Jump to content
  • M&M
    M&M

    Nikon 58 mm f/1.4G : svelato il suo mistero ?

    Questo articolo è a metà tra l'artistico e lo scientifico.
    Ma non c'è scienza che spieghi come gli occhi vedono le cose.
    Né come si senta un obiettivo mentre si fotografa a tutta apertura una creatura viva, li davanti a te.

    ZFC_8202.thumb.jpg.cde78ba55accb721b9e8a4f5d8df0e12.jpg

    il protagonista è il Nikkor 58mm f/1.4G, proposta di obiettivo artistico in chiave SWM una decina di anni fa.
    Da me provato a suo tempo con grandi perplessità circa la resa e la capacità effettiva di mettere a fuoco.
    Venduto due anni dopo per il più clinico Sigma 50/14 Art, riprovato su Nikon Z7 senza particolari sensazioni nel 2018.
    Ricomprato questa estate perché la focale 58mm per me è forse più "magica" di quella 85mm.

    Forse, dico forse, ho scoperto il mistero di questo strano obiettivo.

    Che è a suo agio solo in penombra e con colori pastello. Ma soprattutto con il soggetto bene al centro. Perché altrimenti il fuoco sembra che ci sia, e invece no.

    Tre foto del 2014 su D4 e Df, diaframmi f/2 ed f/2.8

    _D4H6327.thumb.jpg.089c3c8e1a19d466417bd29b95a413c0.jpg

    _D4H6817.thumb.jpg.6e950463fbe84cc8ccecadf5fd0d44c6.jpg

    _DF06582.thumb.jpg.747ea2c9ff6400b902fe3e2efa990c8f.jpg

     

    e su Z8, nel 2023, f/1.4

    large.Z8X_4685.jpg.85fa6a53536f94db7929c2351298b59f.thumb.jpg.b0c4dae46224ff941d0db0d8fea72d8b.jpg

    o su Zf ad f/1.8

    large.ZFH_8707.jpg.1e1fbc3814a112487137c4ee0ae04f45.thumb.jpg.038ee758e9a4be1de683090612bda833.jpg

    e non ci sono tanti discorsi da fare, la magia c'è tutta, se si trova la combinazione giusta tra soggetto e luce. Si accende.

    Ma è un attimo ad andare fuori fuoco. E purtroppo per gli standard di oggi la foto è da buttare.
    Impensabile usarlo in fotografia di movimento, il soggetto deve stare in posa. E possibilmente in mezzo.

    Questo è quanto ho imparato usandolo.

    Sono tentato di rivenderlo ancora perché il 50/1.2 S gli è superiore in tutto.

    Ma questo 58mm ha un'anima tutta sua. Sarà per la focale, sarà per il modo con cui restituisce i soggetti, sarà per i colori.
    E' fonte di ispirazione. E quindi esito.

    Ma intanto il tempo non è passato invano e se il 50/1.2 è in casa un motivo ci sarà.

    Una volta i progettisti Nikon facevano i calcoli degli schemi ottici, poi costruivano un prototipo e vedevano come andava.
    Se il risultato non era quello atteso, ricominciavano da capo.
    Adesso hanno un simulatore. Questo, inseriti i parametri salienti, restituisce a video quella che sarà l'immagine sintetica creata dall'obiettivo.
    Così gli ingegneri possono modificare a piacimento schemi, tipi di lenti, materiali, distanze e dimensioni, avendo una idea abbastanza precisa del risultato finale.

    Solo così è potuto nascere quel miracolo che è il 58/0.95 Noct, l'apoteosi di quella focale e l'estremizzazione del tentativo solo abbozzato con il 58/1.4G.
    Che rimane avvantaggiato per l'autofocus ma che è indietro in tutto.

    Come è più avanti, anche rispetto al 58 Noct, il 50/1.2 S, obiettivo sostanzialmente senza difetti e capace di produrre fotografie sempre a fuoco.

    Dicevo che il tempo non è passato invano, anche per me che adesso ho gli strumenti per andare a vedere bene cosa influenza il risultato della messa a fuoco quando, fotografando non me lo spiego.

    Ho fatto una serie di scatti ad aperture varie mettendo a fuoco una tavola di legno a circa 45°.
    Poi in Photoshop ho usato il filtro "Trova i bordi".

    ZFH_2830.thumb.jpg.5e81c7f0fa50aa49acc66f9ba98e91d7.jpg

    ZFH_2816.thumb.jpg.7ad5a680bfd8d53156804146fb4e7bd5.jpg

    ZFH_2817.thumb.jpg.c3e45f937bda8b0320e104e3d044fa8a.jpg

    ZFH_2819.thumb.jpg.9562444cb69efae7ec7b68fc4cb1d83c.jpg

    questa è la rappresentazione della "risposta" del 58mm ai primi diaframmi.

    Si intuisce anche in quella ad f/1.4 dove però il contrasto è piuttosto labile ma chiudendo il diaframma l'effetto si evidenzia sempre più, diventando eclatante ad f/4.

    La risposta sul campo del 58 è curvilinea, non è lineare.
    In pratica rispetto al punto centrale, il piano di messa a fuoco effettiva si incurva verso i bordi, con una distanza evidente.
    Il campo inquadrato in questi scatti è di circa 50cm. Quindi parliamo di centimetri di distanza tra il punto di messa a fuoco centrale e i bordi estremi.
    Centimetri, non millimetri !

    Per confronto ho proprio usato il 50/1.2 S

    ZFH_2825.thumb.jpg.80826e161637fb796030b36fcc603621.jpg

    ZFH_2823.thumb.jpg.2129c3ebb9fa4c8b0aba9216df9eeda6.jpg

    ZFH_2822.thumb.jpg.8e49e266bb948c1d93564ee9a0d3917d.jpg

    ZFH_2821.thumb.jpg.d9ceef6427ff756f37794708efda801f.jpg

    che si dimostra per quello che è : una affettatrice dal taglio perfettamente lineare, che si ingrossa semplicemente quando chiudiamo il diaframma.

    Con il risultato che già ad f/1.2 mette a fuoco con assoluta certezza e con un contrasto pieno, ovunque noi mettiamo il punto di rilevamento.

    Prendete queste immagini, fatte alla buona e a mano libera non troppo ferma per quello che sono.
    Ma si vede quanto il campo nitido del 58 sia spesso e labile oltre che curvo, mentre quello del 50 sia solido, concreto, soprattutto perfettamente dritto.

    Ecco, questo è il mistero del 58/1.4G.

    I progettisti del 58/1.4G hanno inserito l'ingrediente magico descrivendo un campo non planare che digrada circolarmente dal punto centrale di messa a fuoco.
    Quelli del 50/1.2 hanno fatto uno scanner che in tempo reale, anche a 20 frame al secondo spara immagini precise.
    Pur offrendo una rappresentazione del soggetto romantica sebbene non onirica come quella del 58.

    Cosa preferire ?

    Sinceramente trovo rassicurante al massimo il 50/1.2 S per Nikon Z e lo userei sempre in tutte le circostanze critiche.
    Ma il piacere di creare immagini artistiche con il 58 resta impagabile, anche perché imprevedibile e reso complicato dalle sue - tante - deficienze.

    Insomma è come inserire un'alea in un mondo che è sempre più cinicamente tendente al perfettino.

    large.ZFH_7524.jpg.2442dc8ab803f3233a87d6462e9d6cb3.thumb.jpg.3c23b5969038288995a7bd2a95ce1226.jpg

    50/.2 S ad f/1.2 su Nikon Zf : una delle mie foto più belle del 2023

    large.Z8X_5469.jpg.babc3370aadfa48e0a06223316961f6f.thumb.jpg.943de3e47e4faa4aafd23cf579dbacc1.jpg

    58/1.4G ad f/1.4 su Z8 una delle mie foto più belle del 2023

    Grazie Nikon !

    User Feedback

    Recommended Comments

    • Nikonlander Veterano

    Mauro, intanto complimenti per aver "svelato" quello che sembrava un mistero, una reazione che non ci si aspettava da una lente cosi' ( all'epoca gia' oggetto di desiderio e lente "onerosa" per gli standard dell'epoca ).

    Calda, focale special ma non certo una lama anzi fin troppo morbida e per giunta ( ora lo sappiamo ) troppo creativa.
    L'art 50 , freddo finche' si vuole, era "meglio".

    Ha pero' il merito di averti fatto riscoprire il 50 1,2 !!! :x4x:

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    In buona sostanza il 58/1,4 è un obiettivo creato con forte ritardo per il ritratto su pellicola e non su sensore.

    Chissà che i cultori dell' uso del film non possano fare qualche esperimento, magari su F5 o F100

    • Like 1
    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    Tra i misteri ... una cosa che ho notato solo adesso.

    La distanza minima di messa a fuoco del 58/1.4G è esattamente di ... 58cm :o :D

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    41 minuti fa, M&M ha scritto:

    Tra i misteri ... una cosa che ho notato solo adesso.

    La distanza minima di messa a fuoco del 58/1.4G è esattamente di ... 58cm :o :D

    Forse apposta per non accentuare eccessivamente il fenomeno che hai valutato di curvatura del piano di maf:

    se uno standard di solito arriva a 45cm di distanza minima, qui ci aspetteremmo non più di 50/52...

     

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    Top ! 

    Spiegazione da progettista ottico, sicuramente c'è gente che lo usa da sempre e non e mai arrivato a questa deduzione, complimenti! 

    Se tu dici  che è difficile da usare non oso pensare alla frustrazione che potrebbe creare a.....

    Io il 50 mm 1,2 l ho messo ufficialmente nella mia lista dei desideri, ma ora devo mettermi via i dindini 

    Grazie ! 

     

    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander

    ciao ma mettendo il 58mm sulla z si guadagna con lo stabilizzatore della macchina .avevo fatto la prova con il 50mm f1,8 ,foto con la 750 e dopo sulla z5 con adattatore a fuoco senza il mosso .diciamo che gli afs sulla z come 85mm le  foto sono spettacolari. una marcia in + per nikon stabilizzare le ottiche afs

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    43 minuti fa, Alberto Capitanio ha scritto:

    ciao ma mettendo il 58mm sulla z si guadagna con lo stabilizzatore della macchina .avevo fatto la prova con il 50mm f1,8 ,foto con la 750 e dopo sulla z5 con adattatore a fuoco senza il mosso .diciamo che gli afs sulla z come 85mm le  foto sono spettacolari. una marcia in + per nikon stabilizzare le ottiche afs

    Il mosso è una cosa, il fatto che il 58mm metta a fuoco in un modo se il soggetto è in centro e in un altro se il soggetto è decentrato, è un'altra.
    Lo stabilizzatore certamente aiuta se i tempi sono lenti.
    Ma la messa a fuoco - te l'assicuro - è sempre piuttosto precaria, quale che sia la macchina.
    In questi mesi io l'ho usato esclusivamente su Zf e Z8.
    L'85mm f/1.8 non nulla in comune con il 58/1.4.

    • Like 1
    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    Il 13/12/2023 at 17:10, aem ha scritto:

    Lente dallo sfocato bellissimo, con la sua personalità. Secondo me eccezionale e non c'è solo la nitidezza nelle lenti. Saluti

    emozione....!!!  Un referal di un lettore !!!!

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites

    Ho il 58 da quasi 10anni, probabilmente è l’unica otttica che non venderò mai. Il suo sfocato e la magia che regala la tridimensionalità degli scatti fatta con questa lente sono inarrivabili da qualsiasi altra ottica super nitida e super corretta. Per di più non pesa praticamente nulla..

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator
    Il 13/12/2023 at 17:10, aem ha scritto:

    Lente dallo sfocato bellissimo, con la sua personalità. Secondo me eccezionale e non c'è solo la nitidezza nelle lenti. Saluti

     

    Il 15/12/2023 at 22:43, Eder ha scritto:

    Ho il 58 da quasi 10anni, probabilmente è l’unica otttica che non venderò mai. Il suo sfocato e la magia che regala la tridimensionalità degli scatti fatta con questa lente sono inarrivabili da qualsiasi altra ottica super nitida e super corretta. Per di più non pesa praticamente nulla..

    Ma in questo articolo non si parla di nitidezza ma di non-planarità del campo di messa a fuoco e della necessità di mettere il soggetto in mezzo per avere un fuoco corretto.
    Altrimenti sarà tutto sfuocato.
    Salvo aiutarsi facendo solo figura intera con diaframma chiuso a distanza di sicurezza :sayonara: (ma poi, la figura in verde, avrà uno sfuocato comunque denso di aberrazione cromatica assiale verde malva ;) )

    Link to comment
    Share on other sites



    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...