Vai al contenuto

Mauro Maratta

Amministratori
  • Numero contenuti

    10309
  • Cont. medi per giorno

    15
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Vittorie

    194

Mauro Maratta last won the day on January 17

Mauro Maratta had the most liked content!

Reputazione Forum

1537 Excellent

4 Seguaci

Su Mauro Maratta

  • Rank
    Freiherr

Visite recenti

5478 visite nel profilo
  1. Non solo lo pagano, invitano lui e la moglie alle Hawai oppure ovunque presentino nuove Sony o Canon (Nikon non lo fa, e quindi lui è molto meno indulgente con i loro prodotti ...). Chelsea una volta faceva yoga e compariva sulle riviste di settore. Adesso tiene un pò di pancetta e di doppio mento ! tutto questo per dire che sintanto che non esce la Sony A6400 e la danno in mano a qualcuno che se ne sa servire, oppure non esce il nuovo firmware per la Sony A9 e la prova qualche serio professionista, è meglio non stare a sentire questi chiacchieroni e restare a quanto dichiara Sony. Sulle percentuali di successo delle varie macchine, fortuna che nessuno accetta scommesse su quei numeri ...
  2. No ma hai messo il video di quel bell'uomo di Tony Northrup con la sua bella Chelsea Sai che quel bel tipo li, la settimana scorsa ha pubblicato un video in cui dice che Olympus, Fuji e Sony quest'anno faranno uscire in massa obiettivi tipo 24/1, 35/0.95 e 70-200/2 ? Credibilità ZERO, tanti click e tante palanche guadagnate, però. Gente che si carica foto del genere sul suo account Shutterstock
  3. Esattamente. Che funzioni come promesso o sia solo marketing è li che stiamo andando. Per chi fotografa esseri viventi in movimento é un cambiamento epocale. Per gli altri curiosità pittoresche. PS : Bergat adora citare Dpreview y gente come i Northrups ... Ma è un amico e non mi va di rimproverarlo.
  4. Mauro Maratta

    Z6 e banding in luce artificiale

    In un mio recente servizio fotografico presso lo studio Blu di Milano, illuminando il soggetto con la sola luce dei faretti del soffitto, si è evidenziato immediatamente del banding scattando in otturatore elettronico demerito dei progettisti Nikon oppure del proprietario dello studio che ha messo faretti da discoteca anni '80 anzichè moderne lampade LED in uno studio fotografico ? Come ho risolto, ? Spegnendo le luci dello studio ed accendendo il mio Godox SL1200W puntato verso l'alto. Fine del banding.
  5. Il che significa che nonostante i miggliardi in R&D che spende Sony, tu non cambieresti mai le rotelle della tua Fuji del nonnetto con una modernissima Sony. Forse sarebbe il caso di finiamola di fare queste ellissi. Si compra anche per altri motivi. Io queste funzionalità autofocus le voglio da Nikon, non da Sony o da Fuji. Mi piace che Sony spinga la concorrenza a darsi da fare, ma non mi interessa il prodotto Sony.
  6. Mauro Maratta

    Z6 e banding in luce artificiale

    Nel mio recente servizio fotografico durante il concerto di Bach alla Collegiata di Verbania, ho scattato 5138 foto tutte esclusivamente in otturatore elettronico, con Nikon Z6 e Nikon Z7 , che pur essendo delle ML, non hanno evidenziato banding. Sarà merito dei progettisti Nikon, oppure della Curia di Verbania che ha installato lampade moderne a bassa oscillazione in Chiesa ?
  7. Mauro Maratta

    Z6 e banding in luce artificiale

    Hai un neon in casa ? Prova ...
  8. Ma le Fuji hanno le rotelle, le Sony no. Come la mettiamo ?
  9. Mauro Maratta

    Nikon EN-EL15 /a/b: un esempio di longevità !

    Verissimo Max. Però è altrettanto vero che nel frattime la tecnologia è andata avanti. E adesso ci sono torce a led che utilizzano semi-stilo al litio da 3400 mAh di costo peraltro molto contenuto. sinceramente io auspicherei che nella prossima generazione di mirrorless Nikon passasse a capacità decisamente superiori. In barba alla retrocompatibilità ma senza costringerci ad usare cosoni costosissimi come le EN-EL18b quando sia necessaria maggiore autonomia.
  10. Mauro Maratta

    Z6 e banding in luce artificiale

    effetti di una luce osicllante (vecchi neon anni '90) sui fiori di zia Petunia. Nikon D850 in otturatore elettronico Nikon D850 in otturatore meccanico nelle tre foto la macchina ha registrato sempre un bilanciamento del bianco di 3100 K e 0 di tint. Nelle due ad otturatore meccanico abbiamo però la prima, corretta, su una oscillazione della luce su lunghezze d'onda del bianco-azzurro, l'ultima sul giallo-rosso. A volte questo fenomeno si verifica sulla stessa foto, con colorazioni marchiatamente a macchia (in effetti qui la fronte è più gialla del mento). Questo genere di problemi capiterebbero con qualsiasi fotocamera. Se non vi è mai successo è perchè non fotografate in situazioni dove ci sono luci vecchie, oppure perchè fotografate realmente molto, molto ... poco
  11. Mauro Maratta

    Z6 e banding in luce artificiale

    Scusate ma a beneficio di chi legge da lontano, meglio fare qualche precisazione. l'otturatore elettronico è utilissimo in tante occasioni, ad esempio quando non si può o non si deve fare rumore. Ci sono manifestazioni e occasioni dove sono ammesse solo fotocamere con otturatore elettronico. C'è in corso una proposta forte che vieti l'uso delle reflex alle conferenze stampa dei politici, alla Casa Bianca, alla Casa Reale di Windsor. In manifestazioni sportive tipo le partite di golf. Ma non ci fossero queste iniziative, in chiesa, ad un concerto di musica classica, a teatro e in cento altre occasioni l'otturatore elettronico permette al fotografo di non essere presente con il rumore dello specchio (se ha una reflex) e dell'otturatore meccanico al momento ci sono poche reflex che consentono l'utilizzo con un vero otturatore elettronico. Certamente la D610 non è tra queste. Lo è solo parzialmente con troppe limitazioni la D5, la Nikon D850 è la prima reflex Nikon che permette di fotografare in otturatore elettronico come se fosse una mirrorless (ovviamente a braccia tese) sono pronto a scommettere che tutte le prossime reflex di fascia alta avranno anche modalità avanzate di otturatore elettronico il video, ovviamente, viene ripreso in otturatore elettronico tutte queste modalità, per le reflex avvengono a specchio alzato, quiandi a mirino ottico oscurato. Con le mirrorless è indifferente quale tipo di otturatore viene utilizzato. Di norma l'otturatore meccanico nelle mirrorless è aperto, viene chiuso solo al momento dello scatto. in otturatore elettronico la velocità di raffica teorica raggiungibile non ha limiti superiori, se non quelli dettati dalla capacità di elaborazione del processore e di lettura del sensore (tanto che ci sono già svariate fotocamere in grado di superare i 20-30-60 scatti al secondo, quando la migliore reflex non riesce a muovere lo specchio a più di 12-14 battiti al secondo). ci sono due tipi di otturatore elettronico quello che consente la lettura delle informazioni del sensore per passaggi successivi, prendendo una striscia del sensore alla volta in rapida successione (il cosiddetto rolling shutter, ovvero otturatore rotolante) quello che consente la lettura delle informazioni del sensore in una passata sola, molto velocemente (il cosiddetto global shutter) fa eccezione una sola macchina Sony, la Sony Alpha 9, che ha un otturatore elettronico di tipo rolling ma che, per le specifiche del sensore, viene letto molto più velocemente di un normale rolling shutter (tipo Z6-Z7 o D850) attualmente i sensori global shutter sono riservati a sensori di piccolo formato e inadatti alla fotografia (tipo sorveglianza o sistemi di controllo di autovetture), il primo global shutter in formato 35mm per fotografia sta uscendo, ha specifiche molto elevate ma costa 5 o 6000 dollari al pezzo Nikon ha dichiarato che ai prezzi attuali dei sensori global shutter non è pensabile fare una fotocamera commerciale. Lo sarà in futuro. questa modalità di lettura ha differenti influenze sulla fotografia : sia il rolling shutter che il global shutter non hanno velocità tali da consentire la sincronizzazione del flash (si hanno fenomeni di abbagliamento o di oscuramento, come se la tendina fosse parzialmente chiusa o parzialmente aperta), tanto che il contatto flash viene disabilitato automaticamente in otturatore elettronico soggetti in rapido movimento vengono deformati quando si fotografa con otturatore elettronico per il fatto che le striscioline di sensore lette in sequenza non sono sincronizzate con il movimento di tutto il frame inquadrato (fa eccezione la Sony A9 che attenua quasi completamente il fenomeno perchè è più veloce delle altre) la presenza di luci artificiali nella scena la cui frequenza e lunghezza d'onda varia durante lo scatto in modalità che rientrano nelle specifiche di lettura del sensore, possono ingenerare - e ingenerano nella pratica - fenomeni di bande colorato, scure o chiare a seconda dell'intensità della luce. quest'ultimo fenomeno è visibile già a mirino e si può ovviare solamente passando - se possibile - in modalità otturatore meccanico, oppure cambiando - se possibile - la luce principale. Questo fenomeno comunque influenza anche la fotografia con otturatore meccanico. Le ultime Nikon lo segnalano ma non possono evitarlo. Si verificano nelle foto fenomeni di colorazione parziale delle foto, anzichè di banding che rendono in generale la foto da cestinare. Anche in questo caso non c'è altra soluzione se non cambiare l'illuminazione principale. Io tendo ad utilizzare massicciamente l'otturatore elettronico perchè è utile. Con la D850 mi è indispensabile in quanto la uso per lo più in live-view. Con le Z perchè così scompaiono. Ma ripeto, con il video, non c'è alternativa. Comprendo che per molti qui sopra questi siano tutti discorsi a distanza siderale dal loro modo molto tradizionale di fotografare ("da vero uomo" come avrebbe detto quel famoso manager IBM quando gli hanno spiegato a cosa servisse il mouse in un personal computer). Però sarà utile prenderne conoscenza, se non altro per seguire i discorsi che si fanno su Nikonland.
  12. Mauro Maratta

    Nikon Z in capanno (naturalistico !)

    Z6 e 500/5.6E PF :
  13. Mauro Maratta

    Sigma 40mm f/1.4 Art (test/prova)

    Jessica in passerella Nikon D850, Sigma 40mm f/1.4 Art, flash Godox AD600 PRO, f/4
  14. Mauro Maratta

    Sigma 40mm f/1.4 Art (test/prova)

    aberrazione cromatica assiale controllatissima sostanzialmente ininfluente in condizioni di scatto ordinarie. Il mio esemplare non ha bisogno di correzione della messa a fuoco. E' perfetto (su D850).
×