Jump to content

Sdoppiare archivio Lightroom


Recommended Posts

  • Nikonlander Veterano

Come da titolo sto meditando di dividere il mio archivio fotografico, sia per velocizzare l'iMac e sia per trasferirne una parte su un disco esterno.
Sto infatti raggiungendo un buon 90% dello spazio su disco, disco interno che non è banale sostituire.
L'idea è quella di creare un nuovo archivio Ligthroom nel quale trasferire le foto dei corsi e quelle in studio (ad oggi un totale di circa 400Gb) in una memoria NvMe da 1Tb e lasciare il resto sul disco dell'Imac.
In questo modo dovrei stare tranquillo fino al cambio computer ( ipotizzo nel 2023 ); a quel punto organizzerò diversamente il mio archivio ed il sistema di backup che oggi è gestito da Time machine + una copia su secondo disco esterno.

La domanda per chi ha già fatto operazioni simili è, Lightroom gestisce bene queste operazioni? Non ci saranno problemi di mantenimento delle modifiche alle immagini ? Devo prendere qualche precauzione particolare?

Grazie

Link to comment
Share on other sites

  • Redazione

Nuovo archivio lightroom nel senso che hai fatto caricare i file delle immagini dentro il catalogo di LR?

La best practice, se hai un numero di immagini ragionevole, è avere un unico catalogo (possibilmente sul disco interno, insieme alle anteprime) ed usare uno o più dischi esterni per i file. Uno o più perché a questo non hai nessun limite, ma conta solo il loro taglio e quante immagini hai. La velocità di questo disco, purché non sia particolarmente lento e tu non lavori prevalentemente file Tif con molti layer, impatta solo marginalmente le attività di lightroom.  
Per esemplificare, se hai un disco piuttosto lento - diciamo un 2.5” USB3 che legge 90MB/secondo - per leggere un nef da 40MB impiegherà meno di mezzo secondo. Se hai un NVME via USBC, che legge 1000MB/secondo, nel leggere lo stesso NEF risparmierai 4 decimi di secondo. Mentre se hai un tiff da 2GB…. La differenza è tra 22” e 2”.

Ovvio che quando arrivi a casa con 1000 foto, per caricarle tutte e fare le anteprime la differenza si vede eccome. Per questo io carico le immagini sul disco interno, che é veramente superveloce, le seleziono e postproduco e poi le copio - le sole sopravvissute - sul disco esterno USBC SSD (2TB), che è il mio master. I backup vanno su 2.5” USB3.
 

 

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

Sono aggiornato a un pò di tempo fa, quindi ormai potrebbe essere diverso. Ma LR dovrebbe gestire bene la cosa, mi ricordo di gente che faceva di continuo l'operazione di suddivisione del catalogo, perché prevedevano nel loro workflow di separarne una parte e poi reimportare tutto. Onestamente lo trovo un pò folle come workflow, ma funzionava, penso ora sia lo stesso.
Non ti so dire se cambia qualcosa a livello di prestazioni avere un catalogo più snello, ma a livello generale potresti anche valutare di mantenere tutto nello stesso catalogo e spostare solamente i file/cartelle che vuoi sul disco esterno: LR gestisce benissimo anche avere diverse fonti dalle quali recuperare le foto, li gestisce bene anche nel caso in cui non fossero connessi in quel momento. Ad esempio io ho il catalogo su disco interno, ma tutte le mie foto sono su disco usb e quelle di Simona su un altro sempre usb, più il grosso "di archivio" messo di NAS. Nessun problema, se vede un disco ti permette di entrare nel modulo sviluppo, altrimenti puoi solo vedere la miniatura.
La cosa importante in qualsiasi caso, è quella di fare all'interno di LR gli spostamenti, così da evitare il rischio di avere un disallineamento tra quanto ha a catalogo (con tutti gli sviluppi fatti) e i file veri e propri, soprattutto se non usi i file xmp (come me).

Link to comment
Share on other sites

  • Administrator
7 minuti fa, Massimo Vignoli ha scritto:

Nuovo archivio lightroom nel senso che hai fatto caricare i file delle immagini dentro il catalogo di LR?

La best practice, se hai un numero di immagini ragionevole, è avere un unico catalogo (possibilmente sul disco interno, insieme alle anteprime) ed usare uno o più dischi esterni per i file

Infatti. Io quando lavoro con LR non distinguo su quale dei 4 dischi stanno le foto. Ma catalogo e anteprime stanno sul disco di avvio (NVME).
Avere più cataloghi può aver senso solo per lavorare cose separate o conto terzi o per necessità particolari.
Ma dove stanno le foto è indifferente (fossero anche sul Cloud).

Anche il metodo di eventuale spostamento delle cartelle da un disco all'altro è indifferente. Io preferisco farlo via sistema operativo, aggiornando poi il percorso della cartella nel catalogo di LR (operazione che richiede mezzo secondo).

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

Grazie per le risposte.
Mi spiego meglio circa la mia configurazione attuale.
I NEF stanno in un archivio diviso per anni e per capitoli/argomenti sul disco dell'iMac, il catalogo di LR è nella cartella creata in fase di istallazione, che se non sbaglio è la stessa che contiene anche i backup di LR stesso.

Il primo problema è non aggiornare subito il disco per aspettare il cambio Mac, quindi separando 400 Gb di dati guadagnerei tutto lo spazio che mi serve. Il secondo, ma non è essenziale, sarebbe quello di velocizzare le operazioni o almeno evitare ulteriori rallentamenti quando lo spazio è agli sgoccioli.

Da quello che mi dite è sufficiente dividere il catalogo di LR per risolvere il secondo problema. Oppure è sufficiente prendere un disco NVME e metterci tutti i NEF per risolvere entrambe senza spostare il catalogo di LR?

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

Io sono più per la seconda. Prendi un disco esterno e trasferiscici sopra i file nef. Se usi lo spostamento fuori LR, come fa Mauro, attenzione a mantenere almeno la stessa alberatura di cartelle, altrimenti ti servirà molto tempo per rifare l'associazione. A quel punto il disco interno sarà bello libero e felice!

Link to comment
Share on other sites

  • Redazione

In una configurazione normale il disco interno è il più veloce. Li ci devi tenere il catalogo, le cache e le anteprime. 
Le immagini le puoi mettere fuori.

Spezzare il catalogo non porta vantaggi prestazionali.

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

Avevo puntato questa memoria: https://www.amazon.it/Crucial-CT250P2SSD8-Interno-fino-2400/dp/B089DNM8LR/ref=rvi_1/258-4756079-9934413?pd_rd_w=V1Olg&pf_rd_p=034079e9-a9b3-4dde-baaf-9e398ee2f758&pf_rd_r=THEN4MQCZDSRS2BP26FA&pd_rd_r=0fd5eca9-92e7-4110-822b-f88f460d87d7&pd_rd_wg=p5cnN&pd_rd_i=B086BKGSC1&th=1

Taglio da 1Tb perchè più che sufficiente. Per metterci tutti i NEF mi servirebbe quello da 2Tb, oppure dovrei "dividere" solo gli originali lasciando qualche cartella sul disco dell'iMac.

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander

Sono anni che ho i vari cataloghi su disco esterno, ultimamente sulla mia nuova postazione (Mac mini m1) ho da subito pensato di avere archivio e foto fuori dal disco inferno. 
 

tramite la porta thunderbolt ho collegato un disco da 1tb nvmi che va a circa 7Gb al secondo. Velocissimo, anche più di quello interno. Ovviamente devi comprare un contenitore del disco adatto a supportare queste velocità. Qui ho sia i file che il catalogo. Su un secondo disco ssd collegavo sempre via thunderbolt ho i raw in lavorazione. 
il Mac non ne risente e Lightroom non mi ha mai dato problemi, anzi è davvero rapido.

 

nel tuo caso devi valutare la velocità teorica che può supportare il tuo pc, se non va oltre la usb 3 valuta il disco adatto senza andare a investire senza poterne sfruttare le velocità.
 

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

Un'altra domanda, sui box per le memorie.
Voi avete una marca da consigliarmi? Vedo che ne fanno mille mila diversi, costi spesso identici. Vorrei evitare di mortificare la memoria con una connessione non adeguata.

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander

Io ho preso uno yottamaster, costa ma le prestazioni promesse ci sono tutte, ed esce il cavo adatto (da non sottovalutare) 

Link to comment
Share on other sites

Seguo interessato...

Anche io è da molto tempo che ho catalogo e anteprime su disco interno ( al momento Mac mini M1 16gb 500gb)  e Nef su disco esterno ssd 2.5 e tutto fila liscissimo...

Inizio però a preoccuparmi per le dimenzioni del catalogo Lightroom che pesa sul disco interno per 100gb circa

Mi incuriosisce molto la soluzione  disco NVMePCIe M.2 e case thunderbolt... Ho dato una occhiata a Yottamaster sembrano ben fatti ( cavolo che prezzi..! O.o) anche i Sabrent Custodia in Alluminio Solido Tool-Free per SSD M.2 NVMe Thunderbolt 3 Certificato (EC-T3NS) non sembrano male a circa la metà del prezzo... ci sono cose da sapere al riguardo..?

Thanks

Ps.

Nicola puoi mettere un riferimento del tuo Yottamaster .. ?  ho visto ci sono varie soluzioni.

Grazie

Edited by Andy68
Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander

Custodia Yottamaster specifico che l’ho presa durante il Black Friday ad un buon prezzo.

il disco nvme che ho scelto preso sempre in offerta BF

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

Grazie, ora vedo come abbinarli.
Andy68, nel "creare" il box bisogna innanzitutto assicurarsi che la custodia sia compatibile con il tipo di memoria in termini fisici.
Basta controllare il codice dimensione di entrambi, nel caso della Yottamaster è indicato il codice 2280 e c'è una foto che specifica ancora meglio.
Poi credo ci sia il discorso cavi, ho letto che le prestazioni posso crollare miseramente se il collegamento con il PC/MAC avviene con cavetti non adeguati.

Link to comment
Share on other sites

Cita

 

Custodia Yottamaster specifico che l’ho presa durante il Black Friday ad un buon prezzo.

il disco nvme che ho scelto preso sempre in offerta BF

 

Grazie..! Aspetterò anche io che il prezzo della combo diminuisca un poco, x ora li ho messi nella lista desideri.. ;)

Il 29/1/2022 at 10:09, Sakurambo ha scritto:

Andy68, nel "creare" il box bisogna innanzitutto assicurarsi che la custodia sia compatibile con il tipo di memoria in termini fisici.
Basta controllare il codice dimensione di entrambi, nel caso della Yottamaster è indicato il codice 2280 e c'è una foto che specifica ancora meglio.
Poi credo ci sia il discorso cavi, ho letto che le prestazioni posso crollare miseramente se il collegamento con il PC/MAC avviene con cavetti non adeguati.

Ti ringrazio .. :) da quello che ho capito nel caso di Yottamaster sono inclusi anche i cavi  vero? sono buoni credo no? 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Scusate, approfitto della vostra esperienza.... 

Ho visto questo case della OWC   Envoy Express Thunderbolt 3 SSD M.2 NVMe  

  • Thunderbolt 3
  • Interfaccia: PCIe M.2 NVMe
  • Compatibile con SSD M.2 NVMe 2280
  • Alimentato tramite la porta Thunderbolt 3
  • Controller Thunderbolt: Intel Alpine Ridge LP

Il marchio mi sembra un garanzia... alla metà dello Yottamaster   è valido ugualmente o c'è qualche cosa che non valuto correttamente..?

Grazie

Link to comment
Share on other sites

  • Redazione

Io rilancio ma in un’altra direzione. Se non siete appassionati del fai da te, perché non considerate questo?

Samsung T7 2TB

Io lo uso ormai da oltre un anno: piccolo, leggero, veloce e non si surriscalda. Ovvio non così veloce rispetto  quello che avete in mente, ma nella pratica la differenza credo sia frazionale. Ed esiste in diversi tagli (io consiglio 2TB a 300 euro.

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

Collegato al Mac con USB 3.0?

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

No, su USB 3.0 non raggiungerà mai il massimo della velocità, perché fa da imbuto la porta. Ma lo stesso sarebbe con qualsiasi altro, bisogna avere una porta al pc adeguata. Chi ha una Thunderbolt 3 o 4 dovrebbe non aver problemi in merito. Anzi, in questi casi chi volesse esiste sempre di Samsung anche la versione X, ad esempio X5, che dovrebbe raggiungere prestazioni da 2,5gb/s... Ma costano di più.

Link to comment
Share on other sites

  • Redazione

Se non ricordo male arriva con doppio cavo, io l'ho usato all'inizio su USB 3.0 e poi, aggiornato il mac, su USBC.
Piuttosto veloce per un giocattolino da 60gr di peso, grande come una carta di credito (beh, è più spesso) e capace di leggere le impronte per proteggere i tuoi dati (non l'ho attivato, non so se funziona bene: i miei dati sono protetti dalla cifratura del file system apple).

Link to comment
Share on other sites

  • Redazione

Quanto veloce?
Collegato via USBC ad un MacBook Air M1 alimentato a batteria, con disco pieno al 75% e dopo 14 mesi di uso intenso (è il mio master dell'archivio fotografico):
1719949832_Schermata2022-02-04alle17_39_25.thumb.jpg.4e92ad1a40a5d73f44c086308f62a765.jpg
Dopo il test lo sento tiepido. Quando ci ho riversato tutto l'archivio è diventato un po' più di tiepido.
Il mio punto è che in certi casi la soluzione più semplice è... la più semplice. 

E si, come giustamente sottolinea Leo, se lo colleghi ad una porta lenta il disco non può essere più veloce della banda resa disponibile dalla porta. Purtroppo non posso farti una prova perché in casa ho solo porte USBC ormai. 
 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

  • Redazione

Sempre per confronto, questo è come va il disco del MacBook Air M1. Sempra a batteria, appoggiato sulle gambe ed io sul divano (e l'ho acceso questa mattina alle 8:20, ho fatto un sacco di video con Teams ed ora dopo 9 ore abbondanti ha ancora il 33% di batteria :))

320434062_Schermata2022-02-04alle17_46_22.thumb.jpg.1f121bc503a66eeaf4518ba4408372f0.jpg

Questo spiega perché importo e lavoro le foto sul "disco" interno e poi, una volta fatta la selezione e le attività più importanti, li sposto su quello esterno. 
E spiega pure perché catalogo ed anteprime devono stare sul disco interno, se si cercano le prestazioni. Disco che NON SCALDA, come le mie gambe testimoniano.
Ma che ovviamente deve essere tecnologicamente adeguato.

Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...