Jump to content
  • entries
    24
  • comments
    77
  • views
    1,553

[luoghi] il santuario sul mare: Itsukushima Jinja


Alberto73

571 views

DSC02201bs.thumb.jpg.7242f8903ea5a771f05786d067053669.jpg

Situato sull’isola di Miyajima, l’Itsukushima Jinja è l’unico santuario in tutto il Giappone edificato su palafitte e, pertanto, circondato dalle acque del mare per buona parte della giornata. La conformazione del complesso ha la forma di un uccello che apre le ali e si protende verso il mare.
L’isola di Itsukushima, oggi ribattezzata Miyajima (letteralmente “l’isola del santuario” da Miya 宮 e Jima 島 ovvero Isola) a causa della crescente notorietà del santuario, è da sempre un’isola sacra in cui era vietato l’accesso a chiunque. Per permettere l’accesso ai pellegrini si decise di costruire un complesso sacro interamente sull’acqua che non avesse collegamenti con l’isola, motivo per cui anche il torii di accesso al santuario è ubicato in mezzo al mare. Oggi chiunque può recarsi su quell’isola ma, per mantenerne la ‘purezza’ nascite e morti sono vietate, motivo per cui puerpere e malati terminali vengono allontanati da quei luoghi.
La sua fondazione viene collocata tra il VI e l'VIII secolo, ma il suo aspetto attuale risale al 1168, quando è stato riedificato con il contributo del signore più potente dell’epoca, Taira no Kiyomori (leader militare del tardo periodo Heian, ricordato per aver stabilito il primo governo retto da samurai nella storia del Giappone), ed è rimasto inalterato fino ad oggi, anche dopo le successive ricostruzioni dovute a distruzioni.
Il santuario è stato danneggiato diverse volte anche da tempeste e tifoni (l’ultimo il 5 settembre 2004) per la sua vicinanza al mare.

DSC02212s.thumb.jpg.ccefb7add392c2af1d2ec7d0e894c968.jpg

DSC02220s.thumb.jpg.098a45553d8164b435830aab3fe6e6ca.jpg

DSC02222s.thumb.jpg.f03349687b0ff8d7b37b8b8be0fadd8a.jpg

Si è detto che il santuario è 'circondato dalle acque del mare per buona parte della giornata': questo perché quando la marea cala l'intero complesso viene a trovarsi in terra ferma. 

DSC02415s.thumb.jpg.a27af1855fcf46cd5ec76e63a60b6181.jpg

DSC02421s.thumb.jpg.e2d90e0add64eabda8bd82d94c39b05e.jpg

Il torii
DSC02202as.thumb.jpg.9969efdb8e68f60449d513bdee4b2e86.jpg
Il tradizionale portale di accesso al santuario è conosciuto come ‘torii galleggiante’ in quanto, quando c’è l’alta marea, si viene a trovare in mezzo al mare ed è accessibile solo in barca, mentre con la bassa marea ci si può arrivare a piedi.
Alto 16 metri e realizzato in legno di canfora particolarmente selezionato (fatto arrivare appositamente da Miyazaki, nel Kyushu) costituisce una delle maggiori attrattive del Giappone ed è, con il monte Misen dietro, una delle tre classiche viste del paese.
Il primo torii è stato eretto nel 1168 mentre quello che vediamo oggi al centro della baia risale al 1875. Per realizzarlo è stato utilizzato lo ‘stile a 4 pilastri’ che consente di conferirgli una maggiore stabilità.
È usanza dei visitatori inserire delle monete all’interno delle fessure del legno esprimendo un desiderio. 

DSC02428s.thumb.jpg.1e3e95d35b46931ce8be8405121a56ab.jpg

Le Lanterne
Le lanterne appese lungo i corridoi furono originariamente offerte da Terumoto Mori, nipote di Motonari Mori. Quelle lanterne erano in ferro battuto e di forma differente da quelle attuali. Adesso sono conservate nella Sala del Tesoro.
Dai primi del 1900 le lanterne sono in bronzo.

DSC02259s.thumb.jpg.e4715bfa1eb4f3a6048e1d411740c347.jpg

DSC02226s.thumb.jpg.00058c5e58d9df38dfd979ce1a20c54e.jpg

Taka-Butai (High Stage)
Takabutai è un palco su cui viene eseguita la "bugaku", ovvero la tradizionale musica corale giapponese accompagnata da balli. Si trova di fronte all'honden, l’edificio principale del santuario. L‘attuale palco è stato costruito nel 1546 ed è il più piccolo utilizzato per le rappresentazioni di "bugaku". Si dice che la musica "bugaku" sia stata introdotta a Miyajima da Kyoto circa 800 anni fa, diventando un elemento estremamente prezioso del patrimonio culturale.

DSC02246s.thumb.jpg.25199b1952960c6cf0a19a5faf6dc918.jpg

Sori-bashi (ponte arcuato)
Il primo riferimento storico a questo ponte si ha in un documento dell’era Ninji (1240-43) mentre nessun riferimento è presente nei documenti relativi alla costruzione del santuario, ad indicare che non esisteva in quell’epoca.
Si dice che fosse anche chiamato " Chokushi-bashi " e che i messaggeri imperiali dovessero attraversarlo per entrare nel Santuario principale nelle occasioni importanti.
Il ponte attuale, come indicato in una iscrizione su uno degli elementi ornamentali della balaustra, risale al 1557 quando fu riscostruito dal daimyō dell’epoca Mori Motonari e da suo figlio Takamoto. Da allora è stato riparato più volte.

DSC02278s.thumb.jpg.b7bab40e120814cddfb5b8551d27c1d7.jpg

Santuario di Tenjin
Costruito nel 1556 e donato dal daimyō Mori Takamoto, è dedicato a Sugawara no Michizane, poeta e politico giapponese dell'antichità, divinizzato con il nome di Tenjin, kami protettore delle lettere e della calligrafia. Particolarità di questa costruzione, così come il palco del teatro Nō, è che, a differenza del resto del complesso che è colorato di bianco e rosso, il legno è rimasto del suo colore naturale ad indicare la loro costruzione in epoca successiva.

DSC02275s.thumb.jpg.757c0f939fa727787afaf8fecdd3df55.jpg

Palco per il teatro Nō
La prima costruzione di un palco permanente, l’unico in tutto il paese costruito sul mare, risale al 1605 ad opera del daimyō Fukushima Masanori, la prima rappresentazione del teatro Nō, invece, risale al 1568, probabilmente su un palco temporaneo.
L’attuale palco è stato costruito nel 1680 su iniziativa del daimyō Asano Tsunanaga, la struttura comprende anche uno spogliatoio e un ponte coperto per l’accesso al palco.
Normalmente, durante una rappresentazione di Nō, degli tsubo (vasi grandi riempiti d'acqua) vengono posti sotto al pavimento al fine di migliorarne la qualità della risonanza, cosa impossibile per un palco costruito sull’acqua. Per sopperire a questo limite il pavimento è stato ideato in modo da funzionare come se fosse un grande tamburo. Il suono prodotto dal pavimento cambia al variare della marea.

DSC02271s.thumb.jpg.122156d24c5db2eb2b0980c190513c7f.jpg

DSC02261s.thumb.jpg.8bfad6d5f2e85b9aaac3f08787b7c449.jpg

Altre foto nell'album fotografico

Altri miei articoli su:
PhotographyWord
PhotographyWord 2.0

 

  • Like 1

2 Comments


Recommended Comments

  • Nikonlander

Bravo, bel reportage!

Adoro il Giappone e mi ha fatto piacere leggere tutte le informazioni che hai menzionato e che non conoscevo così approfonditamente.

Ho visitato Myajima ad inizio anno ma non ero nel posto giusto al momento giusto ed ho fatto foto pessime, mi sono ripromesso di organizzarmi per una visita successiva dedicata alle foto, stavolta ero di passaggio per lavoro. Quando ci tornerò lo farò pernottando sull'isola, in modo da poter fotografare il tutto anche all'ora blu e dopo il tramonto, con la classica illuminazione, e alla successiva alba.

Link to comment
  • Nikonlander

L'isola di Miyajima di giorno è molto frequentata ma la sera di solito non resta quasi nessuno, quando l'abbiamo girata noi la sera era deserta o quasi! c'è una piccola struttura ricettiva dove ci siamo a dormire molto carina e moderna. Oltre al santuario Shinto ci cono anche dei templi buddisti, uno è (se non l'hai visto) il Daisho-in, molto bello anche quello! :)

Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...