Jump to content

Silvio Renesto

524 views

Quando sono in giro nella macchia mediterranea  mi sento proprio bene, è uno degli ambienti che più amo, senza contare che ci sono molti dei soggetti che preferisco per la  macrofotografia.

location2.thumb.jpg.cba32fde790378ed202ae67c2fccd035.jpg

Nikon Zfc e 12-28 Z

Oggi ho passato ore a cuocere sopra e intorno a questi sassi:

location1.thumb.jpg.1bfd6e7a5309f49f9c147546c190ddb8.jpg

Nikon Zfc e 12-28 Z

Perchè?
Perchè passeggiando in cerca di macro soggetti ho notato una cosa strana: Una farfalla scomposta, ad un certo punto le è persino caduta un'ala. Ho subito pensato "predazione in atto" ed ho scattato alla cieca per vedere a display cosa stava succedendo.

small.thumb.jpg.b911e1b4fbed0cfdfaf4a6a10bf851d6.jpg

Nikon Z fc e 24-200 Z

Infatti ingrandita al 100% l'immagine sul display, salta fuori il predatore.

smallcrop.jpg.454898f7f7aa56e30079955ddaac571a.jpg

 

E' una femmina di Ameles spallanzania o "Mantide nana del Mediterraneo"! Chi mi conosce sa che libellule e mantidi sono i miei soggetti macro preferiti e più sono rare più mi interessano. L'Ameles non è particolarmente rara, ma di lei avevo solo una pessima diapositiva, di quasi cinquant'anni fa, in cui era poco a fuoco e molto, ma molto piccola nell'inquadratura. Quindi... Ameles, a noi due!

Fotografarla è stato piuttosto impegnativo. L'Ameles è timida e già restando a distanza, lei giocava a nascondersi ruotando intorno allo stelo per metterlo fra lei e  me, dovevo essere furtivo e paziente e trovare il giusto varco fra steli e sassi in un contesto molto caotico in cui  cercare l'angolo giusto e possibilmente evitare il controluce (anche se avevo un piccolo flash di schiarita). E poi è arrivato il vento.

controluce.thumb.jpg.9a513b74550516da5db88b364c9e65e9.jpg

Il controluce era ingestibile per i miei gusti. Nikon Zfc e24-200 con tubo di prolunga. Intanto, ormai sazia, aveva lasciato cadere la preda.

 flower.thumb.jpg.a87ccf5ba1e002829a74b89843070433.jpg

Ambientata o ancora confusa? Nikon Zfc 300mm con TC14 (da dietro il grosso sasso).

Paradossalmente il vento mi ha dato una mano facendo oscillare il fiore sullo sfondo portandolo a volte  fuori inquadratura!

wind.thumb.jpg.38542e4cc48b096c210f391d4746159f.jpg

Qui ho quasi consumato la batteria, Nikon Zfc  300mm f4 e TC14 da dietro il grosso sasso.

Alla fine un ritratto più stretto infilandomi fra un masso e l'altro e usando la lente addizionale.

closeup.thumb.jpg.5ae5986232fb4436c5b0c88745257b61.jpg
 

Nikon Zfc 300mm f4 e lente SIGMA AML da 1,8 diottrie.

Tutte le foto  scattate a mano libera.

Non ho usato il 105 MC perchè ho dovuto lasciarlo a casa insieme ad altro. 

La mantide è a testa in giù perchè quella è la sua posizione naturale per la caccia.

La passione per questi soggetti mi spegne un po' il senso critico,  sono  felice come un bambino per essere riuscito a fotografare un' Ameles e dovevo raccontarvi la storia. A voi apprezzarla o meno.

 

Per gli interessati, due notizie sull' Ameles spallanzania (se ho speso due ore e non so quanti litri di sudore, una spiegazione sarà  dovuta,no?):
È una mantide di piccole dimensioni (1–3 cm) diffusa nelle zone aride del Mediterraneo
La specie presenta un marcato dimorfismo sessuale: il maschio è poco appariscente, esile, con addome dritto e sottile, possiede due paia di ali che gli consentono di volare mentre nella femmina le ali sono rudimentali per cui  non vola. L'addome della femmina è allargato lateralmente, più ampio di quello del maschio, ed è ripiegato verso l'alto il che la rende caratteristica.
Il primo paio di zampe "raptatorie" (adatte ad afferrare) sono corte e robuste mentre quelle del terzo paio (le ultime) sono particolarmente grandi e sviluppate e gli permettono di saltare quasi come una cavalletta (cosa che avrebbe fatto se mi fossi avvicinato troppo o troppo bruscamente).
Come tutte le mantidi , l'Ameles è un vorace predatore di piccoli insetti e può talora attaccare i suoi simili. A differenza  però della Mantide religiosa, le femmine di Ameles non divorano il maschio dopo l'accoppiamento (infatti ce n'era uno che se ne stava tranquillo poco sotto la mia modella, ma troppo infrattato per essere fotografabile).

Silvio Renesto.

 

  • Like 5
  • Thanks 6

4 Comments


Recommended Comments

  • Nikonlander Veterano

Foto faticose e interessanti per la scelta del soggetto che deve essere conosciuto. Questa è la naturalistica che vorrei fare anch’io...

Link to comment
  • Nikonlander Veterano

Bravissimo Silvio, in tutti i sensi e, non per ultimo il fatto di essere rimasto sotto il sole a cuocerti, ma veniamo alla " Belva "..  mai vista..  e forse, visto gli attuali impegni, non la vedrò forse mai.. quindi, mi hai illuminato una volta di più.  

dai non disperare, la prossima volta ci farai un bel saggio anche per il maschietto..

10 e lode..

Link to comment
  • Nikonlander Veterano
23 ore fa, Roby C ha scritto:

...

dai non disperare, la prossima volta ci farai un bel saggio anche per il maschietto...

Grazie Roby e Nicola dei commenti.
Non dispero, il maschio penso che lo potrei ritrovare lì intorno, ma al contrario della femmina, non è particolarmente interessante dal punto di vista fotografico.

Link to comment
  • Nikonlander Veterano
2 ore fa, Silvio Renesto ha scritto:

Grazie Roby e Nicola dei commenti.
Non dispero, il maschio penso che lo potrei ritrovare lì intorno, ma al contrario della femmina, non è particolarmente interessante dal punto di vista fotografico.

 

Ma sarebbe pur sempre una docu che definisce il genere, non servirebbe un tomo alto una spanna...  comunque ogni cosa che fai, ha sempre un certo interesse..   per i tuoi studenti fuori corso..

Link to comment
Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...