Jump to content

Gianni54

Nikonlander Veterano
  • Posts

    2,119
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    16

Everything posted by Gianni54

  1. Arrivata oggi in tarda mattinata da Nikonstore Le foto sono state fatte con la Z 7, ma la Z 8 è di un altro pianeta. Oltre ad essere bella è anche piacevole al tatto e cade in mano come un guanto. Per le mie modeste impressioni d'uso, qui su Nikonland è già stato detto quasi tutto, tornerò sull'argomento quanto prima.
  2. Accoppiata notevole e mano felice.
  3. Quando non vale essere in pole position, infatti sono rimasto al palo a causa dei famigerati NPS. È il mio ultimo acquisto da un rivenditore ufficiale, da ora in poi solo Nikonstore. Pensavo di rinnovarla con gli ultimi treni storici, prima della sosta estiva e con il passaggio della Mille Miglia Storica. Pazienza, adesso mi può arrivare anche per Settembre.
  4. Gianni54

    primavera senese 3/4

    La Leonina è sempre un bel vedere
  5. Non saprei dirlo meglio, grazie Silvio per aver trasferito così bene il pensiero in parole.
  6. Gianni54

    Ferrari 330 P4

    Questa per me è una 330 P4
  7. Molto interessante, grazie per averlo condiviso.
  8. Gianni54

    Z8X_5040

    Come va l'abbinamento tra le due ultime novità Nikon. La foto a video è notevole, ma con te non è una novità.
  9. Mi trovo benissimo con le cinghie larghe della Peak Design. Sono un po’ care, ma sono di una praticità unica, specie se utilizzi il treppiede, si staccano e si riattaccano velocemente senza intralciare le operazioni.
  10. A me piace molto la terza, ma ha bisogno di alcune correzioni sulle luci e le ombre, oltre a dosare meglio il bilanciamento del bianco per ottenere un verde più naturale (tonalità troppo fredda).
  11. Non le pratico, ma se fatte bene le guardo volentieri, poi qui abbiamo alcuni interpreti eccezionali.
  12. Anch’io non sono interessato a risoluzioni più elevate degli attuali 45,7 megapixel, però credo sia necessario fare un sensore più denso per controbattere da “Nikon” ai competitor che già hanno od in prossima uscita macchine ad alta risoluzione. Inoltre, serve per occupare ogni nicchia di mercato nel settore “Fx” e “DX” e offrire ai potenziali acquirenti prodotti con la qualità che solo Nikon sa offrire.
  13. A me una scheda basta e avanza, era solo una puntualizzazione
  14. Grande articolo, a me la Z8 non serve, ma da appassionato di tecnologia applicata alla fotografia ed in un corpo abbastanza compatto sarà il mio prossimo acquisto.
  15. È un fenomeno per come riesce a mantenere il contatto con la tavola, nonostante le evoluzioni.
  16. Lo scorso anno, in occasione della prima edizione della corsa di regolarità, rinnovai il 24-120/4, quest’anno ho rinnovato me stesso, dato che dopo quasi sei mesi di stop, causa infortunio, anche se ancora claudicante, ho rimesso la borsa a tracolla la macchina all’occhio e via a riprendere le arzille vecchiette. Un discreto banco di prova in attesa del passaggio in Val d’Orcia della Mille miglia storica, fra poco più di un mese. La gara originaria del Circuito del Mugello si svolgeva in un anello di strade formate dalla statale della Futa che unisce Firenze a Bologna e da quella del Passo del Giogo. Su questo percorso si sono sfidati piloti del calibro di Giuseppe Campari, Gastone Brilli Peri, Emilio Materassi, Enzo Ferrari, Clemente Biondetti, Nino Vaccarella, Giovanni “Nanni” Galli, Jo Siffert, Gijs Van Lennep, Vic Elford, Arturo Merzario, ecc.. L’attuale competizione, invece, è la classica gara di regolarità per auto storiche alla quale hanno preso parte settanta vetture, tra le quali spiccano modelli di assoluto prestigio quali: quattro Lancia Lambda (1925, 1927, 1928 e 1929) di cui due carrozzate Casaro, una Bugatti 37A del 1927, un’Alfa Romeo 6C 1750 SS del 1929, una Fiat 514 MM del 1930 e ben due Lancia Aurelia B20 GT (1952 e 1953). Erano ammesse anche le “GT” stradali prodotte dal 1991 in poi, che rientrano nel raggruppamento denominato: Tributo del Circuito Stradale del Mugello. L’edizione 2023 del Circuito Stradale del Mugello si è svolta in due giorni di gara così suddivisi: il 29 Aprile, primo giorno di gara, le auto hanno preso il via da Firenze e precisamente dal piazzale Michelangelo, con i regolaristi che si sono sfidati cronometro alla mano, tra le morbide colline del Chianti, transitando per Arezzo e nel Casentino toccando Poppi e Bibbiena. La giornata è stata caratterizzata da qualche rovescio di pioggia, ma ha fornito uno spettacolo, visivo e sonoro, di tutto rilievo. Il secondo giorno, 30 Aprile, dopo la partenza da Scarperia, le vetture hanno scollinato i passi della Futa e del Giogo ed hanno concluso le ostilità all’autodromo Internazionale del Mugello, con la parata finale e la premiazione. In totale, gli equipaggi hanno percorso Km. 288 di gara, suddivisi in 90 prove cronometrate. I vincitori di questa edizione sono stati Mario Passanante (corregionale del nostro Max Aquila) e Alessandro Molgora su Fiat 508C del 1937, facenti parte della scuderia Franciacorta Motori. Fra gli equipaggi stranieri a conquistare la speciale classifica sono stati Michel Decremer e Marie-Claire Martens su Austin Healey 100/6 del 1956 (Promotor Classic). Mentre Claudia Tagliaferri ed Elisa Panzeri hanno conquistato la Coppa delle Dame con la loro Jaguar XK 140 OTS del 1955 (Scuderia Clemente Biondetti). Lancia Aprilia del 1938 - Loperfido-Moretti (Classic Team) - 2° classificati Lancia Lambda del 1927 - Fontanella Covelli (Promotor Classic) - 4° classificati Lancia Lambda Spider Casaro del 1929 - Sisti - Gualandi (Classic Team) - 6° assoluti Bugatti 37A del 1927 - Belotti-Plebani (Brescia Corse) - 9° classificati Come sopra Alfa Romeo 6 C 1750 SS del 1929 - Patron-Casale Austin Healey 100/4 BN del 1956 - Pedrali-Finardi Lancia Aurelia B20 GT del 1953 - Ricci-Lotti Fiat Balilla Coupé del 1934 - Lui-Pizzi Porsche 356 A Speedster del 1956 - Virdis-Giordo Lotus Westfield 11 del 1968 - Faccin-Clark come sopra Lancia Lambda del 1928 - Ermini-Ermini Fiat 514 MM del 1930 - Renna-Ceccardi Alfa Romeo 2000 GT Veloce del 1971 - Biondetti-Ugolini Austin Healey 100/4 BN2 - Chiarini-Vancini Triumph TR 3 del 1955 - Genovese.Vanni Mercedes Benz 300SL del 1957 - De Serrau-Costes Fiat Abarth 750 Zagato del 1959 - Giacinti-Campatelli Jaguar E Type del 1970 - Conforti-Bocchi Porsche 924 Turbo del 1983 - Notaras-Christopolus Jaguar XK 150 OTS del 1958 - Pinchbeck-Smith Alfa Romeo Giulia Sprint GTV del 1966 - Betocchi-Tomaiuolo Ferrari 488 Pista del 2019 - Macario-Di Costanzo Ferrari 488 Pista Spider del 2021 - Frank-Frank La postazione scelta non è molto felice fotograficamente, ma la più confacente per le mie attuali condizioni, ma l'importante in questo caso è il soggetto più dello sfondo.
  17. Io ti ammiro per le tue capacità sia linguistiche che fotografiche, ma devi farti una Z 9, te la meriti.
  18. Ho preso il 24-120/4, in un periodo dove risultava non disponibile in ogni dove. Facendo visita al sito vidi la disponibilità e l’acquisto fu immediato, pagato con bonifico e giunto a destinazione due giorni dopo l’ordine. Imballo curato ed ottima protezione della preziosa merce. Esperienza più che positiva ed in più uno sconto del 20% su un futuro acquisto. Ottima esperienza.
×
×
  • Create New...