Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'experience'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Categories

  • Editoriali
  • News
  • Mondo Nikon Z
    • Nikon Z : Test fotocamere
    • Nikkor Z : Test obiettivi Nikon
    • Test obiettivi compatibili con Nikon Z
    • Adattatori Autofocus per Nikon Z
    • Accessori e altro per Nikon Z
  • TestMondo Reflex Nikon
    • Fotocamere Reflex
    • Obiettivi Nikon
    • Obiettivi Sigma
    • Altri Obiettivi
  • Altri Test
    • Fotocamere Sigma
    • Flash
    • Accessori
    • Guide all'acquisto
    • Software
  • Evidenza
  • Grandi Fotografi Nikon
  • Storia Nikon
  • Wildlife Photography

Forums

  • Il forum di Nikonland
    • Due chiacchiere in compagnia
    • Faccende riguardanti Nikon Z
    • Tutto Quanto Riguarda La Fotografia
  • EffeLand Forum - il club delle reflex Nikon
  • Nikonland Models's Tutto ciò che gira attorno a fotografare le modelle
  • Materiale Fotografico : Il Club dei Nikonisti's Forum : software e hardware (programmi e computer)
  • Materiale Fotografico : Il Club dei Nikonisti's Forum : Piccolo Mercatino
  • Materiale Fotografico : Il Club dei Nikonisti's Forum : Materiale Fotografico
  • Materiale Fotografico : Il Club dei Nikonisti's Forum dedicato alle Reflex Nikon
  • Fotografie e Fotografia : Il Club dei Fotografi di Nikonland's Discorsi sulla Fotografia e sui Fotografi
  • Fotografie e Fotografia : Il Club dei Fotografi di Nikonland's Le nostre foto
  • Fotografie e Fotografia : Il Club dei Fotografi di Nikonland's Contest Chiusi
  • Fotografie e Fotografia : Il Club dei Fotografi di Nikonland's Contest in Corso
  • Il Club di Max e Mauro's Lo chiedo a Max o a Mauro
  • BWV 988 : Variazioni Goldberg's Forum di Variazioni Goldberg
  • Mauro's War Room's Si vis pacem
  • Wildlife Club's Fotografie dei selvatici

Blogs

  • Editor's Blog
  • Silvio Renesto
  • Roby c
  • Consigli per comprare e vendere bene
  • PhotographyWord
  • il blog di Gianni54
  • Massimo Vignoli
  • Tentativi di Riky
  • Muncias
  • IL Migliore Amico dell'uomo
  • C'era una volta ... Simona
  • Il blog di Alberto Salvetti
  • Quattro chiacchiere con...
  • G.B OMBRELLO
  • Il Blog di Gianni
  • Blog di Vento
  • Blog di Egidio65
  • Il Giurnalett
  • Il blog di Davide D.
  • Il blog di Pedrito
  • Cris7-BLOG
  • effe
  • Profili di Grandi Fotografi
  • Max Aquila photo (c)
  • Strettamente personale
  • Sakurambo's Blog
  • Il Blog di Fab Cortesi
  • Il blog di happygiraffe
  • Blog di Dario Fava
  • Comments
  • Giannantonio
  • [social] Considerazioni varie
  • Il blog di Marco
  • Nicola
  • Limited Edition
  • Crimini e Misfatti
  • ALBERTUS
  • Viandante
  • Blog di Nikonland
  • Diario di un pigro
  • Likethelight
  • Esperienze
  • Il blog di bimatic
  • Rossblog
  • Lo Zibaldone
  • Gruccioni
  • Il blog di pantaraf
  • Per Ardua ad Astra
  • Il Blog di Saverio Antinori
  • Il blog di Paolo
  • Il blog di Piermario
  • Nikonland Models's Blog Modelle
  • Il Club di Max e Mauro's Wind and Wuthering
  • Il Club di Max e Mauro's Politicamente scorretto
  • Il Club di Max e Mauro's Omnia Vincit Amor et nos cedamus amori
  • BWV 988 : Variazioni Goldberg's BWV 988 : Recensioni di Musica
  • BWV 988 : Variazioni Goldberg's BWV 988 : Recensioni Audio
  • BWV 988 : Variazioni Goldberg's Storie di Musica
  • Mauro's War Room's Achtung Panzer !
  • Mauro's War Room's Guerre e Battaglie
  • Mauro's War Room's Armi e Armati
  • Wildlife Club's Blog
  • Wildlife Club's Il naturalista racconta

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Corredo Fotografico (sintetico !)

Found 5 results

  1. A complemento dell'articolo di Max, sperando di far cosa gradita, aggiungo questa mia breve esperienza con il 24-120mm f4 S, gentilmente prestatomi dall'amico Alberto. Tutte le foto (tranne quella che riprende me) scattate con Nikon Z6 e 24-120mm f4 S, minima o nessuna postproduzione. Cliccateci sopra per aprirle. Una passeggiata dalle parti di piazza Gae Aulenti a Milano. Poca gente tutta giustamente mascherata, ma proprio per questo poco attraente, per cui mi sono dedicato più che altro all'architettura aggiungendo qualche dettaglio per offrire spunti per valutare questo zoom e alla fine, ma molto brevemente, la mia impressione d'uso. Quindi pochissimo testo ma tutti i dati di scatto, per chi fosse interessato. Cominciamo: La fontana-laghetto di Piazza Gae Aulenti si presta a giocare con i riflessi degli edifici: 69mm f8, 1/80s, 400 ISO +07 sovraesposizione. 69mm f4, 1/250s, 200 ISO, + 0,7 sovraesposizione. Una panoramica un po' più ampia 28mm f8, 1/80s, 400 ISO 24mm 9, 1/320s, 220 ISO Magari vi aspettereste almeno un po di fringing, qualche aberrazione lungo il tetto dell'edificio dove il contrasto è maggiore? Invece no! Guardate questo crop 100%: Ancora qualche scorcio: 24mm f4, 1/1000s, 220 ISO. 63mm f4, 1/250s, 140 ISO Curiosa ex casa di ringhiera con simpatico murales, peccato per la sponsorizzazione ... 64mm f5.6, 1/320s, 100 ISO Milano è anche questo (quasi controluce, ritaglio a 16/9): 75mm f9,1/320s, 180 ISO Un tentativo quasi astratto: 24mm f9, 1/250s, 1250 ISO, + 0.7 compensazione esposizione. Un pochino di street, ma poco poco: 77mm f5.6, 1/320s, 360 ISO 120mm f8, 1/250s, 400 ISO, + 0.7 compensazione esposizione. Qualche dettaglio, a tutta apertura, così per dare un'idea dello sfuocato eccetera eccetera . Questi almeno non hanno la maschera... 90mm f4, 1/100s, 220 ISO. 120mm f4, 1/1000s, 110 ISO. Volete un crop? Eccolo! Nitidezza? Basta chiedere: Occhio al passero. 120mm f5.6, 1/100s, 500 ISO Crop 100% (cliccare sopra): A chiudere, le mie impressioni, anzi la mia impressione: Gli entusiasti fanno bene ad essere entusiasti. Anche questo zoom si allinea qualitativamente agli altri obiettivi della serie S, resa impeccabile, ergonomia che crea dipendenza (leggete l'articolo di Max per i dettagli), confesso: non riesco ad essere obiettivo su questi obiettivi ! Bene dovrebbe essere tutto... ah no! Non sarei io se non mettessi un gatto, giusto? Allora eccovi la Mascotte del Giardino di Via Pepe! 120mm f4, 1/250s, 560 ISO, + 0.7 compensazione esposizione. Date queste premesse, non vedo l'ora di avere in mano il 100-400mm f5.6 S CIAOOO! Foto di Alberto Varasi (con la mia Nikon Zfc).
  2. Gianni Ragno, amico dai tempi del Liceo e , come ho già scritto più volte, responsabile della mia conversione al nikonismo, da un po' è passato anche lui alle mirrorless con la Nikon Z50, acquistando il kit con i due zoom 16-50mm e 50-250mm. Ho raccolto e pubblicato le sue impressioni sulla piccola Zeta e sulle mirroless in generale. Tutte le foto sono di Gianni Ragno tranne la prima che lo ritrae (ambientato ). Per inquadrare il Gianni fotografo, posso dire che predilige soprattutto scorci di architetture urbane, poi i paesaggi, dove usa anche la Sigma Sd1 Merrill; ma pratica volentieri anche la macrofotografia, lo street e, a piccole dosi, la "wildlife photography". Come è avvenuto il tuo passaggio a mirroless? Fondamentalmente per curiosità, perchè quando arriva una innovazione tecnologica anche un fotoamatore vuole conoscere le potenzialità offerte dalle nuove attrezzature. Inoltre, il futuro è mirrorless, quindi meglio imparare al più presto a conoscere questo mondo. In passato avevo già potuto apprezzare in una bridge ed in una compatta di poter usufruire del vantaggio di inquadrare e mettere a fuoco in condizioni precarie di luce così come consentito oggi dalle mirrorless. Per quanto riguarda gli obiettivi, sono convinto che potremo avere ottiche più compatte ma ugualmente performanti, soprattutto per il formato APS-C. A questo proposito, come mai hai optato per il formato APS-C? In passato avevo già avuto modo di apprezzare con la D2x e la D7100, avendole usate a lungo, i vantaggi del sensore più piccolo, soprattutto nella macro e nella caccia fotografica. Già allora come fotomatore ero soddisfatto della qualità dei file che producevano nonstante le critiche comparse in rete. Per le mie esigenze di fotoamatore producevano una qualità di immagine adeguata. Con la D500 la qualità è ulteriormente migliorata e lo stesso vale per la Z50, quindi non posso che confermare che sono soddisfatto della qualità di immagine fornita da questo tipo di formato. E' mia opinione che la possibilità di costruire un sistema parallelo al formato pieno, con corpi e ottiche compatti ma di qualità come rivelato già dagli zoom del kit, possa avere un futuro, soprattutto se i costi fossero contenuti. Come ti sei trovato con la Z50? Mi sono "ambientato" rapidamente con la fotocamera, perchè avevo già utilizzato il mirino elettronico ad es. sulla Nikon P900, qui notevolmente migliorato. Le dimensioni sono adeguate, nè troppo piccole nè troppo grandi ed i comandi anche se un po' diversi da quelli delle DSLR, sono comodamente accesibili. Il peso e l'ingombro contenuti per me rappresentano un vantaggio soprattutto nelle lunghe camminate quando faccio foto "urban". La Z50, accoppiata al piccolo 16-50 può diventare un ottimo sostituto di una compatta per tutti gli usi anche occasionali, e spesso mi è capitata di usarla in questo modo, lasciando a casa il corredo reflex. Come per le altre Z, la messa a fuoco è molto precisa ed ho potuto apprezzarlo soprattutto nella macrofotografia in quanto la scomparsa dei problemi di back e front focus ha ridotto considerevolmente gli "scarti". Nella fotografia notturna e a luce ambiente ho ritrovato di poter visualizzare l'inquadratura anche in condizioni di luce scarsa o quasi al buio. Come per tutte le altre mirrorless, la capacità di previsualizzare l'esposizione è un altro vantaggio innegabile, soprattutto in certe condizioni di luce. Tu hai comprato il kit experience, qual'è il tuo giudizio sugli obiettivi 16-50 e 50-250? Sono soddisfatto della qualità di entrambi, per gli usi che devo farne. Soprattutto mi ha sorpreso positivamente il 50-250, accoppiato alla lente addizionale Nikon 5T, nella fotografia macro sul campo. Penso di aver ottenuto risultati migliori rispetto al precedente corredo sia nella precisione della messa a fuoco che nella sensazione generale della nitidezza. Devo dire che anche la resa cromatica è più che soddisfacente. A parte gli obiettivi del Kit hai usato altre ottiche con l'FTZ? Ho provato nella caccia fotografica il nikon 200-400 f4 e nella fotografia di street il 12-24 Sigma, quando avevo bisogno di un grandangolo spinto, pur non essendo un fulmine, l'FTZ ha funzionato. Grazie Gianni, ci salutiamo con un tuo ritratto ai due compagni di uscite, Alberto (con i capelli) ed il sottoscritto (con gli occhiali ) .
  3. Ecco alla prova dei fatti la freschissima Nikon Z5 che abbiamo in visione (E' in esemplare ancora di preserie, quindi non chiedeteci i soliti test di rumore sottoesposti di 1.000.000 di stop perchè non vi accontenteremo) Perchè è uscita abbastanza in sordina ma tra meno di un mese sarà in negozio e sarà il caso di parlarne, no ? Domenica ho detto al mio amico Rossano Rinaldi, professionista abituato a dirigere set con più modelle, "lascia la tua D750 in borsa ed usa questa macchina nuova". Lui usa Nikon da 15 anni ma tutta la sua esperienza con le Nikon Z è stata una mezz'ora con la Z50 e il Nikkor Z 50/1.8S. Qui invece ha avuto a disposizione oltre alla Z5, il Nikkor Z 70-200/2.8 S, il Nikkor F 70-200/2.8E FL, il Nikkor Z 24-70/2.8 S, il Nikkor Z 24-70/4 S e persino il Nikkor Z 24-50/4-6.3 in dotazione alla Z5. La nuova Nikon Z5 accetta schede SD, due schede SD per ridondanza o per backup, sia UHS-II che UHS-I "Ma aspetta", mi chiede," la mia scheda qui dentro non ci va, vero ?" "Sbagliato, guarda", gli dico io aprendo il vano memorie della Z5, "c'è già dentro la mia SD, aggiungi la tua che la macchina è già impostata per fare il backup in automatico ad ogni scatto". Abbiamo due ore di noleggio al Cross+Studio di Milano, usiamo luce naturale dai grandi finestroni e in qualche caso la schiarita di un LED con un ombrello gigante. Rossano mi chiede qualche informazione sulle modalità di messa a fuoco. Gli dico di non insistere con le sue abitudini e di sfruttare le caratteristiche della macchina, per lo più il riconoscimento dell'occhio e le qualità delle ottiche. Lui scatta in manuale puro e generalmente ha impostata la visualizzazione dello scatto appena fatto con la D750. Qui non ne ha bisogno perchè vede la foto ancora prima di scattare. Nikon Z5 + Nikkor Z 24-70/2.8 S "Guarda", gli dico io, "puoi cambiare la sensibilità con questa ghiera interna dell'obiettivo" (nei due zoom f/2.8) così se ti serve puoi schiarire o scurire il tono dell'immagine senza toccare tempo e diaframma. Nikon Z5 + Nikkor Z 24-70/2.8 S Dopo una decina di minuti lo lascio da solo mentre io mi dedico all'altra modella. Ogni tanto mi chiede qualche altra cosa ma vedo che ci si mette d'impegno. Nikon Z5 + Nikkor Z 70-200/2.8 S Morale niente del suo corredo esce dalla sua borsa e fotografa solo con la Z5 e perlopiù con i Nikkor Z. Ci spostiamo all'esterno, per qualche scatto di fashion per strada. Nikon Z5 + Nikkor Z 70-200/2.8 S a 120mm Nikon Z5 + Nikkor Z 70-200/2.8 S a 200mm Nikon Z5 + Nikkor Z 24-50/4-6.3 a 44mm Nikon Z5 + Nikkor Z 24-50/4-6.3 a 50mm Il risultato non programmato e non commissionato potrebbe tranquillamente essere pubblicato in un editoriale su una rivista senza troppi problemi. La mano c'è ma gli strumenti lo seguono anche nella lettura "a prima vista". Alla fine ci fermiamo per qualche considerazioni insieme. Sulle modalità di uso della macchina. - il riconoscimento dell'occhio va bene e le foto vengono quasi sempre perfettamente nitide anche in condizioni abbastanza al limite. Ma riusciamo a mettere in difficoltà la macchina facendo foto "creative" attraverso un plexiglass. Il limite del sistema però è l'instabilità della messa a fuoco che oscilla tra un occhio e l'altro, a seconda - immagino io - della ricerca del miglior contrasto tra i due. Sarebbe indispensabile per avere risultati omogenei, che la macchina si fissasse sempre su quello visibile più prossimo al fotografo e all'osservatore perchè è proprio brutto avere foto con il primo occhio sfuocato mentre il secondo è nitidissimo - il corpo macchina è compatto, l'otturatore è silenzioso, tutto sommato i comandi ci sono ma qualche combinazione porta a fare strani contorsionismi innaturali. Ma soprattutto mancano un paio di centimetri sotto per avere una presa più comoda. Il battery-pack aiuta (ce l'ho io sulla Z6 e glielo faccio provare) ma la mancanza dei comandi è un handy-cap Niente altro da dichiarare. Nikon Z5 + Nikkor Z 24-50/4-6.3 a 24mm Tanto che andiamo sui consigli per gli acquisti. "I miei clienti mi chiedono oramai quasi sempre il video in formato 4K60p, é diventato standard". "Per farlo stavo pensando di acquistare una videocamera (Panasonic) ed affiancare una Nikon Z per tutto il resto con cui sostituire la mia D750, che oramai non è più all'altezza" Quale scegliere a questo punto non dovrebbe essere un problema, ma ... : - Nikon Z5 in modo da non dover spendere gli ulteriori soldini per una o due schede CFExpress e il relativo lettore (uno scherzo da 400 euro ai prezzi attuali) che pur non avendo formati video evoluti, si integra bene con la videocamera - oppure Z6 ma ad un costo superiore e nella prospettiva che in autunno esca una Z6s con il video 4K60p che né la Z6 né la Z5 fanno ? La Z5 sul video va bene ma limitandosi al formato 2K, mentre il 4K è croppato e anche abbastanza malamente. Per il resto il buffer, la "raffica", l'autofocus, sono sufficienti tranne situazioni particolarmente limite per il genere di lavoro che fa Rossano. Solo, gli raccomando io, "abituati - tu e le tue modelle - ad impiegare l'otturatore elettronico, perchè un pò per sicurezza un pò perchè la macchina ti invita, scatterai tanto di più, appena avrai comprato una Z e gli obiettivi che ti servono" Nikon Z5 + Nikkor Z 70-200/2.8 S a 200mm Nikon Z5 + Nikkor Z 24-70/2.8 S a 55mm [foto (c) Rossano Rinaldi 2020, conversione on-camera dei jpg dal NEF, profilo Portrait]
  4. Prendendo spunto da un recente contest su Nikonland, ho deciso di raccontare qualche mia esperienza di ritratto in studio. E’ uno dei miei generi preferiti, quindi durante gli anni ho effettuato parecchie sessioni di questo tipo. La peculiarità di questo, e degli altri che seguiranno, è che sono state sessioni interamente ideate e organizzate da me, quindi non si tratta di workshop o modelsharing. La prima in assoluto risale a giugno 2013, ma non ne parlerò qui poiché non ho liberatoria per gli scatti. La seconda, quindi, ci porta ad ottobre dello stesso anno. L’occasione fu la necessità di foto formali per un colloquio da parte della figlia di una mia cara amica, quindi le avevo proposto di sbrigarci in fretta con le foto di lavoro e tenerci il resto del tempo studio per noi. Lei accettò con entusiasmo e ci mettemmo al lavoro. La prima fase fu di ideazione e preparazione dei set. Devo dire che già questa fu divertente, poiché passammo una sera a casa sua a ribaltare armadi suoi e di sua madre, e alla fine ricavammo 4 look con vestiti, accessori ed un’idea di trucco abbinato. Anche la sua compagna fu fondamentale poiché eliminò brutalmente qualche soluzione che in effetti non avrebbe funzionato. Riporto di seguito 3-4 fotografie per ogni set. Se la post produzione vi sembra troppo da Instagram, è perché le foto sarebbero state pubblicate su quel social. Nel secondo set mood e look cambiano totalmente, diventando un po' più intimista. Il terzo look è decisamente più aggressivo. Onestamente questo e l'ultimo set sono riportati per dovere di cronaca, non mi hanno mai convinto più di tanto. Credo però che, in questa occasione, sia giusto anche mostrare cosa si è sbagliato. Dell'ultimo cambio ne salvo soltanto una. Per il resto sono veramente sotto lo standard anche per far vedere cosa non va. A nostra discolpa, posso dire che il tutto è durato circa sei ore senza sosta e con una banana come sostentamento Come potete vedere si tratta di un'esperienza estremamente amatoriale, tuttavia è una delle sessioni che ricordo con più affetto perché ci eravamo veramente divertiti, e ai tempi ci era sembrato di aver fatto chissà che. Di fondo, ci avevamo profuso il meglio che potessimo fare al tempo. Alla fine tutto questo è costato circa due giorni di organizzazione e una giornata di shooting, considerando anche i viaggi. Come costo, solo il noleggio dello studio. Impegno del tutto accettabile, a pensarci ora. A livello tecnico non so cosa potrei dirvi di utile. Tutte le foto son state fatte con D700 e 24-85 f2.8/4. Ho usato una o due luci flash, ma non mi ricordo minimamente gli schemi. Ora, qualunque tipo di domanda o commento è davvero ben accetto. Non abbiate paura di lanciare anche qualche pomodoro, so di meritarmelo. Io però, non Serena che come modella/truccatrice alla prima esperienza è stata fin troppo brava
  5. effe

    Il presepe

    Una delle mie solite passeggiate con fotocamera. Stavolta ad Alghero, un giro per il centro storico già addobbato di luminarie in attesa del Natale. Nei pressi di Lo Quarter un'indicazione richiama la mia attenzione: Presepe contemplativo sonoro in movimento. Sono curioso abbastanza da seguire la freccia ed entrando nel salone trovo qualcosa che non avevo mai visto: un immenso presepe con statuine animate (animali compresi) e controllate, evidentemente, con sequenze di comandi in loop da un computer remoto. Straordinaria l'ambientazione con un impianto luci led, anch'esso controllato dal computer, che riproduce tutte le condizioni di luce delle 24 ore, dall'aurora al tramonto, per non parlare dei suoni, ahimè non riproducibili su file fotografico. Ho pensato subito che fosse una buona idea per un blog natalizio, senza valutare le prevedibili difficoltà. Experience: perchè non mi era mai capitato di fotografare in semioscurità con luci artificiali così complesse che variavano colore, intensità e producevano dominanti diverse. Non ho voluto rinunciare alle atmosfere e non mi sarei mai sognato di usare il flash appiattendo tutta quella profondità. Per cui ho impostato la fotocamera su WB auto (con l'intenzione di eliminare qualche dominante in pp, salvaguardando le atmosfere), ISO 1600 (non ho osato andare oltre) e tempi di esposizione che variavano fra 1/50 e 1/20 a TA. La considero una scelta estrema e guardando le foto ve ne renderete conto anche voi: ho utilizzato la fotocamera come fosse una steadicam, inserendola nel paesaggio senza, ovviamente, guardare nel mirino e ho scattato cercando di tenere la fotocamera ben ferma e possibilmente orizzontale, a distanze minime di maf. La linea di fuoco, sottilissima, qualche volta mi ha lasciato i soggetti fuori fuoco, ciononostante rende bene l'idea della profondità di tutta la struttura paesaggio. Sinceramente: avrei voluto la Z6 per poter selezionare il punto di fuoco sullo schermo touch e poter spingere gli iso a 6400 senza colpo ferire... questo non è proprio il terreno della D7100. Non so se le immagini saranno di vostro gradimento, ma ciò che mi interessa è sapere cosa pensate della strategia di ripresa (ribadisco, assolutamente improvvisata). Non preoccupatevi se mancano i protagonisti (il Bambin Gesù, Maria, Giuseppe, l'asino e il bue), sono certo che verranno aggiunti al momento giusto. Buona visione e grazie per qualunque consiglio. Pezzo consigliato: ovviamente Let it snow (Frank Sinatra)
×
×
  • Create New...