Vai al contenuto
  • Mauro Maratta
    Mauro Maratta

    Nikon D5 o Nikon D850 ? Quale scegliere ?

    Domanda di fondo oziosa ma per qualcuno - che magari si interroga su quale sia la macchina che dovrebbe acquistare - potrebbe essere utile un confronto.

    Vi avverto però che dirò cose politicamente MOLTO scorrette e che in fondo, per chi non le ha provate a fondo entrambe, si tratterà di fidarsi della mia opinione.
    Oppure no, fate un pò come vi pare. Io le ho entrambe e so benissimo quando usare una e quando un'altra.
    Sono e saranno le mie ultime reflex. Le migliori Nikon che ho avuto (sinora).

    :)

    Una considerazione preliminare, altrettanto banale. Il costo.
    La Nikon D5, Nital, all'uscita veniva venduta a circa 7000 euro.
    Adesso sta sotto ai 6500 euro e sono sicuro che si possa ottenere un adeguato sconto.
    Ma si trova facilmente, nuova, di importazione senza garanzia italiana, ben sotto ai 5000 euro.

    La D850 esce adesso da un periodo in cui era introvabile. In Italia la si compra a 3500 euro, magari da febbraio con qualche sconticino.
    Di importazione la si può trovare intorno ai 3200 euro.
    Per molti potrebbe essere necessario spendere per il battery-grip, la batteria EN-EL18 (l'unica che consente a questa macchina di andare a 9 scatti al secondo) e il relativo caricabatterie.
    Il costo totale allora lieviterebbe pericolosamente vicino a quello della D5.

    Ognuno qui si farà i conti in tasca secondo le proprie necessità e disponibilità alla spesa.

    Ma persino ai miei occhi - tutto sommato poco sensibili al costo delle cose che mi servono - sono prezzi eccessivamente elevati, non giustificati da nulla.
    Questo purtroppo è il dazio da pagare per giocare a questo gioco.
    Tutto sommato sul mercato esistono alternative più o meno valide a costi molto inferiori.
    Non è che con una Nikon D750 non si possano fare molte delle foto che si fanno con D5 e D550.
    Anzi, come mi ha confessato di recente un amico felicemente passato a Sony (con la loro miglior fotocamera ad alta risoluzione), è sorprendente di quanto sia eccellenti le foto che si possono fare con una economica Nikon D7200 e uno zoom consumer. Oggi tutta l'offerta fotografica è di livello tale che certe scelte - salvo che uno non commerci in diamanti - devono essere fatte solo dopo una approfondita analisi sotto il profilo del costo/beneficio.


    Sappiatelo perchè io d'ora in poi lo darò per scontato :
    - si compra una Nikon D5 perchè ci serve una Nikon D5 per le sue specifiche qualità.
    - si compra una Nikon D850 perchè ci serve una Nikon D850 per le sue specifiche qualità.
    - si comprano entrambe perchè ci servono tutte le loro specifiche caratteristiche
    - non si comprano (nessuna delle due) perchè sono il meglio che ha in listino Nikon ! C'è altro sul mercato e magari quello che abbiamo già ci basta. Forse un nuovo obiettivo più adatto al nostro scopo potrebbe fare meglio la differenza tra ciò che facciamo e le nostre aspettative.

    La Nikon D5

    D5_1.thumb.jpg.34ea1f39d0da8f789678ee50ccb3eeeb.jpg
    la più bella del reame ? La Nikon D5 ha un corpo monolitico - quello proposto da Nikon per le ammiraglie fin dal 1996 - ulteriormente raffinato

    D5_2.thumb.jpg.ee7de38ec674fa66d0f796b39ec94e90.jpg
    51200 ISO di utilizzo pratico. Scatto con luce ambiente (quella disponibile), nessun intervento.

    D5_3.thumb.jpg.340a3d9bd1afd14de20855059a0f7cda.jpg
    usare una Nikon D5 da assuefazione. Si finisce con l'avere sempre uno sguardo un pò ebete ...

    La Nikon D5 è una macchina professionale, sovradimensionata e strutturata per un uso intensivo in condizioni sempre sfidanti.
    E' stata testata a lungo in tutte le condizioni climatiche e con tutte le ottiche professionali.
    Lanciata sul mercato oramai da 2 anni pieni, non ha richiesto nessun intervento nemmeno a livello firmware degno di nota.
    Non sono stati riscontrati problemi di nessuna natura, salvo quelli creati da utenti non adeguatamente attrezzati ...

    Le sue peculiarità in estrema sintesi sono :

    - elevata cadenza di scatto : 12 fotogrammi al secondo che possono essere sostenuti con raffiche anche di 15 e più secondi continuativi.
    In un uso normale, cioé con raffiche di durata ragionevole, si può scattare in pratica ininterrottamente.
    In autodromo è una gioia. Immaginatevi lo spasso di chi vi scrive, di fronte a centinaia di auto che girano ininterrottamente, e lui che può sparare raffiche senza curarsi di quisquilie come la velocità di messa a fuoco e la sua precisione, il buffer, la capacità di scaricare le foto sulle schede di memorie, o cose pittoresche tipo surriscaldamenti o congelamenti

    - autofocus a differenza di fase su sensore separato allo stato dell'arte e in grado di vedere praticamente al buio.
    Ho scattato con la D5 in condizioni in cui io facevo fatica a vedere l'occhio del soggetto, ma la sua sensibilità fino a -4EV ha sempre permesso scatti efficaci.
    La copertura dei punti AF (153) è superiore a quella delle precedenti Nikon ed é un benchmark di mercato per le fotocamere reflex.
    Ci sono modalità di messa a fuoco sofisticate e possibilità di personalizzazione adeguate ad ogni tipo di fotografo

    - alta dinamica ad alti ISO. A parte le sensibilità di marketing, i 51200 ISO sono di utilizzo pratico, anche in jpg

    - affidabilità, ergonomia, costruzione. Che si traducono in una sensazione di dominio totale. Il fotografo è padrone della situazione e può dimenticarsi del tutto dei limiti del mezzo, certo che il risultato verrà anche senza la necessità di guardare ossessivamente gli scatti mentre ... li scatta. A casa basterà riversare le schede di memoria sul computer e godersi il risultato !

    - sistema completo. Terminale e infrastruttura di rete a standard professionale, connessioni complete, sistema di memoria di massa allo stato dell'arte

    Limiti :

    - nel 2017 20 megapixel sono il minimo sindacale : non che non si possano far bastare per farci tutto ma quando ci sono macchine che fanno 9 o più scatti al secondo per 40-45 megapixel, ci si interroga su quali vantaggi abbia una macchina da soli 20 megapixel, una risoluzione che oramai è lo standard persino per le microquattroterzi

    - é una macchina da 1600 ISO di base : sono politicamente scorretto ma me ne infischio. Permettetemi la semplificazione, guardando i grafici di dinamica del sensore sembra proprio che Nikon abbia impostato la macchina con una sensibilità base da 1600 ISO. Poi il boost elettrico agisce oltre, fino 25.600 ISO. A 51200 ISO c'è il dual-gain (ovvero amplificazione elettrica e digitale insime).
    Sopra i 51200 ISO e sotto ai 1600 ISO c'è semplice azione digitale, con il rumore filtrato analogicamente.
    Non si spiegherebbe altrimenti la strana seghettatura a sensibilità che per tutte le altre macchine sul mercato sono banali e differenze eclatanti tra sensibilità adiacenti (tipo i 200 ISO apparentemente migliori dei 160 ISO).
    Insomma, a 100 ISO la macchina fa quello che può : si deve esporre bene e senza pensare di strafare in sviluppo, perchè aprire le ombre anche di uno stop produce disastri.

    La Nikon D850

    d850_1.thumb.jpg.28c6b58b96561efc5da21672b3114010.jpg
    liscia

    o gasata ?

    d850_2.thumb.jpg.ff8f778b5e93e4540cf7c60ddddf01af.jpg

    d850_3.thumb.jpg.d19f44c2c202abc1e13ae0837527b247.jpg

    il suo meglio è in studio

    d850_4.thumb.jpg.cc624e15e8cb6fb43602472bd0f133cf.jpg

    ma se la cava più o meno con tutto (12800 ISO, luce debolissima, nessun intervento)

    La Nikon D850 è una evoluzione rispetto alla già completa Nikon D5, non è semplicemente una D810 riveduta e corretta (mentre la D810 è semplicemente una D800 cui sono stati sistemati i difetti di gioventù).
    Ne è prova il fatto che molte delle peculiarità della D850 non sono presenti nella D5 e che la D850 sfrutta un processore più avanzato di quello della D5.
    E' una macchina pensata per sostituire un intero arsenale, progettata per far fronte al meglio a tutte le esigenze.
    Io stesso ho sostituito la D500 e la D810 con una D850 e per un certo periodo di tempo ho accarezzato l'idea di comprarmene una seconda (ma sono rinsavito pensando che tra non molto anche Nikon ci farà sapere che tipo di mirrorless vuole fare ...).

    Le sue peculiarità in estrema sintesi sono :

    - elevata risoluzione ad elevata cadenza di scatto : tra le reflex è la combinazione più efficace che ci sia. Permette di fare fino a 9 scatti al secondo senza alcuna rinuncia né in termini di risoluzione né di dinamica.

    - autofocus a differenza di fase su sensore separato allo stato dell'arte.Di fatto è lo stesso di quello della D5. Se ci sono differenze di funzionamento rispetto alla D5, dipendono da altre circostanze.

    - altissima dinamica alla sensibilità minima. La D850 eredita dalla D810 una sensazionale capacità di dinamica alla sensibilità di 64 ISO, ancora oggi la minima disponibile nativamente sul mercato.

    - affidabilità, ergonomia, costruzione. Anche la D850 non ha fatto segnalare difetti di costruzione e non ci sono stati finora interventi via firmware. La D850 ha il più bel mirino ottico sinora disponibile su reflex Nikon. L'ergonomia è migliorata rispetto alle D800, l'impugnatura è più comoda, il battery-grip specifico è il migliore mai proposto da Nikon per le sue reflex digitali

    - funzionalità evolute. La D850 si può utilizzare in studio come se fosse una mirrorless con un live-view efficacissimo ed incorpora funzionalità automatiche evolute come il focus-stacking e il focus-peaking oltre ad un touch-screen veramente completo. E' la prima reflex Nikon ad avere il video 4K in formato nativo. Ha anche una funzionalità evoluta di time-lapse, anche fino al formato 8K (che non è video ma foto).

    Limiti :

    - si crede una mirrorless ma è solo una reflex : l'impiego (in studio o all'aperto) in live-view, il touch screen completo, le funzionalità evolute la rendono molto più flessibile della altre reflex Nikon ma certe mirrorless hanno qualità ancora più evolute consentite solo dalla assenza di specchio e mirino ottico

    - é una macchina da 64 ISO di base che mantiene le sue prerogative fino a 800 ISO : alla sensibilità base se la gioca con le medio formato. L'amplificazione elettrica agisce poi fino a 800 ISO. Da li in poi c'è solo estrapolazione digitale con un effetto dual-gain che produce uno scalino evidente. La scelta dei progettisti ha cercato di premiare la sensibilità di 64 ISO mentre si voleva anche ridurre il gap con D5 e D750 alle sensibilità superiori a 1600 ISO. Il risultato c'è ma, intendiamoci, così come il file della D5 a 100 ISO rispetto a quello della D850 sembra grossolano, quello della D850 a 12800 ISO perde di consistenza e si inasprisce rispetto a quello più "rotondo" della D5.

    - il buffer è buono ma non eccezionale : 45 megapixel e 9 scatti al secondo sono pesanti e la scelta di usare schede di memoria differenti non consente prestazioni pari a quelle della D5. Con un utilizzo intenso a raffica, si raggiunge abbastanza rapidamente il punto in cui ... la raffica scende a 2-3 scatti al secondo (se avete una scheda veloce !)

    - per avere 9 scatti al secondo : bisogna comperare il battery-grip  Nikon MB-D18 (e non un compatibile), una batteria EN-EL18 e un caricabatterie della D5, con una ulteriore spesa in più

    Differenze, inclinazioni e conclusioni

    Bene, io ho esperienza di uso con la Nikon D5 dall'aprile del 2016 - quando l'ho testata in anteprima per Nikonland - e della D850 dalla fine di agosto, quando l'ho testata in anteprima nazionale per Nikonland. Con entrambe ho all'attivo decine di migliaia di scatti nelle più disparate condizioni, anche climatiche. Esprimo qui la mia libera opinione che potrà differire da quella di chi legge.

    Ognuno sarà poi libero di esprimere il suo soggettivo pensiero e/o di decidere per il meglio.Il meglio per se, naturalmente.

    Nikon D5 e Nikon D850 sono le due parti della mela.
    La tecnologia attuale non consente di avere realmente una macchina totalmente polivalente.

    L'ultima generazione ha ridotto molto le differenze che però rimangono.

    Insomma, avere una macchina molto veloce e con tanti megapixel per forza deve produrre dei compromessi.

    Insomma, la Nikon D5 il suo spazio ancora ce l'ha ma questo spazio si va riducendo.

    Quindi ...

    La Nikon D5 è una macchina pensata per l'azione, dove, più che l'alta risoluzione o le capacità di sviluppo software, conta fermare l'attimo, congelare il momento, con la certezza di avere sempre lo scatto. L'ideale fotografo per la Nikon D5 è chi segue sport (specie indoor), fa fotonaturalistica in condizioni climatiche difficili o ad ore del giorno e latitudini sfidanti.
    Chi fotografa eventi, concerti notturni (di musica rumorosa), fa reportage impegnativi, segue la cronaca.
    Rispetto ad una D750 avrà maggiori possibilità operative, più o meno a parità di file. Il costo é sostenuto ma ne vale sempre la pena se si fanno molte decine di migliaia di scatti l'anno, tutti i giorni o quasi.

    La Nikon D5 non è una macchina pensata per la fotografia in studio o per il paesaggio, dove contano - oggi - sia l'alta risoluzione che le capacità dinamiche e le possibilità di sviluppo di ombre e luci. Insomma, la Nikon D5 è la vera evoluzione della Nikon D3s sulla quale può vantare quasi il doppio di risoluzione e un autofocus più evoluto, non è la nuova D3x.

    La Nikon D5 non è una macchina adatta al fotografo che deve essere discreto e non deve essere notato. Niente concerti di musica barocca, niente attimi fuggenti, perchè il suono del suo otturatore è come il martello che batte su un maglio.

    La Nikon D5 è una macchina specializzata, di nicchia.

    La Nikon D850 è pensata per dare il meglio di se alla sensibilità base. Oltre gli 800 ISO va bene ma è cedente rispetto ad altre macchine Nikon in termini di dinamica (sul piano del rumore se la cava invece bene). In questo senso eccelle nella fotografia in studio, nello still-life, nel paesaggio. Specie utilizzando le modalità evolute in live-view, il riconoscimento del volto, il focus-stacking.
    In modalità silenziosa e nel video è superiore alla Nikon D5 ed offre tante possibilità in più. Rispetto alla D5 mi ricorda il rapporto conflittuale della vecchia Nikon FA rispetto all'ammiraglia Nikon F3.

    La Nikon D850 è una macchina polivalente. Benchè eccella nella fotografia di studio a 64 ISO, se la cava bene in tutto. Ma i limiti si raggiungono prima che con macchine specializzate nei vari campi in cui la D850 è comunque attrezzata per competere.

    Benchè se la cavi egregiamente, la Nikon D850 non è il massimo per l'azione, il buffer non è al livello di quello della D5, la sua reattività complessiva è paragonabile ma non sovrapponibile a quella della D5. Il sistema di memorie misto è una palla al piede e il buffer dovrebbe essere il doppio

    La Nikon D850 pretende solo i migliori obiettivi, e certe cose - tipo il Nikon 24-120/4 che viene proposto da Nikon in kit - semplicemente vi faranno capire di aver buttato via i soldi.
    In più, l'elevata sensibilità della messa a fuoco pretende una taratura fine di ogni singolo obiettivo, ben al di là di quanto necessario con la D5.
    Con la D5 non ho avuto alcuna necessità di taratura del 105/1.4E e del Sigma 500/4 Sports. Con la D850 ci ho dovuto lavorare sopra per un week-end ...

    Quindi, sostanzialmente, restano due macchine differenti, io vedo la D5 come ... la macchina per il vero uomo che non deve chiedere mai.
    La D850 è la sua donna, più dolce, disponibile e sensibile. La D5 è più ... 'ignorante' e 'rustica', la D850 più 'colta', 'raffinata', più 'esigente'.

    E chi vuol capire, capisca ...

    Per ulteriori approfondimenti rimando ai test specifici (Nikon D5, Nikon D850) presenti su questo stesso sito.

    Ma ampio spazio nei commenti per chiarimenti e ulteriori appunti che si ritenessero necessari o punti di vista differenti, perchè no !

    Modificato da Mauro Maratta

    • Mi piace ! 1



    Feedback utente

    Recommended Comments

    Nulla da obiettare, sarà anche il tuo punto di vista ma è perfettamente calzante con quello di chi usa le macchine in maniera consapevole, continua e professionale.

    Nulla da aggiungere.

    • Sono d'accordo 1

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Dunque…. 

    Sarei  in procinto di cambiare la D750 avendo già una D4. Non so ancora cosa proporrà Nikon come aggiormnamernto della D750 con la quale mi sono trovato molto bene: maneggevole, dinamica di tutto rispetto, buona per i paesaggi e lo street come per il ritratto,  non è certo adatta allo sport per la lentezza della sua raffica: tutte cose note a cui va aggiunto un corpo non tropicalizzato, tempi limitati al 1/4000, mancanza di una presa pentaplorare, oculare che si stacca sempre...

    . Se dovessi cambiare per gli usi a me congeniali, mi orienterei sulla D850 con annesso motore,  con qualche perplessità sulla resa ad alti iso. Siccome però non si può avere tutto, il compromesso offerto mi sembra più che accettabile. I costi sono ancora alti e io non ho fretta. Sicuramente diminuiranno e allora farò il passo per quella che sembra essere una scelta definitiva;  anche se  quando si va in giro il peso che ti porti appresso  conta,  ma meno della qualità , per il momento.    

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Ma terresti la D4 ?
    Perchè la Nikon D4 é un compromesso essa stessa.

    Al tuo posto, molto francamente, io sostituirei la D4 con la D850 e mi terrei la D750, come macchina "a perdere" (visto quello che ti vale sul piano economico in caso di rivendita) per usi poco impegnativi.

    L'oculare si incolla con la Loctite e poi non dà più noia. E per tutto il resto ci sarebbe sempre la D850 :marameo:

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Ho pensato anche a questa soluzione, come a quella di vendere entrambe,  che è l’opzione meno convincente,  per il fatto che poi dovrei uscire sempre con il pezzo da novanta.   Ci devo pensare attentamente e orientarmi su quello che "effettivamente" mi può servire. Aggiungo che in programma ci sarebbe  anche un ammodernamento di ottiche non proprio economiche e la “coperta” come si sa è corta! 

    Resta sempre la scelta di accontentarsi perché,  detto fra noi, quello che ho copre ampiamente le mie necessità. Stiamo parlando di  passione e di sfizi che ogni tanto vanno bene ma che dovrebbero essere anche accompagnati (sempre ogni tanto) dalla razionalità.  

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Considera certamente che se certi obiettivi sulla D4 possono lasciarti soddisfatto, con la D850 le esigenze salgono.

    Altrimenti finiresti con il portare il classico vestito di alta sartoria internazionale, calzando sandali in legno ...

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    15 minuti fa, macchianera65 dice:

    un saluto e bell'articolo come sempre...

    io uso una 4s e una 810 e stavo pensando di cambiare la 810 x 850, ma sono ad un bivio, apetto la 5s? e tengo la 810 mah,,

    Dipende da molti fattori.

    Della D5s non sappiamo molto, tranne il fatto che, se uscirà, consentirà di risparmiare sulle D5 ;)
    La D810 va benissimo se non ti servono le potenzialità della D850.

    Ma secondo me, appena provi l'autofocus di una D5 o di una D850, penserai di cedere entrambe le tue macchine ;)

     

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    ahahhahah,

    hai proprio ragione,colto in pieno il problema, ho fatto un servizio per un fotografo e mi ha fatto prvare una delle sue D5.... non ho parole per l'autofocus.....

    mi sembrava di essere tornato indietro dalla F4 alla F5 a pellicola .......

    lavorando quasi sempre in ambienti decisamente scarsi di luce chiese ecc, la velocita e con essa la possibilita' di non perdere lo scatto, mi hanno fatto vacillare guarda...

     

    Modificato da macchianera65

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    4 minuti fa, macchianera65 dice:

    ahahhahah,

    hai proprio ragione,colto in pieno il problema, ho fatto un servizio per un fotografo e mi ha fatto prvare una delle sue D5.... non ho parole per l'autofocus.....

    mi sembrava di essere tornato indietro dalla F4 alla F5 a pellicola .......

    E' proprio così. E chi non lo prova non sa proprio di cosa stiamo parlando.
    Per questo leggiamo di certi "strani" dubbi :mano:

    • Sono d'accordo 2

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Concordo perfettamente con la visione di Mauro e secondo me la D5 e la D850 sono due fotocamere straordinarie ma complementari non sostitutive, pensate per differenti usi.

    in questo momento Nikon offre il massimo che si può necessitare per un uso a tutto tondo della fotografia. 

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Bell’editoriale, mi ritrovo pienamente nelle tue conclusioni (pur avendo solo provato la D850, che io continuo a vedere - per me - molto nel solco della D810 in termini di ambito operativo di elezione: per me usabile fino a 200mm, poi tutti quei mpix diventano un peso).

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

     

    D5 tutta la vita :D 

    questa mi piacerebbe proprio provarla in un contesto di quelli che dico io , naturalistico , quando le luci incominciano ad andarsene , ma devi scattare a 1/1600 di minima , e gli ISO ti spappolerebbero le ombre 

    a mezzogiorno si mangia ....  

     

    anche perche la D3x non la cambierei assolutamente ,  o se mi mettono il sistema AF della D5 qui dentro allora si 

    Mauro tu puoi intercedere .... :D   

     

    PS :  bella analisi , comunque 

    Modificato da Muncias

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Non ti seguo benissimo, sai ?

    - la D3x ha una raffica da 3 scatti al secondo (14 bit), la D5 fa della raffica, dell'efficienza e della dinamica da 1600 a 12800 ISO la sua forza
    - la D850 è la figlia della D3x, la D3x è l'unica Nikon "matura" (fa dieci anni giusti quest'anno) che rivaleggia a 100 ISO con le D800, la D5 fa quasi "cagare" in quelle condizioni
    - la D5 è la figlia diretta della D3s, hanno solo saltato una generazione e tu hai comprato la D3x, non la D3s come probabilmente avresti dovuto
    - tu adori (giustamente) la D3x che però una macchina fatta per il sole e per il flash, la D5 con il sole si mette in modalità "tintarella"

    cosa mi sfugge ?

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Buongiorno,

    mi iscrivo solo ora ma leggo questo bellissimo sito da almeno 4 anni; ho una domanda che mi viene solo ora, leggendo della resa sopra 800 iso della D850: da possessore della D810 (di cui non mi posso lamentare dal punto di vista strettamente fotografico, ma se proprio devo trovare dei difetti non è proprio smart senza wi-fi, e al giorno d'oggi è inconcepibile non poter vedere e modificare immediatamente le foto) vorrei sapere se rispetto alla D810, appunto, la resa tra iso 800 e 3200 è paragonabile, o, se peggiore, di quanto è peggiore.

    Distinti saluti

    Gianluca

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    E' migliore ma è dello stesso tipo, ovvero forzata digitalmente.

    Attenzione che nel parlare di "resa agli alti ISO" io non intendo semplicemente il rapporto tra segnale e disturbo ma principalmente le capacità dinamiche in termini di postproduzione (leggi apertura delle ombre e recupero delle luci) a quelle latitudini. Ovvero cosa succede se scatti una foto a 3200 o a 6400 ISO e poi devi aprire le ombre o recuperare un pò di esposizione anche solo localmente.
    Se scatti in condizioni di laboratorio ad una mira ottica a 12800 ISO otterrai certamente un file di almeno mezzo stop più pulito di quello di una D810. Ma quando capita di scattare in quelle condizioni fuori dai test ?
    Ovviamente qui però si parlava di confronto con la D5 e non con la D810 ;)

    Detto questo, per me i motivi per sostituire la D810 con la D850 erano e restano altri :

    - autofocus. Se scatti a soggetti vivi e vegeti, una volta provato l'autofocus di 5a generazione, tutte le reflex precedenti ti sembrano ruderi pre-romani
    - velocità operativa, specie in live-view, scheda di memoria, raffica, buffer maggiorato

    e non certo la resa a sensibilità poco pratiche.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    3 minuti fa, Mauro Maratta dice:

    Detto questo, per me i motivi per sostituire la D810 con la D850 erano e restano altri :

    - autofocus. Se scatti a soggetti vivi e vegeti, una volta provato l'autofocus di 5a generazione, tutte le reflex precedenti ti sembrano ruderi pre-romani
    - velocità operativa, specie in live-view, scheda di memoria, raffica, buffer maggiorato

    e non certo la resa a sensibilità poco pratiche.

    Innanzitutto grazie della celerissima risposta; personalmente, non facendo continuativamente sport o naturalistica, non mi trovo in difetto di AF, e la velocità operativa mi sembra più che sufficiente per i miei bisogni; anche la raffica non è insoddisfacente, così come il buffer. La risoluzione della D810 mi sembra già esagerata, quindi i motivi per cambiarla sarebbero le funzionalità avanzate come il focus stacking, il fine tuning AF in macchina e soprattutto la connettività, finalmente definibile smart. La resa ad iso oltre 800 è certamente un plus importante, ma da quanto dici non così esaltante da far troneggiare la nuova sulla vecchia (correggimi se sbaglio). Per il momento, quindi, continuerò a godermi il mio piccolo mostro, e poi si vedrà...

    Gianluca

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    8 minuti fa, Pkkleopard dice:

    [...] Per il momento, quindi, continuerò a godermi il mio piccolo mostro, e poi si vedrà...

    Gianluca

    Fai benissimo : non c'è mai alcun bisogno di sostituire una cosa di cui si è soddisfatti :) salvo quando il nuovo permette di fare cose che ciò che abbiamo ci preclude ;)
    Sulla connettività della D850, sinceramente io non ho esperienza diretta. Un primo tentativo non mi è sembrato abbastanza "smart" da farmi insistere.
    Sarà che è una cosa che per me è del tutto priva di utilità pratica ma non mi pare che Nikon sia vicina alla meta in questo campo.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Ciao Mauro, complimenti per la tua bella ed interessante analisi!

    Dopo aver letto le varie domande e risposte degli amici che mi hanno preceduto, ho notato che non viene mai fatto nessun cenno alla D4s (che posseggo),in pratica si "salta" dalla D4 alla D5! Mi viene quindi spontaneo chiedere come mai non viene mai citata! E' stato per caso, fatta questa serie in attesa della D5?

    Per quanto riguarda la D850, leggendo tutte le varie recensioni, sopratutto la tua, mi è venuta la voglia di prenderla in sostituzione della D4s che per certi aspetti non mi servirebbe più, non facendo più Basket. Solo che sono talmente affezionato alle sue caratteristiche di maneggevolezza, robustezza e funzionalità che mi fa riflettere molto.

    Lo so che uno dovrebbe avere ben chiaro in testa quello che le dovrebbe servire, ma sentire un parere da parte di una persona così competente come te e come da tanti altri "amici" che leggo con molto piacere, mi potrebbe aiutare a decidere sul da farsi!

    Non ho premesso che NON sono un professionista, ma solamente un amatore che come hobby, ha quello della fotografia!

    PS: potrei anche prendere in considerazione di sostituire la D500 con la D850:$

    Ti ringrazio per un tuo eventuale commento!

    Ciao

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti

    Ciao e grazie per la domanda, molto apprezzata ;)

    Dunque, NikoN ci ha abituati ad un ciclo commerciale di 4 anni per le su ammiraglie (D2-D3-D4 e presumiamo D5).
    A metà ciclo è sempre stato sinora proposto un modello aggiornato, che riprende il nome del modello precedente con l'aggiunta di una s (D2Hs, D2Xs, D3s, D4s).
    Si tratta in generale di un aggiornamento non sostanziale, sufficiente a mantenere sul mercato l'apparecchio ma mantenendo del tutto l'impostazione del modello base.

    Nel caso della tua D4s, le migliorie sulla D4 del 2012, ci sono ma sono di poco conto (forse un piccolo incremento delle prestazioni nell'autofocus).
    Per questa ragione ne sono state prodotte e vendute relativamente poche e si tendono a confondere le macchine, intendendo con D4, la coppia D4/D4s nella sua complessità.
    Ritengo che ogni considerazione fatta per la D4 sia altrettanto valida per la D4s.

    Si tratta di un modello di compromesso, buono più o meno per tutto ma senza le prestazioni piuttosto "brutali" delle precedenti D3 e della successiva D5.

    Io credo che il passaggio naturale per chi possiede - ed apprezza - una D4 sia, per l'azione la D5 e per la fotografia ragionata la D850.

    Personalmente io utilizzerei sempre ed esclusivamente nello sport al coperto la D5 rispetto alla D4s e alla D850. Preferirei la D850 negli sport sotto al sole in esterni.

    La D850 ha grandissima dinamica a 64 ISO. Ma per chi fotografa prevalentemente ad alti e altissimi ISO questo può non essere l'indirizzo migliore.

    Quindi, una eventuale sostituzione di una delle tue macchine con la D850 non può che partire dalle tue effettive necessità.

    Ti dico cosa ho fatto io ?

    Io ho sostituito la D4 con la D5 appena è uscita. Ma intanto avevo la D810 e successivamente ho comprato anche la D500.

    Quando è uscita la D850 giammai ho cambiato la D5 per la D850 ma ho venduto sia D810 che D500 e comprato una D850 con cui ho sostituito entrambe.

    Nella tua situzione, dipende da quanto sei soddisfatto dalla D4, perchè hai acquistato la D500 e perchè vorresti la D850.
    Sono tutte macchine differenti tra loro, buone per necessità differenti.

    Io credo che la D850 possa sostituire sia la D4 che la D500. Ma se uno necessita delle capacità della D5, allora non c'è sostituto.
    Salvo che, come ci aspettiamo, presto non esca la D5s.

    Spero di aver chiarito il punto ;)

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    28 minuti fa, Mauro Maratta dice:

    Ciao e grazie per la domanda, molto apprezzata ;)

    Dunque, Nikno ci ha abituati ad un ciclo commerciale di 4 anni per le su ammiraglie (D2-D3-D4 e presumiamo D5).
    A metà ciclo è sempre stato sinora proposto un modello aggiornato, che riprende il nome del modello precedente con l'aggiunta di una s (D2Hs, D2Xs, D3s, D4s).
    Si tratta in generale di un aggiornamento di poco conto, sufficiente a mantenere sul mercato l'apparecchio ma mantenendo del tutto l'impostazione del modello base.

    Nel caso della tua D4s, le migliorie sulla D4 del 2012, ci sono ma sono di poco conto (forse un piccolo incremento delle prestazioni nell'autofocus).
    Per questa ragione ne sono state prodotte e vendute relativamente poche e si tendono a confondere le macchine, intendendo con D4, la coppia D4/D4s nella sua complessità.
    Ritengo che ogni considerazione fatta per la D4 sia altrettanto valida per la D4s.

    Si tratta di un modello di compromesso, buono più o meno per tutto ma senza le prestazioni piuttosto "brutali" delle precedenti D3 e della successiva D5.

    Io credo che il passaggio naturale per chi possiede - ed apprezza - una D4 sia, per l'azione la D5 e per la fotografia ragionata la D850.

    Personalmente io utilizzerei sempre ed esclusivamente nello sport al coperto la D5 rispetto alla D4s e alla D850. Preferire la D850 negli sport sotto al sole in esterni.

    La D850 ha grandissima dinamica a 64 ISO. Ma per chi fotografa prevalentemente ad alti e altissimi ISO questo può non essere l'indirizzo migliore.

    Quindi, una eventuale sostituzione di una delle tue macchine con la D850 non può che partire dalle tue effettive necessità.

    Ti dico cosa ho fatto io ?

    Io ho sostituito la D4 con la D5 appena è uscita. Ma intanto avevo la D810 e successivamente ho comprato anche la D500.

    Quando è uscita la D850 giammai ho cambiato la D5 per la D850 ma ho venduto sia D810 che D500 e comprato una D850 con cui ho sostituito entrambe.

    Nella tua situzione, dipende da quanto sei soddisfatto dalla D4, perchè hai acquistato la D500 e perchè vorresti la D850.
    Sono tutte macchine differenti tra loro, buone per necessità differenti.

    Io credo che la D850 possa sostituire sia la D4 che la D500. Ma se uno necessita delle capacità della D5, allora non c'è sostituto.
    Salvo che, come ci aspettiamo, presto non esca la D5s.

    Spero di aver chiarito il punto ;)

    Grazie Mauro per la tua chiara ed esauriente risposta! Hai ragione quando dici che la D4s ha subito una "leggera" prestazione nell'autofocus! Prima  avevo la D4 ed ero molto insoddisfatto, proprio del suo autofocus ed è stato per questo che ho preso la D4s. Come ti dicevo, prima fotografavo molto spesso le partite di basket al Forum, ma da quando il mio "idolo" ha cambiato casacca...non ho più questa bella ed entusiasmante possibilità!

    Come ti dicevo, la D850 mi attrae moltissimo, ma separarmi della D4s (pur essendo superata) non ne ho il coraggio. D'altronde cambiarla per la D5 sarebbe un'esborso troppo grande per l'uso che ne farei! La D500 di cui sono soddisfattissimo la uso prevalentemente per l'avifauna...quindi? Resta un bel dilemma, che se non fosse per il problema spesa farei come in parte hai fatto tu! Mi prendo la D5 e la D850 e mi tengo anche la D500! Ma per un amatore la cosa mi sembra del tutto esagerata!:(

    Per ora resto un attimo alla finestra e vediamo cosa ci propone Nikon nel frattempo!

    Augurandoti una buona giornata, ti ringrazio ancora per tutto quello che "scrivi" per Nikoland!;)

    Ciao

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti


    Crea un account o accedi per lasciare un commento

    You need to be a member in order to leave a comment

    Crea un account

    Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

    Registra un nuovo account

    Accedi

    Sei già registrato? Accedi qui.

    Accedi Ora

×