Jump to content

Massimo Vignoli

Redazione
  • Posts

    4,162
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    95

Everything posted by Massimo Vignoli

  1. La mia scelta: 1 - #12 - Grande scelta di luce e composizione funzionale ad evidenziare forme e colori. 2 - #8 - Un soggetto forte, di colore caldo e line arrotondate che contrasta con la fredda ed "acuminata" ambientazione. 3 - #9 Un'immagine costruita su un'idea che si vede applicare raramente: che sia lo sfocato a rubare la scena a quanto a fuoco.
  2. Non dovresti creare la variante, ma solo selezionare i nef da incollare tra di loro e, nel menù contestuale, trovare l'HDR o il panorama.
  3. Aggiungerei un cenno alle straordinarie prestazioni: tutte le lenti S sono ai vertici del mercato!
  4. Difficile dirlo senza poter vedere che fai esattamente….. ma di solito in questi casi l’utente sbaglia qualcosa. Sicuro, ad esempio, che stai selezionando solo file NEF? E che non stai selezionando due versioni dello stesso file? ….
  5. Perché più sono luminose, ovviamente se usate a tutta apertura, ed inferiore è la profondità di campo e con essa la tolleranza agli errori. Errori che il sensore così pixellato evidenzia senza pietà. A questo aggiungi che, poiché le reflex focheggiano a tutta apertura, risentono del focus shift delle lenti (variazione del punto a fuoco in base alla chiusura del diaframma). Uno dei motivi per cui le Z, fino a f5.6, focheggiano a diaframma chiuso. E potremmo pure parlare di altro fenomeno fisico come la curvatura di campo… Qui noi della redazione ti possiamo sembrare dei fan delle ML…. La verità è che con le ML si sono di botto risolti un mucchio di problemi (e, in onestà intellettuale, aperti altri…. Che però sono e saranno risolti mentre i problemi delle reflex non sono risolvibili perché derivati dai limiti della specifica tecnologia).
  6. No, non hai capito. La D850 non ha nessun problema di AF, di fatto se vista a 360 gradi è probabilmente la miglior reflex mai costruita, il problema lo hanno le lenti a starle dietro! È uno dei motivi per il quale le mirrorless inevitabilmente superano le reflex.
  7. Lo usavano, prima del 180-400, in Nord America per i grandi mammiferi. O in artico/antartico. Il 180-400, unito alle capacità agli alti ISO della D5/D6 lo ha sostituito sostanzialmente in tutti quegli usi. Da noi la penso come te, anche perché una lente così la compri se sei sicuro di usarla prevalentemente liscia. Partire pensando di moltiplicarla sistematicamente è una scelta di transito, in attesa che esca il 600, o….. una scelta stupida. Detto questo se ce ne daranno occasione la proverei volentieri perché il suo TC interno potrebbe darci delle sorprese, visto il rendimento del TC interno del 180-400. A dire che potrebbero aver fatto il miracolo (non credo, ma Nikon con le lenti Z mi ha stupito più di una volta).
  8. Eheheh la versione scientifica della mia impressione quando l'abbiamo provata: con la Z9 va tutto a posto... e pure di piuuuuuuuu!!!!!
  9. Massimo Vignoli

    Z9 : prime consegne

    Siamo la periferia della periferia. Se mi arriverà a fine marzo sarà già un successo!!
  10. Troppo presto per il mio articolo. Ma la prima impressione è che .... sarai felice di averlo fatto!
  11. Poterci mettere le mani sopra! Io però la vedo non solo come la macchina dello straordinario - fotografo quello/come non ho fotografato mai prima - ma anche quella dell'ordinario. Insomma è LA macchina e non una macchina. Ed il motivo è proprio che supera le ultime ammiraglie che sapevano solo essere una macchina ottimizzata per uno scopo specifico e di nicchia. La mia promessa, facile che sia deludente, è che io per scrivere il mio articolo voglio farci un numero di scatti adeguato a capirla, in condizioni di scatto molto eterogenee e su soggetti diversificati. E quindi servirà del tempo. Oppure, se tra 4 settimane starò partendo per il viaggio in cui iniziare il mio menage con lei, un prestito di un Nikonlander tanto speciale quanto altruista. Parafrasando... IL Nikonlander!
  12. Io pure a volte fatico a scegliere. In quei casi, mi aiuto con le ragazze - faccio vedere loro la mia selezione e chiedo cosa preferiscono e perché. È il parere esterno che aiuta a guardare le cose come sono e non come avremmo voluto che fossero. Ma la mia selezione, comunque, fa da imbuto nella direzione in cui voglio andare. Venendo alle tue immagini, per me le migliori sono prima ed ultima. Ma la prima, secondo me, avrebbe potuto essere anche meglio se avessi fotografato da più lontano e/o con una lente più wide. Questo perché lo scoglio nero e senza dettaglio è un po’ troppo incombente e dominante, ed in quanto nero si impone troppo nell’equilibrio complessivo. Forse è questa la radice del tuo dubbio?!?!
  13. Serie interessante, impreziosita da Dorka che è veramente spaziale. Ambientazione senza dubbio diversa, direi unica, ma secondo me la luce penalizza in modo sensibile il risultato finale. Nel senso che normalmente, così almeno sui tuoi lavori di anni più recenti, l’ illuminazione, che sia artificiale o una oculata scelta di quella naturale, caratterizza in senso positivo tutte le tue immagini.
  14. Bel lavoro è bella idea quella di condividerlo. Vorrei mettere sul tavolo due spunti di riflessione, per sentire che ne pensate: - dinamicità della fotografia. Io pure fotografo i paesaggi anche con il tele, mi piace un sacco, ma mediamente mi sembra che l’immagine risultante sia più “statica” in quanto lo schiacciamento dei piani toglie la tridimensionalità che, invece, una ripresa grandangolare articolata su primo piano, piano intermedio e sfondo enfatizza. Mie pippe o lo pensate anche voi? - per me la fotografia è anche raccontare la storia. Nel farlo trovo che si possa agire sia inserendo tutti gli elementi che lo fanno in un fotogramma sia realizzando, e qui il tele è lo strumento, n fotografie dei particolari che, insieme, fanno il racconto. Mai provato? Che ne pensate?
  15. Secondo me va lasciato settimanale. Lo scopo che vedo io è stimolare un flusso continuo di immagini e non tanto avere 20 o 30 partecipanti ogni settimana. Ma è un fatto di opinioni. Piuttosto ragionerei di affiancare al settimanale un contest mensile. Oppure rivedere il modello e farne solo a cadenza mensile, ma 3 o 4 in parallelo per raggruppare in categoria omogenea le immagini es. Natura, Uomo,.. - Le categorie le ho buttate di getto, ma per me quella del "calderone" è la difficoltà maggiore ora nella valutazione omogenea delle immagini. Ovvio che da questo verrebbe fuori che ciascun contest avrebbe 10-20 immagini al massimo....
  16. Occhio che se dai troppa nitidezza ti decolla dalla scrivania Enrico, scherzo: non sono un fan di Nikon e figuriamoci di Apple!!!!!
  17. Enrico, come ti ha detto Leo, la strada del multi core è aperta dal sw che è multithreading - cioè segue più linee di esecuzione contemporaneamente. Un singolo SW lo fa per se (es.: importo 1.000 immagini e le "renderizzo" tutte, a 4 alla volta perchè ho 4 core impiego 1/4 del tempo che farle una alla volta), il sistema operativo lo fa per tutti i sw (es. mentre importo quelle foto ascolto la mia musica, eseguo l'antivirus, scrivo una email.....). Intel produce processori ben prima di apple e.... da moltissimi anni sono tutti multi core. Il problemi di intel, oggi, sono 2: il primo è che usa l'architettura x86, che non è all'attualità nemmeno lontanamente la più performante (inventata nel 1978). Il secondo è che è rimasta indietro nel processo di miniaturizzazione dei transistor, quindi i suoi processori consumano un pozzo di corrente e per questo producono un mucchio di calore da dissipare, a parità di potenza di calcolo. Questi sono fatti e non opinioni. Detto questo: - non sono esperto di gaming perché faccio altro, per hobby e per lavoro, e delle macchine veloci Apple non ha l'esclusiva. Ma questi M1 hanno fatto, per primi, una cosa che nessuna altra macchina Intel è riuscita a fare prima di loro: hanno messo insieme potenza di calcolo elevatissima con consumo energetico minimale. Ci sta arrivando anche Intel e, come detto, spero che superi Apple e pure di brutto. - I sistemi di raffreddamento non sono un vanto ma una conseguenza negativa con la quale sei abituato a convivere. Vorresti un telefono con la ventola? o un televisore? ed allora perché pensi che in un portatile - che BTW vorrei usare appoggiato alle gambe senza sudare - sia una caratteristica positiva averne di super potenti? E' evidente che la caratteristica positiva è avere la potenza di calcolo che serve ma senza produrre il calore!
  18. Io avevo un imac 27" con i7 a 4GHZ e 16gb di ram: il mio macbook air M1 16gb di ram gli corre intorno: parlo ovviamente di SW nativo per M1 e non emulato via rosetta. Il video di Alberto è di test primordiali, su youtube ce ne sono un mucchio che confrontano varie macchine e vari SW di fotoritocco. Di questi, all'attualità, pare che COne sia quello che va meglio perché a differenza delle ciofeche di Adobe usa meglio i vari core sia di CPU che di GPU ed è qui che il SOC, non dovendo più copiare i dati tra RAM e memoria della scheda video, fa la differenza. 16GB, per questo, sono il massimo che M1 di prima generazione consente ma anche il minimo che serve. In questo c'è il grosso del limite che tratteggia Mauro. Se dovessi comprare ora comprerei una macchina superiore con 32GB (cioè un MacBook Pro). Ma COne su M1 prima serie si ingoia i file della Z9 senza battere ciglio. Di SW Adobe non so che dire: ho disdetto l'abbonamento diversi mesi fa mai installato LR o Photoshop sul M1. Guarda su YouTube.
  19. Sicuramente il fatto che sia una big a pieno titolo (anzi, direi la big) ed abbia un bisogno di rilancio sul mercato importante crea le condizioni per avere investimenti e possibilità sia di fare progetti interessanti sia di guadagni significativi. La coppia tra le due cose è molto attrattiva per i manager di alto livello! Sull’architettura degli M1, così come in altri settori, do poco credito ai pettegolezzi. Quello che so, come ho detto, è che il più piccolo di loro, senza ventola, sa eseguire molto rapidamente un sw da ritocco fotografico. Nessun Intel c’è mai riuscito prima. I nuovi M1 Max ed M1 Pro sono velocissimi….. vedremo cosa porteranno i futuri M2, che di sicuro supereranno i limiti degli M1. Francamente io spero che Intel non solo superi gli M1 ma faccia vedere i sorci verdi ad Apple, per riuscire a stare sul mercato nel suo approccio autarchico uguagliando e superando, nel tempo, quello che specialisti come Intel fanno e faranno. È la competizione che serve. Come sarebbe stata la Z9 se la A1 non fosse esistita?
  20. Secondo me ti fai troppe domande e cerchi di razionalizzare qualcosa che funziona bene così com’è: poiché fotografi per piacere dovresti semplicemente fotografare quello che massimizza il tuo piacere. Non è importante se questo sia “rifare meglio” foto già fatte o fare cose mai fatte prima, ma il fatto che facendolo ti diverti e stai bene. E che, quindi, hai piacere di andare a fotografare ogni volta che puoi. Cosa diversa è se ti dai un obiettivo più di lungo termine per il quale, nel transitorio, potresti dover “investire” tempo facendo cose che non ti appagano perché speri lo faranno. Detto questo, a me le tue macro non più così macro piacciono un sacco!
  21. Io credo che la concorrenza faccia benissimo sia alle aziende sia ai clienti. È lo stimolo ad andare più veloci ed a fare meglio. Da utente Apple convinto, spero sinceramente che Intel tiri fuori al più presto qualcosa che non solo cancelli il gap con gli M1 ma che vada molto più veloce e consumando ancora meno energia. Così Apple ci farà gli M2!!! Ma occorre sapere che in questi mesi la mia workstation per il fotoritocco è un Mac book AIR M1 con 16Gb di memoria condivisa: il più lento tra gli M1 e pure senza ventole (cioè assoluto silenzio)…. che però… fa volare CaptureOne 😂😂😂😂
  22. Vista solo perché l’hai indicata. Se devo fare il sofista, a me da più fastidio il vaso (più fastidio della caldaia, non fastidio in termini assoluti).
×
×
  • Create New...