Jump to content

Lasciate un commento

Commenti e feedback sono fondamentali per indirizzare la redazione nella stesura degli articoli.
Lasciare un commento significa lasciare un segno del vostro passaggio, è un gesto nei confronti dell'autore, un segnale utile per gli articoli successivi.
Noi decidiamo le linee editoriali di Nikonland anche in base ai vostri commenti e feedback.
Non fate mancare il vostro apporto !

M&M M&M

 

M&M M&M
  • M&M
    M&M

    Nikon Z5 oppure Nikon Z6 : questo è il dilemma (guida all'acquisto di Nikonland)

    Z7X_3967.thumb.jpg.1840f3854a1baf656dc04f9cdf41f5be.jpg

    Torretta a sinistra, oppure torretta a destra ?

    Rimando all'anteprima della Nikon Z5, pubblicata qui :

     

     

    per altri confronti visivi tra le due.

    Ma in definitiva le differenze reali dal punto di vista ergonomico si riducono a pochissimo, a prima vista solo alla posizione della torretta di selezione delle modalità che passa a sinistra a destra, "sopprimendo" il display LCD presente nella Z6.

    Altre differenze essenziali non ce ne sono.

    Si, il display posteriore ha una risoluzione inferiore ma nella sostanza lo noterete solo utilizzando le due macchine contemporaneamente e solo se avete occhi ben allenati.
    Il mirino è lo stesso, il processore è lo stesso, l'autofocus è assolutamente identico.

    Cambia il sensore. La Z5 ha una risoluzione infinitesimalmente inferiore (questione di pochi pixel per lato) e il suo non é BSI.
    Sostanzialmente è allineato a quello della D750, buttalo via.

    Avendo in mano soltanto un sample - la Z5 verrà distribuita in versione definitiva solo da fine agosto - non sono stato a fare confronti serrati e stringenti ma così a prima vista, nell'uso di tutti i giorni, mi pare che renda come quello della D750, cioé benissimo fino a 6400 ISO.
    Oltre il file si assottiglia un pò ma resta usabile.
    Insomma, credo che all'atto pratico la Z6 potrà avvantaggiarsi in termini di dinamica solo oltre quelle sensibilità. Se pensate che la vostra fotografia si estrinsechi tutta a quelle latitudini, potete orientarvi per il meglio. Oppure comprarvi una D6 ;)

    Probabilmente un'altra delle qualità del sensore nuovo della Z6 è nella velocità di lettura, specie lato video. In fotografia non ho notato differenze sostanziali, pur al netto del supporto software ancora provvisorio.

    Il video. Nel video la Z6 mostra le sue superiori potenzialità, avendo un formato 4K30p senza crop e molto fluido. E potendo uscire - previa modifica hardware - anche in formato ProRes Raw su recorder esterno Atomos Ninja V.
    Una potenzialità importante ma solo per una ristretta categoria di video-operatori.
    Il 2K60p della Z5 è valido a condizione che lo si sappia girare e che si faccia come si deve. Assunto valido per ogni altra videocamera del mondo.
    Ma l'autofocus in video della Z5 è sul piano di quello della Z6 a prescindere dal sensore.

    La batteria. La Nikon Z5 introduce per la prima volta quella che io penso diventerà lo standard delle batterie Nikon per ogni categoria di macchina "avanzata" con esclusione della D6.
    La Nikon EN-EL15c è del tutto compatibile per fattore di forma, contatti e tensione, con le precedenti fotocamere.
    Porta però in dote una maggiore potenza di scarica e una capacità superiore (2280 mAh contro 1900 mAh della EN-EL15b).
    Inoltre si può ricaricare via connessione USB-C mentre la fotocamera è attiva.

    Una sostanziale novità che oltre ad aumentare l'autonomia della macchina, ne migliora la flessibilità. Specialmente in lunghe sessioni sia di time-lapse che di video. Oltre, ovviamente, per chi scatta molto come alcuni di noi ...
    La cosa veramente bella della EN-EL15c è di essere compatibile con tutte le altre macchine. Quindi nessuno ci vieterà di comprarne per le nostre Z6, Z7, D850, D7500, D780 etc.

     

    Il buffer. Il buffer è adeguato per una fotocamera di questa categoria. Salvo che non siate scatto_a_raffica_come_me, non avrete mai da pentirvene.
    Con un uso "normale", si arriva ai 60-75 scatti consecutivi utilizzando una scheda di memoria decente.

    La raffica. La Nikon Z5 ha una raffica plafonata a 4.5 scatti al secondo. Un valore anacronistico nel 2020, specie perchè le prestazioni del sensore dimostrano che è possibile andare oltre su altre macchine e che il processore può elaborare anche 12 scatti al secondo sulla Z6.
    Ma è così, la concorrenza non fa di meglio se volete consolarvi. Io lo trovo abbastanza detestabile e sarebbe l'unico punto - insieme al prossimo - che mi impedirebbe di "adottarla".

    Z7X_4017.thumb.JPG.944f36ae4f65777a62d67b6a84d05d43.JPG

    Le memorie. La Nikon Z5 introduce per la prima volta nella serie Z il doppio slot di memoria.
    Lo fa tornando alle schede SD, due entrambe di tipo UHS-II.
    Cosa che la rende più appetibile per chi non abbia già un patrimonio di schede XQD/CFexpress e relativi lettori.
    Nell'uso pratico - vi rimando al test specifico che ho riportato più sopra - non ho trovato inconvenienti rispetto alla Z6.

    Con l'accortezza - vi prego - di utilizzare schede SD moderne e di buone prestazioni, senza strafare ma senza utilizzare roba 60x di 10 anni fa.
    Come dire che la Z5 ha un equilibrio di prestazioni che non richiede, come del resto anche l'ottima Z50 che ha un sensore di densità paragonabile, schede di categoria esoterica.

    Io detesto le SD sul piano meccanico e preferisco di gran lunga le Compact Flash. Ma questo, come tutti i lussi, ha un costo.
    E devo anche ammettere che sinora solo sulla D6 - e solo marginalmente - ho potuto riscontrare un vantaggio effettivo nell'uso di memorie CFexpress.
    Mentre la reattività è più elevata, per usi normali, non c'è da lamentarsi.

    Z7X_3970.thumb.jpg.6c7ebd9c7940060fb50ab6b88f15b1f9.jpg

    Nikon Z6 a sinistra, Nikon Z5 a destra. Tranne la posizione della torretta, non ci sono altre differenze. Nemmeno tattili, ve lo giuro.
    La Z50 ha plastiche leggermente più commerciali di queste macchine ma Z5 e Z6 condividono praticamente tutto e tanto il feeling quanto l'ergonomia sono identici.

    Entrambe le macchine cascano bene in mano ma per entrambe il mignolo resta per aria.
    Diventa quindi praticamente necessario per chiunque ne faccia un uso intensivo, aggiungere almeno una staffa Small-Rig che ne aumenti l'altezza di un dito e ne migliori la presa.

    Spero vivamente che la prossima generazione tenga conto di questo dato di fatto.

    Quindi quale scegliere ?

    Due sorelle, una bionda con gli occhi azzurri, l'altra bruna con gli occhi verdi.

    Z5A_3665.thumb.jpg.1f028ee6793ff30f9ea4d2457fed2f4b.jpg

    Nikon Z5 con Nikkor Z 70-200/2.8 S ad f/2.8

    Z6H_6664.thumb.jpg.2fee10be241773d720ffaeee88285b56.jpg

    Nikon Z6 con Nikkor Z 70-200/2.8 S ad f/2.8

    Cambia la fotocamera, costante il contesto. Ugualmente apprezzabile il risultato. Se sapete servirvi della vostra attrezzatura ....

    Quindi sta a voi, le differenze son queste qua :

    1. il kit della Nikon Z5 in fase di avvio costa 700 euro meno del prezzo di listino della Z6
    2. la Nikon Z6 è sul mercato da quasi due anni e si avvicina ad un ... avvicendamento. E' facile trovarla scontata, probabilmente in autunno ancora di più
    3. ma in questa fase di mercato molto competitivo, credo che facilmente anche la Z5 avrà qualche sconticino per facilitarne le vendite
    4. costruttivamente sono quasi identiche, per materiali, plastiche, comandi. La Z6 ha tutta l'armatura in lega, la Z5 solo il frontale.
    5. La Z5 porta due slot di memoria.
    6. la Z5 non vi costringerà a spendere quei 400 euro in più circa necessari per acquistare un kit CFexpress (memoria da 128 GB e relativo lettore).
      Una Z5 funziona con qualsiasi scheda SD sul mercato. Basta una 50 euro per vivere tranquilli. Volendo ne potrete prendere due, risparmiando un bel 300 euro sul prezzo finale
    7. la Nikon Z5 è offerta con un obiettivo da passeggio indicato per le foto in esterni e con il sole, perchè praticamente a tutte le focali è poco luminoso.
      La Nikon Z6 invece arriva con un ottimo, quasi "miracoloso", obiettivo con una escursione focale più lunga lato tele e di luminosità massima costante f/4.
      Una bella differenza, considerando che il 24-70/4 S da solo, costa, di listino, ben oltre 1000 euro.
    8. entrambe le macchine possono montare qualsiasi obiettivo Nikkor Z attuale e futuro. Oltre a poter montare via adattatore FTZ la gran parte degli obiettivi Nikon e compatibili con motorizzazione interna.
      Con adattatori differenti, possono montare praticamente qualsiasi obiettivo di qualsiasi marca ed epoca.
    9. la Z5 arriva con la nuova e più prestante batteria EN-EL15c. Ma questa è compatibile anche con la Z6 e quindi se volete potete cambiarla !
    10. entrambe le macchine possono montare battery-pack aggiuntivi e staffe ad L o basette pensate per le Nikon Z5, Z6 e Z7 che sono ai fini meccanici del tutto identiche (nel senso del montaggio).

    E in base all'utilizzo :

    1. la raffica della Z6 è imbattibile potendo arrivare fino a 12 scatti al secondo. In compenso la Z5 che si ferma molto prima, non ha quel brutto "effetto moviola" della Z6 sparata al massimo
    2. il video della Z6 è assolutamente più raffinato di quello della Z5. Ma se vi fermate - come me - al 2K, la Z5 non ha nulla da invidiare alla Z6 o quasi, mentre da la paga ad ogni reflex.

    La Z5 è una bellissima fotocamera e se io confesso che preferisco per tanti motivi la Z6, per tantissimi impieghi - tolta l'azione più impegnativa - supera la gran parte delle reflex attualmente sul mercato, escludendo forse solo D6, D850 e D500 cui però, come ho già sottolineato, da la paga nel video.
    E nella ripresa perchè una volta che si prova ad avere a mirino la foto così come verrà dopo lo scatto, è difficile tornare indietro.

    A chi pensasse alla Z6 per i tanti motivi già ampiamente descritti nell'articolo, ricordo che ragionevolmente certo che in autunno la Z6 sarà avvicendata da un modello aggiornato.
    Non rivoluzionato ma in larga parte rivisto nelle limitazioni e nei difetti riscontrati nel primo modello (doppio slot di memoria, batteria potenziata ed altro che per ora possiamo solo ipotizzare) che potrebbero farne una fotocamera abbastanza diversa.

    Se una cosa ci ha lasciati stupiti dal lancio della Z5 è la sua più che marginale sovrapponibilità con la Z6.
    Pensiamo che questo faccia parte della strategia di lancio della Z6s che si differenzierà dalla Z5 abbastanza da rendere più chiara la scelta per le due macchine.

    Per il momento : occhi verdi o occhi azzurri ?
    Perchè in mano vi dimenticherete di quale delle due state utilizzando !

     

    Edited by M&M

    • Like 6


    User Feedback

    Recommended Comments

    Cita

    "Pensiamo che questo faccia parte della strategia di lancio della Z6s che si differenzierà dalla Z5 abbastanza da rendere più chiara la scelta per le due macchine."

    E si, contiamo molto sulla differenziazione che le versioni S apporteranno al parco macchine Z.

    A questo punto ci interroghiamo particolarmente sulla 7s, dato che il panorama 5/6/6s e ci mettiamo dentro anche la 50 col fw attuale, a fine anno avrà dato completezza assoluta a questo segmento.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Siamo O/T ma una evoluzione della Z7 - oltre ad un auspicabile miglioramento dell'autofocus che io trovo deficitario rispetto a quello più reattivo di Z6 e Z5 - potrebbe essere un perfezionamento dello stabilizzatore del sensore che consenta il pixel-shift multiscatto con incrementi di risoluzione e/o miglioramento della qualità in rumore e artefatti.

    Caratteristiche già note in talune Sony, Pentax, Olympus, Panasonic, Hasselblad. Non tecnologia aliena, insomma.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Preferirei comunque la Z6, per via dell'armatura, della raffica e del display superiore che io uso molto. Spero di avere disponibilità di euri al più presto perchè, come sottolinei, in autunno sarà parecchio appetibile 9_9

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

×
×
  • Create New...