Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'nikon z50'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Categories

  • Editoriali
  • News
  • Mondo Nikon Z
    • Nikon Z : Test fotocamere
    • Nikkor Z : Test obiettivi Nikon
    • Test obiettivi compatibili con Nikon Z
    • Adattatori Autofocus per Nikon Z
    • Accessori e altro per Nikon Z
  • TestMondo Reflex Nikon
    • Fotocamere Reflex
    • Obiettivi Nikon
    • Obiettivi Sigma
    • Altri Obiettivi
  • Altri Test
    • Binoculars Nikon
    • Fotocamere Sigma
    • Flash
    • Accessori
    • Guide all'acquisto
    • Software
  • Evidenza
  • Grandi Fotografi Nikon
  • Storia Nikon
  • Wildlife Photography

Forums

  • Il forum di Nikonland
    • Due chiacchiere in compagnia
    • Faccende riguardanti Nikon Z
    • Tutto Quanto Riguarda La Fotografia
  • EffeLand Forum - il club delle reflex Nikon
  • Materiale Fotografico : Il Club dei Nikonisti's Forum : software e hardware (programmi e computer)
  • Materiale Fotografico : Il Club dei Nikonisti's Forum : Piccolo Mercatino
  • Materiale Fotografico : Il Club dei Nikonisti's Forum : Materiale Fotografico
  • Materiale Fotografico : Il Club dei Nikonisti's Club Nikon Z9
  • Materiale Fotografico : Il Club dei Nikonisti's Forum dedicato alle Reflex Nikon
  • Fotografie e Fotografia : Il Club dei Fotografi di Nikonland's Discorsi sulla Fotografia e sui Fotografi
  • Fotografie e Fotografia : Il Club dei Fotografi di Nikonland's Le nostre foto
  • Fotografie e Fotografia : Il Club dei Fotografi di Nikonland's Contest Chiusi
  • Fotografie e Fotografia : Il Club dei Fotografi di Nikonland's Contest in Corso
  • Il Club di Max e Mauro's Lo chiedo a Max o a Mauro
  • BWV 988 : Variazioni Goldberg's Forum di Variazioni Goldberg
  • Mauro's War Room's Si vis pacem
  • Wildlife Club's Fotografie dei selvatici

Blogs

  • Editor's Blog
  • Silvio Renesto
  • Roby c
  • Consigli per comprare e vendere bene
  • PhotographyWord
  • il blog di Gianni54
  • Massimo Vignoli
  • Tentativi di Riky
  • Muncias
  • IL Migliore Amico dell'uomo
  • C'era una volta ... Simona
  • Il blog di Alberto Salvetti
  • Quattro chiacchiere con...
  • G.B OMBRELLO
  • Il Blog di Gianni
  • Blog di Vento
  • Blog di Egidio65
  • Il Giurnalett
  • Il blog di Davide D.
  • Il blog di Pedrito
  • Cris7-BLOG
  • effe
  • Profili di Grandi Fotografi
  • Max Aquila photo (C)
  • Il blog di frankiedoc
  • Strettamente personale
  • Sakurambo's Blog
  • Il Blog di Fab Cortesi
  • Il blog di happygiraffe
  • Blog di Dario Fava
  • Comments
  • Giannantonio
  • [social] Considerazioni varie
  • Il blog di Marco
  • Nicola
  • Limited Edition
  • Crimini e Misfatti
  • ALBERTUS
  • Viandante
  • Blog di Nikonland
  • Diario di un pigro
  • Likethelight
  • Esperienze
  • Il blog di bimatic
  • Rossblog
  • Lo Zibaldone
  • Gruccioni
  • Il blog di pantaraf
  • Per Ardua ad Astra
  • Il Blog di Saverio Antinori
  • Il blog di Paolo
  • Il blog di Piermario
  • Il blog di Zulu
  • Blog di Riccardo55
  • Nikonland Models's Blog Modelle
  • Il Club di Max e Mauro's aMAXcord
  • Il Club di Max e Mauro's Wind and Wuthering
  • Il Club di Max e Mauro's Politicamente scorretto
  • Il Club di Max e Mauro's Omnia Vincit Amor et nos cedamus amori
  • BWV 988 : Variazioni Goldberg's BWV 988 : Recensioni di Musica
  • BWV 988 : Variazioni Goldberg's BWV 988 : Recensioni Audio
  • BWV 988 : Variazioni Goldberg's Storie di Musica
  • Mauro's War Room's Achtung Panzer !
  • Mauro's War Room's Guerre e Battaglie
  • Mauro's War Room's Armi e Armati
  • Wildlife Club's Blog
  • Wildlife Club's Il naturalista racconta

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Corredo Fotografico (sintetico !)

Found 9 results

  1. Chi non lo sa, alzi la mano: ma guardandosi intorno si ritroverà da solo, perchè tutti lo sanno che la Targa Florio è la corsa più antica del mondo e disputata per più edizioni consecutive, più di Le Mans, di Indianapolis e di qualsiasi altra competizione motoristica della Terra. Nata nel 1906 come banco di prova motoristico della Novelle Vague palermitana, sotto l'egida del rampollo della più famosa famiglia di imprenditori del nostro Paese di allora, Vincenzo Florio, inaugurò la serie delle gare di velocità su strada che per lungo tempo, fino al secondo dopoguerra, ebbero cassa di risonanza ben più ampia di quelle su pista, ne più ne meno come la concorrente Mille Miglia, però di un ventennio più giovane. Si correva su un percorso che definire stradale nel 1906 sarebbe un bell'eufemismo, perchè si articolava per ben 148km fra i paesi e le trazzere dell'entroterra madonita siciliano, trasformandosi, decennio dopo decennio in un tracciato sempre più compatto e definito, nonchè finalmente anche qua e la, asfaltato, fino alla sua ultima versione del Piccolo Circuito di 72km da ripetersi per ben otto volte: come avvenne fino all'ultima edizione di velocità, quella del 1977, dopo la quale la Federazione Internazionale bandì per sempre le competizioni di velocità su strada, funestate da troppi incidenti, anche mortali. Per non perdere la sua anzianità e il primato, la Targa Florio si trasformò in un rally, grazie alla brillante idea scaturita dalle menti e dalla collaborazione di un gruppo di amici che facevano capo all' AC di Palermo, tra i quali anche mio padre, Vicio Aquila, che ne divenne il Direttore di Gara, contribuendone al rilancio culminante con la partecipazione al Campionato europeo rally, che comprendeva tracciati blasonati come quello di Montecarlo, di Sanremo, dell' Akropolis, e del Tour de Corse, con la partecipazione delle Squadre Corsa ufficiali dei marchi e dei piloti più importanti di quei rallies, principalmente Lancia, Audi, Peugeot, Opel e via dicendo. Oggi si corre la 106^ edizione della Targa Florio e non è certo l'epoca di quei trionfi di organizzazione e disponibilità di percorsi. In una veste più dimessa, ma pur sempre con l'allure che si merita, oggi la sua validità si limita ai Campionati italiani rallies e delle auto storiche, ma attira sempre una gran massa di piloti (in questa edizione più di duecento). E con il Nikkor Z 100-400 sono andato, a testarlo anche contro le intemperie che il forte vento di scirocco preannunziava da giorni: una giornata intera sotto la pioggia mi ha consentito di definire la sua resistenza oltre alle qualità di ripresa già ben note e decantate sulle pagine di Nikonland. Il giudizio finale lo potrete tracciare voi, anche dopo aver visto di cosa sia capace, pur se al servizio della semplice Nikon Z50, in attesa di provarlo sulla Z9 in arrivo. i bolidi del passato, dalle Lancia, Ferrari, Porsche ed Alfa Romeo hanno ceduto oggi il passo (nel rispetto dei regolamenti attuali) a marchi come Skoda, Citroen, Hyundai, Suzuki e qualche Volkswagen, a cercare di suscitare negli spettatori una parvenza delle sensazioni che il motore di una Lancia 037 o di un motore Abarth un tempo suscitava, ma siccome siamo appassionati di tutto ciò che da sotto un cofano possa trasmettersi all'asfalto attraverso la trazione di un motore a combustione (= gran casino) ce le facciamo bastare... che sia drift, se l'asfalto è asciutto, o controsterzo sul bagnato, ciò che conta è il movimento e la dinamica che una quattro ruote DEVE dimostrare ( bastano gli schizzi da un passaruota? ) cosa credevate...che la Nikon Z50 servisse solo a scattare al tramonto sulla spiaggia...? o che un equipaggio tutto femminile non sia in grado di iniziare la esse su tre ruote? essendo stata annullata la P.S. delle autostoriche per la bufera di acqua scatenatasi alle 15, il passaggio successivo è iniziato alle 18,10 mettendomi nella condizione di switchare dai primi scatti con tempi di otturazione mediamente veloci, fino a quelli nei quali ho dovuto scattare fino al 1/160" che, data la vicinanza al soggetto non era di certo l'opzione migliore per realizzare ciò che avevo in mente di ottenere, pur se con una buona quantità di scatti, secondo me, efficaci... quando si dice una equipe ben assortita... fino ad arrivare ad orari ben oltre il tramonto del sole (peraltro in perfetto controluce diretto) che ha dato ulteriore corpo a questa giornata di fotografie anche con le macchinine dell'autoscontro, come sembrano queste suzukine Swift... e un gran piacere nell'incontrare vecchi amici, piloti e giornalisti che si ricordano ancora di Vicio Aquila e lo ricordano anche a me... Si certamente: il Nikon Nikkor Z 100-400mm f/4,5-5,6S VR ha superato anche la prova dell'acqua e dello scirocco siciliano, quello che fa piovere la sabbia del Sahara Ve lo consiglio caldamente... Max Aquila photo (C) per Nikonland 2022
  2. Una attenta più alla sostanza che all'apparenza, l'altra più chic. Nella fotografia close-up in natura quale preferire? Foto (c) Mauro Maratta. Come qualità di immagine non ho visto differenze, entrambe producono immagini di ottima qualità: Bombo, Nikon Z50, zoom 50-250mm, con lente addizionale Nikon 5T Mantide asiatica, Nikon Z Fc, zoom 24-200mm Z, con lente addizionale Olympus. quello che perdono per via del sensore Dx (gestione dello sfuocato più complessa, minore resa ad alti ISO) è compensato dalla possibilità di ottenere la stessa copertura di immagine a maggiori distanze quindi, maggiore "distanza di sicurezza", nel caso di soggetti mobili o inavvicinabili per qualche motivo. Damigelle, Nikon Z50, zoom 50-250 Z, lente 5T Nikon Z fc, 300mm f4 pf . Estremizzando il concetto, così per gioco, ho potuto fotografare questa Libellula depressa posata sulla sponda opposta del canale, usando la Nikon Zfc con il SIGMA 150-600mm a 600mm (=900mm equivalenti). Quindi su questo aspetto siamo alla pari. Come operatività ed ergonomia ci sono invece molte differenze. Per l'ergonomia, lo sanno tutti, la Z50 è vincente, non occorre addentrarsi nei dettagli generali, ne hanno già scritto Max Aquila e Mauro Maratta (e tanti altri in altri siti): l'abbigliamento sportivo è più pratico del tailleur. Riferendomi solo alla macro naturalistica, trovo anch'io che l'assenza di un grip nella Zfc sia uno svantaggio, ma per come fotografo io è piuttosto secondario, usando la fotocamera su treppiede/monopiede oppure a mano libera, ma sempre con focali sui 200-300mm, il maggior lavoro lo fa la mano sinistra che regge gli obiettivi, per cui in queste circostanze la superiorità della Z50 rispetto alla Zfc non la vedo tanto nel grip, ma nel display posteriore della Z50, ribaltabile in modo da rendere molto comodo inquadrare anche con la fotocamera rasoterra, il display rotante ed angolato nella Zfc, comodo forse per fare vlog o no so bene cosa d'altro, anche qui concordo con Max Aquila, è distraente, quasi "irritante". Un "vantaggione" della Nikon Z Fc rispetto alla Z50 è invece la presenza del focus stacking "in camera". Ne scrive ampiamente qui Max Aquila: https://www.nikonland.it/index.php?/articoli/nikon-z/nikon-z-test-e-prove-sul-campo/nikon-z-fc-focus-stacking-vs-diaframmare-1-0-r647/ Questo, è innegabile, è un plus notevole offerto dalla ZFc, anche tenendo conto che il campo di applicazione è limitato a soggetti immobili in assenza di vento che sia possibile riprendere usando un treppiede. Su soggetti svegli ed attivi o in presenza di brezza, è impossibile o quasi fare focus stacking. Il flash? La Z50 ha un flash incorporato, la Z fc no. Il piccolo flash della Z50 può essere gestito ad esempio sottoesposto, ma è inamovibile per cui l'illuminazione, a meno di accrogimenti può appiattire l'immagine. Non si può comunque negareche il flashettino può salvare la situazione in qualche caso. Scolia hirta, Nikon Z50, zoom 50-250mm, con lente addizionale Nikon 5T flash incorporato. Usando flash separati per gestire meglio la luce si torna al pareggio. In conclusione, per il mio modo di vedere (che può essere diverso dal vostro!) I vantaggi della Z 50 sulla Z fc, relativamente a questo genere fotografico; stanno: Nel monitor, molto più pratico. In misura minore, ma per qualcuno può essere importante più che per me, nel grip e nell'ergonomia generale. In qualche caso il flash incorporato può servire. Il vantaggio della Zfc principalmente sta nella possibilità del focus stacking in camera, che può essere utile anche sul campo. Le foto scattate con la Z50 sono di Gianni Ragno, le foto scattate con la Z fc sono mie. Silvio Renesto
  3. Gianni Ragno, amico dai tempi del Liceo e , come ho già scritto più volte, responsabile della mia conversione al nikonismo, da un po' è passato anche lui alle mirrorless con la Nikon Z50, acquistando il kit con i due zoom 16-50mm e 50-250mm. Ho raccolto e pubblicato le sue impressioni sulla piccola Zeta e sulle mirroless in generale. Tutte le foto sono di Gianni Ragno tranne la prima che lo ritrae (ambientato ). Per inquadrare il Gianni fotografo, posso dire che predilige soprattutto scorci di architetture urbane, poi i paesaggi, dove usa anche la Sigma Sd1 Merrill; ma pratica volentieri anche la macrofotografia, lo street e, a piccole dosi, la "wildlife photography". Come è avvenuto il tuo passaggio a mirroless? Fondamentalmente per curiosità, perchè quando arriva una innovazione tecnologica anche un fotoamatore vuole conoscere le potenzialità offerte dalle nuove attrezzature. Inoltre, il futuro è mirrorless, quindi meglio imparare al più presto a conoscere questo mondo. In passato avevo già potuto apprezzare in una bridge ed in una compatta di poter usufruire del vantaggio di inquadrare e mettere a fuoco in condizioni precarie di luce così come consentito oggi dalle mirrorless. Per quanto riguarda gli obiettivi, sono convinto che potremo avere ottiche più compatte ma ugualmente performanti, soprattutto per il formato APS-C. A questo proposito, come mai hai optato per il formato APS-C? In passato avevo già avuto modo di apprezzare con la D2x e la D7100, avendole usate a lungo, i vantaggi del sensore più piccolo, soprattutto nella macro e nella caccia fotografica. Già allora come fotomatore ero soddisfatto della qualità dei file che producevano nonstante le critiche comparse in rete. Per le mie esigenze di fotoamatore producevano una qualità di immagine adeguata. Con la D500 la qualità è ulteriormente migliorata e lo stesso vale per la Z50, quindi non posso che confermare che sono soddisfatto della qualità di immagine fornita da questo tipo di formato. E' mia opinione che la possibilità di costruire un sistema parallelo al formato pieno, con corpi e ottiche compatti ma di qualità come rivelato già dagli zoom del kit, possa avere un futuro, soprattutto se i costi fossero contenuti. Come ti sei trovato con la Z50? Mi sono "ambientato" rapidamente con la fotocamera, perchè avevo già utilizzato il mirino elettronico ad es. sulla Nikon P900, qui notevolmente migliorato. Le dimensioni sono adeguate, nè troppo piccole nè troppo grandi ed i comandi anche se un po' diversi da quelli delle DSLR, sono comodamente accesibili. Il peso e l'ingombro contenuti per me rappresentano un vantaggio soprattutto nelle lunghe camminate quando faccio foto "urban". La Z50, accoppiata al piccolo 16-50 può diventare un ottimo sostituto di una compatta per tutti gli usi anche occasionali, e spesso mi è capitata di usarla in questo modo, lasciando a casa il corredo reflex. Come per le altre Z, la messa a fuoco è molto precisa ed ho potuto apprezzarlo soprattutto nella macrofotografia in quanto la scomparsa dei problemi di back e front focus ha ridotto considerevolmente gli "scarti". Nella fotografia notturna e a luce ambiente ho ritrovato di poter visualizzare l'inquadratura anche in condizioni di luce scarsa o quasi al buio. Come per tutte le altre mirrorless, la capacità di previsualizzare l'esposizione è un altro vantaggio innegabile, soprattutto in certe condizioni di luce. Tu hai comprato il kit experience, qual'è il tuo giudizio sugli obiettivi 16-50 e 50-250? Sono soddisfatto della qualità di entrambi, per gli usi che devo farne. Soprattutto mi ha sorpreso positivamente il 50-250, accoppiato alla lente addizionale Nikon 5T, nella fotografia macro sul campo. Penso di aver ottenuto risultati migliori rispetto al precedente corredo sia nella precisione della messa a fuoco che nella sensazione generale della nitidezza. Devo dire che anche la resa cromatica è più che soddisfacente. A parte gli obiettivi del Kit hai usato altre ottiche con l'FTZ? Ho provato nella caccia fotografica il nikon 200-400 f4 e nella fotografia di street il 12-24 Sigma, quando avevo bisogno di un grandangolo spinto, pur non essendo un fulmine, l'FTZ ha funzionato. Grazie Gianni, ci salutiamo con un tuo ritratto ai due compagni di uscite, Alberto (con i capelli) ed il sottoscritto (con gli occhiali ) .
  4. Appena arrivati, freschi freschi di corriere ... Unboxing Nikkor Z 105mm f/2.8 S VR MC Unboxing Nikkor Z 50mm f/2.8 MC Gianni e Pinotto
  5. Gianni Ragno mio amico da una vita , "colpevole" fra l'altro di avermi convertito a Nikon nei lontani anni '80... Foto pre-covid. ... si è comprato un po' di tempo fa il "kittone" Z50, 16-50 e 50-250 per i giri "leggeri". Nè è molto soddisfatto per la buona qualità accoppiata alla versatilità, anche per quanto riguarda il 50-250. Lo so, lo so Max e Mauro ne hanno già scritto e riscritto, ma penso che un'ulteriore rinforzo potrebbe fare bene, diciamo rassicurare, chi si è comprato lo stesso kit ma nutre dei dubbi sull'acquisto fatto. Se consapevole di non avere preso un succedaneo del 70-200 f2.8, naturalmente, non delude. Mi sono quindi fatto prestare alcune foto fatte da lui con questo zoom in un paio delle nostre uscite e le propongo qui a beneficio di qualcuno . TUTTE LE FOTO SONO DI GIANNI RAGNO Murales Naviglio Martesana. Nutria Naviglio Martesana. Ortethrum corulescens maschio. Parco Nord. Crop 100% della foto sopra. Cliccare per aprire. Qui è "stirato". Parco Nord Milano Crop 100% foto sopra. Cliccare per aprire qui è "stirato". Damigelle Ischnura elegans. Con Lente Nikon 5T. Tutto qui
  6. Quando mi è arrivato il pacco e l'ho aperto ... per un attimo ho sperato che avessero confuso le valigette e mi avessero mandato un Noct in omaggio ! E invece Nikon, che ha veramente intenzione di fare le cose in grande con le sue mirrorless, ha deciso di riservare una valigetta simile anche al super Experience Kit della Z50. Se non lo sapete, ve lo dico io, nei migliori rivenditori Nikon nazionali è a disposizione questo kit, che potete richiedere gratuitamente in prova. La valigetta contiene proprio tutto il necessario per una ... Experience completa. oltre, ovviamente, alla Z50 con la sua batteria e il relativo caricabatterie, ci sono i due obiettivi formato DX con cui viene venduta (il compatto Nikkor Z 16-50 e il più potente Nikkor Z 50-250). Ma non manca anche l'adattatore FTZ per provare la macchina con le decine di obiettivi Nikkor F compatibili (sostanzialmente ogni obiettivo motorizzato, sia in formato DX sia in formato FX che magari già possedete). A me sembra una bellissima iniziativa che vi consente di capire nelle vostre condizioni di uso se la macchina e il suo corredino fanno per voi. Perchè, diciamo la verità, due scatti dentro al negozio non permettono mai di farsi veramente un'idea concreta. E sinceramente, anche solo per il gusto di uscire dal negozio con quella valigetta da James Bond, io un giro me lo farei ! A SCANDO DI EQUIVOCI PRECISIAMO ANCORA CHE OVVIAMENTE QUESTO KIT E' UN DEMO, NON E' IN VENDITA. Una volta riconsegnato il kit, la Z50 che vorrete acquistare, verrà comunque consegnata nella confezione normale. La valigetta che vedete nelle foto è esclusiva per il kit. Non è in vendita. Questa configurazione speciale da Experience, non è destinata alla vendita.
  7. Ho in casa il nuovo Experience Kit dedicato alla Nikon Z50 che mi ha mandato in anteprima Nital Spa, distributore nazionale dei prodotti Nikon e mi chiedo come valorizzarlo al massimo. Vorrei provare la Z50 senza pensieri e senza problemi. Neanche uno sguardo ai manuali. Scatterò solo in JPG in barba alla T-Shirt di quel pirloide di Jared Polin, usando a rotazione i picture control creativi della Z50. I suoi obiettivi in kit e ... ? Sarebbe troppo, troppo facile per me prendere il Nikon 105/1.4E che rende magico ogni scatto con la sua anima onirica. No, voglio un obiettivo che comprerei se avessi la Z50 (no, vi assicuro che non la comprerò, ho già Z6 e Z7 e per ora mi bastano in attesa del futuro). Ecco la scelta ideale, il Nikkor 85/1.8S che sulla Z50 inquadra il campo di un 135mm molto luminoso ma non ingombra esageratamente. lo spendido Experience Kit che potete richiedere al vostro negoziante di fiducia. La valigetta è pericolosamente simile a quella dell'inarrivabile Noct ! quindi al contenuto del valigione aggiungo il mio 85mm. Inserisco una Sandisk da 128 gigabyte e parto. Per dove ? Ma è la Milano Fashion Week e ancora il terrore del corona-vairus non si è diffuso abbastanza. La città è piena come un uovo di gente, di modelle e di ricche signore che vanno a fare shopping nel quadrilatero della moda (Montenapo, Via Spiga, Via Bagutta, Via S. Andrea). Sotto a questo megaposter, nel palazzo in profonda ristrutturazione, una volta io ci lavoravo ... oggi c'è Versace con un vestitino che non passerà inosservato andando verso il Duomo c'è Burberry a coprire i lavori in corso Stesso discorso a Piazza San Carlo, dove Dior copre una parete. Ci sono così tanti lavori in corso che quando saranno finiti non riconoscerò più la città in cui sono nato (e già adesso ....) Dior ! ma non finisce qui perchè in Corso di Porta Venezia c'è Irina che ammicca con la sua borsa Furla ma anche abbassando lo sguardo, una vetrina tutta dedicata alla bella di Lodi, Bianca Balti con il nuovo reggiseno Yamamay Nel quadrilatero della moda con la Nikon Z50 e i DX Nikkor 16-50 e 50-250 Vie note in tutto il mondo come le Curve dell'Autodromo di Monza noi italiani dovremmo essere orgogliosi di dove strusciamo i nostri piedi e invece spesso sono più i turisti che lo apprezzano. Siamo strani ... Vetrine che prendono vita e anima Kate Moss che promuove una tutina in pelle di Ermanno Scervino con una serie di sguardi difficili da evitare Qualcuno ha abbandonato la sua Ferrari 812 in doppia fila Ah, ecco, dove ho lasciato la mia Ferrari ? spezzo un pò passando da un bel "Matita" ad un Vivid o ad un Denim camminare per queste strade è come vivere dentro una copia di Vogue o di Vanity Fair Tutti i marchi sono rappresentati per queste strade. Anche quelli di cui non ti ricordavi più. E le occasioni per fotografare si sprecano. Basta avere occhio e la mia Z50 mi asseconda liberamente. Sono già centinaia gli scatti che ho fatto e la batteria è ancora tutta carica. Ovviamente meglio non guardare i prezzi Missoni non è il più caro ma almeno mette i prezzi, gli altri evitano ! Mi fermo all'angolo e sfrutto l'allungo del 50-250 in modo discreto Ma non posso trascurare questi che hanno infilato una Cisitalia in splendido stato dentro alla vetrina Finalmente, di ritorno, arrivo in Piazza del Liberty, dove hanno aperto il megastore di Apple con la sua fontana sempre attiva e la scalinatona Ci sono alcune modelle che posano per gruppi di fotografi. Un workshop ? Un servizio di moda ? I dunno ! Ma mi imbuco e mi metto a scattare anche io. Solo che prima ho montato il mio splendido e maneggevole Nikkor 85mm f/1.8 S che sulla Z50 diventa come un 135mm, selettivo ma ancora usabile. Gli altri due obiettivi si sono portati bene ma qui ci vuole altra classe. Non inarrivabile, l'85mm non costa una cifra ma è comunque di una classe superiore. Comincio Street fashion a la Peter Lindbergh La Nikon Z50 è capace di lavorare come una Nikon Z6 nelle mani di un fotografo capace passerella per la piazza una sequenza a raffica lenta di 25 scatti in automatico con riconoscimento di occhio e volto. Tutte a fuoco spaccato. Ad un certo punto un fotografo mi si è messo in mezzo ma la mia Z50 ha mantenuto l'attenzione sull'occhio della modella e l'ha ripresa subito permettendomi altri 10 scatti nitidi. Il 25° scatto : E un dettaglio al 100% della stessa foto : Non ci sono subbi, la Z50 vale la sorellona Z6 in questo campo e la può rimpiazzare perfettamente ! Quindi se non riuscite a fare foto così, non date la colpa alla macchina ! Conclusioni La Nikon Z50 è una fotocamera con cui ogni nikonista si ritrova perfettamente a casa in un attimo. Se - come me - si ha già esperienza con la Z6 o la Z7 - sarà di immediato utilizzo senza nemmeno dare un'occhiata al manuale. La macchina farà tutto ciò che le chiedete, offrendovi anche di più. E' una vera Nikon capace di adattarsi al fotografo che la usa. Un principiante si lascerà guidare dalla macchina, mentre l'esperto saprà sfruttarla anche nelle situazioni più intricate. Gli obiettivi del kit sono eccellenti e non pesano. L'insieme è sorprendentemente di elevato valore. Più di quanto ognuno potrebbe ammettere ... I jpg che produce la Z50 sono di qualità più che adeguata. Io posso anche evitare i NEF con la Z50, i suoi jpg sono più che sufficienti per un utilizzo anche professionale I suoi Picture Control producono immagini belle e pronte che non richiedono quasi nessun intervento in postproduzione. E se voglio, posso trasferirle via Snapbridge sul mio smartphone per condividerle con il mondo. Le foto sembrano di qualità professonale senza sforzo apparente. Posso sinceramente ammettere che, anche se io sono abituato a macchine professionali, questa Z50 ricorda più una D780 o una D7500 che le entry-level D3x00 e D5x00. Ecco, se solo Nikon cacciasse fuori presto un paio di pancake compatti, leggeri ed economici, la Z50 si venderebbe come il pane caldo appena sfornato ... il quartiere di Giorgio Armani si sposterà presto da Montenapoleone a Via S. Andrea. Lo sapevate ? Altro che telefonino ! Usa la Z50 !!! uno snapshot con la discrezione del 50-250 DX Saluti da Milano, una città che offre migliaia di spunti fotografici basta guardarsi in giro, non farsi troppe domande, non porsi troppi perchè. Usare la propria fotocamera in modo semplice ed immediato. Come permette di fare questa Nikon Z50. Grazie Nital Spa per il prestito del Experience Kit che, lo ammettiamo, ci dispiacerà un pò restituire.
  8. It's the fashion week in Milano It's the Fashion Week in Milan. And I received the Nikon Z50 Experience Kit on trial from Nital Spa, the official distributor of Nikon products in Italy. inside its beautiful case - dangerously similar to that of the unrivaled Nikon Z 58 / 0.95 Noct - there is everything you need to test the camera on the field. the wonderful Nikon Z50 Experience Kit, you can pick up it in your local shop in order to try the Z50 directly on the field the camera, two lenses, the FTZ adapter, battery, charger. Only the memory card is missing. I put inside a 128 GB Sandisk SD card. Ready? It would be very easy to mount a couple of high-end lenses and go around Milan to shoot ad models and wealthy ladies on shopping. Too easy. No, I want to go with the Z50 kit. I add the Nikkor Z 85mm f/1.8 S because it could be one of the lenses that I would buy if I had a Z50 (I already have Z6 and Z7 so I think I'm already ok for now). And I want to shoot mostly in jpg and black and white with some of the new Picture Controls inserted by Nikon in the Z50. To make photos as ready as possible to use, share via Snapbridge or print if I really like someone. The city is full of people. And on the walls of many buildings in the center under renovation, there are megaposters of the most important brands in the fashion world Gianni Versace on the wall Burberry ! Dior ! Furla with the beautiful Irina Shayk, 2020 testimonial In the Milano fashion district with the Nikon Z50, the Nikkor DX 16-50mm and the Nikkor DX 50-250mm There is not only via Montenapoleone, Via della Spiga is equally rich the shop windows come alive someone leaves his Ferrari on a parking ban and goes shopping Where did I leave my Ferrari ? walking these streets is like being inside Vogue or Vanity Fair magazines taking a stroll through these streets is like leafing through the latest issue of Vogue or Vanity Fair. All of them are there, even the brands you forgot. Of course there is no need to look at the prices of the clothes in the window, for me even the cheapest are far beyond my budget don't pay attention to the prices ! jacket : € 2,220 , shirt : € 450, gilet : € 700, trousers : € 770, shoes : € 480 Finally I arrive in Piazza del Liberty, where is the new Apple megastore and I find a bunch of models posing for a group of photographers. I sneak in too and make some shots The two lenses of the Z50 did their homework in the other photos. They are clear, correct, well balanced. But here I think it takes more. I mount my Nikkor 85 f / 1.8 S which is perfectly compatible with the Z50 and I start! Street fashion a la Peter Lindbergh The Nikon Z50 is capable of working like a Nikon Z6 if it's in the hands of a skilled photographer catwalk on the square a sequence of 25 picture with auto AF and face/eye-AF. All are in focus on the face or eyes. Even though a photographer passed me at some point, the Z50 kept the focus on the model. The 25th shot : No doubt about it, the Z50 is worth the big sister Z6 in this field and could replace it perfectly! Conclusions The Z50 is a camera with which every Nikonist is immediately at home. If - like me - you already have experience with Z6 or Z7 - it will be very easy to use it even without looking at the manual. The Z50 will do everything you ask for and offer you even more. It is a real Nikon that knows how to adapt to the photographer who uses it. The beginner will let himself be guided, the expert will instead use it even for the most busy situations. The lenses of the kit are excellent and do not weigh. The whole is unexpectedly of high value. The jpg that produces the camera already more than adequate. I must not shoot raw with the Nikon Z50, jpgs are good enough ! The Nikon Z50's Picture Controls produce beautiful images that require little or no intervention in postproduction. If I want, I can transfer the images to my smartphone via Snapbridge and share them with the world Pictures will look professional effortlessly. I say it sincerely, even if I'm used to using only professional cameras, the Z50 looks much more like the D780 or D7500 than the various entry-level D3X00 and D5X00 So, if only Nikon would soon put on sale a couple of pancakes, compact, light and cheap, they would sell the Z50 like hot cakes ... the new Giorgio Armani boutique : from Montenapoleone to S. Andrea The Apple Showroom try a Nikon Z50, your smartphone is not good enough ! (Z50 with Nikon 85/1.8 S) a snapshot with the Nikkor DX 50-250mm, a super-shap little gun Greetings from Milano !
  9. Segnalo agli interessati questo tour di presentazioni Nital nelle quali,oltre alla neoarrivata Z50 sarà possibile provare anche il resto della gamma corpi e lenti Z. Qui, è possibile registrarsi per ricevere i dettagli delle singole giornate quando saranno disponibili: nital
×
×
  • Create New...