che sufficiente a coprire il 90% delle esigenze comuni.
    Gli altri per coprire il 10% residuale terranno reflex e supertele.

     

    Per quanto mi riguarda lo è già al limite ne basterebbero 2 ma posso anche fare con quello che ho.

    Il tuo discorso è realistico ma mi sembra un poco obbligato. Lo faresti lo stesso se oggi Nikon presentasse una Z9 con il sensore della A9 e prestazioni equivalenti? Oppure diresti che Nikon per il suo blasone ha bisogno di produrre oggetti che siano il massimo oggi sul mercato, anche se poi gli acquirenti sono pochi? 

    La Z5 personalmente non mi piace... preciso meglio: avrei apprezzato la macchina se fosse uscita assieme alla Z7, al posto della Z6. Basso costo, perlomeno sarà basso tra non molto, buon sensore, ha tutto quello che serve. Ma dopo la Z6 mi pare un doppione anomalo. Solo per prezzarla più in basso? Bastava rinunciare a un poco di margine e aggiungerci lo zoom buio. Forse la Z6 non la producono già più e hanno tirato fuori la Z5 perché proprio non ci stavano. Ma la "RP" versione Nikon esce comunque con molto ritardo.

    Stesso discorso vale per le ipotetiche S. Cosa devono aggiungere realisticamente per convincere chi non è già stato convinto dalle due (4) Z a passare a ML? Cosa devono aggiungere per convincere uno approdato altrove a fare ritorno? Se sperano che per un secondo slot e una impugnatura verticale un possessore medio Z lasci sul bancone altri 1500 euro o più tra svalutazione e prezzo al nuovo mi sembrano ottimisti.

    Sul parco ottiche onestamente non so che giudizio dare. Da un lato lo sforzo in due anni è stato enorme, dall'altro alcuni ritardi sono incomprensibili. E in assenza di ottiche di terze parti le Z resteranno sempre più solo oggetti per la riserva pellerossa, che in mancanza di nuovi adepti si assottiglia sempre più.

     

     

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Per spezzare una lancia a favore di Nikon sto sentendo di possessori di sistemi m4/3 che passano a Z50 o che prenderanno la Z5 pur avendo ben presente la concorrenza Sony e Fuji.
    Persino qualche Fujista sembra interessato alla Z5 per superare alcuni militi del sensore APS-C.

    Invece sono convinto che nessun Canonista cambierà più brand dopo l'uscita delle due recenti R, anzi, alcuni che non hanno ceduto anche il parco ottiche sta meditando di mollare il corpo Sony...

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    38 minuti fa, Sakurambo dice:

    Per spezzare una lancia a favore di Nikon sto sentendo di possessori di sistemi m4/3 che passano a Z50 o che prenderanno la Z5 pur avendo ben presente la concorrenza Sony e Fuji.
    Persino qualche Fujista sembra interessato alla Z5 per superare alcuni militi del sensore APS-C.

    Invece sono convinto che nessun Canonista cambierà più brand dopo l'uscita delle due recenti R, anzi, alcuni che non hanno ceduto anche il parco ottiche sta meditando di mollare il corpo Sony...

    Ma degli zingari ci importa ben poco.

    Sono persone che scattano meno foto di quanto progettino di fare cambiamenti radicali.

    Sempre delusi o illusi.

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Quanto fotografano non lo so, ma fanno numero nei bilanci anche loro.
    Belle o meno che siano le loro foto.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    1 ora fa, Sakurambo dice:

    Quanto fotografano non lo so, ma fanno numero nei bilanci anche loro.
    Belle o meno che siano le loro foto.

    Spero sempre che Nikon produca apparecchi per gente come me e non per ondivaghi come quelli

    Di solito questo desiderio viene esaudito

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Anche se ultimamente qualche delusione Nikon me l’ha data (non sui prodotti ma sulla comunicazione e sulla lentezza), Nikonista sono e tale resto.

    La Z50 non mi interessa, sono già con la Z 6, ma credo che sia un bel prodotto e giusto per invogliare il passaggio al nuovo sistema. Se non rovina tutto con ritardi, quest’anno a Natale ne venderà parecchie, complice qualche cash-back che sicuramente farà.

    Edited by PaoloBC
    Errore

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Nikon va dove deve e come ha sempre fatto. Con Z6 e Z7 ormai fuori produzione ritarda volutamente l'uscita dei due modelli sostitutivi, giusto per svuotare i magazzini (ed è un'operazione sensata a mio avviso). Le lenti ci sono, ma in questo caso i ritardi nella produzione (vedi 70-200 S) sicuramente dipendono da altri fattori non direttamente controllabili. Scarsa informazione e segretezza assoluta? Beh, se ancora non ci siamo abituati il problema è nostro.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    5 ore fa, effe dice:

    [...] Scarsa informazione e segretezza assoluta? Beh, se ancora non ci siamo abituati il problema è nostro.

    Beh se Canon per il suo lancio di R5 ed R6 ha ingaggiato un emulo di Francis Coppola, montato un teatro di posa e preso 256 comparse, dopo aver annunciato lo sviluppo 4 mesi prima e annunciato il lancio in modo epocale un mese fa, Nikon si tira fuori dal cilindro la Z5 senza far trapelare nulla e lasciando intuire come potrebbe essere e non come sarà (di R5 ed R6 si sapeva anche l'esame del DNA ancora prima del lancio) e poi le propona sul mercato ... con un comunicato stampa e 4 foto ufficiali quattro.

    Poteva andare bene nel febbraio del 1959. Finanche nel 1976.
    Ma già nel 1999 era fuori moda, oggi da adito solo a congettura imponderabili (che infatti impazzano per la rete senza nessun Ambassador - mi risulta che nessuno di loro abbia in mano una Z5 - possa rintuzzare le sciocchezze che si dicono sul web).
    Quasi, quasi, Dpreview ha scritto una presentazione più calorosa della Nikon Z5 di Nikon.
    Ed ho detto molto, citando Dpreview ... !

    Il 21° secolo è quello in cui la Cina minaccia gli Stati Uniti senza muovere un soldato ... direttamente dai laboratori di hacker installati a Phnom Pehn (per non essere direttamente coinvolta) inondando la rete di news e di fake-news tutte suffragate da milioni di commenti (apparentemente reali) sui social !
    Io non credo che il budget di Nikon possa essere stravolto se assumono un europeo o un americano per dirigere la comunicazione globale, anzichè imporre canoni e stilemi da secolo precedente a quello scorso.

    E intanto questa volta, ancora una volta, Nikon non ha nemmeno annunciato di avere in sviluppo il 14-24/2.8.
    Ne ha solo pubblicato la fotografia senza commenti.
    Non lo ha fatto nemmeno con il 50/1.2 S - che deve essere parimenti pronto per la distribuzione ma nessuno lo dice - mentre delle Z6s e Z7s sappiamo l'esistenza perchè qualcuno se lo è lasciato scappare.
    Mentre dovremmo sapere tutto tranne il gruppo sanguigno della madrina che le terrà a battesimo a questo punto.
    Ottobre, se sarà confermato, tolto il mese di ferie obbligate in Giappone, è praticamente il mese prossimo !

    Quindi a conti fatti, sarà un problema nostro se non ci siamo abituati all'ossessivo riserbo Nikon, ma fa più male al loro conto economico che al nostro !

    • Like 1
    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    E' davvero incredibile ed inconcepibile questo tipo di scelte, soprattutto in un mondo dove sempre più si convincono i clienti con proclami ed enfatizzazioni piuttosto che con contenuti e qualità. In un mondo dove tutti vogliono tutto e prima di subito, non creare "hype" prima del lancio di un prodotto non sembra una scelta saggia.

    Che poi invece magari sia una scelta contro corrente proprio per rimarcare che "noi" produciamo materiale che non ha bisogno di essere sbandierato per mesi ai quattro venti, che non ha bisogno di ambassador che ne elogino le qualità ecc. e che siamo certi possa conquistare il cliente una volta che si sarà reso conto della bontà del nostro prodotto a me andrebbe anche bene...ma almeno un minimo sindacale di comunicazione mi farebbe piacere eh!

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Con queste premesse a me sembra comunque corretta la strategia di Nikon di privilegiare prodotti di fascia media (con l'eccezione del Noct) per consolidare la base e cominciare a convincere il popolo dei "reflexxari" a provare l'altra faccia del mirino senza specchio.
    Che se ha fulminato me già al lancio e Max solo qualche mese dopo, vedo che sta facendo proselitaggio convinto, oggi, giusto due anni dopo.

    Ma vediamola differentemente se Nikon proponesse in settembre anzichè una mid-range class come la Z5 alternativamente da 1850 euri :

    - una fotocamera da video con prestazioni allo stato dell'arte e 12 megapixel a 4.200 euro qualcuno di noi la comprerebbe a cuor leggero ?
    - una fotocamera da foto e video con prestazioni shock e 45 megapixel a 4.700 euro, qualcuno di noi la comprerebbe a cuor leggero ?

    mentre la riproposizione arrotondata ed aggiornata di Z6 e Z7, due fotocamere lanciate acerbe ma poi raffinate via software e adesso mature, sebbene tutt'altro che allo stato dell'arte, ma rispettivamente a :

    - 2500 euro quella da 24 megapixel
    - 3500 quella da 45 megapixel

    anzichè una ammiraglia da - presumo io - 5.500 euro e 61 megapixel (il noto premio Nikon sul prezzo degli altri) ?

    E che dire oggi di una ammiraglia reflex che peraltro stenta ad essere distribuita, a 7.290 euro, con il live-view e il video della D850 del 2017 ?

     

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Macché....

    Tutti i forum italiani e buona parte anche degli altri danno risalto solo a due aspetti:

    1- completezza dell'offerta di un marchio

    2- prezzo dei prodotti

    Lasciando da parte i criteri salienti del passaggio da reflex a mirrorless:

    A- funzionalità aggiuntive determinanti

    B- qualità dei singoli tasselli del puzzle.

    E Max...

    che prima del lancio di due anni fa delle Z, era già da due anni e mezzo che affiancava al corredo reflex uno mirrorless, scrivendo a più non posso già su Nikonland 1.0 quanto fossero determinanti i punti A e B rispetto 1 e 2, inascoltato dai più (andatevi a rileggere i miei test) era ben consapevole che il baco nell'offerta pre Nikon Z stesse proprio nel fatto che fiuggi e sonni privilegiassero  soprattutto il punto 1.

    Come se tappezzare il mercato di porcherie potesse sopperire alla QUALITÀ del sistema acquistato.

    Per nostra fortuna, prima è arrivato Yamaki di Sigma a farlo capire ai due giocherelloni del circo.

    Poi, nel 2018, sono arrivate la Z7 sontuosa e la mia Z6, NECESSARIA E INDISPENSABILE !!! Come da titolo del mio test.

    Non appena scattati i primi mille files...

    Ora son tutti contenti di Nikon Z.

    E dicono che faccia bene a centellinare i prodotti.

    Pochi mesi fa tutti mugugnavano.

    Ma tanto quello che conta, alla fine della fiera, saranno solo i pezzi venduti.

    Mica le chiacchiere da forum.... 

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Non voglio fare il bastian contrario, ma un certo ruolo nel progressivo cambio di atteggiamento verso il mondo delle Z l'arricchimento dell'offerta e delle performance dei corpi via aggiornamenti del FW lo ha di sicuro. Anche nel mio caso, che sono a metà strada tra gli entusiasti della prima ora come te e quelli di adesso.

    • Haha 2

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    41 minuti fa, Massimo Vignoli dice:

    Non voglio fare il bastian contrario, ma un certo ruolo nel progressivo cambio di atteggiamento verso il mondo delle Z l'arricchimento dell'offerta e delle performance dei corpi via aggiornamenti del FW lo ha di sicuro. Anche nel mio caso, che sono a metà strada tra gli entusiasti della prima ora come te e quelli di adesso.

    Certamente un cambio positivo di atteggiamento della nuova Nikon, sta contribuendo al suo successo.

    Grazie anche al precedente passivismo in ambito reflex sulle stesse potenzialità di aggiornamento: mai gestito oppure mal gestito

    • Haha 1

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Da 8,2 milioni di fotocamere vendute da tutti i marchi nel 2019 (parliamo di macchine ad obiettivi intercambiabili, naturalmente)  scenderemo con le stime attuali a circa 4 milioni nel 2020.
    Una riduzione del 50% che Sony prevedeva sarebbe avvenuta in un arco di tempo di 3 anni, quindi per la fine del 2022.

    Probabilmente - se l'andamento della pandemia ci aiuta - ci sarà un recupero nel 2021, presumibilmente a partire dalla primavera-estate, con un possibile obiettivo di vendite globali per il 2021 di 6 milioni (stima più ottimistica, conferma di 4-5 milioni nel caso più pessimistico).
    Per poi ridiscendere probabilmente ancora nel 2022.

    Probabilmente i costruttori giapponesi spingeranno con i prodotti già esistenti (promozioni) o con i nuovi prodotti presentati appositamente, verso la metà dell'anno prossimo, in prossimità delle Olimpiadi di Tokyo del ... 2020.

    Io mi attendo uno sforzo per tutto il 2021, a partire dalla fine di quest'anno.

    Non so se ci sarà una seconda occasione, quindi spero che Nikon si stia preparando al momento della ripresa con prodotti appetibili e soprattutto, disponibili.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

×
×
  • Create New...