Jump to content
  • Silvio Renesto
    Silvio Renesto

    Vitantonio Dell'Orto, l' armonia della natura.

    Vitantonio dell'Orto, per chi non lo conoscesse, è  un fotografo naturalista professionista, le sue foto sono apparse su diverse riviste ed ha pubblicato dei libri, è stato presente anche su  Nikon school. Il suo approccio alla natura è particolare, più che il bel soggetto,  cerca di cogliere e di trasmetterci  l'emozione del vivere la natura come un tutto. Ci conosciamo, sia pure "a distanza", da molto tempo  così gli ho proposto di raccontarci la sua storia di fotografo e il suo punto di vista sulla fotografia di natura. Ne è uscita un'intervista ricca e sotto molti aspetti originale, buona lettura (e grazie Vitantonio!).

     

    Raccontaci qualcosa di te

    Sono un fotografo naturalista con un passato da informatico in un’azienda metalmeccanica: due cose del tutto antitetiche, a parte l’uso del computer; e se qualcuno immagina che sia arrivato alla prima scappando dalla seconda, non si sbaglia. Fotografavo già da molti anni: quando si è trattato di cambiare mestiere era semplicemente l’unica altra cosa che sapessi fare abbastanza bene da giustificare un’entrata economica. Non c’era alcuna particolare ambizione personale o vanità dietro la scelta, solo pura sopravvivenza. E passione, perché non è certo una carriera che si scelga per arricchirsi. Dalla fotografia di natura ho avuto molte soddisfazioni: pubblicazioni, riconoscimenti e il mio quarto d’ora di notorietà nel settore, ma le gratificazioni maggiori sono sempre arrivate dal semplice fatto di fotografare, di stare in natura. Mi sono sempre sentito un fotografo, anche se facevo altro, e non lo sono diventato di più solo perché ne ho poi fatto una professione.

    17729.thumb.jpg.859b30218ef9dfb41fc80b8c50900cfa.jpg

    Una solitaria pianta di trifoglio fibrino tra quinte di equiseto acquatico, Norbotten (Svezia).

     

    Quando e come ti è nata la passione per la fotografia?

    Come ogni ragazzino ho sperimentato diversi hobby per poi abbandonarli quasi subito; questo fino al momento in cui ho preso in mano la mia prima reflex, la Olympus OM-1 di famiglia che nessuno usava. Sono passati quarant’anni da quel momento (ne avevo 17), e non avrei più smesso di tenere una fotocamera in mano, anche se allora non potevo immaginarlo. Ricordo di aver comprato un paio di libri di tecnica generale e uno di composizione e di averli consumati a furia di sfogliarli fino a mandarli a memoria.

     

    Prima la passione per la natura e poi quella per la fotografia o viceversa?

    Fin da piccolo sono stato un avido consumatore di libri, e quelli sugli animali erano i miei preferiti; conservo ancora l’esemplare di “Guarda e scopri gli animali” (magnifica serie di fine ‘60 basata su illustrazioni) sulla fauna artica. Un segno del destino, forse, visto che da tempo vivo in Scandinavia; o, più semplicemente, probabilmente attraversiamo la vita restando in gran parte gli stessi, in fondo, a dispetto di quel che ci piace pensare. Ciò detto, solo diversi anni dopo i due mondi sono andati a coincidere e mi sono dedicato esclusivamente alla fotografia naturalistica; per arrivarci ho dovuto prima maturare sia come fotografo che, direi soprattutto, come individuo consapevole.

    20441.thumb.jpg.54f0814ed6b5d5fb0d7d3b6040c7ba97.jpg

    Crescita di lichene centrifugo su un ammasso di rocce moreniche, Norbotten (Svezia).

     

    In un'intervista ti sei definito un fotografo naturalista "a tutto tondo", cosa volevi dire, qual'è il tuo concetto di Wildlife photography?

    In natura sono ancora come un bambino nel proverbiale negozio di giocattoli: voglio vedere tutto, provare tutto, “possedere” tutto. Amo ogni suo aspetto e non sono mai riuscito a limitarmi a un sottogenere, nel fotografarla. Non è solo bulimia visiva, se mi si passa il termine: la natura è complessità, infinità di relazioni e interdipendenze, e ho sempre sentito la necessità di far corrispondere il mio sguardo a questa realtà nel modo più ampio possibile. So che può essere stato un fattore limitante rispetto alla qualità della mia produzione: ci sono ambiti ai quali non puoi fare a meno di dedicarti corpo e anima, meglio se in modo ossessivo, se vuoi raggiungere risultati di primissimo livello, ma il punto non è mai stato quello: ho sempre fotografato per soddisfare un impulso interiore, non tanto per ottenere un certo risultato, per scalare una qualche gerarchia di bravura. Inoltre, saper raccontare storie attraverso una varietà di punti di vista si è rivelato utile quando si è trattato di descrivere in modo completo ambienti e luoghi per articoli e reportage.

     

    71157666_D1604033bis.thumb.jpg.9d041c5fcbb97944ace1d7f6fad177e4.jpg

    Relitto e renne in corsa nella riserva naturale Sandfjorden, Penisola di Varanger (Norvegia).

     

    Cosa rappresenta per te la natura?

     C’è certamente il piacere infantile, fisico, di entrare in contatto con animali e piante, essere all’aperto, sentire il vento, gli odori; ma c’è molto di più. Considero la natura il valore assoluto: c’è il piacere intellettuale e spirituale di relazionarsi col tutto, di sentirsi parte integrante di un disegno magnifico seppur casuale. Anzi, magnifico proprio perché casuale: non ho mai capito perché occorra presupporre una volontà superiore, per di più antropomorfa, per poter apprezzare il mondo naturale; o l’intero universo, se è per quello. Le cose sono, e per me è sufficiente; il caso ha intessuto sull’ordito di poche leggi fondamentali – che esistono intrinsecamente – una trama che induce in me sconfinate reverenza e meraviglia. E le proporzioni immani riempiono di umiltà e restituiscono un senso alla nostra minuscola individualità: fai parte di qualcosa di più grande. Paiono concetti banali, letti mille volte: bisogna uscire e viverli con tutti i sensi per capire che non lo sono affatto. E ancora: il senso di innocenza che deriva da un sistema naturale in cui non ci sono colpe o responsabilità, non malvagità o malizia, in cui ogni essere partecipa allo schema complessivo con eguale dignità e importanza. Ci sono lezioni infinite da trarre da questa considerazione soltanto, e considerazioni infinite da fare oltre a questa. Ci sono tutte le risposte, nella natura: sapere quali domande porre è la parte difficile.

    D1807003.thumb.jpg.cc599007c2a48a5add8e0809fa75ee6c.jpg

    Felci su un tappeto di piante di mirtillo nero, parco nazionale Fulufjället, Dalarna (Svezia).

     

    Quali aspetti della natura ti attraggono di più come soggetti fotografici?

    Gli animali sono stati per parecchi anni tra i soggetti prediletti; è stato un modo per conoscerli intimamente, per stabilire una relazione empatica che andasse al di là della conoscenza didascalica. Una delle gioie maggiori è un animale indifferente alla mia presenza: la sensazione di essere in qualche modo accettato, di non sentirmi un intruso, un ladro di immagini, è straordinaria. Anche per questo mi sono spostato verso altri generi: non sento più l’esigenza di carpire una foto per provare l’emozione dell’incontro; ho superato l’idea del possesso, e la presenza, il momento in sé sono sufficienti, un binocolo mi è suffficiente. Continuo a ritrarre animali, se è il caso, solo come elemento estetico e come punto di interesse all’interno di composizioni più complesse.

    Altri soggetti che ho sempre amato sono i fiori: sono stregato dalla grazia di forme e profumi (a proposito di banalità) così come dal dovermi abbassare a terra per fotografarli, quasi in un inchino. Ho trascorso alcune delle ore più serene della mia vita sdraiato nei prati aridi delle colline del primo Appennino, tra il profumo delle ginestre e i colori di mille orchidee selvatiche.

     

    D1701048.thumb.jpg.055bcd8c2ff83abf36a6870816a9ddcc.jpg

    Cinque pernici bianche nella tundra montana della riserva naturale Städjan-Nipfjället, Dalarna (Svezia).

    D1703011BN.thumb.jpg.453cea2f17589bfc34743abff2cac057.jpg

    Cigno selvatico al nido in una palude presso Fagersta, Västmanland (Svezia).

     

    Cosa dà a te la fotografia naturalistica e cosa vuoi trasmettere agli altri con le tue fotografie?

    Armonia, sensazione di innocenza ritrovata, senso di appartenenza e di annullamento. Questo è quello che ci trovo io, e in modo istintivo, di pelle… in modo quasi animale, se mi è consentito il paragone; è una dinamica necessariamente molto personale. La fotografia è un modo per sintonizzarsi con la natura assecondandone il ritmo, respirandola attraverso una decodifica visiva che ti obbliga a essere lì, vivere il momento, approfondire, sentire, vivere. In questo senso non può che essere un processo interiore, difficilmente condivisibile, un processo che, paradossalmente, trascende il risultato che se ne ottiene, l’immagine. Questa diventa quasi un sottoprodotto; la scusa per stare là fuori. Un mezzo, non un fine. Ho sempre trovato maggiore gratificazione in tutto ciò che precede lo scatto che non nelle foto in se’. Poi queste “mettono gambe”, vivono di vita propria, e se hai lavorato bene qualcosa passa: sono le persone a raccontarmelo, ognuno vedendoci qualcosa di diverso, attingendo a qualche elemento personale che risuona con una determinata immagine.

    D1303035.thumb.jpg.47ce5d4a3cba0f50dcf91a60c42619ee.jpg

    Cielo riflesso in un torrente di foresta, Dalarna (Svezia).

     

    Col tempo è cambiato qualcosa nel tuo modo di fotografare la natura, ad esempio adesso preferisci ritrarre altri aspetti della natura o comunque ritrarli in modo diverso rispetto ad una volta?

    Ho seguito, nel tempo, alcune inclinazioni rispetto ad altre, perché è naturale che la spinta interpretativa evolva e diventi più esigente: quel che prima ci soddisfaceva dopo non è più sufficiente, si cerca qualcosa di diverso, si sperimenta. Si capiscono delle cose e si passa a capire quelle che ancora ci sfuggono. Una delle svolte è l’aver abbandonato da anni la “caccia fotografica” propriamente detta; come già accennato ora preferisco fotografare animali in modo estremamente ambientato, un ingrediente dello scenario come altri. Oltre a ciò, mi dedico soprattutto al paesaggio cosiddetto “intimo”, visioni di proporzioni ridotte in cui lettura delle forme e composizione rigorosa hanno priorità rispetto alla spettacolarità fine a se stessa e alla grandiosità degli scenari. Certamente vivere nelle foreste svedesi ha avuto un ruolo in questo, poiché mancano prospettive imponenti e, viceversa, abbondano scorci ricchi di grazia e dettaglio ma di certo visivamente più circoscritti e dalla scarsa tridimensionalità; i boschi in genere sono ambienti magnifici (quantomeno quelli che ancora mantengono carattere di naturalità, sempre meno diffusi persino al Nord) ma fotograficamente ostici e questo è ancor più vero nel caso delle foreste di conifere: una sfida stimolante quanto frustrante. Per fortuna ci sono le betulle, il mio albero preferito, a salvare spesso la giornata.

    D1705003.thumb.jpg.89361fa9e2d373f2ee47ab1b167685dc.jpg

    Una betulla in autunno, Dalarna (Svezia).

     

     

    D1110031.thumb.jpg.ebff557fcc0f3f2e16c43f265660ca17.jpg

    Betulle e sottobosco di corniolo nano nei colori autunnali, Abisko, Norbotten (Svezia).

     

    Ad un certo punto della tua vita hai deciso di lasciare l'Italia e vivere in una piccola località della Svezia, nella regione che hai chiamato "Piccola Lapponia"…

    Mi sono trasferito nella Svezia centrale – ai piedi delle montagne della Dalarna, per la precisione – nel 2007. “Piccola Lapponia” perché ambienti e specie presenti sono in sostanza i medesimi dei grandi spazi lapponi un migliaio di chilometri più a Nord. Conoscevo già il paese e cercavo un’alternativa all’Italia; ho sempre percepito un sentimento di appartenenza in Scandinavia, per il tipo di natura e il clima, la rarefazione degli spazi e delle complicazioni della vita quotidiana. La scelta è stata facile. Ovviamente non si prende una decisione simile solo per amore della natura: il Bel Paese mi stava stretto per una serie di fattori che con natura e fotografia avevano poco a che fare, e molto invece con la civiltà e i costumi. Non è stato un passo facile, e non è ancora detto che resti definitivo, ma è stato tutto ciò che speravo che fosse, e qualcosa di più. Con mia sorpresa, espatriando ho finito anche per apprezzare alcuni aspetti dell’Italia, quelli che non notiamo per mancanza di confronti; il che, per certi versi, fa ancora più rabbia, al pensiero di come potrebbe essere. Una su tutte, per restare in argomento: la biodiversità, l’enorme varietà degli ambienti naturali presenti nello Stivale; la stessa diversità che peraltro esiste anche in ambito culturale e sociale, che in Italia è spesso vissuta come un ostacolo o un motivo di frizione laddove andrebbe considerata una ricchezza.

    D1703004.thumb.jpg.e831f7aee20dd6f70d4890e0f289c37a.jpg


    Hälleskogsbrännan, in Västmanland (Svezia), è una riserva naturale che tutela 6.420 ettari interamente bruciati nel 2014, il più grande incendio svedese in tempi storici. Multi esposizione in ripresa.

     

     

    Tu hai usato soprattutto fotocamere ed obiettivi Nikon, come ti sei trovato? 

    Ho sempre amato le fotocamere meccaniche e manuali, immagino sia un fatto generazionale. Quando si è trattato di cambiare il corredo Olympus ormai datato, erano gli anni 90, la casa giallo-nera offriva ancora corpi tradizionali; inoltre ho sempre trovato l’ergonomia Nikon superiore a quella della concorrenza. Le FM2n, F90x e F100 mi hanno accompagnato fino all’ineluttabile rivoluzione digitale ma, se i corpi si sono allineati alla modernità, con le ottiche ho percorso una strada inversa: non avendo più necessità di supertele o di performances estreme, oggi utilizzo obiettivi manuali che risalgono a più di trent’anni fa. Con Nikon posso sfruttare ottiche storiche che in alcuni casi si comportano meglio dei loro successori (“nuovo” non è sempre “meglio”, soprattutto se l’autofocus è superfluo). Ho poi aggiunto un corredo mirrorless APSC leggero per le uscite fisicamente più impegnative (e comincio ad avere un’età in cui lo sono tutte).

    D1107032.thumb.jpg.b9d258d280a5f3abe330adf1e42f70f4.jpg

    Felci e carici in un bosco allagato nel parco nazionale Stenshuvud, Scania (Svezia).

     

     

    Qual è la foto, il portfolio, il progetto fotografico da te realizzato a cui sei più affezionato?

     C’è uno scatto così, in effetti: l’immagine di una rapida vicino casa su cui il sole novembrino proietta il riflesso della foresta circostante. Questo assume tinte dorate e tinge la corrente scolpita in forme plastiche, incorniciate dalla spuma resa fluida dall’esposizione prolungata. Avrebbe dovuto essere altro, in realtà: un merlo acquaiolo si era involato dal ghiaccio emergente, e ne ho atteso a lungo il ritorno, invano. Lo scatto ha coinciso con la mia nuova vita scandinava e incarna la mia concezione dell’immagine di natura (oltre a essere uno dei miei più venduti): partire dal reale per interpretarlo, trasfigurarlo, tradurlo in emozioni – se possibile – ma senza tradirlo o “migliorarlo” in modo artificioso e posticcio; non c’è quasi ritocco in quella foto, ma molti tra coloro che la vedono dicono “sembra un quadro” (altri credono che lo sia), provando in tre parole quel che cerco di mostrare: la magia che nasce da una raffigurazione onesta della natura, ma non per questo “oggettiva”, mera rappresentazione documentale, bensì uno sguardo personale che resti fedele al materiale di partenza. Assolutamente non la mia miglior foto, ma una che sicuramente mi rappresenta.

    D0708096.thumb.jpg.94d032d99ad3ff47a4641d34011079a9.jpg

    Salti d’acqua illuminati dai riflessi del sole novembrino sulla foresta; foto citata nel testo sopra , Dalarna (Svezia).

     

     

    Fra i miei studenti all'Università ce n'è qualcuno che vuole diventare fotografo di natura, ma c'è un futuro per la professione di fotografo naturalista?

    Qualche anno fa gli avrei detto: “È difficilissimo, ma non rinunciare a priori ai tuoi sogni; non c’è nulla di meglio che far coincidere passione e lavoro” (quest’ultima affermazione non è sempre vera, ad essere del tutto onesto).
    Nel frattempo il mondo è cambiato, e non in meglio. Quello della comunicazione e della divulgazione in particolare è uscito stravolto dagli ultimi dieci anni ancor più di quanto non lo fosse già stato dai dieci precedenti. È scomparso un intero ecosistema, molti operatori hanno sentito la terra franare sotto i piedi (a partire dal sottoscritto).
    A quella domanda oggi risponderei: “Aggrappati con le unghie al primo lavoro dignitoso che trovi; con quello mantieniti e pagaci anche la passione fotografica e i costi (a volte notevoli) che implica. Ma in quella buttati a corpo morto: le vere soddisfazioni arrivano dal praticarla, a prescindere”.

    Se sarà il caso si potrà sempre aspirare a qualcosa di più in seguito: con marcate capacità organizzative, didattiche, di autopromozione e soprattutto di empatia nelle relazioni interpersonali, si può immaginare di guadagnare qualcosa con la docenza fotografica; allo stesso modo, padroneggiando le tecniche più sofisticate e con una vasta conoscenza naturalistica, è ancora possibile pubblicare a (scarso) pagamento, soprattutto scegliendo ambiti specializzati e poco frequentati. Tutto questo, tuttavia, richiede intuibilmente anni di esperienza, e non solo in campo fotonaturalistico.

    D1607029.thumb.jpg.b564bb8bcc2da09bf99f83b75927e8ae.jpg

    Rinnovamento nella foresta matura, parco nazionale Fulufjället, Dalarna (Svezia).D1701026.thumb.jpg.f9b0db4be3bb51841e3f8b4559eff8d8.jpg

    Pino silvestre ricoperto di galaverna, Dalarna (Svezia).

     

    Come vedi l'evoluzione dell'editoria nel settore della fotografia di natura?

    La crisi dell’editoria aveva già ridotto gli interlocutori disponibili nel mercato asfittico della foto di natura (soprattutto in Italia), poi è arrivata la fotografia digitale, con la disponibilità di masse di immagini a basso (o nessun) costo, la facilità di veicolazione delle foto da parte dei singoli e il crollo della qualità richiesta per fruirne (un conto è pubblicare su una rivista, un altro sul web). Oltretutto il pubblico si è abituato alla gratuità e la maggioranza preferisce guardare gratis foto qualsiasi in bassa risoluzione che spendere per apprezzare quelle buone nel modo che meritano; e, lasciatemelo dire, col tempo sta perdendo la capacità di distinguere le prime dalle seconde.
    Oggigiorno i servizi all’individuo sono rimasti quasi l’unico modo per monetizzare la propria arte. Non è un caso che ci sia stata una proliferazione di corsi e viaggi fotografici. Non si vendono più le immagini, si vende se stessi pubblicizzandosi attraverso le proprie immagini. Da un lato è stata una rivoluzione drammatica; da un altro lato, come avvenuto in altri comparti economici, la semplificazione del modello di business, l’eliminazione di filtri e intermediari, rendono possibile a chiunque di contattare direttamente chiunque altro via social network ecc. 
    Ne consegue, però, che l’offerta è enorme, poco discernibile per meriti (proprio per la scomparsa di intermediari professionali in grado di filtrare e promuovere la qualità: il ruolo della vecchia editoria) e la qualità richiesta è in media di basso livello (con un aumento esponenziale dell’offerta). Si vive, in sostanza, il paradosso comune in questa età della connessione permanente continua: chiunque può comunicare qualsiasi cosa al resto del mondo; gli strumenti per farlo sono a portata di tutti, ma pochi hanno qualcosa da dire o che valga la pena di essere ascoltato, meno ancora quelli in grado di farlo propriamente, e ancora meno quelli che ne ottengono un qualche profitto.  

    12-008.jpg.b072c10f8ef39e0cdd2350c3a5391641.jpg

     

    Non mancate di visitare il sito web di Vitantonio QUI, ricco di immagini e QUI potete trovare un'anteprima del suo libro "La mia Svezia".

    Silvio Renesto per Nikonland

     

    Tutte le foto (c) Vitantonio dell'Orto.

     


     

     

     

     

    Edited by Silvio Renesto

    • Like 8


    User Feedback

    Recommended Comments

    Intervista interessante, mi piace il suo approccio molto pragmatico.
    Avrei chiesto quale trattamento di post produzione dedica alle sue foto in digitale.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    9 minuti fa, Sakurambo dice:

    Avrei chiesto quale trattamento di post produzione dedica alle sue foto in digitale.

    Hai ragione, sono così preso dal (o perso nel) lato artistico/concettuale  che mi dimentico quello tecnico.  Posso cercare di rimediare però.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Se puoi chiedere meglio, ma non preoccuparti, era solo una piccola notazione personale.
    Già è un bell'impegno tenere la rubrica ed organizzare le interviste.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    bella intervista di passione vissuta oltre che di passione che è divenuta professione.
    Professione difficile ben spiegata e sintetizzata nella mancanza di supporto dovuta alla crisi dell'editoria, mi piace la sua sintesi che riporto qui:
    " Si vive, in sostanza, il paradosso comune in questa età della connessione permanente continua: chiunque può comunicare qualsiasi cosa al resto del mondo; gli strumenti per farlo sono a portata di tutti, ma pochi hanno qualcosa da dire o che valga la pena di essere ascoltato, meno ancora quelli in grado di farlo propriamente, e ancora meno quelli che ne ottengono un qualche profitto."
    Grazie per la condivisione.  

     


     

     

     

     

     

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Bellissime immagini e bellissime le parole di Vitantonio, consiglio vivamente una visita al suo sito, consigliatissima da leggere questa pagina: https://it.exuviaphoto.net/ethics , mi ci ritrovo molto, è sempre stato un esempio per me, interessanti anche le informazioni riguardo la sua postproduzione.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Nel link riportato da Andrea, alla voce "dopo lo scatto" c'è una descrizione precisa dei suoi interventi in postproduzione.

    Ma è importante anche la sezione "prima dello scatto", c'è la base della sua etica.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Ieri, per puro caso.. poco dopo che silvio aveva messo il pezzo, sono andato a guardarmelo.. poi me lo sono sia riguardato, ma soprattutto letto..

    " certo è che questo sig. Vitantonio dell'Orto, non è certamente una persona , e qui mi si permetta il Normale, non come termine spregiativo.. tutt'altro, Vitantonio ha di fatto gradualmente scelto di fare della sua passione/attività una filosofia, portata rispetto a noi normali ad un livello che pochi riescono ma raggiungere, oserei dire anche a raggiungere una simbiosi con la natura in toto che lo circonda, va da sé che a questo punto.. anche il più miserabile dei suoi scatti ha una profondità che pochi riescono a raggiungere, hanno un'anima "

    Eccellente il lavoro tout-curt fatto dal Silvio.. purtroppo però è solo una faccia della medaglia, e gente come questa numericamente su questo attuale mondo, è sempre pochissima.. 

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    fico!

    Cita

    Fra i miei studenti all'Università ce n'è qualcuno che vuole diventare fotografo di natura, ma c'è un futuro per la professione di fotografo naturalista?
    .....
    A quella domanda oggi risponderei: “Aggrappati con le unghie al primo lavoro dignitoso che trovi; con quello mantieniti e pagaci anche la passione fotografica e i costi (a volte notevoli) che implica. Ma in quella buttati a corpo morto: le vere soddisfazioni arrivano dal praticarla, a prescindere”.

    Hoilà, ma guarda un po', mi è familiare, magari non proprio nell'accezione "naturalista-naturista-nudista", comunque la sostanza è tutta lì. Ed aggiungo: svincolare la Fotografia dalle richieste del cliente (domanda-offerta) per me è stata una liberazione fenomenale che ha abbondantemente compensato il fatto di fare altro per vivere. 

    Bella testimonianza sulla fruizione della fotografia, domanda delle domande cioè che ne sarà di questo strumento per comunicare?  Nessuno ha una risposta, vedere il futuro non è facile, anche perchè, in apparente paradosso, la fotografia ora è usatissima cioè prodotta e consumata in grande quantità.
    Non concordo sulla riduzione del livello qualitativo della proposta: la qualità dell'immagine oggi è elevatissima, mediamente due rampe di scale sopra a quella degli anni '90, quello che manca è nel contenuto, l'idea, la storia, quella che colpisce che ti racconti qualcosa. Ma se non c'è un posto per accogliere una storia è difficile che, anche volendo, si possa andare a scovarla per farsela raccontare. In altra parole, non ci sono più le riviste ed il contenitore web non può fare da compendio. 

    Comincio a pensare che della fotografia resterà solo l'aspetto "artistico", una tecnica in più da aggiungersi alla serigrafia e altre incisioni, e quello commerciale di comunicazione strutturata a modino. Boh, peccato.

     

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Grazie per l'ottima e interessante intervista Silvio

    E tanti complimenti all'autore per le splendide foto!

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

×
×
  • Create New...