Jump to content
  • Nikonland Admin

    Nikon Prostaff P3 8x30 : prova

    Ne accennavamo un paio di anni fa dopo la prova del Prostaff 7s 8x30 che ci sarebbe piaciuto provare quello della nuova linea appena annunciata.

     

    è arrivato adesso, praticamente il modello di ingresso, un Prostaff P3 8x30.

    I binocoli della nuova linea Prostaff hanno caratteristiche simili tra le tre famiglie

    889502210_Immagine2022-06-09075905.thumb.jpg.42889a7e2bbfb355fc0ba0559274dffe.jpg.f596da1a55d91805bca4f7580c685b28.jpg

    1476527401_Immagine2022-06-09075804.thumb.jpg.2b0a0e48e7a9d246bb93a68ef9c06056.jpg.b3ab312d5ad5466718c5750743d39c6e.jpg

    quello che cambia, essenzialmente, è il trattamento superficiale delle lenti.

    Il punto debole del Prostaff 8x30 della passata stagione era il campo visivo apparente limitato (115 metri a 1000 di distanza) dovuto ad un angolo di campo ridotto.

    Nella nuova serie hanno migliorato nettamente questo parametro. Siamo praticamente di fronte ad un grandangolare, il più ampio disponibile con oltre 152 metri ( 8,7°).

    Ma è migliorato praticamente tutto e un confronto tra i due - il Prostaff 8x30 della precedente generazione lo abbiamo in casa - è evidente.

    Il tempo di accomodamento degli oculari è più rapido.
    Resta comunque non immediato, in quanto le dimensioni non aiutano.
    Ma a differenza dell'altro, il nuovo è più facile da usare se si portano gli occhiali (nel vecchio è preferibile toglierli).
    E' anche più immediato centrare la distanza tra gli occhi e rapidamente si raggiunge una visione completa. E' un pò più macchinosa la regolazione diottrica. Ma ci si fa la mano.

    Nonostante il binocolo in prova sia un P3, la visione è più chiara di quella del vecchio 7s.
    Sia da pochi metri che da decine di metri, leggiamo con chiarezze le scritte.
    Riusciamo a leggere a tre metri di distanza ciò che è riportato sul lato della scatola di costruzione di un kit modellistico come se l'avessimo davanti (anzi, meglio).

    Aberrazioni cromatiche presenti ma bisogna cercarle nelle zone di passaggio di luce tra linee rette secche.

    Distorsione controllata e resa meno evidente dal campo visivo inquadrato più ampio

    Visione effettivamente (molto) più grandangolare.
    Essendo un binocolo da osservazione e "scoperta", ci piace il maggior campo inquadrato ad ogni distanza, apprezzabile particolarmente sopra ai 20-30 metri di distanza.

    La messa a fuoco è precisa e abbastanza rapida. La meccanica della regolazione è fedele.

    ZFC_9095.thumb.jpg.38c3becfbc7e4d98941db2ef99fe3053.jpg

    ZFC_9092.thumb.jpg.89fbeca906162e81bbb785ad7e728713.jpg

    esteticamente, come nelle ultime serie, il binocolo ha perso ogni iscrizione dorata e non c'è nulla che possa riflettere o dare nell'occhio.
    Un valore quando non si vuole essere scoperti o notati.

    ZFC_9101.thumb.jpg.5022dc5ab3b0b52e56d59dfdd370b37c.jpg

    dettaglio della regolazione dell'oculare destro

    ZFC_9098.thumb.jpg.10fe762ea6b7183e8af78b8584f378a6.jpg

    la rotella di controllo della messa a fuoco

    ZFC_9097.thumb.jpg.8c2d807438959f8eac5efceb80a4a871.jpg

    le iscrizioni del modello, ricavate per incisione sopra alla copertura

    ZFC_9111.thumb.jpg.16e700d0e92aec0c9f7365c5e7a929c9.jpg

    compatto, sta in una mano anche con gli oculare estesi

    ZFC_9102.thumb.jpg.798478ceb775bb9abeba0ff0fa0f4c8f.jpg

    ZFC_9090.thumb.jpg.ff2c524e2c71e062d8a189f6cc0698e7.jpg

     

    dove notiamo un peggioramento è nella finitura esterna, gommosa, come i Monarch che è molto prona a sporcarsi.
    In queste foto l'abbiamo lasciato volutamente allo stato naturale.
    I segni bianchi derivano semplicemente dall'averlo maneggiato.

    ZFC_9117.thumb.jpg.b03260170655c8c53b4ff95aaff7784b.jpg

    la differenza rispetto al modello precedente salta all'occhio subito.

    E' più grosso, più "importante", più "tozzo", meno elegante.
    Più rapido ma meno rifinito. E decisamente - nell'aspetto - più "economico".
    Dove Nikon ostentava i suoi usuali marchi dorati, adesso c'è un anonimato più da professional.
    La regolazione della correzione diottrica sul vecchio è decisamente agevolata dalla zigrinatura.
    Nel nuovo invece bisogna affidarsi al tatto.

    Detto questo, non è l'estetica che conta né l'eleganza ma l'uso.

    E in questo non ci sono paragoni, questo Prostaff P3 ci sembra a tutti gli effetti, nettamente superiore al precedente, pur di categoria superiore e non esiteremmo a cambiarli.

    Pensiamo che un 8x30 compatto da mezzo chilo debba essere nel corredo di ogni appassionato. Trova facilmente posto e non impegna, né nella borsa né nel portafogli.

    ZFC_9087.thumb.jpg.736e70fb0907bfc54be5d1c8d02f5e74.jpg

    ZFC_9119.thumb.jpg.78a683ed0bca6a6d492360ab17f5f0c0.jpg

    la dotazione invero è minimale : la custodia in cordura, una cinghietta (qui non illustrata) e i coprioculari e copriobiettivi "a perdere", da raccordare con la cinghietta.

    ZFC_9120.thumb.jpg.85d4771067cde4502bf0a9e1b5ba8d1b.jpg

    la confezione, tutta nera, è un classico.
    La garanzia si conferma in 10 anni.

    ZFC_9122.thumb.jpg.2c29fb2f8c4d9858dd1d2511ceb1afc2.jpg

    ZFC_9124.thumb.jpg.7e84e9a3559a7681f51a4c8f0b9b8bf2.jpg

    prodotto chiaramente in cina.

    ZFC_9112.thumb.jpg.88a15630732be85393c14c8f79b0961c.jpg

    ZFC_9115.thumb.jpg.b4df26a00f2f90004efce521313ba7b3.jpg

    ZFC_9088.thumb.jpg.fd95138e33cb47e894292a3aeee744f2.jpg

    Ma in estrema sintesi e tenendo a mente che si tratta di un oggetto entry-level da meno di 200 euro di listino, ci è piaciuto molto.

    Raccomandiamo - se possibile - ai portatori di occhiali interessati ad acquistarlo, di provarlo prima se un negozio lo consente.
    Noi ci siamo trovati bene ma potrebbe creare qualche difficoltà ad alcuni (non tutti gli occhi, gli occhiali, le teste, sono uguali).
    Ma in termini di prestazioni non crediamo che ci si troverà da ridire.

    Resta quella strana sensazione di schiacciamento prospettico che porta gli oggetti lontani ad diventare sottili, perdendo di tridimensionalità.
    Un effetto che tende a falsare la visione.
    Che però è chiara, nitida, scolpita, come in binocoli di categoria superiore.

    Ricordando però che non è certo un 8x30, il binocolo da usare in condizioni di scarsa luminosità o per distinguere soggetti piccoli e lontani.
    Non è un oggetto da sfoggiare, anzi, all'aspetto, si presenta modesto.
    Ma forse questo porterà a scoraggiare i malintenzionati ... e di questi tempi ciò può essere considerato un plus.

    User Feedback

    Recommended Comments

    There are no comments to display.



    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Add a comment...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...