Jump to content

LucaD600

Nikonlander
  • Content Count

    106
  • Avg. Content Per Day

    0
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

20 Excellent

About LucaD600

  • Rank
    Advanced Member

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Grazie Mauro. Sì per il resto funziona, ma ovviamente non credo che la messa a fuoco sia precisa: ha gioco non solo il rivestimento ma tutta la baionetta: ha una escursione dello spessore di un unghia.
  2. Buongiorno a tutti. Pomeriggio libero, stavo per uscire a scattare qualche fotografia, prendo la mia nikon D600 con il sigma 35mm art....e mi accorgo che questo "balla" attaccato alla macchina fotografica. Lo smonto dalla D600 e osservo che ha preso gioco dalla parte dell'innesto. Ha preso gioco in corrispondenza dell'anello nero ove è ubicato il pallino bianco per l'allineamento della baionetta. Ho controllato che le 4 vitine di ancoraggio fossero ben strette, ma niente, il gioco non è diminuito. Ho notato che attorno alla baionetta ci sono altre 2 viti ancora più piccole, una completamente immersa, l'altra sporgente, ho provato ad avvitarla ma non si muove. Qualcun altro possessore di questo gioiello ha incontrato questo problema? L'ha risolto con fai da te o in assistenza? Perdonate le foto un pò mosse, un pò fuori fuoco: ho scattato con l'80-200 in luce ambiente: pile del flash scariche Grazie in anticipo per l'attenzione
  3. Grazie Mauro per la bellissima risposta e per il nobilissimo intento, sinceramente! E anche stanotte sono a frequentarvi dopo le 23,30. Al di là dello scarsissimo tempo per la fotografia (una delle cause dell'aver interrotto il bellissimo percorso iniziato con te sul ritratto, che mi ha arricchito molto e fatto comprendere dettagli che mi sfuggivano), condivido Pedrito e Viandante. Tuttavia mi viene questa riflessione: ma non sarà che anche qua vale la legge di Pareto? Dei 700 iscritti l'80% di foto-commenti-interventi é appannaggio al massimo del 20% dei lettori? E le fotografie non saranno al massimo del 20% di chi in qualche modo partecipa, magari anche solo con qualche commento? Se fosse così dovrebbero essere circa 140 quelli che in qualche modo intervengono ed una trentina al massimo quelli che pubblicano foto e di questi sono 6 quelli che animano e tengono vivo questo meraviglioso sito. I numeri più o meno tornano. Penso che i contest siano un buon strumento per stimolare la partecipazione. Io stesso ho provato a pubblicare una foto, purtroppo son riuscito, senza post-produzione, a pubblicarla mentre chiudevi il contest; quindi non mollate, occorre perseverare per ottenere risultati.
  4. Io sono tra quella maggioranza che legge i vostri articoli anche tutti i giorni. Ho avuto la fortuna si non essere coinvolto dal lockdown e quindi ho sempre lavorato. Guarda a che ora leggo: alle 7 del mattino ed alle 10 - 11 di sera. Il resto della giornata per me é lavoro, esco alle 7,30 rientro alle 21,15 o dopo. Ma veniamo ai numeri. 15 che partecipano su 700 iscritti circa sono il 2%. Vero che alcuni sono lo zoccolo duro, ma é una base da cui partire. Occorre perseverare. Scrivo con immutata stima e rispetto verso l'impegno di voi tutti: lamentarsi che nessuno pubblica e quindi chiudere spazi ed iniziative, porre limitazioni che non suonino, al contrario, come premio da raggiungere rende il sito non inclusivo e infatti non sta dando risultati. Quali obbiettivi vi siete posti? Di crescita della partecipazione? Occorre perseverare: a parte i contest molto specialisti dei paesaggi, questa varietà che hai proposto era molto interessante. Ma poche settimane di tentativi non sono sufficienti, é poco più di un antipasto. Se poi limiti la partecipazione a determinati profili la partecipazione scema inevitabilmente.
  5. Ê il mio prino commento, spero di non offendere nessuno. Forse non sono sufficientemente meditativo per comprendere il senso lato di alcune interpretazioni dell'argomento, ma anche a me alcune foto paiono fuori tema. Ciò premesso la mia preferenza va alla 6: il momento colto ha una comicità intrinseca, il guaio che capita ad un altro e del quale si ride perché non é capitato a te; la comicità é al contempo tristezza per qualcuno (il malcapitato) ed allegria per qualcun'altro. Bellissime le tonalità cromatiche e quel canotto che vola via, con il.mare lievemente conversato ti fa quasi sentire il vento sulla pelle. Secondo posto per la 13: il visetto "goduto" del bambino che sembra pregustare l'attimo del "dispetto" al cane é la forza espressiva di questa foto che centra cosí perfettamente il tema. Terzo posto per la 1: la geometria degli stami del fiore conferisce pace all'immagine e l'accostamento di colori quasi complementari, il blu del cielo ed il giallo tendente all'arancione dei petali del girasole che prevale per quantità ed intensità le dona calore.
  6. 14 Uno dei miei due "pensieri felici", ultimo giorno di vacanza al mare. Il migliore di una serie di salti. Nikon d600 nikkor 70-200 2,8 a pompa. Spero non sia fuori tempo massimo.
  7. Peccato, Mauro. Sono veramente dispiaciuto di questa tua decisione, pur comprendendo le tue ragioni. Tu, Max, Massimo, Silvio e pochi altri (perdonate se non vi nomino tutti) state dando davvero tanto su questo bellissimo, unico sito realmente indipendente. Ho la convinzione che questa tua scelta sia sbagliata. Se hai voglia, leggimi fino in fondo. Purtroppo non tutti, io per primo, hanno il tempo di cui voi disponete per dedicarsi a questa passione, per alcuni una professione. Ti racconto una storia che sta accadendo proprio in questi anni. Per la mia professione da 5 anni sto seguendo una pagina il cui fondatore ha creato un suo business. Ha iniziato a dispensare "dubbi" su certe pratiche commerciali. Ha 3000 lettori oggi, tre anni fa meno di 1000. Dopo il primo anno di "dubbi" e "consigli" poco comprensibili, ha organizzato il primo corso per farmacisti indipendenti cui hanno partecipato 30 colleghi. Il secondo anno i colleghi presenti (tra cui io) eravamo 100, il terzo 200, lo scorso anno 300, trecento. Costo 1500 euro per 3 giorni in presenza. Le farmacie private sono circa 17000. Ha risposto, in 5 anni di dedizione in parte gratuita, in parte (dal III anno a pagamento) solo meno del 2%. A questi corsi ha aggiunto un altro corso on line, 100 euro al mese con abbonamento annuale, al quale al terzo anno partecipiamo attivamente in 200 (il primo anno eravamo 70). Nei 100 euro riceviamo indicazioni mirate ai vari eventi che ci distinguono dalle altre farmacie. Ad esempio per la festa della donna anziché regalare il trito mazzetto di mimose organizziamo un concorso nel quale estraiamo 6 trattamenti viso tra chi spende 50 euro di prodotti cosmetici. Oltre a questo c'è un quarto livello che ci sta 10 volte tanto in cui ci fa da coach nell'organizzazione della farmacia. Raggruppare l'1,5% dei potenziali clienti é straordinario e nasce dall'avere "regalato" dubbi e "consigli" a 17000 microimprese. Frank Merenda sarebbe uno dei più ricchi del pianeta se riuscisse ad organizzare corsi cui partecipano l'1,5% delle microimprese italiane. Ora, quanti lettori ha il tuo sito? Che % partecipa in modo attivo anche con critiche come questa? Sei sopra o sotto l'1,5%? Quanta partecipazione desideri? Che obbiettivi hai? Tenendo presente che ti confronti non solamente con professionisti ma anche con appassionati.... Un abbraccio.
  8. Mauro, in molti casi questo gia succede con conseguente impoverimento della classe borghese. Dietro al negozio gira un mondo economico che, se da un lato fa lievitare i prezzi, dall'altra genera un volano economico che si spegnerebbe con l'accorciamento della catena distributiva. Questo vale per ogni settore. La conseguenza sarebbe la perdita di molto posto di lavoro.
  9. Ciao! grazie per questi interessantissimi articoli. Ha un senso sostituire l'XT1 con questo?
  10. Grazie, Mauro. Grazie per le correzioni e per i suggerimenti e anche semplicemente perché hai dedicato qualche istante del tuo tempo a guardare questa foto.
  11. Ciao. della seconda serie sceglierei la 8, per l'espressione quasi sorpresa della modella, in posizione meno statica delle altre. Della prima serie colgo una differenza di definizione tra i due occhi, uno quasi sempre molto ben definito, per lo più il sinistro, l'altro con una definizione minore e mi disturba un po'. Da cosa dipende? uno specchio? un vetro tra te e la modella? una conseguenza delle luci? Con un viso così bello, escludo quelle con le mani che ne coprono parte; tra le rimanenti scelgo la 5, un'espressione serenamente sensuale.
  12. Buonasera a tutti. Ho la fortuna di essere tra le poche attività aperte e so che sono invidiato da mezzo mondo. Bello questo forum. Chissà se riesco a migliorare un po', anche se i progressi maggiori sarebbero usare un poco più spesso il vetusto materiale che ho assieme a voi. Non ho certo attrezzatura all'altezza di chi sta qua., e non solo l'attrezzatura, anche capacità e conoscenza Nikon D600, nikon 35-70 f2,8, 1/80 iso 800, f2,8. Luci: Finestra esposta a sud sud est; flash Godox tt685 dietro a sinistra (per chi guarda). Luca
  13. Bravi! Da quanto leggo nei vostri articoli avete tutti i requisiti per onorare questo vostro ruolo.
  14. Grazie dei suggerimenti! Ho letto solo ora. Perché no? In fin dei conti alla peggio ho fatto una nuova esperienza, che vale certo più del valore odierno di questo obbiettivo.
×
×
  • Create New...