Jump to content

Lasciate un commento

Commenti e feedback sono fondamentali per indirizzare la redazione nella stesura degli articoli.
Lasciare un commento significa lasciare un segno del vostro passaggio, è un gesto nei confronti dell'autore, un segnale utile per gli articoli successivi.
Noi decidiamo le linee editoriali di Nikonland anche in base ai vostri commenti e feedback.
Non fate mancare il vostro apporto !

M&M M&M
  • Silvio Renesto
    Silvio Renesto

    Nikon D500: macro e avifauna.

    Ho avuto la possibilità di  usare La nikon D500 in macro (e foto ravvicinata) e nella wildlife photography (termine anglosassone meno cruento  rispetto all'italiano "caccia fotografica" ;) ) e  si è confermata come uno strumento validissimo per  fotografo naturalista; è robusta, affidabile, ed offre  (finalmente!) in formato dx le caratteristiche di un corpo professionale ed una grande velocità operativa, unite ad una ottima qualità di immagine. 

    Ergonomia e praticità d'uso.
    Uno degli aspetti che mi hanno maggiormente soddisfatto della D500 è che offre  (finalmente!) al fotonaturalista le caratteristiche di un corpo professionale nel formato dx.  Naturalmente c'è anche la qualità di immagine, aspetto già abbondantemente trattato in altri articoli pubblicati, ma la  praticità d'uso mi ha veramente impressionato.
     
    La robustezza, la velocità dell'af, il buffer, la raffica, sono  caratteristiche fondamentali per la fotografia di natura  e sportiva e rendono la D500 uno strumento veramente versatile ed affidabile anche, ad esempio, in macro.

    Macrofotografia, ma non solo
    Non va dimenticato che il formato Dx in macro è utile perchè permette, a parità di copertura dell'inquadratura, di stare più distanti dal soggetto, consentendo di avere una maggiore profondità di campo, una migliore gestibilità della luce e, nel caso i soggetti siano vivi e reattivi, la maggiore distanza diminuisce le probabilità di causarne la fuga.
    Quindi una DSRL che unisce caratteristiche di livello professionale al formato ridotto è uno strumento validissimo anche per il macrofotografo. Ma c'è di più.
     
    Il soggetto è rasoterra? Il display orientabile ti permette di controllare l'inquadratura anche da sopra, senza che ci si debba sdraiare e guardare nel mirino (naturalmente se non c'è troppo sole o se si può fare ombra con qualcosa, testa compresa :)).

    body1.jpg.8306d36b8ea585fcb835e1bb264cddcc.jpg

     

    plantatrifo.jpg.bb0b4535ab257982325632cf344945a3.jpg

     

    trifo.jpg.397ab4967a2167180fe39c4bb49eb281.jpg

     

    trifocrop.thumb.jpg.c08b15aa2ff1ceda5b58417af11fcfea.jpg

    Crop 100% dell'immagine precedente, ottima resa.

    Essendo touch si potrebbe pensare di selezionare il punto di messa a fuoco ottimale e di scattare direttamente con il display, ma in macro è meglio di no, a mio parere, perchè si provocherebbero vibrazioni e spostamenti indesiderati, meglio usare uno scatto a distanza. Buona notizia, sulla D500 c'è una presa a 10 pin, per cui posso usare il mio vecchio cavo di scatto per evitare e vibrazioni e tenermi ben distante. Inoltre, nelle fotocamere della serie D7000  il sollevamento preventivo dello specchio c'è, ma è sepolto nei menù, per cui richede diversi passaggi per essere attivato, cosa che io trovo particolarmente irritante. Nella D500 con mio grande piacere ritorna ad essere selezionabile direttamente dalla ghiera di scelta delle modalità di scatto. Se ne sentiva la mancanza.

     

    body3.jpg.6f30677ed5e8babaa179c3e985c976fa.jpg

    La freccia gialla indica la modalità mirror up, il cavo di scatto è inserito nella presa a 10 poli.

     

     

    Si teme l'infiltrazione di luce parassita dal mirino? C'è la tendina che chiude l'oculare.

     

    body2.thumb.jpg.677ba1dfdea806f2d54d3575f2ef290b.jpg

     

    dragonfly.thumb.jpg.b926b88626d47b9606e986c29bfb8e51.jpg

     

    Resa ad alti ISO
    Anche in macro o nella fotografia ravvicinata, poter usare alti ISO senza compromettere la qualità è importante, perché permette di avere contemporaneamente  tempi rapidi e diaframmi chiusi, offrendo così grandissima versatilità (e comodità d'uso). Perchè a vibrare non è solo la fotocamera, col vento, in macro, vibra, anzi dondola, il soggetto. 

    libellula1.jpg.5f55e67a3ceddf4f9162854fa0d77075.jpg

     

    Oppure posso cogliere un'occasione  scattando a mano libera senza perdere tempo a montare il cavalletto, 

    calopteryxD5001jpg.thumb.jpg.8ff42072fbace392ae61862f1ae65ab2.jpg

     

     

    damsel1.thumb.jpg.956ae384ba152b2fc663567e7baa9168.jpg

    Entrambe scattate a 1/1000s, 1100 ISO

     

     

     

    frog2.jpg.15cd98f1e770f0d60058781e48a74716.jpg1/1000s 3600 ISO

    Cose impensabili qualche anno fa.

    frog1crop.jpg.41c2fb5443993d40c7d503c37533e470.jpg

    Particolare della foto precedente ingrandito al 100%

     

    Precisione dell'Af.
    L'af è ottimo, aggancia bene, raramente si fa ingannare dallo sfondo. 

    anax.thumb.jpg.86136c889791ab2c7b4c37f5b8d68cc5.jpg

     

    bee.thumb.jpg.455a1a68f6c7b90256480a7630579e09.jpg

    Queste non sono belle foto, ma mostrano come il soggetto sia a fuoco contro lo sfondo confuso.

    cavaliere.thumb.jpg.640bcde8cb90f6187e09668835061e16.jpg

    Lo stesso per il Cavaliere d'Italia.

     

    Si può cogliere l'azione:

    inseguimento.jpg.5b40a0a2bba12341192823c22b6d28ab.jpg


     e si seguono senza problemi le libellule come gli uccelli, scattando a raffica.

    raffica.thumb.jpg.c86e7349de340776e961b619e778a2e0.jpg

     

    spatole.thumb.jpg.5ddfcebb5318c85f57e71a43c86935fb.jpg

    Ombre...

    Una cosa a cui,  ho dovuto fare l'abitudine è la spiccata tendenza a aprire molto le ombre; mi è sembrata più accentuata che nelle reflex precedenti, il  che va bene in molti casi,

    garzetta.jpg.3f729d29b6da1f25b60bdb1c30d2561f.jpg

     

    Può capitare che con  soggetti molto chiari su fondo più scuro come per esempio libellule in luce diretta  o ardeidi dal piumaggio bianco, si rischi la bruciatura. Scattando a questi soggetti ho dovuto quasi sempre sottoesporre da -1/3 a -1/7 di diaframma, o correggere il raw in postproduzione.

    fulvaD500.jpg.d8d0bdcb5ccd2a8188992410323ac7c5.jpg

     

    spatola.jpg.3b1c5eb6853de9ccefbe1e5b641f3324.jpg

     

     

    In conclusione, non posso che essere entusiasta della D500, è secondo me la migliore fotocamera Nikon Dx per la macro e per la fotografia agli animali. Occorre dire altro?

     


     

    • Like 1
    • Thanks 2


    User Feedback

    Recommended Comments

    There are no comments to display.


×
×
  • Create New...