Jump to content

Vintage Winds...


Max Aquila

592 views

Non arrivano pellicani a Mondello...e neppure Nikon Z9 con cui poterli fotografare.

Deprivatomi di quasi ogni orpello in funzione di dover acquistare un pellicano, una Z9 ed un Nikkor Z 100-400mm oggi mi sono rivolto alla vetrina dell'800 dove conservo memorie del passato e ho pensato di armare un sistema reflex composto dalla giovanotta D500 con due vecchi zii, il Nikon AF Nikkor 180mm f/2,8 D ED del 1994 ed il primo Nikon AF Nikkor 300mm f/4 ED (senza D) del 1988.

1031348891_33308022022-WhatsAppImage2022-02-08at15_14.53-ModificaMaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.49bb235cde8749070a64e2b7a8a1bbf4.JPG

Due teleobiettivi che hanno fatto la fama del marchio, anche in tempi nei quali le fotocamere non erano certo all'altezza delle concorrenti a causa dell'autofocus a girarrosto, che si basava su uno spiedo che fuoriesce dalla fotocamera che ne sia dotata (non tutte le Nikon AF lo furono, dopo l'avvento dei primi obiettivi motorizzati entry level) che ingasta su apposito nottolino dell'obiettivo "AF" il quale pertanto basa la sua definizione di autofocus solo sulla dipendenza dal girabacchino della fotocamera, essendo privo di qualsiasi altra movimentazione autonoma, elettrica.

Gran risparmio sulla produzione, ma efficienza vincolata a quella del motorino incorporato alla fotocamera.

La D500 del 2016 è la migliore opportunità quindi (insieme a D5 e D6) per testare come si comportino questi 2 vecchi zii alla prova della velocità con la raffica a 10 fps di questa fotocamera, velocità doppia rispetto le migliori fotocamere (anche F5 ed F100) dell'epoca in cui furono commercializzati questi due bellissimi tele.

1735996670_118-_D5K8470180mm1-8000secaf-32MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.c841e6e3ab42eb646c7174dcb5a30b38.JPG

Il banco di prova è la solita (per me, per voi...) spiaggia corallina di Mondello, PA, ed i soggetti sono i soliti quattro kiters, nullafacenti e ventodipendenti, che appena soffia uno zefiro, abbandonano lavoro o studio e caricano  vele e tavole sulle macchine. 

E poi mi chiamano al telefono...
1269955954_028-_D5K6242180mm1-5000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.8ca3d2b9df27089c9e894c91d772fb31.JPG

E io rispondo...

1644579112_012-_D5K6044300mm1-5000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.686c8a0dbcb045a4f6f6599b2354c543.JPG

1115281381_010-_D5K6030300mm1-5000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.ed89670e0a2d906c5083297a92cb0c0f.JPG

1309860824_021-_D5K6117180mm1-5000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.2e7ea6521f758ff9f4ccdd25381c81b9.JPG

1756020934_018-_D5K6091300mm1-5000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.859b3acf6584e7786c90ed8fdb6441e3.JPG

341145471_024-_D5K6179180mm1-5000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.5ea6e577954a05a3203b365d277f1750.JPG

1152345088_025-_D5K6180180mm1-5000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.a3ad02dee52a1f5be4b72d48657560ee.JPG

1243063569_026-_D5K6187180mm1-5000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.aad617747ae49cfc052951f12bd4fc2a.JPG

1149793009_030-_D5K6262180mm1-5000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.be62b91e81e4a9a585c3ae759d0fc932.JPG

1686059162_031-_D5K6272180mm1-5000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.e228d4a642890e6a0f014200c90ebe34.JPG

557563702_023-_D5K6135180mm1-5000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.a9ee87de888a4fb7f7897b6509f0fea6.JPG

1011494005_037-_D5K6729300mm1-5000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.10f4d82f718b527879cb7eba5e770cfd.JPG

Arduo riconoscere il comportamento dei due tele, che ho spesso alternato a seconda della distanza dei kiters e a seconda dell'intento di prilegiare figura intera o dettaglio.

La brillantezza ed il contrasto di entrambi è esemplare anche a più di trent'anni da quando qualcuno in Nikon abbia spalmato l'antiriflesso sulle loro lenti: si tratta di due progetti ottici di indubbio valore: uno dei due, (il 180mm) che vanta addirittura nobili origini di schema ottico, risalente alle prime versioni a telemetro degli anni 50, derivate addirittura dall' Olympia Sonnar di Zeiss, un mito dell'epoca.

Incredibilmente mai replicato in AF-S, con motore incorporato, a causa della concorrenza degli zoom 70-200 che ne hanno oscurato l'utilità.

Poi arriva Vicio, The King e come al solito catalizza la mia attenzione...
700030431_120-_D5K8495180mm1-8000secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.d716c16e8cbd310bf32d7e090ebfafd8.JPG

150446962_047-_D5K7110300mm1-6400secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.cf72c6bf37663f5136e14cb4bf0133e5.JPG

1356549063_044-_D5K7020300mm1-8000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.7c72b411fdff7d84ef46f5469d8d534f.JPG

2142391993_046-_D5K7048300mm1-6400secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.e665bfd2009e1707f84fe6e3d0b17c70.JPG

1074790780_055-_D5K7406300mm1-8000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.9b15fed53ec0a347da2e1200ce9cbb87.JPG

2133015628_109-_D5K8197300mm1-8000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.4ee512944607ad731e814cc91a3d82f8.JPG

1988025454_094-_D5K7807300mm1-8000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.822bd01cdb46c63d8f3a99268248c14d.JPG

1008227799_059-_D5K7479300mm1-8000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.96bca0061038e06975995fe47266905a.JPG

1161754058_099-_D5K7873300mm1-8000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.cfbe1e7c990b5fdf2a9d87703512e9c9.JPG

1774653696_103-_D5K7948300mm1-8000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.614adb217361e811b83a42c1d313a4e2.JPG

2133015628_109-_D5K8197300mm1-8000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.4ee512944607ad731e814cc91a3d82f8.JPG

808048269_117-_D5K8362300mm1-8000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.9e3e655da0b56eb1c4a7e73b46935574.JPG

115702425_114-_D5K8232300mm1-8000secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.3dc25a574cbbddee180538f8f9b40fd5.JPG

Tutte gli scatti con tempi tra il 5000" e l' 8000" a TA o al massimo un diaframma di chiusura, più per contrastare la forte luminosità di febbraio della mia latitudine, che a t/8000 f/2,8 mi tendeva verso la sovraesposizione di uno o due terzi di stop, piuttosto che per ottenere una migliore nitidezza, che come vedete è assoluta in entrambe le ottiche utilizzate in questo modo.

Niente... mi serve il t/32.000 della Z9 e il 100-400 per evitare cambi di ottica e di formato....

Chiederò al pellicano di Jorgos...!

 

Max Aquila photo (C) per Nikonland 2022

 

  • Like 8
  • Thanks 5

4 Comments


Recommended Comments

  • Nikonlander Veterano

Spettacolari queste foto Max. Li ho avuti entrambi,il 180 lo ho tutt'ora come sai,mentre il 300f4 lo vendetti di versi anni orsono. Un buon progetto ottico rimane tale a distanza di anni e questo 180 da e ha sempre dato i punti agli zoom che molti gli preferivano.Del resto i test MTF del 180 parlavano da soli........

 

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Grazie Max, bell'articolo e belle foto....mi viene da pensare, speriamo che Nikon mantenga la produzione, magari a numeri limitati, di una reflex di qualità come potrebbe essere la D850 (visto che la D500 a quanto si sente ingiro sarebbe già fuori produzione), per consentire in futuro a chi avrà ancora ottiche come queste di poter continuare ad utilizzarle nel modo nativo....ma tra venti o trenta anni sarà ancora più tutto cambiato e sopratutto chissà se ci sarà ancora qualcuno che faccia fotografia con apparecchi dedicati piuttosto che col cellulare o come si chiamerà...

P.S. raccomanda al pellicano, quando ti porta il pacco con Z9 e 100-400, di poggiarlo delicatamente....

Link to comment
  • Administrator

Sono pienamente consapevole delle migliorie apportate dalle mirrorless agli ensamble come questo qui organizzato.

Basti guardare questo blog di due mesi fa...

Sono stato due ore a combattere con la disposizione dei sensori AF a gruppi, efficientissimi ma limitatissimi a gestire inquadrature decentrate: spesso ne ho ricavato files troppo spostati verso l'alto, per far coincidere la posizione del kiter in inquadratura, sotto il sensore o gruppo di sensori.

Spesso avrei voluto gli fps in più di un ottimo corpo ML per descrivere minuziosamente le fasi di una sequenza. 

E mi autocongratulo per la memoria di esposizione, che ancora mi assiste, dopo centinaia di migliaia di scatti a mirino elettronico, per saper ancora valutare il momento di caricare uno o due terzi di EV in più, in un semicontroluce sul soggetto: queste sono doti di chi ha usato per decenni mirino ottico e possiede la previsualizzazione di ciò che il mirino elettronico... semplicemente, mostra alla vista.

Ma sono altrettanto contento di aver ricomprato due anni fa una Nikon D500, per la necessità di utilizzare obiettivi "finti AF" come questi due.

E che nonostante l aura di capricciosità che la d500 circonda, anche la batteria utilizzata in questo shooting, abbia retto bene...

IMG_20220209_080317.thumb.jpg.7a89109e44a31d29ca5c981a2bfdbdf9.jpg

...con le buone maniere....

  • Like 1
Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...