Jump to content

Alberto Salvetti

Nikonlander
  • Posts

    437
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    18

Everything posted by Alberto Salvetti

  1. Cypripedium calceolus - Nikon Z 7 Nikkor 2.8 MC105 S F.3.2 1/60 sec. ISO 80 cavalletto, stacking di 40 foto, sottobosco in ombra, luce naturale.
  2. Ringrazio tutti coloro hanno votato la mia foto. Voglio precisare in che modo ho fatto la foto, perché credo non sia stato capito. Queste due orchidee hanno il diametro di una sigaretta, con la difficoltà di messa a fuoco che da ciò ne deriva . Fotocamera per terra, tenuta ferma solo con la mano. Siccome non riuscivo in nessun modo mettere a fuoco contemporaneamente i due soggetti, dopo svariati tentativi andati a vuoto, ho deciso di cambiare modo. Tenendo fissa la fotocamera ho solamente spostato il cursore della AF dall’una all’altra e poi assemblato le due foto meglio riuscite: tutto qui.
  3. Sembrava un tema semplicissimo ma, come ha esaustivamente spiegato Mauro, i più sono andati fuori tema. La mia classifica è questa: 1 La numero 5 Una bella foto di natura, bilanciata e cromaticamente attraente. 2 La numero 11 Un’immagine fresca che invita al consumo. 3 La numero 3 Quei DUE sono un concentrato di significati positivi e dopo tanti anni rappresentano ancora la migliore Italia. L’avrei preferita a colori.
  4. 10 Mi pare giusto partecipare al contest con quelle che in primavera, inizio estate sono i miei soggetti preferiti: le orchidee selvatiche. La specie nella foto, Herminium monorchis, non è particolarmente appariscente e né visibile, quella più piccola delle due è alta 5 cm. E’ una specie abbastanza rara, tanto che nella mia provincia se ne contano poche decine di esemplari. Specie in forte regresso ovunque, nella Lista Rossa della Flora Italiana è considerata EN (minacciata). Nikon Z 7 Nikkor 2.8 MC 105 S F.3,2 1/400 sec. ISO 80 , mano libera, luce naturale. Unione con Photoshop di 2 foto, una a fuoco sull’orchidea di sinistra e l’altra a fuoco sull’orchidea di destra.
  5. Anche a me ha impressionato il peso, essendo abituato allo Zeiss che é un pezzo di potrella. Altra positiva sorpresa è la nitidezza a infinito, inusuale nei macro. Poi la ghiera per cambiare i diaframmi direttamente sull'obiettivo e non dalla rotella è impagabile. Ora voglio provarmelo per bene.
  6. Non sarei in grado di fare commenti ora. Ne parlerò quando l'avrò usato compiutamente e con i miei soggetti.
  7. Z 7 NIKKOR Z MC105MM F/2.8 VR S f.16 1/125 sec. ISO 220 mano libera Ora guardo la partita.
  8. Z 7 NIKKOR Z MC105MM F/2.8 VR S f.3,3 1/1250 sec. ISO 64 mano libera
  9. Z 7 NIKKOR Z MC105MM F/2.8 VR S f.3,2 1/2000 sec. ISO 64 mano libera
  10. Non è un’anteprima, sono solo delle foto scattate compulsivamente e senza costrutto. Z 7 NIKKOR Z MC105MM F/2.8 VR S f.8 1/400 sec. ISO 64 mano libera
  11. Continuo a guardare le due foto, e soprattutto nella prima, non riesco a capire perché il fiore sembra scontornato. Il 300 col moltiplicatore 1.4 lo uso sempre con la D500, ma quell'effetto non l'ho mai riscontrato. Hai fatto qualche postproduzione?
  12. La cosa più importante è che ti stia appassionando. La foto in natura è un lungo percorso ricco di soddisfazioni, ma anche di cocenti delusioni. Col passar del tempo ti renderai conto che senza l'attrezzatura adeguata le soddisfazioni non arriveranno. Starà a te stabilire quale livello di qualità ti appagherà. Non commento le foto perché già lo hanno fatto egregiamente, ma credo che con quell'accoppiata riuscirai a cavare poco di esaltante oltre i 5-8 metri. Mi permetto di darti un consiglio che cambierà completamente la prospettiva delle tue foto in tutti i sensi. Devi abbassarti il più possibile vicino al livello dell'acqua, perché , a parte la prima, le foto sono scattate decisamente da un punto troppo alto.
  13. Più difficile del solito esprimere un giudizio data la varietà dei soggetti. Cogliendo il suggerimento di Mauro non voto foto della tipologia che abitualmente faccio io. 1 – n. 29 con i colori del tramonto riflessi nell’acqua. 2 – n. 49 mi è piaciuta per lo sfocato. 3 – n. 12 Bello il momento dinamico congelato.
  14. Sabato 21 un paio d'ore al solito stagno dove gli uccelli vengono a bere. Storno Nikon D5 + 5.6/500 PF ED F. 5,6 1/2000sec. ISO 3200
  15. 68 Cornacchia grigia che si disseta nel mio stagno 19.06.2021 Nikon D5 + 5.6/500 PF ED F. 5,6 1/2000sec. ISO 3200, controluce, mano libera, no crop
  16. 66 Tra le fotocamere che ho usato, sono particolarmente affezionato alla D300s perché è la fotocamera che utilizzavo nel periodo in cui ho cominciato a fotografare più assiduamente e mi sono dedicato totalmente alla fotonaturalistica. Mi ha dato molte soddisfazioni e ancora oggi riguardando qualche foto di allora, mi meraviglio per la qualità. Ho usato con entusiasmo anche la V3, soprattutto con il 70-300, un teleobiettivo di 800 mm equivalenti in 1040 grammi di peso, compresa la fotocamera. Un ottimo progetto abortito. La D500 l’ho usata tantissimo fotografando gli uccelli, prediligo i passeriformi e di conseguenza il formato DX aiuta. La sto apprezzando tuttora, adoperandola soprattutto con il 300/4 PF ED + TC 1.4 per le farfalle e gli insetti in genere. La macro fotografia, da qualche anno la faccio con le D8xx e ora anche con la Z7. Le uso perché essendo più pixellate, si prestano meglio ai crop, ma nessuna di queste mi ha mai fatto impazzire. I colpo di fulmine è arrivato con la D5, che ho acquistato usata. E’ una macchina che sta bene in mano con qualsiasi obbiettivo sia attaccato, ergonomicamente è perfetta, unico difetto crea dipendenza. Produce dei files incantevoli, hanno una definizione e una lavorabilità incredibili. Fa molto di più e molto meglio di quanto mi serva. Viva la D5. Svassi maggiori in lotta 03.05.2021 Nikon D5 + 5.6/500 PF ED F. 5,6 1/1600sec. ISO 720, controluce, mano libera
  17. La mia classifica. 1 – La n. 1 è veramente una bella foto, e secondo me sarebbe ancora migliore se la punta di almeno uno dei due rametti fosse a fuoco. 2 – La n. 6 ha uno sfocato di classe e degli ottimi contrasti cromatici. 3 – La n. 10 ovvero il prato caotico è un tipo di foto che piace fare anche a me, ma poi non ne stampo nemmeno una. Questa comunque mi piace molto. PS. Il 95% delle mie macro è ripresa in verticale, di conseguenza, la foto che ho postato non è quella che avrei voluto mettere, ma mi sono attenuto alle direttive del capo che ha scritto che doveva essere necessariamente orizzontale. Avrei preferito mettere questa, ma non importa. Raponzolo di roccia
  18. 8 Un saluto a tutti. Dente di cane, Nikon Z7 + 2/100 Zeiss Milvus F. 2 1/400 sec. ISO 64, mano libera. Foto del 6 marzo 2021.
  19. Phoenicurus phoenicurus, codirosso comune Nikon D5 + 500 PF ED f.5,6 1/500 sec. ISO 280 mano libera, 14.09.2020
  20. Non credo che ci sia molto da aggiungere. Abbiamo un'età e un carattere che difficilmente può cambiare, come le nostre opinioni che sono difficilmente conciliabili. Guarderò con interesse i prossimi contest, senza mai più parteciparvi. Già diverse volte mi hai chiesto perché non abbandoni Nikonland. Lo frequento perché Nikon mi ha fornito i mezzi per divertirmi, non ho nessuna intenzione di cambiare marchio e Nikonland è l'unico sito in cui trovo un'informazione competente e aggiornata. Ma se ti sto sui c.......i, basta dirlo.
  21. Partecipo a questi contest per puro spirito di gruppo, ma a questo punto sono in difficoltà a valutare delle foto che mai mi sognerei di fare. Prima la 3 Mi piace moltissimo, anche se suggerirei di curare di più la PP. Una stampa gigante di questa foto starebbe bene sulla parete di qualsiasi ambiente. Seconda la 10 Le considerazioni sui pensieri, sui significati o sulle simbologie immaginate dall’autore, per limite mio, non riesco a percepirli. Ma mi piacciono molto la grafica, la simmetria, la pulizia e le tonalità. Terza la 7 Qui il mare si sente tutto. Non mi convince il taglio. Quella gamba tagliata e quello spazio vuoto in alto a destra mi danno fastidio. Ottimi i colori.
×
×
  • Create New...