Jump to content
  • M&M
    M&M

    Nikon Action EX 16x50 CF

    Message added by M&M,

    Prima recensione sul campo di un binocolo Nikon per Nikonland. Si tratta di un apparecchio di produzione corrente, acquistato su Amazon.it ma con garanzia Nital di 10 anni. I binocoli non dovrebbero mancare nell'arsenale di un fotografo, se non altro per ricompensare l'occhio sinistro della tanta inoperosità nel fotografare. Ma anche perché, rispetto alla visione fotografica, osservare il mondo con un buon binocolo con entrambi gli occhi, è un momento di ricreazione importante. Fotografando spesso ci perdiamo momenti preziosi perchè la nostra mente è impegnata in calcoli anziche ... guardare

    La linea Action EX è quella più prestazionale tra le entry-level, viene definita nel catalogo come Standard, e consta al momento di  svariati modello che vanno dal 7x35 a questo 16x50.
    Il 16x50 condivide lo scafo in policarbonato rinforzato da fibra di vetro e la struttura dei prismi e delle lenti da 50mm con altri tre modelli, 7x50, 10x50 e 12x50.
    Insomma, a parità di impianto è quello che offre il maggiore ingrandimento.
    Ed è quello che mi sono regalato io per il mio compleanno, come complemento per il mio Monarch 10x56 e in attesa di trovare l'occasione per qualche cosa di potente.

    Chi mi legge sa della mia passione per i teleobiettivi, un 16x50 è un bel compromesso tra capacità di ingrandimento e compattezza, sorprendente rispetto al teleobiettivo 35mm corrispondente.

    ZFC_4038.jpg

    eccolo qua, adagiato sulla borsa fotografica, in riva al Lago di Como, mio terreno di prova ideale per teleobiettivi e binocoli.
    Vediamo prima le caratteristiche di targa, prima dell'unboxing.

    Si tratta di un binocolo a prismi di Porro, del peso di 1.040 grammi, dotato di obiettivi del diametro di 50mm.
    Ha un campo visivo di 3.5 gradi, che corrisponde a circa 60 metri alla distanza di 1000 metri.
    La luminosità relativa è di 9,6. La pupilla di uscita di 3.1mm.
    La distanza minima di messa a fuoco è di 7 metri.
    La distanza di accomodamento dell'occhio è di 17.8mm la regolazione interpupillare è di 56-72mm.
    Le dimensioni, compatte, di 177x196x68mm.
    La struttura è di policarbonato rinforzato con fibra di vetro, il rivestimento è gommato.
    I tappi e i coprioculari sono in gomma sintetica.

    Unboxing

     

    ZFC_4059.jpg

    classica scatola Nikon, personalizzata da Nital/NitalVip.
    La garanzia per le ottiche sportive però è di ben 10 anni, al posto dei 4 assicurati per le fotocamere e gli obiettivi.
    Il binocolo viene assicurato come impermeabile fino a 1 metro per cinque minuti. Come dire che è meglio non buttarlo in acqua ma che la pioggia lo bagna e il sole lo asciuga ...

    ZFC_4060.jpg

    ZFC_4061.jpg

    ZFC_4062.jpg

     

    ZFC_4063.jpg

    all'interno c'è la cinghia e il manualetto con le garanzie internazionali. Il binocolo è dentro una bella borsa in spugna, morbidissima.

    ZFC_4064.jpg

    ZFC_4065.jpg

    ZFC_4066.jpg

    il binocolo è protetto da un semplice cellophane. In una scatoletta c'è l'utile innesto per il treppiedi.

    ZFC_4067.jpg

    ZFC_4069.jpg

    che io ho montato su una basetta con incastro Arca Swiss

    ZFC_4070.jpg

    ZFC_4071.jpg

    per montarlo sul binocolo si deve svitare il tappo posto alla fine del ponte centrale

    ZFC_4072.jpg

    ZFC_4073.jpg

    una sorta di "bottone" che reca la scritta Nikon in giallo su nero, ovviamente ...

    ZFC_4074.jpg

    a questo punto il sostegno si avvitate con un vitone a mano, dotato di corsa lunga.

    ZFC_4075.jpg

    abbastanza stabile se stretto bene

    ZFC_4076.jpg

    tappi anteriori e coprioculari in vera gomma sintetica. I tappi sono di aspetto veramente cheap ma comunque fanno il loro dovere, in barba all'estetica.

    ZFC_4078.jpg

    ovviamente il binocolo qui è già stato usato, lo dimostrano i residui lasciati dalle mie manacce grasse ... me ne scuso ma così dimostro che si tratta di un esemplare da uso e vissuto, sebbene sia in casa dall'altro ieri ...

    ZFC_4080.jpg

    l'aspetto non è quello di un binocolo di eccellenza, ma non dimentichiamoci che questo apparecchio costa ~250 euro, cioé meno del più economico obiettivo Nikkor Z che pesa 140 grammi e sta in un taschino di una camicia estiva. Qui ci sono lenti da 50mm, prismi, oculari. Tutti in numero pari ... !

    ZFC_4081.jpg

    vista d'insieme superiore

    ZFC_4083.jpg

    il marchio Nikon orgogliosamente mostrato ovunque. L'inclinazione graduata 60-70 sta grossolanamente la regolazione interpupillare

    ZFC_4084.jpg

    ZFC_4085.jpg

    primo piano degli oculari. Si nota il trattamento color magenta anche sotto ai flash

    ZFC_4086.jpg

    altro dettaglio della bella targa con le caratteristiche del binocolo

    ZFC_4087.jpg

    la regolazione della messa a fuoco, molto ben dimensionata, di tipo centrale (da cui la sigla CF del binocolo)

    ZFC_4088.jpg

     

    ZFC_4089.jpg

    ZFC_4090.jpg

    dettaglio dei due oculari con la regolazione diottrica nell'occhio destro.
    I due oculari fuoriescono in modo graduale ed indipendente per potersi meglio adattare agli occhi di ciascuno.
    Con gli occhiali io mi trovo meglio con gli oculari ritratti.

    ZFC_4099.jpg

    vista inferiore, molto austera.

    Ma un binocolo è uno strumento di visione, ricerca e osservazione da esterni e quindi eccolo, sotto al sole del lungo lago su un treppiedino Sirui ben adatto al suo ridotto peso.


    ZFC_4013.jpg

    ZFC_4015.jpg

    il riflesso del lago sulle lenti anteriori, ancora in evidenza il trattamento color magenta.

    ZFC_4021.jpg

    le pupille regolate per i miei occhi e il binocolo puntato verso l'hangar dell'Aero Club

    ZFC_4022.jpg

    qui di sfondo la Villa Olmo

    ZFC_4023.jpg

    ZFC_4024.jpg

    ZFC_4025.jpg

    ZFC_4028.jpg

    ZFC_4031.jpg

    ZFC_4041.jpg

    e qui infine a confronto con il mio Monarch 10x56 ED, il mio standard per distanze più ravvicinate. Si nota subito la diversa articolazione tra un binocolo con prismi a tetto/Dach e uno con prismi di Porro.
    Classi diversi, stessa funzione.

    Come va ?

    Finite le cose formali, andiamo finalmente al dunque. Quanto tira un 16x ?
    Perchè è per questo che uno pensa ad un binocolo del genere.
    Ebbene, tira ... !

    Questo è il bar di fronte a casa mia. Ad occhio nudo - io porto gli occhiali e sono miope/astigmatico e con un diverso grado di difetti tra gli occhi - vedo che di fianco alla porta ci sono i due menù dei gelati.
    Come mostro con questa foto grandangolare a 50mm con la mia fidata Nikon Zfc

    ZFC_3996.jpg

    ma di qui a capire che gelati siano, ce ne corre.
    Bene, ho provato ad accostare la macchina all'oculare per fare uno scatto alla buona.
    Vibrazioni e imperfetto allineamento hanno reso l'immagine poco nitida (ma vi assicuro che la visione invece è di altra qualità).
    Però ci dà la misura dell'ingrandimento. E i gelati si vedono, anche i prezzi !

    ZFC_4004.jpg

    per dare un'idea al fotografo di Nikonland che tipo di ingrandimento abbiamo, ho fatto uno scatto dalla mia posizione verso l'Aero Club di Como.

    ZFC_4007.thumb.jpg.79c6f60cef2d926bdc80b984651e1d90.jpg

    questa è l'immagine dell'hangar da 530 metri circa, con una focale di 375mm

    ZFC_4007.thumb.jpg.1657843ba7ea781f6d00fc537a2aa904.jpg

    questa è l'immagine vista nell'oculare del Nikon 16x50

    1173174505_Senzatitolo-1.thumb.jpg.950dea61f8f95a96d98bb08ffc53a540.jpg

    considerata la distanza, stimo l'equivalenza con ~600mm di teleobiettivo per avere la stessa copertura (ovviamente nel binocolo avremo una visione circolare, oltre che bioculare, qui ho voluto solo simulare l'effetto).
    Mica male per una affarino da 18 cm per poco più di un chilogrammo che da certamente meno nell'occhio di un lungo fuoco da 600mm !

    Prestazioni Ottiche

    L'immagine è nitida, chiara e luminosa, nonostante il forte ingrandimento su una lente da 50mm.
    L'effetto di compressione prospettica è esagerato, gli oggetti tridimensionali vengono schiacciati quando messi a fuoco, mentre il fuori fuoco tende a scomparire.
    Mi pare normale, lo scopo di un binocolo come questo non è dare una visione realistica ma iper-realistica, con una forte separazione del soggetto inquadrato rispetto al resto.
    La nitidezza è elevata, non è così la planeità dell'immagine.
    Abbiamo lenti di vetro normale, anche se "ecologico" è il campo visualizzato è leggermente sferico con la conseguenza che mettendo al fuoco al centro, ai bordi si perde il fuoco.
    Rimettendo bene a fuoco ai bordi, avremo là una visione eccellente, mentre la centro si perderà nitidezza.
    Nulla di male anche qui, considerata la classe dell'oggetto e il suo prezzo, ma soprattutto lo scopo di questo apparecchio che è quello di visione, scoperta, osservazione, non studio dettagliato.
    Parimenti, per un occhio di fotografo allenato, ai bordi compare una cerca quantità di distorsione a cuscinetto nelle quattro direzioni, nulla di intollerabile visto il livello di ingrandimento.
    Così come su tutte le linee controluce, una forte dose di aberrazione cromatica, da verde a magenta a seconda delle direzioni.

    Nel complesso comunque, è un binocolo perfettamente prestazionale per la sua classe di riferimento. Non è un Monarch ED da 1000 euro !

    Meccanica

    Degli oculari ho già detto. Ottimale il movimento graduato.
    Un pò meno la regolazione della distanza interpupillare che per uno costretto agli occhiali come me è fondamentale. Ma una volta regolata la posizione resta ferma.
    Mi pare invece perfettamente adeguata la messa a fuoco, fine e precisa, semplice e stabile, anche per soggetti in movimento.
    Anche in questo caso tutto perfettamente adeguato al livello della realizzazione e del suo prezzo.
    Dell'aspetto delle gomme ho già detto. Anche la finitura è particolarmente prona a sporcarsi di residui "manuali". Ma parimenti facile da ripulire.
    Accessori ok, nel complesso un ottimo rapporto prezzo/prestazioni.

    Conclusioni

    Nel complesso lo reputo un ottimo acquisto. Non conosco i precedenti Nikon Action e non li posso paragonare agli attuali Aculon che sono la gamma entry al di sotto degli Action ma ho una buona esperienza di binocoli di tutti i tagli e prezzi (come Nikon, anche io sono nato con Zeiss in casa, negli anni '60 in casa Maratta si parlava tedesco per quanto riguarda la fotografia e i binocoli. Sono io quello che si è avventurato verso il Sol Levante alla ricerca della seta Nikon) e questo mi pare che per essere un binocolo Nikon sia complessivamente valido e prezzato il giusto.
    I difetti ottici sono comprensibili ed accettabili, le prestazioni adeguate alla classe.

    Chi non è abituato ad un 16x, dovrà fare gli occhi sulle prime all'effetto stereoscopico e di esagerazione del piano di messa a fuoco. Una persona a 20 metri ti riempie l'oculare. Ma anche a 500 metri vedi bene se porta gli occhiali e cosa indossa anche ... ai piedi.
    Ovviamente, come per tutti i binocoli, ogni considerazione diventa poi personale. Vuoi perchè ognuno ha le sue esigenze ed aspettative, vuoi, soprattutto, perché i binocoli non offrono prove oggettive ma soggettive, in quanto le loro prestazioni si devono piegare alla capacità di visus di ognuno.
    E' inutile spendere milioni per un binocolo se uno ci vede poco. Altrettanto inutile, secondo me, usare la chart USAF 1951 (che costa 2000 euro) per fare valutazioni scientifiche se uno ci vede poco ... non potendo trasferire ad un altro che le proprie soggettivissime impressioni.

    In questo caso abbiamo un binocolo economico, tutto sommato ben costruito, con prestazioni adatte all'osservazione dei più curiosi come me, alla scoperta del mondo, anche senza andare in posti esotici ma a pochi minuti da casa.
    In futuro il capriccio di un 20x56 o di un 18x70 probabilmente me lo toglierò, perchè un fotografo secondo me ha spesso bisogno di limitarsi ad osservare con entrambi gli occhi aperti come può apparire la realtà differente rispetto a quella che inquadra con l'obiettivo fotografico e con il solo occhio dominante. Ma poi perchè a me piacciono proprio questi giocattoli ... :sorriso:

    User Feedback

    Recommended Comments

    • Administrator

    Ecco, spero di avere reso il punto.
    Ma in caso qualche osservazione risulti poco chiara, chiedetemi, il binocolo ce l'ho qui con me.
    L'ho comprato di tasca mia, non mi è stato inviato in visione ;)

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites

    • Nikonlander Veterano

    Articoli interessanti su questi binocoli Nikon.
    In effetti ha un ingrandimento che impone il treppiede se non si cerca un bel mal di testa.
    Ottimo che Nikon fornisca già nella scatola la staffa di fissaggio.

    Link to comment
    Share on other sites

    • Administrator

    Si, un binocolo così va usato su treppiedi o almeno poggiando i gomiti su un piano, altrimenti balla tutto.

    Link to comment
    Share on other sites

    • Redazione

    16 ingrandimenti è un mondo!!! Un po’ come avere un TC 2x davanti al mio 8x30 (il confronto si ferma qui visto che questo ha lenti da 50mm vs 30mm)!

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites



    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...