Jump to content

Lasciate un commento

Commenti e feedback sono fondamentali per indirizzare la redazione nella stesura degli articoli.
Lasciare un commento significa lasciare un segno del vostro passaggio, è un gesto nei confronti dell'autore, un segnale utile per gli articoli successivi.
Noi decidiamo le linee editoriali di Nikonland anche in base ai vostri commenti e feedback.
Non fate mancare il vostro apporto !

M&M M&M
  • Max Aquila
    Max Aquila

    Nikkor-S.C 55mm f/1,2 : luce e bokeh

    845287174_00111122020-2020-12-1100-54-09(CSmoothing8)MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.b920c2aa4bda0679d0e7bd473ca5f913.JPG

    Quanti di coloro acquistarono la loro Nikon F con l'apoteosi del Photomic, ossia il modello FTN del 1968 sicuramente bramavano anche di impossessarsi dell'unico Nikkor che consentisse di sfruttare la sua massima apertura f/1,2 che campeggiava all'estremità della finestra di accoppiamento meccanico.

    Questo obiettivo era ed è ancora oggi il primo standard superluminoso per Nikon, il Nikkor-S 55/1,2 del 1965 nella sua prima serie,

    dallo schema di 7 lenti in 5 gruppi 1300833547_Resizeofimg1.jpg.94d99f3826d4bbc04802457af0260872.jpg

    Uno schema di tipo a doppio Gauss, realizzato dal celebre ingegnere giapponese Yoshiyuki Shimuzu, cui si debbono alcuni dei migliori schemi ottici Nikon degli obiettivi standard, sui quali era specializzato, dagli f/2 agli f/1,4, fino a giungere, rincorrendo i progettisti dell'omologo Canon del 1962, a questo Nikkor-S disegnato nell'estate del 1964 (la mia prima estate...) e poi commercializzato dal Dicembre 1965.

    Il modello del 1972 in mio possesso si arricchisce di un nuovo antiriflesso ai nitrati, che gli conferiscono una caratteristica luminosità ambrata

    1114535238_00110122020-2020-12-1100-05-26(BRadius12Smoothing8)MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.85a8729c6f7efe58a96e924e7df716ac.JPG
    ed è per questo che aggiunge una C alla sigla originaria.

    1164917451_00111122020-2020-12-1100-03-55(CSmoothing8)MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.e94010527b3a8368ef617d66e249f584.JPG

    Caratterizzato dalla grande lente anteriore che pur nondimeno continua a mantenere un diametro filtri da 52mm (un must per Nikon)

    1079064365_00111122020-_Z6L2122MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.09c806a598b6cd5d98990ba69663ba05.JPG
    e dotato di un poderoso elemento posteriore, inusuale sugli altri standard Nikkor, che lo caratterizza ulteriormente, arrivando addirittura a filo con la montatura.

    Le classiche scanalature della ghiera di messa a fuoco, tipiche dei Nikkor del periodo, non resistono alla successiva versione del 1976 ancora pre Ai, che riduce a 50cm la distanza minima di maf (qui ancora a 60cm) che esteticamente non è dissimile dall'ultima versione dell'anno successivo, quella con la nuova baionetta Ai.

    Di questo famoso Nikor esiste anche una versione nero matte, modificata per la NASA, utilizzata sull' Apollo (come in seguito venne soprannominato il Photomic FTN) ed anche in alcune missioni Skylab

    159_Apollo_Nikon_F_b.jpg.2966457666cfab2b47ab06d3c74e991a.jpg (photo courtesy Marco Cavina)

    Costruttivamente un obiettivo di questa luminosità, negli anni Sessanta, in assenza di lenti asferiche (oggi facilmente calcolabili, con gli attuali strumenti di calcolo) costituiva una sfida imponente.

    Il principale problema per un'obiettivo del genere è di certo l'aberrazione sferica e questo particolare schema ottico mira a correggere le aberrazioni di un gruppo di lenti con le controaberrazioni del gruppo successivo, più elevate, utilizzando una lente di curvatura maggiore.

    Questo sistema ingenera però elevate quantità di coma nelle zone prossimali dell'obiettivo, che il progetto in questione non è stato capace di correggere, specie nelle riprese ravvicinate: il bagliore del coma sagittale ingenera la piacevolezza dello sfuocato a tutta apertura, per il quale questo obiettivo è sempre stato un riferimento, riducendo la nitidezza ma aumentando la morbidezza dell'insieme, attorno al piano di messa a fuoco.

    L'ideale nella fotografia di ritratto...e non solamente, possibilmente anche nel close-up che tenderò a praticare con questo obiettivo, aiutandomi anche, eventualmente, con una lente addizionale per accorciare i 60cm della maf minima.

    I "difetti" progettuali di questo 55/1,2 fornirono il materiale conoscitivo per la realizzazione del suo successore, fornito di tutti gli elementi di correzione delle aberrazioni ottiche:

    ccs-1544-0-37413900-1382003204_thumb.jpg.5bc4c8d18ecaecb7ec66f5ff07e64eb8.jpg il mitico Noctilux 58/1,2 del 1977

    soltanto oggi surclassato dal Nikkor Z Noct del 2019Z7X_7880.thumb.jpg.be7cc920b3b803a5499a6ad6f5f2b7c4.thumb.jpg.4fed0f8ee8013747335afcbdab4bd9c1.jpg
    (photo courtesy Mauro Maratta - Nikonland.it)

     

    NIKKOR: una lunga tradizione di LUCE e BOKEH !

     

    Max Aquila photo (c) per Nikonland 2020

    • Like 3
    • Thanks 2


    User Feedback

    Recommended Comments

    Giusto per ribadire che qui non parliamo per sentito dire.
    Questo è il mio :

    Z62_0345.thumb.JPG.142fea351a1304f892c2364f5ec39960.JPG

    spettacolare 55mm f/1.2 del 1971. Che non vive su una Nikon F ma permanentemente montato su un adattatore F->Z in alluminio della stessa consistenza meccanica.

    In questo, e specialmente in questo, Nikonland is Different !

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Così metti un mucchio di curiosità, almeno a me. Ma credo di non essere il solo!

    In sostanza mi piacerebbe leggere un articolo sul perché una lente del genere ha, nel 2020, un senso fotografico applicato e quali sono le differenze, in risultato, che ottieni, magari corredate da esempi, tra questo e il 50 1.8S. E me viene in mente, intuitivamente, la differente PDC.... ma dalle tue parole capisco ci sia ben altro. Cioè una personalità! Ma non riesco a figurarmelo.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    1 ora fa, Massimo Vignoli ha scritto:

    Così metti un mucchio di curiosità, almeno a me. Ma credo di non essere il solo!

    In sostanza mi piacerebbe leggere un articolo sul perché una lente del genere ha, nel 2020, un senso fotografico applicato e quali sono le differenze, in risultato, che ottieni, magari corredate da esempi, tra questo e il 50 1.8S. E me viene in mente, intuitivamente, la differente PDC.... ma dalle tue parole capisco ci sia ben altro. Cioè una personalità! Ma non riesco a figurarmelo.

    Si che c'è...

    856545336_IMG_20201211_1539162.thumb.jpg.5f1610cbccc068483752f168465b1570.jpg

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Primi scatti sulla Z7ii  (via Snapbridge, nessuna correzione)

    2100618858_00115122020-_Z7H0081MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.2e7756f5ee8bf12696ef826e973b79e7.JPG

    981335597__Z7H00492.thumb.JPG.f3a1fce7bf1a8fb3b1e18ded28cae998.JPG

    817753989_00115122020-_Z7H0098MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.6dc2f2ca6c1acc123e06e497dc076462.JPG

    397863072_00115122020-_Z7H0095MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.8ef6224f147dc4fb66457562c2ea9a47.JPG

    140396688_00115122020-_Z7H0101MaxAquilaphoto(C).thumb.JPG.783a1a8818eea830f14701411969c25e.JPG

     

     

     

    quest'ultima con lente addizionale apocromatica Marumi

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    12 minuti fa, M&M ha scritto:

    Dovresti provare anche con i tubi (se ce li hai) :)

    Cerrrrto che li ho !!!

    Mica i vostri di pteroplastica: ho i tubi Nikon da mettere prima dell'adattatore per Z

    pk11a.jpg.192d7945672d580acbbb3f4b91f5b819.jpg:strip:extensionringe2.jpg.068f192cfe0de138231fabd8060808f7.jpg:strip:M2ring2.jpg.274ca013b14aa6644e471b3a7f3c985c.jpg:strip:extensionringst.jpg.0e4b309eaf0d4b192a5305aa26d10a08.jpg

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

×
×
  • Create New...