Jump to content

Ciao !

Nei commenti, dimmi quanto disgusto provi per la mia proposta qui :

 

 

M&M M&M

egidio65

Nikonlander
  • Posts

    243
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

Everything posted by egidio65

  1. Ecco i voti: 1) la 10, sono due e solo due, il resto è vaporoso, fresco, umido ma non fastidioso. Soggetti leggeri, delicati, colori tenui ma ben in vista. 2) la 9, sono due, lui e lei? Un cipresso e una cipressa? Boh a me le strade bianche piacciono e questo scatto mi trasmette il calore, la calura che viene portata dal vento respirando la polvere pedalando in salita. Il bianco e nero è la durezza, la durezza delle granaglie secche, della terra che di sbriciola sotto le ruote, dei rami duri dei cipressi. Il bianco e nero rende anche il termocline, come se la cima fosse un miraggio. 3) la 5, sono due le macchie di colore, i punti di interesse, sono quattro se considero i fiori che però con i colori tenui si perdono con lo sfondo. Gli insetti indaffarati mi danno sensazione di vivacità, aiutati anche dal colore sgargiante. Ops, rileggendo mi sono accorto che la 10 e la 9 mi danno sensazioni opposte tra loro, la prima fresca e umida, la seconda calda e arida.
  2. Complimenti Silvio, mi ricorda un esercizio di shu fa -arte della scrittura- dove il Maestro trasferisce il qi - la sua energia- con il fude per lasciare l'impronta di se. Si vede la volontà, il nero fuligginoso è forte sul foglio bianco. E' un dipinto e la grana per me è necessaria. L'ombra scura nella parte alta è la sola cosa che, forse, toglie leggerezza, in alto metterei la luce, solo che non saprei come fare, perchè rifilare con un taglio netto rovinerebbe l'insieme. Merita una stampa di qualità, complimenti ancora.
  3. 1) la numero 1 Il tema è allegria, ed ho pensato ad una immagine per una pubblicità. Questa la userei, perché ha tutto il necessario, non c’è bisogno di filosofeggiare, c’è un bel bimbo che sorride, sorride perché è caduto dopo i primi passi? Sorride perché c’è chi lo aiuta a rialzarsi? È tutto un gioco. E nella foto ci sono i colori, quelli giusti e ben dosati. 2) la numero 4 Questa invece la scelgo perché, se vista senza leggere con quale criterio l’ha postata l’autore, non avrebbe attirato la mia attenzione. Invece è bello leggere che a volte basta aprire gli occhi, e quello che è la routine, il banale, il privo di interesse del percorso quotidiano, può diventare bello solo aprendo gli occhi. Non solo guardare, ma anche vedere. 3) la numero 3 Questa la scelgo per quello che è: un quadro. Una stampa che mi piacerebbe avere alla parete, o quel che vorrei vedere dalla finestra. Il cielo azzurro con le nuvole bianche come nei simpson, prati verdi e fiori. Mi trasmette buon umore.
  4. 12 Foto scattata ieri pomeriggio, è la prima volta che torno in palestra dopo più di un anno, l'odore che mi avvolge l'avrei definito sgradevole, ieri no, mi è sembrato un profumo. Ho potuto assistere alla partita di volley della mia piccina. So che le fa piacere rivedersi e mi son portato la Z6, non so come sarà la palestra, di solito son buie ed è una giornata nuvolosa però monto lo stesso lo z 24-200. La panca dove siedo è nella porta aperta sul prato, ho il sole alle spalle e le vetrate di fronte in alto, la fotocamera poggiata sulle gambe con il monitor sollevato. L'esposizione la metto su spot*, il sole alle mie spalle entra diretto sulle ragazze, ma loro si muovono ed ogni tanto nel riquadro entra anche la luce dei finestroni in alto, l'iso auto con lo scatto veloce mi disturba, fermo gli iso a 2200 -poi a fine partita sono arrivato a 6000- il diaframma si chiude da solo a 6.3, voglio evitare il mosso 1/800', picture control Ritratto. Non guardo nel mirino, mi godo la partita. Lei non ha ancora visto le foto, in qualcuna è venuta bene ma ci sono le amiche inquadrate, le avversarie e sulla maglia si legge il nome della squadra e gli sponsor, queste le lascio a lei. Posto questa, non si vede la maglia, non si vede neppure il viso, ma sorride e so che è contenta. L'ho scelta perchè i capelli le ruotano in cerchio attorno alla luce di un faro. Non sarei mai riuscito a farlo di proposito. Hanno giocato bene, hanno provato gli schemi nuovi ed hanno vinto, meno male, altrimenti al ritorno sarebbe stata vittima della sorella, che gioca pure lei, che ha vinto pure lei. Ovviamente in due campionati diversi e in due società diverse, così io e mia moglie sappiamo come occupare il tempo nei fine settimana
  5. 13 Invio a nome di Umberto Bimatic, che anche lui ha difficoltà ad accedere al Forum, non per problemi tecnici ma per somma di impegni. OT Mi mancate tantissimo, tutti.
  6. Ciao Roby non finisci mai di stupirmi, mi mancavano solo le tavole autografe del Baratto hai messo tutto dalle parti strutturali al paranco dei siluri, e le descrizioni sono minuziose e comprensibili e poi aneddoti e curiosità che solo tu poi sapere ma che ci hai donato in bella forma Altro che qualche minuto piacevole, ma hai cambiato la giornata hai rubato tempo alla tua nipotina per farci un regalo bellissimo. Grazie e adesso? ci scrivi un libro? ma anche in cattedra ti ci vedo bene cosa faccio, aspetto la parte 6?
  7. Forza Roby, il peggio è passato adesso la quarta puntata è tutta in discesa. Come dice la mia mamma quando guarda le tappe del giro d'Italia: mi sono stancato anche io, anche se se sono qua seduto a guardare -leggere- Bravo
  8. Bravo Roby, la seconda puntata è ancora più bella della prima sono immagini ad un pezzo di ferro, arrugginito, però sapendo con quale tenacia le hai ottenute, sono ancora più belle. Mi ha fatto sorridere il poster della bionda sull'antina dell'armadietto nella zona della camera di lancio, ne avevo uno uguale Una domanda: ma perchè hai aspettato tanto a pubblicarlo? Anzi due: hai altri assi nella manica?
  9. Ciao Alberto, il Giappone che ci proponi, ogni volta me lo fai vedere sempre diverso da come lo immagino. Certo che le viti sul suolo vulcanico e i campi di lavanda, sono per me una sorpresa. La bibita alla lavanda non l'ho mai assaggiata ma mi incuriosisce, invece il gelato, che se costa 300 yen, costa meno che da noi, al gusto lavanda è davvero buono.
  10. Ciao Marco quando ho avuto la necessità di sapere cosa avevo e dove, ho usato photo index, nulla di che, senza infamia e senza lode, gratuito e con tanti tag per la ricerca. Magari adesso esiste qualcosa di meglio. Buon lavoro🙂
  11. Mi colpisce tutto il taglio in perfetta diagonale, con il verde nella parte bassa: le nervature della foglia che invitano lo sguardo a puntare al centro, e tutto a fuoco, nitido e luminoso. Al centro il soggetto, che ha continuità di forma partendo da sinistra, la coda che sale e arriva al dorso, ma al centro della composizione la perfetta spirale del collo/testa con una goccia di colore, anzi no gli opposti il rosso e il blu. E opposta alla parte bassa tutta a fuoco con le sue linee dritte la parte alta e dietro è sfocata, scura e con i tratti gialli aggrovigliati non lineari come la palma e nel giallo ancora il blu. Ci vedo il tao -la strada, la via giusta- lo yin e lo yang, gli opposti, che si devono alternare per dare equilibrio, il nitido e lo sfocato, ma nello yin c'è lo yang e nello yang c'è lo yin. Bravo Max
  12. Nel tempo libero della giornata, anche se sembra incredibile fatico a trovarne per me, sto cercando di prendere dimestichezza con i flash. Uso i Godox V1 e il piccino 350. Approfittando della disponibilità della "modella" volevo creare una situazione drammatica, da brivido, con il nero assoluto in tutto il fotogramma tranne il lampo di luce sull'espressione di lei, ma Valentina è poco credibile nelle scene drammatiche, allora l'ho lasciata andare sul divano a dialogare con il V1 come fosse un cucciolo, e la parte le è piaciuta. Ma io non sono stato capace di domare il lampo, troppo potente sia portando la potenza a -3, sia nell'uso in manuale, luce ovunque. Con il 350 ci sono riuscito, l'espressione di lei, e lo sfondo nero, però usandolo in ttl. Voi come avreste fatto? Va da se che ogni suggerimento, correzione, critica sono bene accetti V
  13. Ottimo, come pensavo, con il Godox V1 e il 350 ci sto provando, ma non è semplice. Prossimamente posto qualcosa
  14. Questa interpretazione mi affascina, complimenti Max, le lame argentee delle mezzelune -lu jiao dao- e nella penombra la fotocamera nera, ma useresti due flash?
  15. Si ricordo, ne avevi parlato nell'articolo, e son sicuro che se l'hai fatto è perchè son voluti o non potevi fare diversamente 🙂
  16. Della prima serie mi piace la 4, lo sguardo è diretto in camera, e porta la mano alla bocca, non per tacere o nascondere qualcosa, anzi la bocca socchiusa è preludio di un sorriso. Peccato che l'occhio non a fuoco in bn sembra sbiadito, ma sceglierei questa comunque per farci una stampa. Della seconda serie mi piacciono la 3 e la 4, che mi sembrano identiche, Astrid ha gli occhi che le brillano e sono ripresi in modo di renderli al meglio della loro bellezza. Della seconda serie non mi piacciono gli infissi-mobili dello sfondo. Nella prima e seconda serie quanto è bella Astrid e quanto bisogna essere bravi per valorizzare la sua naturalezza.
  17. 13 Per scegliere la più bella proposta ho usato il cuore, perché rivedendola mi ha trasmesso le stesse sensazioni di quando l’ho scattata. La piccola a bordo vasca, con le amiche, che cercava il mio sguardo, illuminata dalla luce del sole e dai riflessi ambrati delle pareti arancione. La stessa parete alle spalle fatta con quelle pitture a buccia d’arancia che si usavano anni fa, ho puntato all’occhio, il destro quello in luce. Il bianco e nero a me piace, scatto solo in jpg, anche volendo non posso partire da uno scatto a colori per poi cambiarne il profilo quindi decido a priori quale profilo scegliere. A memoria sono poche le fotocamere che mi hanno dato un profilo preimpostato in bn per me gradevole, le prime mirrorless Nikon, le 4/3 che ricordo anche per la grana e la Zeta. Questo scatto è fatto di getto, ruotando su auto A e f2, non volevo rischiare di perdere l’attimo. Ringrazio per l’opportunità, per l’attenzione dedicata, e faccio tesoro di quanto avete scritto.
  18. 1 mi ha colpito la freschezza, anche se ha un piede tagliato 2 invidia nel senso bello, perché vorrei essere li, perché vorrei fare scatti così 3 cogli l’attimo, ma bisogna essere capaci e ci sei riuscito 4 senza la mano non avrebbe senso, dinamica, mi piace 5 è bella ma non mi attrae 6 la farei a colori 7 bella ma non mi piace il taglio ovale 8 mi trasmette la forza, il vigore, il rompere le catene. Invece è il contrario, l’inizio la vestizione … se non scrivevi nulla? 9 mi piace, mi piace lo spettatore a bordo strada, l’avrei preferita in nero e non seppia 10 passione, seduzione 11 mi piacerebbe più ambientata 12 tempi moderni però sulla destra i piedi del crocifisso riflessi non mi piacciono 14 la modella è impeccabile, peccato per la persona sotto l’arco 15 la sequenza temporale? Ok bella, ma ci hai viziato con altri tagli 16 le sembianze animali, il fumo, boh nell’insieme è gradevole 17 il bianco e il nero, il vecchio e il giovane, a piedi e in bici, opposte anche le direzioni: equilibrio dinamico 18 peccato per le ali tagliate 19 troppo raffinata, per me 20 avrei tagliato le persone a sinistra 21 il taglio, il bianco e il nero assoluti, il trucco, gli occhi, tutto perfetto 22 è bella ma non mi attrae 23 è bella ma non mi attrae 24 mi piacciono le curve, la spirale delle ombre, le nuvole vaporose 25 peccato per il fuoco di destra tagliato 26 scatto curioso, di tutto il cavallo non avrei puntato all’interno coscia 27 io sono uno di quelli che la Ferrari è rossa 28 magari il particolare dell’occhiello, ma nell’insieme non mi piace 29 l’avrei preferita con una diversa inquadratura
  19. Ciao Alberto, questo articolo mi era sfuggito, davvero toccante. grazie Coincidenza? da me in questi giorni era in programma una mostra su Takashi Nagai Paolo, anche lui vittima dell'atomica ma a Nagasaki, adesso è Santo e la sua breve vita è altrettanto struggente
×
×
  • Create New...