Jump to content

Viandante

Nikonlander
  • Posts

    588
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    14

Viandante last won the day on February 20 2020

Viandante had the most liked content!

1 Follower

Recent Profile Visitors

2,417 profile views

Viandante's Achievements

Advanced Member

Advanced Member (3/5)

384

Reputation

  1. Non ho votato perché manca l'opzione "non sono passato a Z ma non ho più reflex e nemmeno penso di riprenderne per cui sono mentalmente Z". Venivo da D700 ma il mondo ML mi ha conquistato fin dalla Sony A7, quindi molto prima che Nikon producesse le sue splendide Z. Quando sarà il momento di attrezzarmi di nuovo non avrò nessun dubbio sul tipo di sistema, ML tutta la vita...e quindi Z!
  2. Guardando alla Sony A7IV appena commercializzata immagino sia più o meno quello il taglio del sensore per le prossime "tutto fare". Spero, ma temo invano, che non facciano come Sony dal punto di vista del prezzo, implementando un comparto video di tutto rispetto ed un AF performante che penso siano abbondantemente sovradimensionati per il target di utilizzo di quel tipo di corpi. Comunque in quel caso, se non interessa pagare un prezzo del genere per funzioni che si reputano inutili per il proprio stile fotografico, restano sempre le Z6II attuali come rimanenze di magazzino o usate che sono ampiamente in grado oggi come domani di fare splendide fotografie.
  3. Assolutamente d'accordo, per questo sono perplesso sulle future evoluzioni di Z6 e 7
  4. Ma da profano e così pour parler, a parte prestazioni velocistiche in termini di raffica, AF più performanti, comparti video sempre più completi ed avanzati, le tecnologie di cui fa sfoggio la Z9 cosa potranno offrire in un relativamente breve futuro a chi non sfrutta queste caratteristiche "da corsa" di una fotocamera? Cioè, immaginando un utilizzatore di Z6-7II che faccia fotografia di paesaggio, macro, still life, reportage (non troppo d'azione), fotografia di viaggio, che cosa potrebbe attendersi in futuro da eventuali Z6-7III, quali travasi di tecnologia sarebbero davvero interessanti da avere? Immagino che le future 6-7 avranno molte migliorie sul lato AF, raffica, video che però appunto a poco o niente servono per quei tipi di foto sopra citati. Quindi se da un lato ci sono molti che attendevano la Z9 e moltissimi che attendono giustamente le ricadute su fotocamere meno impegnative sotto tutti i punti di vista, agli utilizzatori di Z6-7II che fanno fotografia meno d'azione e poco o niente video chiedo che cosa oggi non li soddisfa pienamente e vorrebbero vedere implementato/migliorato nei futuri corpi equivalenti alle loro fotocamere?
  5. Ottimo articolo, come sempre, corroborato dalla prova dei fatti sul campo...anche quì, come sempre. Quindi con strumenti moderni, la Z6 ed il sw, e soprattutto le conoscenze fotografiche per sapere come esporre correttamente in previsione di ciò che dovrà essere fatto in fase di sviluppo del file, si possono ottenere immagini eccellenti nella maggior parte dei casi.
  6. Infatti, non ne faccio. Era una curiosità, anche la concorrenza ha corpi stabilizzati e propone ottiche stabilizzate. Chi se ne frega dici? Perfettamente ragione, a noi non frega niente se vogliamo Nikon (e vogliamo Nikon), era solo per curiosità visto che immagino tra i vari costruttori si marchino a vicenda. Quello che è importante è che sia di alto livello come costruzione ed ancor più alto come resa, i 15mm in più valgono certamente più della mancanza di stabilizzazione.
  7. Vista la qualità delle realizzazioni linea S e non, mi aspetto grandi cose da questo obiettivo. Passo filtri 77mm, terza ghiera, pulsante Fn, ottimi. Mi sembra però l'unico zoom della categoria a non essere stabilizzato o sbaglio? Dico rispetto ai 3 principali concorrenti 24-105 recenti. Ok, anche il 24-70 mi sembra non stabilizzato e nessuno ne fa una tragedia, è solo per conferma.
  8. Quoto questo passaggio perché lo condivido appieno. Purtroppo (ma in realtà sappiamo che è PER NOSTRA E SUA FORTUNA) Mauro è un innamorato della fotografia e questo probabilmente gli fa perdere di vista la realtà dei molti che non lo sono, o almeno non lo sono in quel modo travolgente e sempre nuovo, stimolante e bruciante che lo pervade. Praticare un hobby saltuariamente non ti rende un amatore è poco ma sicuro, se tu fossi un amatore lo praticheresti ogni volta che ti è possibile farlo, d'altra parte praticarlo saltuariamente ma con tutto l'impegno necessario per farlo al meglio quando lo si pratica, non ti inquadra certo come un caxxaro. Sono quelle sfumature di cui parla Leo che permettono di non creare una, due o cento categorie e di inquadrarci forzatamente qualcuno. Io credo che la cosa fondamentale sia la consapevolezza e l'onestà intellettuale, il resto è qualcosa che ti cuci addosso come un vestito su misura, andrà bene per te perché è cucito sulle tue di misure e tanto basta, onestamente. Vuoi fare una singola foto in un anno? Quello scatto richiede un impegno fatto di progettazione, studio, tecnica ed attrezzatura. Sei riuscito a fare quello scatto? Se a te basta chi può criticarti? Chi può dire che sarebbe stato meglio fare altro piuttosto che quel singolo scatto? Chi può dire che avresti dovuto e potuto farne altri? Ognuno viva la fotografia (perché è di questo che parliamo) come meglio ritiene opportuno, nei tempi e modi che più lo aggradano, in tutta onestà e consapevolezza.
  9. Sono ancora un diversamente fotografo Pandemia, acquisto casa, cambio lavoro ed altre cosette mi hanno fatto rimandare a data ancora da definire il ritorno alla fotografia. Fosse stata una passione non l'avrei certo abbandonata ugualmente ma avevo già previsto un totale stacco per almeno 2 anni vendendo tutto il corredo reflex a giugno 2019, la pandemia ha fatto traslare il tutto di almeno un altro anno, quindi sono ancora nei tempi previsti all'inizio ed attualmente ho troppe cose a cui pensare prima della fotografia. Mi manca moderatamente, come previsto. Tornerò a fare foto e quando sarà sarà, intanto guardo con minimo interesse a ciò che viene proposto, giusto per non trovarmi a dover riprendere il filo del discorso completamente senza idea di cosa sia successo negli anni precedenti. Rispetto a due anni fa però ho la netta sensazione che non abbandonerò Nikon e già sono contento per questo. Fine O.T.
  10. Io non faccio testo perché del lato video proprio non saprei che farmene e non utilizzo neppure l'AF in C ma solo single spot il 99% delle volte...quindi una Z6II con un display orientabile e la tendina copri sensore per me sarebbe preferibile a questa, seppur eccellente, A7IV. Se guardassi questa Sony con gli occhi di chi usa invece l'AF in modo completo e stressante, chi fa video di un certo livello, beh ammetto che è una gran bella macchina ad un prezzo leggermente alto. Sono più che convinto che una Z6III potrà essere una risposta ancora migliore, almeno lato foto, a chi vuole una tutto fare davvero prestante in quella fascia di prezzo visti i probabili travasi (pur con le debite proporzioni) tra Z9 e future Z6-7-8.
  11. Attendo con trepidazione il "sequel" di questa rubrica, da piccolo sono stato così affascinato dai dinosauri che quasi sono caduto per terra quando ho potuto ammirarne le ossa al American Museum of Natural history di NY, dove mi sono trovato di fronte a quelle mastodontiche (beh magari il termine non sarebbe azzeccatissimo) creature. Il film Jurassic Park fu altrettanto sconvolgente per l'epoca, quel livello di CGA non si era mai visto e, finalmente, qualcuno aveva reso giustizia a quegli esseri straordinari che avevo tanto amato e che, in fondo in fondo, amo ancora oggi. Concordo sulla drammatica caduta verticale dei sequel della saga, veramente ignobili. Grazie per ora della lezione di paleontologia!
  12. Ho votato "non mi interessa" perchè non cerco nessuna delle caratteristiche che potrà offrire quest'ammiraglia, come del resto le ammiraglie del passato. Non credo di aver mai usato la funzione raffica in vita mia, se non per sapere che suono facesse l'otturatore, l'AF per le mie foto è praticamente il 99,9% delle volte singolo, non ho mai montato un ottica più grande e pesante di un 70-200 2,8 che mi abbia fatto sentire necessità di un bilanciamento migliore, non faccio foto in condizioni difficili se non macro in orari in cui la macchina si copre di rugiada (ma la D700 non ha mai sofferto per questo), insomma...non la comprerei nemmeno costasse un terzo perchè proprio non mi interessa ciò che offre, tutto quà.
  13. Bella storia Silvio, mi ha fatto tornare in mente la riflessione che trovai in un libro tanti anni fa su alcuni aspetti della società e sull'insegnamento ai bambini. In soldoni l'autore, in un libro tutt'altro che naturalistico, faceva notare come sia del tutto naturale e considerato educativo lasciare che i bambini guardino documentari naturalistici senza alcun filtro genitoriale o educativo, mentre in realtà spesso sono filmati molto diseducativi se non appunto accuratamente spiegati ad un bambino che da solo può non capire. Lasciamo che i bambini vedano un branco di licaoni inseguire, aggredire una zebra, iniziare a mangiarla ancora viva...e mille altre situazioni del genere, lasciamo che il documentarista spieghi l'assoluta naturalezza della situazione, lasciamo che il documentarista ponga l'attenzione sulla perfetta efficienza di Madre Natura che la maggior parte delle volte (per non dire sempre) ha infuso nel predatore un istinto che lo porta ad attaccare la preda più debole per pura praticità ed economia di risorse e valutazione dei rischi/benefici della caccia, lasciando in vita gli esemplari più sani e forti, che selezioneranno in meglio la specie. O che per gli stessi motivi un giovane leone aggredisca il vecchio capo branco, lo sconfigga, si prenda il suo regno, le sue femmine, il suo territorio, uccida i suoi figli piccoli e lasci che il vecchio re vada in esilio e muoia di stenti dopo qualche anno di solitudine. Non ci sarebbe niente di diseducativo in tutto ciò se non che un bambino può essere portato ad applicare alla vita nella sua totalità queste regole. Il più forte mangia il più debole. Il più vecchio, malato, ferito, soccombe per lasciare spazio ai più giovani e forti per una selezione migliore della specie. La legge della natura. Noi umani siamo calati nella natura ma non possiamo seguire queste sue regole di base. La nostra società dovrebbe fondarsi anche sull'assistenza dell'anziano, del malato, del disabile, del debole...il giovane e forte dovrebbe prestare attenzione e servire queste classi sociali. Quindi la legge della natura non può essere applicata alla società umana mentre è del tutto logico che sia applicata alle società animali. Sotto questo punto di vista ho riconsiderato l'opportunità, e la potenziale dannosità, di trasmettere documentari naturalistici di un certo tipo in tv senza sapere se di fronte ad essa ci sarà qualcuno in grado di comprendere concretamente ciò che sta vedendo. Scusa il "pippone" e l'intromissione in un post che magari non c'entra niente, ma mi ha fatto appunto tornare alla mente queste riflessioni ed ho colto l'occasione per fare due chiacchere sull'argomento. Ciao
  14. Non voglio cadere nel banale, mi limito a citare queste parole e farle mie "Perché Gabriele ci rappresenta tutti. E un regalo - importante - fatto a lui, vale molto di più di una spilletta commemorativa a tutti gli iscritti." Un'azione davvero lodevole che ha la mia piena approvazione, non che ce ne fosse bisogno sia chiaro
  15. Sono d'accordo con la preferenza verso l'orizzontale ma mi chiedevo, non era proprio possibile far sì che il lampione in primo piano fosse posizionato sopra le nuvole nel punto in cui i raggi fuoriescono dalle stesse? Sinceramente non trovo un'altra chiave di lettura se non quella della luce che parte dal lampione e trapassa le nuvole, ma così come sono state scattate le foto non è stato centrato il risultato a mio avviso.
×
×
  • Create New...