Jump to content
  • M&M
    M&M

    Sigma 24-35mm F2 Art : prime impressioni (test/prova)

    Un trapano-avvitatore elettrico Bosch, due scatti a focali differenti sempre ad F2.
     
    Immagine Allegata: _D8X7053.jpg
     
    Immagine Allegata: _D8X7068.jpg
     
    In questi due scatti, i primi effettuati appena tolto dall'imballo l'obiettivo c'è la summa delle sue caratteristiche, quelle che hanno già decretato il successo degli altri Sigma Art.
     
    Io non sono solito provare particolare attrazione per gli zoom. Ne ho usati tanti ma al momento ne faccio praticamente a meno con una sola eccezione in attesa di trovare altro.
    Ho sempre trovato limiti invalicabili anche negli apparecchi più prestigiosi (come ad esempio il costosissimo Nikkor 200-400/4 in tutte le sue versioni) ma qui ... siamo all'eccezione che conferma la regola.
     
    Perchè questo zoom mi ha entusiasmato fin dal primo contatto.
    E non riuscendo a trovare veri difetti pesato tutto mi sono chiesto il perchè.
     
    Perchè ? Perchè questo obiettivo è solo formalmente uno zomm. In realtà è un tri-focale superluminoso e così va considerato.
     
    Lo confesso, non lo comprerò perchè ho già i due formidabili Sigma Art ai suoi estremi, 24 e 35 mm che mi assicurano uno stop in più di luce e prestazioni ancora superiori.
    Ma questo è un Sigma Art in tutto, sfuocato, resa, nitidezza, costanza di prestazioni, colori brillanti ma neutri, bassissima o inesistente CA, costruzione.
    Costa ma costa meno di tre obiettivi separati, siano questi Sigma o Nikon. In pratica si compra uno ma si prendono tre obiettivi ;)
     
     
    Immagine Allegata: _D8X7005.jpg
    ecco il trio, a sinistra il Sigma 35mm F1.4 Art, a destra il Sigma 24mm F1.4 Art, in centro il Sigma 24-35mm F2 Art.
     
    Lo zoom è più grosso ma non enorme, pur con i suoi 82 mm di passo filtri
     
    Immagine Allegata: _D8X7009.jpg 
     
    Vediamolo più da vicino.
    L'obiettivo è solido e ben bilanciato. Sta benissimo nella mano sinistra. Le due ghiere sono facili da azionare, fluide e ben posizionate.
    Immagine Allegata: _D8X7010.jpg
     
    il paraluce non è eccessivo e fa bene il suo lavoro.
     
    Immagine Allegata: _D8X7011.jpg
     
    i tappi sono, come per tutti i sigma più recenti, di una materia plastica purtroppo molto incline ai graffi. Peccato, é l'unico punto debole, insieme alla filettatura filtri in plastica di una costruzione invece molto solida.
     
    Immagine Allegata: _D8X7013.jpg
     
    Immagine Allegata: _D8X7014.jpg
     
    Immagine Allegata: _D8X7015.jpg
     
    Immagine Allegata: _D8X7016.jpg
     
    Immagine Allegata: _D8X7018.jpg
     
    L'obiettivo presenta la scala delle distanze ben leggibile, lo switch Manual e Auto Focus ben dimensionato e posizionato.
    Il consueto marchietto A di Sigma Art.
     
    Ovviamente come gli altri obiettivi Sigma della più recente generazione, è compatibile con l'interfaccia USB e il programma di gestione firmware e taratura fine della messa a fuoco alle varie focali e distanze. Utilissimo sempre perchè riscrive il firmware dell'obiettivo e lo tara per tutte le fotocamere di casa.
     
     Per provarlo me lo sono portato domenica al lago all'albeggiare e lunedì in ufficio, profittando di queste ultime belle giornate d'estate.
    Questa è solo una anteprima, poi per la prova approfondita leggeremo le impressioni di Max ;)
     
    Immagine Allegata: _D8X6884.jpg
    Immagine Allegata: _D8X6884_dettaglio.jpg  
     
    Bellagio prima del sorgere del sole dietro alle montagne della costa lecchese del lago di Como, visto da Tremezzo.
    A 35 mm  dettaglio leggibilissimo (nessuna intepretazione in sviluppo)
    Immagine Allegata: _D8X6930.jpg

     

     

    Immagine Allegata: _D8X6950.jpg

     

    Immagine Allegata: _D8X6930.jpg
     
    Immagine Allegata: _D8X6952.jpg
     
    Il sole sale oltre le montagne, F16 per avere la "stellina".
    scatti in pieno sole (non semplice controluce) e in condizioni estreme.
    La tenuta dei riflessi è buona, non vedo eccessiva CA sull'acqua.
    Ma come detto queste sono condizioni di test, mica fotografie !
     

    Sempre a Tremezzo, davanti a Villa Carlotta
     
    Immagine Allegata: _D8X6963.jpg
     
    Immagine Allegata: _D8X6968.jpg
     
    Immagine Allegata: _D8X6922.jpg
    Villa Carlotta, F2.8, ottima leggibilità delle ombre in primo piano, luci controllate (sottoesponendo il cielo) sulle pareti della Villa.
    Le finestre, l'orologio i dettagli sono pienamente visibili.
     
    Il campanille della chiesetta di Ossuccio
    Immagine Allegata: _D8X6976.jpg
     
    ho scelto di mantenere la massima leggibilità sui mattoni della costruzione illuminata dal sole diretto.
    Il cielo si è oscurito ma il dettaglio è massimo sul soggetto.
     

    Varese, dopo il sorgere del sole.
    Colori complementari (blu e giallo) e verde (sintesi)
     
    Immagine Allegata: _D8X7079.jpg
     
    Immagine Allegata: _D8X7079 copia.jpg
     
    Immagine Allegata: _D8X7079 copia 2.jpg
     
    siamo a 28 mm, F2, la messa a fuoco è sulle finestre ma il dettaglio dell'indicazione stradale in primo piano all'angolo estremo è reso benissimo.
    Certo è merito dei 36 megapixel senza filtro anti-alias ma non sarebbero tanti gli zoom in grado di una simile risoluzione ...
     
    Anche in questo caso con in primo piano le pareti della Basilica di San Vittore e in secondo piano il campanile settecentesco siamo ad F2.8
    Immagine Allegata: _D8X7110.jpg
     
    Immagine Allegata: _D8X7110_1.jpg
     
    Immagine Allegata: _D8X7110_2.jpg
     
    i dettagli sono perfettamente visibili, questi sono crop al 50%
    Immagine Allegata: _D8X7141.jpg
     
    Immagine Allegata: _D8X7090.jpg
     
    in queste due ultime foto, ombre, colori, trama, dettaglio, sono sempre a mio avviso assolutamente esemplari !
     
     
    Risoluzione
    Immagine Allegata: _D8X7050.jpg
    dettaglio 1:1 dell'intonaco di una colonna di casa mia. Non c'è sharpening aggiunto.
     
    Immagine Allegata: _D8X7169.jpg
     
    Immagine Allegata: _D8X7170.jpg
     
    il ritratto di Heidi by Slowprint in 100x70cm che c'è in camera mia.
    A 24mm e a 35mm. A parte il riflesso del vetro siamo a livelli da obiettivo macro.
     
    Distorsione
     
     
    Immagine Allegata: distorsione_35_mm.jpg
     
    Immagine Allegata: distorsione_24_mm_non_corretta.jpg
     
    Immagine Allegata: distorsione_24_mm_corretta_16.jpg
     
    A 35 mm a i miei occhi la distorsione è inesistente.
    C'è invece a 24 mm (cornice della fotografia) ma si corregge impostando un +16 in manuale su LR o Photoshop e il risultato è esemplare.
     
    Sfuocato
     
    Immagine Allegata: _D8X7163.jpg
     
    Immagine Allegata: _D8X7165.jpg
     
    Immagine Allegata: _D8X7166.jpg
     
    Immagine Allegata: _D8X7167.jpg
     
    Prove di dettaglio e di sfuocato alle varie focali, sempre ad F2. Charlize in biondo.
    Il dettaglio dell'occhio è senza sharpening aggiunto. Magari c'è un leggero backfocus, non ho avuto motivo di controllare.
    Questo è un grandangolare non un macro o un obiettivo da ritratto e non si richiederà che raramente la massima precisione di messa a fuoco (ma volendo si può verificare e tarare in casa).
     

    Conclusioni di questo breve giro di prova
     
    Come ho scritto non sono solito entusiasmarmi per uno zoom ma questo è da considerare un tri-focale 24-28-35mm ad apertura costante F2 e se non avessi già due fissi Art ad alte prestazioni che coprono le focali che mi interessano di più, lo comprerei ad occhi chiusi.
    A 949 euro costa solo poco di più del nuovo Nikkor 20mm F1.8G o del Nikkor 24mm F1.8G e consente di sostituire un intero arsenale di ottiche fisse moderne nel suo range di focali.
     
    Ha un autofocus preciso e molto silenzioso. E' costruito molto ma molto bene. E' ben equilibrato. Ha prestazioni costanti. Colori brillanti, sfuocato da mezzo-tele, una distorsione contenuta e ben correggibile.
    Non si allunga (!). L'aberrazione cromatica io non l'ho vista e in condizioni normali in controluce non dà problemi.
     
    C'è vignettatura a tutta apertura ma io non lo vedo come un problema, anzi.
    Considerata la distanza minima di messa a fuoco consente quasi-macro e riprese creative ravvicinate, anche ne ritratto.
     
    Idealmente lo vedo bene in mano anche al fotografo di reportage o di matrimonio.
     
    Veramente un bell'obiettivo ! Complimenti Sigma !
     
    Ringrazio Mtrading per la celerità con cui ci consente questo test. L'obiettivo è stato presentato ufficialmente solo il 20 luglio e noi lo abbiamo già a disposizione nemmeno due mesi dopo !
     
    Immagine Allegata: mtrading.jpg
    il link per avere maggiori dettagli su questo prodotto.

     

    User Feedback

    Recommended Comments

    Appena acquistato da utilizzare su D810. Per ora ho solo qualche immagine personale o di banale prova. Rimando il postare qualcosa non appena avrò del materiale condivisibile.

    La prima impressione è che si tratta di una lente pazzesca. Il mio esemplare acquistato usato da un noto giappomilanese sembra essere perfetto sulla D810 senza nessuna taratura con il dock; ho fatto alcuni primi test di calibrazione ed ad una prima visione non sembra ci siano tarature significative da effettuare, vedremo in seguito.

    Al momento sono rimasto quasi senza parole. Molto nitido a tutta apertura diviene incredibile a f/2.5-2.8 e quasi imbarazzante a f/5.6. Su soggetti complessi non ho visto moire. Sfocato (ma qua interviene il gusto personale) piacevole. 

    Complessivamente mi è piaciuto moltissimo a 28mm. 

    Autofocus molto veloce.

    Di fatto come già spiegato non può essere considerato uno zoom, ma una alternativa alle tre focali riunite (24-28-35) riunite in un unico obbiettivo. Per trovare qualcosa di simile bisogna tornare al Tri-Elmar di leica (28-35-50) che però era un f/4.

    ciao

    Alberto

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    certo il 2015 sembra lontanissimo per chi, come noi di Nikonland tratta ormai esclusivamente di Z-mount  sia per fotocamere, sia per obiettivi...

    Mi rendo conto che chi sia rimasto su reflex, a distanza di più di otto anni, non possa che continuare a rivolgersi ad obiettivi di allora, per poter sfruttare le qualità dei sensori della serie 8xx: perchè nel frattempo Nikon non ha voluto colmare quei gap.

    Si verificherà un binario nikonista: quelli costretti a continuare i propri acquisti sull'usato datato (tra un pò certi pezzi non saranno di certo più disponibili sul nuovo)
    e quelli che transitati in Z mount, che hanno a disposizione già adesso un livello di qualità che fa sorridere al pensiero di quanti soldi si siano spesi allora per inseguire una coerenza che Nikon non permetteva.

     

    Link to comment
    Share on other sites

    Max, sono completamente d'accordo con te, la transizione è inevitabile soprattutto ora che sono disponibili molte lenti performanti anche per il mondo mirrorless. E' solo questione di tempo un po' per tutti.. a presto. Alberto

    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites

    Il 15/5/2023 at 12:50, Albi1961 ha scritto:

    Aggiungo qualche scatto, nulla di che poco tempo libero... ma lente pazzesca. Nessuna correzione con il SIgma dock. Nitidissimo. Me ne sto letteralmente innammorando.

     

    _DSE3082.jpg

    _DSE3074.jpg

    _DSE3065.jpg

    _DSE3039.jpg

    _DSE3017-Enhanced-NR-Edit.jpg

    _DSE2895-2.jpg

    • Like 3
    Link to comment
    Share on other sites



    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...