Jump to content

E questa è la cattiva divulgazione.


Silvio Renesto

633 views

Mauro ha lanciato dal suo blog una vibrante invettiva contro la strumentalizzazione della ricerca scientifica e la sua banalizzazione a scopi sensazionalistici o politici economici.

Per coincidenza,  di recente è girata per quotidiani e media vari un'immagine che è tra i più classici esempi di cattiva divulgazione, anzi di non divulgazione, quanto un click bait seguito da fesserie incredibili, almeno spero sia solo questo.

E' un semestre intesissimo per me e riesco a malapena a fotografare nei weekend, ma vedere certe cose urta la mia sensibilità  e così ho ritagliato un momento per spiegare ... perchè mi urta.

L'immagine è questa:

Mindy_Detailed_Image.thumb.jpg.64cdf766aa87d0df512a8f8eab1f563a.jpg

 

 I titoli degli articoli apparsi online a corredo recitano più o meno : Tra mille anni diventeremo così.
Così come?

Gobbi per l'abitudine di guardare il display del cellulare e sederci al pc per lavorare.
Con il collo più corto perché, boh, perchè c'è sempre di mezzo lo schermo del pc o dello smartphone. 
Con la mano con pollice ad artiglio (adesso è una deformità, in futuro sarà la norma) per l'uso prolungato del mouse e la digitazione sul cellulare. 
Cervello più piccolo e meno capace perchè non sapremo più fare i conti.
Gomito bloccato ad angolo retto per tenere sempre lo smartphone
Anche una palpebra supplementare semitrasparente a scorrimento orizzontale, come nei coccodrilli e negli uccelli (!!), a protezione degli occhi sbarrati a guardare i monitor.

La maggioranza avrà letto il titolo ed il cappello iniziale ed avrà immagazzinato queste fesserie, pensando siano  frutto di studi scientifici. Poi speriamo, se ne dimenticherà in fretta. tanto fra mille anni...

Chi è andato a leggere un po' di più avrà scoperto che si tratta di un "morphing" elaborato da un sistema sulla base di istruzioni su quali sarebbero le posture assunte di chi lavora al pc e usa lo smartphone e le conseguenti proprozioni ottimali (o qualcosa del genere). Per cui a voler vedere, di scientifico non c'è nulla.
In un articolo di un quotidiano questo è timidamente accennato in due righe ben mimetizzate, dove uno studioso interpellato afferma che sì è interessante, ma per avvenire realmente queste modifiche dovrebbero offrire un qualche vantaggio evolutivo.  Ecco.

Questa trovata si è sparsa per il web perchè secondo me fra quelli che scrivono non sono molti ad avere un'idea chiara di come funzioni l'evoluzione (o se mai ce l'hanno, fanno finta di non averla)  e quale sia il significato di "vantaggio evolutivo" .  L'unica utilità di tutta questa trascurabile faccenda  che che la si può sfruttare proprio per spiegare il concetto di vantaggio evolutivo (sulla plausibilità delle mutazioni non entro nemmeno):

Evoluzione=discendenza  con modificazione -  significa che alcuni discendenti di una popolazione, una specie, un gruppo, sono modificati sotto uno o più aspetti rispetto ai progenitori, a causa di una (serie di) mutazioni genetiche che  hanno prodotto caratteristiche vantaggiose le quali si sono fissate nella popolazione modificandola (quelle svantaggiose in genere compromettono la sopravvivenza dei loro possessori). 

Ma cosa significa "vantaggiose"? In cosa consiste un vantaggio evolutivo? Nel permettere all'individuo di riprodursi di più di chi non possiede quella o quelle caratteristiche derivate dalla  mutazione. Punto. Chi lo possiede genererà una prole più numerosa, mentre chi non lo possiede si riprodurrà di meno, così che nel corso delle generazioni i discendenti dei possessori della caratteristica  vantaggiosa (o del complesso di caratteristiche) finiranno per essere sempre di più rispetto a quelli della stessa specie che ne sono privi, i quali perciò si ridurranno sempre più ed avremo una sostituzione, un'evoluzione della specie. 
Anche se un carattere nuovo permettesse al suo possessore  di vivere meglio, più a lungo, essere più forte, più veloce, quello che volete ma ma non gli permettesse di riprodursi di più rispetto ad altri, non rappresenterebbe un vantaggio evolutivo, ma solo individuale, perchè non potrebbe trasmetterlo ad un numero di discendenti maggiore rispetto agli altri membri della sua stessa popolazione (o specie o gruppo...). 

A volte vantaggio individuale e riproduttivo coincidono, ma tante volte no. Forse suona ironico ma un carattere che facesse  abbreviare la vita individuale aumentando però il numero di discendenti evolutivamente sarebbe  più vantaggioso del contrario.

Ora riguardiamo il morphing,

Mindy.thumb.jpg.dc7dcd1d792909aa19c2c6d91f7084e0.jpg

Vedete  qualcosa tra quei caratteri previsti per il futuro che  potrebbe garantire un maggior successo riproduttivo rispetto a come siamo oggi? 
No?
Allora signori, di cosa stiamo parlando?
Il  tutto è un escamotage per far girare un'immagine bizzarra, lo capisco, ma teniamo presente che ha circa la stessa credibilità scientifica di Alien o dei mostriciattoli di certi giochi alla Warhammer. 

 

 


 


 

  • Like 2
  • Haha 4

11 Comments


Recommended Comments

  • Nikonlander Veterano

Oramai ci hanno preso gusto a divulgare notizie strampalate … tra mille anni di questo passo saremo estinti.

Mi viene da pensare che nel film idiocracy la visione del futuro sia ottimistica!

Link to comment
  • Administrator

Comunque, il clickbait è potenzialmente innocuo se chi ci casca ha capacità di discernimento.

Youtube è pieno di video insulsi, minuti di vuoto pneumatico spinto, promossi con titoloni sensazionalistici e foto di richiamo del tutto improbabili che poi non hanno alcun contenuto.
Questo l'ho incrociato stamattina :

340894317_Immagine2022-11-11082001.thumb.jpg.90c6aa1ea6da4b875d71c7dbc6ef571f.jpg

vi assicuro che l'US NAVY non ha nemmeno in progetto tra 1000 anni di fare una portaerei con la bocca e i fasci laser stile Star Blazer.
E la USS Ford che è appena entrata in servizio "non ha scioccato affatto il mondo" con le sue catapulte elettromagnetiche.

Sono tutte "buttanate" innocue.

Mentre nel mio articolo parlavo del metodo di "elevare a religione" per cui chiunque debba fare professione di fede prima di parlare (premesso che io sono trivaccinato .... bla, bla, bla, premesso che Putin è un mostro, bla, bla, bla) in modo sistematico per mezzo dei media, di sedicenti scienziati o parolai assoldati, per imbrigliare, manipolare, condizionare l'opinione pubblica a scopi fraudolenti di massa (tipo quelli cui stiamo assistendo e su cui non mi voglio più attardare, tutti sistematicamente privi di fondamenti dimostrabili).

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

L'evoluzione sul piano fisico è anche adattamento all'ambiente che ci circonda. Fra mille anni gli smartphone saranno impiantati sotto la pelle probabilmente, ma fisicamente  subentreranno modifiche importanti iniziando probabilmente dai polmoni perchè la percentuale di ossigeno nell'aria si sarà notevolmente ridotta; le terre emerse avranno subito un ridimensionamento importante per via dello scioglimento dei ghiacci e passeremo la maggior parte del tempo in acqua. Non so se avremo i piedi palmati (probabile) ma sicuramente la peluria, capelli compresi, scomparirà del tutto perchè inutile, così come anche le unghie...

Per farla breve la codifica che definisce la sopravvivenza della nostra specie va ben oltre la nostra capacità (volontaria) di adattamento. Il nostro corpo si modifica indipendentemente dalla nostra volontà e noi non ce ne accorgiamo perchè i passi sono talmente brevi da attraversare decine di generazioni. Ma giusto per filosofeggiare vorrei aggiungere qualcosa al pensiero di Chomsky: se continuiamo a credere a questa divulgazione farlocca potrebbe non essere necessario evolvere.

E comunque quando ci fu il boom dei cellulari, quelli a forma di cabina telefonica, la battuta più in voga era la seguente: ci verranno i pollici artigliati a furia di scrivere sms. Per cui non si sono sforzati molto con questo morphing. Anzi, direi che sono in ritardo di quasi trent'anni. Non si sono evoluti ma vogliono divulgare.

Link to comment
  • Administrator

La copertina di Der Spiegel. A sinistra un numero del 1986. A destra una di questi giorni.
Il muretto attorno alla cattedrale (di Colonia ?) dovrebbero essere i provvedimenti Fonderlaien ?

FhQyeUiWQAAunfc.thumb.jpg.b38ed11d175c92dc35dabdf80558d469.jpg

1.5 °C di "surriscaldamento" della pentola.

 

Link to comment
  • Administrator
13 ore fa, Dario Fava ha scritto:

Oramai ci hanno preso gusto a divulgare notizie strampalate … tra mille anni di questo passo saremo estinti.

 

5 minuti fa, effe ha scritto:

Ma giusto per filosofeggiare vorrei aggiungere qualcosa al pensiero di Chomsky: se continuiamo a credere a questa divulgazione farlocca potrebbe non essere necessario evolvere.

E' sicuro che saremo estinti.
Salvo che non ci "salvino" le nuove invasioni barbariche (eliminando il vecchio demente per sostituirlo con il nuovo che riparte dai fondamentali dell'esistenza)

  • Like 1
Link to comment
  • Nikonlander Veterano

La durata media di esistenza delle specie di Mammiferi è di circa 1-2 milioni di anni, poi di solito si estingue,  dando origine ad una nuova specie sua discendente, oppure scomparendo senza lasciare discendenti.
Se  Homo sapiens fosse una specie valida, avremmo solo 300.000 anni. Estinguersi  non sarebbe un indice di gran successo.

PS 1 il " fosse" è perchè se ci mettessimo insieme a Neandertal sarebbero 450.000 anni circa.

PS 2 Le specie di invertebrati possono durare in media 10-11 milioni di anni.  Questo fa pensare, no?
511J5S8F5XL._SY445_.jpg.6a9296fee33a6840424e5a7fbe85eace.jpg

Link to comment
  • Administrator
50 minuti fa, Silvio Renesto ha scritto:

La durata media di esistenza delle specie di Mammiferi è di circa 1-2 milioni di anni, poi di solito si estingue,  dando origine ad una nuova specie sua discendente, oppure scomparendo senza lasciare discendenti.
Se  Homo sapiens fosse una specie valida, avremmo solo 300.000 anni. Estinguersi  non sarebbe un indice di gran successo.

Se noi fossimo come gli invertebrati, questa statistica avrebbe un senso.
Ma non mi ci affezionerei troppo : non siamo mosche (che mi pare abbiano una cinquantina di milioni di anni ma vivono due-tre settimane in media che trascorrono vomitando quello che mangiano, a rimangiarlo e a cacare di conseguenza).

Link to comment
  • Nikonlander Veterano
1 ora fa, M&M ha scritto:

Se noi fossimo come gli invertebrati, questa statistica avrebbe un senso.
Ma non mi ci affezionerei troppo : non siamo mosche (che mi pare abbiano una cinquantina di milioni di anni ma vivono due-tre settimane in media che trascorrono vomitando quello che mangiano, a rimangiarlo e a cacare di conseguenza).

:D

Verissimo, però fa pensare a quanto il concetto di "successo" in natura sia relativo, e prescinda dall'individuo.

  • Haha 1
Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...