Vai al contenuto
  • Mauro Maratta
    Mauro Maratta

    Peter Lindbergh : nur frauen

    Immagine Allegata: 5433-500w.jpg


    Peter Lindbergh, tedesco nato Peter Brodbeck nel novembre 1944 in una cittadina al confine tra Slesia e Polonia , con i russi alle porte e la Germania di Hitler all'ultimo atto.
    La famiglia si sposta in Germania Ovest, insieme alle centinaia di migliaia di sfollati tedeschi cacciati dall'invasione, per andare a vivere e lavorare in mezzo all'acciaio e al carbone dei Krupp in Renania.
    Da ragazzo studia arte e pittura spostandosi tra la Svizzera e la Germania, pagandosi gli studi serali facendo il vetrinista.
    Va anche spesso ad Arles, sulle orme del suo idolo Vincent Van Gogh.
    E dalla pittura alla fotografia il passo è per lui breve.
    Il suo primo editoriale viene pubblicato da Vogue Italia nel 1972. Nel 1978 si trasferisce a Parigi (residenza ufficiale attuale) per intraprendere la carriera di fotografo internazionale. Sempre per per Vogue, prima per la versione italiana, poi per quelle francesi, inglesi e americana.
    Lavora comunque per tutte le riviste più importanti, da Vanity Fair ad Harper Bazaars.
    La sua carriera si sviluppa e raggiunge il suo massimo contemporaneamente al periodo di massimo splendore delle super-top model (la generazione di Linda Evangelista, Nadja Auderman, Naomi Campbell, Eva Herzigova, Cindy Crawford, Helena Christensen per citare le prime che mi vengono in mente ...) con cui ha la possibilità di lavorare per editoriali e campagne pubblicitarie.
    Ha all'attivo con loro due edizioni del Calendario Pirelli, tra le più delicate di sempre.
    Il suo stile è riconoscibile e legato all'ambiente in cui è cresciuto, la Germania industriale del dopoguerra.
    L'aspetto delle sue opere è caratterizzato da un bianco e nero non troppo deciso, in cui le creature che riprende sono a metà strada tra la terra e il cielo.

    Lavora in modo abbastanza convulso. Scatta moltissimo ed è capace di portare decine di kilowatt di illuminazione su una spiagga assolata o ventosa per poi scegliere di scattare su un set improvvisato con un telone nero, un tavolato o una sedia.
    Oppure tra le quinte, in mezzo a stativi ed illuminatori.

    Le bellezze riprese sono per lo più al naturale, senza troppo orpello, la selezione delle foto sembra voler portare alla luce tra gli scatti, quelli che magari sono sfuggiti durante la ripresa ma che estraggono dal corpo la bellezza interiore, quella che non è a portata di occhio di tutti.

    Su Youtube si possono trovare filmati con il backstage di alcuni suoi servizi. Quanto di più lontano dal glamour e dalla ricercatezza di altri grandi della fotografia. Il suo occhio, l'obiettivo della sua Nikon, il soggetto, la sua idea. E tanti click-clack.

    In questa sequenza, un rullino da cui selezionati alcuni fotogrammi dallo stesso autore.
     

    Immagine Allegata: 686.jpg

    riprendono una giovanissima Mini Anden, ancora protagonista oggi di pubblicità patinate, quasi scarnificata, ridotta all'essenziale dove conta l'equilibrio tra volto, braccia, mani.
     

    Immagine Allegata: 689.jpg Immagine Allegata: 690.jpg

    Immagine Allegata: 976.jpg Immagine Allegata: b112818if0.jpg


    c'è un fondale nero, una sedia di legno appena appena inquadrata, gli occhi, le mani.
    Il resto del corpo quasi fa da quinta.

    E' un clichet ripetuto in altre occasioni, con reminiscenze anni '20, qui con Milla Jovovich :

    Immagine Allegata: storiesmilla06.jpg 

    o qui con una giovane Naomi Campbell allegra e vivace come una novella Josephine Baker :

    Immagine Allegata: scan0328~0.jpg 

    ma non solo in progetti personali, anche con la libertà del grande fotografo che può seguire il suo estro per una pubblicità di una grande casa, sia questa Yves Saint Laurent o David Yurman.
    E' il caso del tema dell'angelo, con Amber Valletta in una New York che sembra la Metropolis di Fritz Lang :

    Immagine Allegata: ambervalletta3angelfinn5br.jpg Immagine Allegata: ambervalletta6angelfinn5km.jpg 


    o con Linda Evangelista, in una New York certamente più vicina a noi :

    Immagine Allegata: fash8493.jpg Immagine Allegata: fash8494.jpg 

    la donna e l'angelo, la donna che si fa angelo.

    Sono tutti angeli le donne di Lindbergh. Anche quando mostrano un ghigno un pò satanico :

    Immagine Allegata: bmillajovovich7fc4rk.jpg 
    anche quando non sono più nel fiore dell'età :
    Immagine Allegata: peter_lindbergh_249020875_north_883x.jpg Immagine Allegata: ystZA-865.jpg 
    Immagine Allegata: charlotte.jpg 


    anche senza trucco

    Immagine Allegata: 02spm.jpg 
    o difficili da ricoscere se tolte dal contesto :

    Immagine Allegata: ysyYS-865.jpg 
    Sono innumerevoli le donne riprese da Lindbergh, praticamente tutte le top model e le grandi attrici degli ultimi trent'anni, non solo le più belle :

    Immagine Allegata: bellucibelluci02.jpg Immagine Allegata: 6aiu4jxd_640x500.jpg 
    che vengono trasformate dall'obiettivo e dalla stampa di Lindbergh. Le sue muse probabilmente Milla Jovovich ed Helena Christensen. Ma lista è interminabile.

    Ho citato i due calendari Pirelli, chiudo con l'unica foto a colori di questo articolo (Lindbergh non è solo b&n naturalmente, le esigenze editoriali richiedono anche il colore), e l'unica che ritrae una coppia, felice, un tempo, in una scena che racconta una storia come pretesto per pubblicizzare un prodotto che passa del tutto in secondo piano :

    Immagine Allegata: 31_adv_3622.jpg 

    cercate le sue foto sulle riviste o su Internet. Le riconoscerete subito e probabilmente esclamerete ... ah, ecco, è di Peter Lindbergh ;)
     

    Immagine Allegata: LIND_G133173821437995_5.jpg



    Feedback utente




    Crea un account o accedi per lasciare un commento

    You need to be a member in order to leave a comment

    Crea un account

    Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

    Registra un nuovo account

    Accedi

    Sei già registrato? Accedi qui.

    Accedi Ora

×