Jump to content
  • Max Aquila
    Max Aquila

    Nikkor Z 17-28/2.8: da wide a wide

    2078021257_88817-28.jpg.f0aaa1189887fd154d919354fda96b69.jpg

    Il terzo degli zoom Nikkor Z da wide a wide esce al di fuori della roadmap, come anche il 28-75/2.8 presentato undici mesi fa, provenienti entrambi (per progettazione) da Tamron e vestiti Nikon in termini di baionetta e commercializzazione.

    Subito ribattezzati "Nikron", questi obiettivi vorrebbero consentire all'utente in cerca di uno zoom leggero ma luminoso di evitare la spesa doppia o tripla per l'acquisto un Nikon Z della stessa luminosità (ed escursione maggiore) come sono per esempio il 14-24/S ed il 24/70S, pur entrando in possesso di un progetto ottico già presente sul mercato, reso ancor più affidabile dalla gestione postvendita di Nikon.

    uno schema ottico 13/11 non privo di elementi specialiimages.png.8c3e0f33fa0e8eafbb38d6844d45815f.png.d2c867a45cc99ffac25df291b210719c.pngvr escluso però (come nel 28-75),

    cosa che lo vede privilegiato sui corpi che ne siano muniti, per quanto fossimo abituati già nel secolo scorso a farne a meno su angoli di campo pari alle focali in giuoco.

    Ma il concetto di messa a fuoco di precisione è ormai cambiato, basta dare un'occhiata agli archivi fotografici dei nostri scatti di vent'anni fa (o anche meno) e ci accorgeremmo di come fosse solida allora l'accettazione per una immagine che oggi finirebbe nel cestino, in quanto fuori fuoco.

    Merito sicuramente della qualità inarrivabile dei sensori moderni ed anche dell'incisione dei progetti ottici più recenti, anche se economici.

    La commercializzazione di questo zoom in Italia lo vede in questo primo periodo in vendita a euro 1370 circa, prezzo che lo mette in diretta competizione col cugino Z 14-30/4, meno luminoso ma...evidentemente più esteso di focale sul lato wide (tra 14mm e 17mm passano tutte le unità intermedie...non a caso, tutte presenti nella letteratura Nikkor)

    Noi della Redazione di Nikonland pensiamo che sia al momento l'ostacolo maggiore al successo di questo zoom ed auspichiamo che nel breve volgere di qualche mese vada a raggiungere l'altro Nikron, già sceso sotto quota 1000, in forza di campagne di sconto.

    Del resto la versione ultima del Tamron equivalente sta sul mercato a soli 870 euro e mancherebbe solo che gli facessero la baionetta Z come già accaduto per il 70-300/4.5-5.6 che sta sulla stessa, abbordabile, fascia di prezzo.

    Esaurita questa (insolita sui miei articoli) parentesi dedicata al prezzo, andiamo a valutarne la rispondenza alle esigenze di utilizzo, quelle cioè di un obiettivo in FF utile a riprendere contesti animati o meno in un range di angolo di campo tra i 104° ed i 74° della focale più "stretta" cioè quei 28mm che risultano essere da sempre la focale più gradita per i fotografi di architetture di ambiente e di edifici, per la sua caratteristica di essere meno immune alle distorsioni prospettiche rispetto a grandangoli più accentuati, ferma restando la suggestione esercitata nel far coincidere piani vicini e piani lontani, possibile solo con una focale da più di 100° di angolo di campo...


    628785415_032-_Z5H372117mm1-1250secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.6aeb1a383cc16651fe3f30cddddc9bd2.JPG
    (qui siamo a Gibellina Vecchia, nella Valle del Belìce, al  Grande Cretto di Burri, realizzato nel 1984-89 con una colata a ricoprire le rovine del paese distrutto dal terremoto del 1968, seguendone idealmente le pendenze e l'andamento delle vie principali)

     

    Nella pratica di ripresa, la capacità di utilizzare uno zoom grandangolare, con una escursione anche solo da 1,65X come quella di questo Nikron, consente a seconda del soggetto (specie se vasto) di riuscire a ingenerare uguale interesse e intellegibilità, qualsiasi sia la focale utilizzata:

    1043821597_034-_Z5H373317mm1-1250secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.480b709d2c52c7253740357d8d3a2b4e.JPG
    17mm

    1036777817_035-_Z5H373628mm1-1250secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.3b18a78f56be232c5450d8643384563a.JPG
    28mm

     

    502085253_037-_Z5H375320mm1-640secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.492aa72d0a43942276a483ae9b737e36.JPG
    20mm

    1447176319_038-_Z5H375817mm1-640secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.5b76046aeafc5fd3700d8fe057a4322b.JPG
    17mm

     

     

    269287184_039-_Z5H376717mm1-640secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.1bc2e3a3ca6dcc18a7eb094ec8c6684f.JPG
    17mm

    1947964230_040-_Z5H377321.5mm1-1000secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.d2f9c6a5e8ce2932ed3398b9d020a4bc.JPG
    22mm

     

    Basta utilizzare fotocamera ed obiettivo in modo tale da valorizzare spazi e dimensioni: in questo senso questo obiettivo consente una molteplicità di chiavi di lettura, ognuna di esse liberamente e soggettivamente possibile .

    Il range delle focali, infatti, è solo apparentemente ridotto...e le principali sono quelle più utilizzate in ogni corredo fotografico

    2106066735_013-_Z5H310828mm1-2500secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.cc298c85bc2a71816a28b7fd7097322d.JPG
    28mm

    1458590434_014-_Z5H310923.5mm1-2500secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.1f881e743a2a71d604a6324d7f185ea0.JPG
    24mm

    1475248139_015-_Z5H311019.5mm1-2500secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.d6c502ab2470422303a5c859eee1b5ef.JPG
    20mm

    1072731369_016-_Z5H311117mm1-2500secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.9ac65457037960a0a7dfcfeccb7af37d.JPG
    17mm

    come si vede una resa brillante e moderna caratterizza questo 17-28 che può essere utilizzato senza preoccupazioni a tutta apertura (sotto) rispetto le precedenti immagini scattate a f/4

    481163683_018-_Z5H311617mm1-3200secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.fa3f44fc0d4cd034645f57d5c970c02a.JPG
    (Palermo, la Cubula, padiglione arabo originariamente inserito nel parco del Genoardo, 1185 circa)

    1081998831_001-_Z5H302921mm1-1250secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.582fdb491814c57763f7b67427766ca7.JPG

    uno zoom compatto ma luminoso utilissimo per esempio nella fotografia itinerante: dove ingombra e pesa poco

    1715885303_012-_Z5H309417mm1-1250secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.0c1213fc517b0112d1740d1964a1d204.JPG
    (Palermo, la Cuba: sollatium regis degli Emiri, luogo di divertimento, pesca e bagni arabo normanno, 1180 circa)

    1108464214_004-_Z5H303917mm1-1600secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.62007d67d2ced3081961ba61ee663f2e.JPG
    efficace usato tanto in orizzontale quanto in verticale, per l'efficacia descrittiva delle sue focali più corte ed ampie di campo inquadrato

    2044387771_003-_Z5H303617mm1-1600secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.110a9d720399df3e05fcf0381b92c0cc.JPG

    1352235794_010-_Z5H306828mm1-125secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.75b5853e9ece71050957fe0684b0f5d1.JPG

    1090740926_008-_Z5H305021mm1-2500secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.05dd942acb1c7f8711968afae3dc7b78.JPG

    225327016_006-_Z5H304417mm1-160secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.09510c2bcda06e5d0a5d1b226e309d73.JPG

    1430142034_009-_Z5H305720mm1-5000secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.814920745039c9d445daf8c144757718.JPG

    Obiettivo dunque facile e serenamente consigliabile a tutti coloro che abbiano necessità di operare spesso a tutta apertura, sfruttandone la luminosità anche in condizioni limite

    1431506497_045-_Z5H379317mm1-1600secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.a3d4c70357d3a0a244c044d4582f6ca5.JPG
    mi viene in mente il paragone con il citato 14-30/4 col quale per ora condividono la fascia di prezzo: ma mentre il Nikron apre fino a f/2.8

    635479283_046-_Z5H379416.5mm1-1600secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.2ded94795ba4b38df6e5abac7fb66033.JPG
    il 14-30 deve accontentarsi di f/4 ed una pdc un pelo meno selettiva

     

    731325758_043-_Z5H378817mm1-500secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.f522e3decc7db284f9aa61635ff5e95a.JPG17mm
    ma nel confronto si rifà ampiamente sul lato wide...riuscendo a sfoderare a parità di distanza, una bella differenza... anche in termini prospettici sullo sfondo
    683628262_044-_Z5H379114mm1-500secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.5b7115838dd624d77b54a95d2038fe42.JPG14mm


    Dotato di personalità mutevole, diaframmando...

    354252384_053-_Z5H389517.5mm1-800secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.c5ec5fecb4cf874b4ff0a27215256ed2.JPG
    f/8
    1910053724_052-_Z5H388717mm1-50secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.c7fba319a7533f40de0b49c010c7e745.JPG

    1412695920_054-_Z5H390517mm1-2500secaf-35MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.fce3c343b98121c4353ec9ef587ad3ba.JPG f/3.5

    1408584431_055-_Z5H390821mm1-2500secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.04e98b9cf57941b9f2e549bb9a9bb06e.JPG f/4

    213358174_049-_Z5H381721mm1-200secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.d011551273c5e9ddedb79d49c0010f22.JPG f/8

    1278125007_057-_Z5H392220mm1-800secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.5f838538122662b058b7690e2823ae6f.JPG f/2.8

    27542330_059-_Z9X737220.5mm1-100secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.daaac6cab54a81af40577fa6d4c91821.JPG f/11

    piacevole anche a tutta apertura purchè lo sfondo sia compatto con il soggetto a fuoco959185482_073-_Z9X158620.5mm1-4000secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.ed62c3da74594a20b2bbf0ee611636b6.JPG

    un pò meno quando lo sfuocato diventi predominante rispetto il soggetto a fuoco e appare, a mio giudizio, piuttosto nervoso ed incoerente898034775_074-_Z9X159028mm1-3200secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.0123d47dcf1854ec75027d43c8879d00.JPG

    1513406099_075-_Z9X159428mm1-2000secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.29d6c48677fe03ad7d75acf0b856f335.JPG
     

    Ancora....in confronto al 14-30/4 a parità di focale:

    1477751736_060-_Z5H402918mm1-800secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.c7106a19cb42c247db065285d1e451fc.JPG
    17-28 a 18mm f/2.8

    1333782217_062-_Z5H403318mm1-640secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.910b07d02004fbc8702fe7e5bcecd77b.JPG
    14-30 a 18mm f/4

    certo...è un dispetto poi scattare col 14-30 a 14mm....:marameo:

    1457231359_061-_Z5H403114mm1-80secaf-11MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.d4b01b29b79ace97b8be4d9ca4321fc6.JPG
    (Palermo, Giardino Inglese, G.F.Basile architetto e V. Tinneo botanico, 1851)

    587404832_063-_Z5H409920mm1-1250secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.89cef838bb684c8e40ea58aef0b04dec.JPG 17-28 a 20mm f/4

    14-30 a 20mm f/4 373586707_064-_Z5H410420.5mm1-1250secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.1985c8b9ac19c00d920ff29bdd2253bf.JPG

     

    (nelle ombre aperte noto una tendenza a riscaldare del Nikron, mentre all'opposto per il 14-30 nelle ombre chiuse)

    1079166459_066-_Z5H411024mm1-100secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.98faec3c1fc139507f0184228e5c6e1c.JPG 17-28 a 24mm f/4

    14-30 a 24mm f/4 993492301_065-_Z5H410624mm1-1250secaf-40MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.bb4440d9743b6ef0d27cddb360c2d28d.JPG

    1625843836_067-_Z5H411317mm1-100secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.6f80616bb426fc6f0db2d6ca8c1d355b.JPG

    in ogni condizione un'obiettivo, questo 17-28mm che riesce ad adattarsi anche a condizioni di luminosità pessime, da rivedere in postproduzione, cui si adatta perfettamente, possedendo già la sua profilazione sui sw come Lightroom

    1525535919_079-_Z9X166318.5mm1-2000secaf-56MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.91695b55884b08c01bd559f639424435.JPG

    149813612_080-_Z9X167017mm1-2000secaf-56MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.5181b15654ea81b9d99c75df33582f07.JPG
    (Palermo, Stand Florio, palazzina dell'ex tiro a volo, Ernesto Basile, 1905)

    780288864_082-_Z9X168017mm1-2000secaf-56MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.92643e260658c8c295954e9d6e6b1904.JPG

     

    facile da gestire anche per stitching pienamente a mano libera, come questo da 8 ftg a 24mm f/8)
    1760220110_087-_Z9X1721-Pano23.5mm1-2000secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.074680b56daa2dc0000f6097cd7f648d.JPG
    (Palermo, Ponte dell'Ammiraglio, G. d'Antiochia 1131 per Ruggero II, attraversato dai Mille al seguito di Garibaldi per l'ingresso in città il 27/5/1860)

    390558991_089-_Z9X174317mm1-60secaf-22MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.4e7e456a5f47eebe4df892a43bab9f7f.JPG

     

    obiettivo che può diventare addirittura suggestivo già solo indovinando la giusta atmosfera

    022   -_Z5H3529  17 mm  1-2500 sec a f - 2,8  Max Aquila photo (C)_.JPG
    (Palermo, Monte Pellegrino, da Santa Rosalia)1273247613_026-_Z5H354917mm1-1250secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.aed8920472371088445bfeeee472215a.JPG

     

    dotato di una buona serie di lunghezze focali delle quali, come al solito con i widezoom, ho utilizzato prevalentemente la più corta (motivo per cui solitamente prediligo i wide fissi)

    volete scommetterci...?
     

    149369058_096-_Z9X181317mm1-500secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.cbdf2a3cb4457ee61bbba9d12b9dcc2e.JPG
    (Genio di Palermo, I. Marabitti, 1778, Villa Giulia)                                                                                                                              17mm
    1500967939_097-_Z9X181917mm1-3200secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.e8fe347ab02592884fe9a0c75cfeab5f.JPG

    ancora 17mm
    84179463_098-_Z9X182717mm1-320secaf-16MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.1a13471ab0bdc92d281a3ee6ec8806f5.JPG (un pò troppa aberrazione cromatica)

    anche qui 17mm
    592949816_100-_Z9X183917mm1-80secaf-80MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.89a97e24da564d97cdf14b379ec06a4d.JPG
    e...ci credereste...?   17 mm :marameo:
    1419301275_101-_Z9X184417mm1-400secaf-28MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.fa1c40b316040da31a057c06579c95c2.JPG

    a dimostrazione del fatto che in fotografia anche prima di mente/occhio/cuore, sono i piedi che aiutano tantissimo... :bravo:

    In somma di tutto:

     

    a Nikon Europa: abbassatelo di prezzo !

    ai nikonisti: e accattativillo !

     

     

    Max Aquila photo (C) per Nikonland 2022
    1923525481_078-_Z9X163517mm1-1000secaf-56MaxAquilaphoto(C)_.thumb.JPG.b9d9168fceba7febb4decd3c9a644d85.JPG

    User Feedback

    Recommended Comments

    • Nikonlander Veterano

    Conosco bene i Tamron e questo Nikron ne porta tutti i pregi ad iniziare dagli ottimi contrasti. E' un'ottima lente e, a vedere lo schema, anche con una progettazione impegnativa, ma con un prezzo troppo elevato che lo pone in concorrenza con il 14-30 che, personalmente, continuo a preferire e non solo per la più ampia disponibilità di focali.
    Rivedendo il prezzo entro pochi mesi invece potrebbe diventare un'ottima scelta.

    Ottimo articolo e bellissime immagini (il Grande Cretto di Burri è invitante con un grandangolo sulla baionetta):)

    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    Alla fine di tutte le elucubrazioni e le affermazioni datate un mese e mezzo fa, sono perfettamente sicuro che:

    • questo 17-28/2,8 farà classe a sè con il "compagno" 28-75/2,8 a costituire una nuova Serie E Nikon per i corpi macchina FX (quindi dotati di VR) caratterizzati da compattezza e luminosità (Z5, 6 e 7 prima serie)
    • chi possegga già o abbia in mente di comprare un widezoom Z continuerà (a parità di costo) a preferirgli il 14-30/4 che difetta rispetto a questo solo per quel diaframma in più, ma a mio parere è più corretto in termini di distorsione e di aberrazione cromatica sulle focali comuni
    • che chi desideri obiettivi di più ampio respiro in baionetta Z, abbia oggi a disposizione fissi e zoom di livello superiore e però dal costo inevitabilmente più alto

    Sembrerebbe un ragionamento lapalissiano, ma è l'approccio che ritengo debba seguire qualunque acquirente di un sistema Z chiuso (senza FTZ e reminiscenze oniriche).

    Con ogni obiettivo Z si possono raggiungere risultati compositivi ed espressivi di livello elevato: bisogna solamente saper scegliere tra le opportunità proposte, quelle più adatte al proprio modo di intendere la fotografia

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    .... e aspetta che arrivi anche Sigma con i suoi DN a complicare le giocate !

    sigma-16-28mm-f-2-8-dg-dn-contemporary-sony-e-mount_1077031_857776.jpg.e520322cbd2a8ae1805a553f02612d94.jpg37.1670571856362.png.0846c589728e55e59434773a6026b22d.png

    questo Sigma 16-28/2.8 DN Contemporary - venduto con garanzia Mtrading a 938 euro, per il momento solo con attacco Sony ma nel 2023 io credo anche con attacco Z - sembra proprio concepito per far fronte più a questo Tamron che ai Nikon citati.

    Mentre continua a mancare dal catalogo - molto colpevolmente - un Nikkor Z 16-35/2.8 S da 2.750 euro che ponga la parola fine alle emulazioni.

    Detto questo, TU dimostri nel tuo articolo che non potevi tirarne fuori di più, dal "nostro" 17-28/2.8 che, sono d'accordo, va considerato solo membro della imminente triade di derivazione Tamron insieme al 70-180/2.8, piccolo, compatto economico, senza stabilizzatore, che a sua volta, come questo, è impossibile riesca ad impensierire il Nikkor Z 70-200/2.8 S, salvo per esemplari guasti ... :xxx:

    • Like 1
    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites



    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...