Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'sendai'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Categories

  • Editoriali
  • News
  • Nikon Z
    • Nikon Z : Test e Prove sul Campo
    • Nikon Z : Esperienze d'Uso
  • Test
    • Fotocamere Reflex
    • Obiettivi Nikon
    • Obiettivi Sigma
    • Altri Obiettivi
    • Fotocamere Sigma
    • Flash
    • Accessori
    • Guide all'acquisto
  • Evidenza
  • Grandi Fotografi Nikon
  • Storia Nikon
  • Wildlife Photography

Forums

  • Il forum di Nikonland 2.0
    • Faccende riguardanti Nikon Z
    • Tutto Quanto Riguarda La Fototgrafia
  • EffeLand Forum - il club delle reflex Nikon
  • Il Club dei Nikonisti's Archivio Vecchie Discussioni
  • Il Club dei Nikonisti's Piccolo Mercatino
  • Il Club dei Nikonisti's Materiale Fotografico
  • Il Club dei Fotografi di Nikonland's Discorsi sulla Fotografia e sui Fotografi
  • Il Club dei Fotografi di Nikonland's Le nostre foto
  • Il Club dei Fotografi di Nikonland's Fotografie dei selvatici
  • Il Club dei Fotografi di Nikonland's Contest Fotografici

Blogs

There are no results to display.

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Corredo Fotografico (sintetico !)

Found 2 results

  1. Proseguendo il nostro ideale viaggio per il Giappone torniamo a parlare di Sendai, ed in particolare dello Zuihoden, ovvero del Mausoleo di Date Masamune. Stiamo parlando di uno dei più potenti daimyō, vissuto a cavallo tra la fine del periodo Azuchi-Momoyama e l’inizio del primo periodo Edo. Era soprannominato dokuganryū (独眼 竜), che significa “il drago con un occhio solo” o anche “il drago con un occhio solo di Ōshu”, per la benda che copriva il suo occhio destro, perso a causa di una malattia. Date Masamune viene ricordato per essere stato il fondatore della città di Sendai su cui esercitava il suo potere dal castello di Aoba, del quale però resta soltanto uno spiazzo vuoto e un monumento al suo signore. La costruzione del mausoleo risale al 1637 dopo la morte di Date Masamune. Considerato dal ‘tesoro nazionale’, fu completamente distrutto da un incendio provocato dai bombardamenti statunitensi nel corso della Seconda Guerra Mondiale. Una prima ricostruzione è stata portata a termine nel 1979 mentre nel 2001, in occasione del 400° anniversario dalla fondazione della città, è stata effettuata un’ulteriore opera di ricostruzione volta a ripristinare quanto più possibile l’aspetto originale. Il progetto del mausoleo risale al periodo Momoyama ed è caratterizzato dall’utilizzo di una varietà di colori vivaci e da una complessa lavorazione del legno. L’accesso all’area si ha salendo una breve scalinata e i percorsi al suo interno sono circondati da imponenti alberi di cedro, metafora della lunga storia del clan. Nell’adiacente museo Zuihoden sono conservati i cimeli del clan Date rinvenuti con gli scavi effettuati dopo il bombardamento. Date Yasumune, l’attuale discendente del clan, ha ricoperto il ruolo di direttore del museo oltre che del Date Taiyama Bunko e della Tohoku Broadcasting Culture Corporation. Si occupa, inoltre, del restauro del patrimonio storico della famiglia Date. Nelle vicinanze del mausoleo di Date Masamune sorgono quelli del figlio, Date Tadamune, e del nipote, Date Tsunamune. Il primo, denominato Kansenden, fu costruito nel 1664 e venne anch’esso distrutto nel 1945 per essere ricostruito nel 1985. Il secondo, collocato al suo fianco, è lo Zennōden, che fu completato nel 1716, poi ricostruito nel 1985 e riparato nel 2007. Ricordiamo anche Il Myōnkaibyō, dove si trovano le stele di Date Chikamune e Date Nariyoshi, rispettivamente nono e undicesimo daimyō di Sendai, oltre allo Okosamagobyō, un luogo poco visitato dove sono sepolti molti bambini del clan Masamune. « Zuihoden è un posto molto carino per entrare nel mondo di Date Masamune, i suoi discendenti e le persone associate alla famiglia Date. Visita il museo in loco per vedere i manufatti delle tombe di Zuihoden. Ti consiglio anche di dedicare un po 'di tempo a goderti alcuni dei bar nelle vicinanze! » https://www.zuihoden.com le informazioni contenute in questo articolo sono tratte da Zuihoden https://www.japan-guide.com/e/e5153.html https://www.japanvisitor.com/japan-city-guides/zuihoden https://visitmiyagi.com/articles/zuihoden-mausoleum/ https://www.tohokuandtokyo.org/spot_80/ https://en.wikipedia.org/wiki/Zuihōden https://www.zuihoden.com/ https://www.tohokuandtokyo.org/spot_80/?language=it http://hsuchia.blogspot.com/2019/06/tohoku-2016-miyagi-sendai-zuihoden-mausoleum.html Date Masamune https://it.wikipedia.org/wiki/Date_Masamune https://en.wikipedia.org/wiki/Date_Masamune http://stanzegiapponesi.altervista.org/date-masamune/?doing_wp_cron=1588614762.4810609817504882812500 Date Yasumune https://it.wikipedia.org/wiki/Date_Yasumune https://en.wikipedia.org/wiki/Date_Yasumune つづく
  2. La settima tappa del viaggio in Giappone ci porta nella città di Sendai. Sendai è il capoluogo della prefettura di Miyagi e, col suo milione di abitanti circa, la più grande città della regione del Tohoku. A Sendai si volge uno dei Matsuri più importanti della regione: il Tanabata. Mentre nel resto del Giappone questa ricorrenza cade il 7 luglio, a Sendai si tiene un mese dopo, il 7 agosto e le manifestazioni legate ad esso si svolgono in tre giorni, dal sei all’otto di agosto. Ma cos’è il Tanabata? Il Tanabata (七夕 che letteralmente significa "settima notte") è una tradizione nipponica che però di rifà a una leggenda di origine cinese. Questa leggenda narra la storia di una bellissima principessa, Orihime, figlia di Tentei, l’imperatore del cielo, dedita alla tessitura degli abiti degli dei, e di un mandriano, Hikoboshi, il cui compito è quello di stare a guardia delle greggi celesti. Orihime e Hikoboshi rappresentano, rispettivamente le stelle Vega e Altair. Tentei, vedendo sua figlia triste, decise di farla incontrare con Hikoboshi per dargliela in sposa. Tra i due scoppiò un amore a prima vista che li portò, però, travolti dalla passione, a trascurare i propri compiti. Tentei, adirato, decise di punire i due innamorati facendo in modo che non si potessero più vedere, separati dal fiume celeste, la Via Lattea. Si narra che, impietosito dalla disperazione della figlia, Tentei concesse loro di potersi incontrare, attraversando il Fiume Celeste, una volta all’anno, il settimo giorno del settimo mese, il giorno, appunto, del Tanabata. Esistono varie versioni di questa leggenda, molte delle quali legate all’astronomia. Tra queste una versione molto conosciuta è ambientata in Cina, sulle rive del fiume Han. In questo luogo, si dice, viveva la figlia del sovrano della regione, abilissima tessitrice che, in età da marito, venne data in sposa a un giovane pastore. Anche in questo caso i due giovani, travolti dalla passione, abbandonano i loro doveri per essere poi crudelmente separati. Per il fatto che i cinesi sono un popolo dedito allo studio del cielo e dei suoi fenomeni, a questa storia venne dato uno scenario celeste. Con l’introduzione del calendario gregoriano, alla fine dell’ottocento, la festa del Tanabata è venuta a coincidere con il sette luglio, mentre in precedenza il calendario utilizzato era quello lunisolare per il quale l’anno inizia a febbraio. Secondo questo calendario il settimo mese cade ad agosto e ciò spiega il motivo per cui in molte zone del Giappone i festeggiamenti siano rimandati di un mese rispetto alla data fissata del 7 luglio. La festa del tanabata fu importata dalla Cina in Giappone dall’imperatrice Kōken nel 755. La sua origine si deve al Kikkōden (乞巧 奠festa per pregare per le abilità), versione nipponica del Qīxī che veniva celebrato in Cina e che fu adottato dal Palazzo Imperiale di Kyoto nel periodo Heian. È nel periodo Edo, però, che diventò popolare tra i giapponesi, quando le celebrazioni si uniscono all’obon (che all’epoca cadeva il 15° giorno del 7° mese) dando così origine al Tanabata come lo conosciamo oggi. Il matsuri di Sendai risale all’epoca di Date Masamune, leader del clan Date e fondatore della città. I kisudama, le decorazioni con cui viene addobbata la città, originariamente avevano la forma di un fiore. Hanno assunto l’aspetto attuale nel 1946 su iniziativa del proprietario di un negozio ubicato in centro città. Insieme alle stelle filanti fukinagashi, sono le decorazioni moderne più famose del Tanabata. Onnipresenti nella vita dei giapponesi, anche qui non potevano mancare i personaggi dell'animazione (in questo caso Takami Chika e, nella foto successiva, Kurosawa Ruby di "Love Live! Sunshine!!") I tanzaku sono delle striscioline di carta che simboleggiano i fili di seta intrecciati da Orihime e sui quali vengono scritti i desideri o le preghiere, anche in forma di poesia, da rivolgere alle stelle. Questi ‘foglietti’ vengono legati a un ramo di bambù e poi bruciati per consentire loro di raggiungere le divinità. Questa usanza ebbe origine nel periodo Edo, quando i desideri dei bambini erano di migliorarsi nella scrittura, per cui si allenavano a scrivere vari caratteri su piccoli ritagli di carta. Per le bambine il desiderio, invece, era di migliorarsi nelle attività manuali. Gli orizuru, o gru di carta, sono un tipo di origami e per la precisione quella che ne è considerato la forma più classica. L’orizuru rappresenta la gru della Manciuria e si ritiene che porti salute, protezione e lunga vita alle famiglie. Ciò perché secondo tradizione vivrebbe fino a 1000 anni. Questo particolare tipo di origami è legato alla storia, per chi la conosce, della piccola Sadako e della sua tragica fine causata da una delle bombe atomiche (ne ho scritto in un articolo precedente tempo fa). Eventi come spettacoli teatrali, danza tradizionale, musica dal vivo e intrattenimento si svolgono in piazza Shimin Hiroba, nel Parco Kotodai e lungo la via Juzenji Dori. Sono sempre presenti le immancabili bancarelle col cibo. Piccole idol crescono... つづく
×
×
  • Create New...