Jump to content
  • 0

Fatture elettroniche di NOC


Roby C
 Share

Question

  • Nikonlander Veterano

Ieri sera, ho ricevuto una mail che mi ha lasciato perplesso, Noc mi avvisa che le fatture da loro emesse, saranno poi girate elettronicamente al ministero delle finanze..  e ne potremo avere una copia se abbiamo la posta certificata, cosa tra l'altro che non ho..  ma..  il bonifico o i bonifici,  lo si devono dichiarare nei redditi? se ciò fosse.. sarebbe una fregatura colossale, per noi..   cosa ne sapete in riguardo? grazie per le risposte..

Link to comment
Share on other sites

14 answers to this question

Recommended Posts

  • 1
  • Administrator
15 minuti fa, Roby C ha scritto:

Mauro,   vediamo cosa mi risponde il CAAF..  perchè un filo di fifa lo avrei.. visto che non ho 76.5 anni ma bensì  75.5...   

Parlavo per me. Io - se arrivo a 76 anni e mezzo (l'età che avevano mio padre e suo fratello quando sono morti) - smetterò di pagare le tasse e brucerò gli avvisi di pagamento :) :)

Link to comment
Share on other sites

  • 0
  • Administrator

Ricevuta anche io.

Una fattura ricevuta, che io sappia, la si paga, non la si incassa.
Quindi i problemi possono nascere solo i loro importi non sono compatibili con il reddito dichiarato dal singolo.

Potrebbe essere diverso per chi vende materiale fotografico in quantità sospette (sempre in relazione al proprio reddito).
Ma sinceramente credo che nessuno qui sopra abbia da preoccuparsi di questo.

Peraltro sono anni che NOC pretende il nostro codice fiscale (oltre alle dichiarazioni di provenienza) per tutto ciò che acquistiamo o vendiamo da loro.
Da oggi è cambiato solo il vettore che diventa - per disposizioni ministeriali - elettronico.
In quanto alla PEC, tendenzialmente credo che dovremmo averla tutti.

Ma se io avessi 76 anni e mezzo, lo confesso, comincerei a fottermene allegramente di tutte queste 'nzate ;)

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

  • 0
  • Nikonlander Veterano
4 minuti fa, M&M ha scritto:

Ricevuta anche io.

Una fattura ricevuta, che io sappia, la si paga, non la si incassa.
Quindi i problemi possono nascere solo i loro importi non sono compatibili con il reddito dichiarato dal singolo.

Potrebbe essere diverso per chi vende materiale fotografico in quantità sospette (sempre in relazione al proprio reddito).
Ma sinceramente credo che nessuno qui sopra abbia da preoccuparsi di questo.

Peraltro sono anni che NOC pretende il nostro codice fiscale (oltre alle dichiarazioni di provenienza) per tutto ciò che acquistiamo o vendiamo da loro.
Da oggi è cambiato solo il vettore che diventa - per disposizioni ministeriali - elettronico.
In quanto alla PEC, tendenzialmente credo che dovremmo averla tutti.

Ma se io avessi 76 anni e mezzo, lo confesso, comincerei a fottermene allegramente di tutte queste 'nzate ;)

Mauro,   vediamo cosa mi risponde il CAAF..  perchè un filo di fifa lo avrei.. visto che non ho 76.5 anni ma bensì  75.5...   

E grazie..

Link to comment
Share on other sites

  • 0
  • Nikonlander Veterano

Le fatture emesse nei nostri confronti da fornitori, come giustamente ti ha scritto Mauro, si devono pagare. Quindi gli eventuali problemi con l’Agenzia delle Entrate sono di competenza del venditore e non dell’acquirente. Tu puoi comprare oggetti anche oltre le tue possibilità, in tutto caso i problemi saranno dei tuoi finanziatori o creditori.

Comunque, NOC dovrebbe inviarti anche in fac simile di fattura anche per posta ordinaria, come fa con me il mio rivenditore, per permetterti di effettuare la registrazione delle garanzie allegando il documento come prova di acquisto, come ci richiede Nital.

Link to comment
Share on other sites

  • 0
  • Nikonlander Veterano

Un momento.. nel caso si venda del materiale a NOC, sul ricavato ci si deve pagare le tasse? visto che si dovrebbero mettere nella dichiarazione dei redditi.. se non ho capito male.. quindi sul ricavato della vendita del nostro usato.. ci dovremmo togliere le tasse..  

Link to comment
Share on other sites

  • 0
  • Nikonlander Veterano

Fino a E. 3500,00 non c’è obbligo di nessuna denuncia e se materiale usato dato in permuta non vale neanche l’importo sopra riportato. Se poi vendi la fattura o una cessione di materiale (in mancanza di partita IVA) la devi emettere tu e non NOC.

Link to comment
Share on other sites

  • 0
  • Administrator
25 minuti fa, Roby C ha scritto:

Un momento.. nel caso si venda del materiale a NOC, sul ricavato ci si deve pagare le tasse? visto che si dovrebbero mettere nella dichiarazione dei redditi.. se non ho capito male.. quindi sul ricavato della vendita del nostro usato.. ci dovremmo togliere le tasse..  

La vendita di oggetti usati o di pezzi da collezione, se effettuata da una persona fisica che agisce in forma privata, non è soggetta a tassazione.

Ma con la fattura di NOC questo non ci azzecca nulla. La fattura la ricevi se compri da loro.

Come persona fisica tu non sei tenuto ad emettere fattura né a versare ritenuta d'acconto o Iva.

  • Thanks 1
  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

  • 0
  • Nikonlander Veterano

Se scrivo stupidaggini correggetemi: ma sospetto che la Pec, per quanto utile, sia una mezza fregatura. Non che noi sia abbia qualcosa da nascondere, assolutamente, ma la fregatura starebbe nel fatto che se dovessero arrivare comunicazioni dalla PA (perchè una volta attivata la Pec viene registrata nella lista di tutti i siti istituzionali) non arriverebbero comunque le notifiche. Ergo, saremmo costretti a controllare ogni giorno se la PA ha qualcosa da comunicarci (tipo la tassa rifiuti che il Comune non ci spedirà più per cartaceo, ma in forma elettronica). Insomma diventerebbe una schiavitù continua. Ribadisco mi è parso di capire che funzioni così, per cui se sbaglio esternate liberamente.:S

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

  • 0
  • Nikonlander Veterano

In vita mia, non mi era mai successo.. ma in questi tempi, non mi stupirei se " loro " laggiù escogitassero nuovi sistemi.. per far cassa.. come se non ce ne fossero abbastanza..

Meglio così, e grazie a tutti..

Link to comment
Share on other sites

  • 0
  • Administrator
4 minuti fa, Roby C ha scritto:

In vita mia, non mi era mai successo.. ma in questi tempi, non mi stupirei se " loro " laggiù escogitassero nuovi sistemi.. per far cassa.. come se non ce ne fossero abbastanza..

Meglio così, e grazie a tutti..

Come ti dicevo all'inizio, gli unici "rischi" ci sono se un privato fa una attività di compravendita che per importo cumulato raggiunge cifre che possono essere paragonate a quelle di una partita IVA esulando dalle normali cose della quotidianità (compro una cosa, la uso, dopo un pò non mi serve più, la rivendo come usato o la cambio con un'altra).

In quel caso non c'è alternativa a ... smettere subito prima di essere multati/denunciati oppure aprire una attività. Da quel momento, come è ovvio, sui guadagni di ogni compravendita, si dovrà fare dichiarazione dei redditi e pagare le relative tasse pertinenti.
Quindi, finchè non ti metti a trattare botte di 20-30 600mm Nikkor e D5 alla volta, stai sereno :)

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

  • 0
  • Administrator

Giusto per condensare tante domande e tante risposte in una sola parola, il concetto che fa cambiare atteggiamento fiscale dello Stato nei nostri confronti è la continuità delle transazioni commerciali riguardo un soggetto:

ciò che per Newoldcamera, oppure Nital, o Fotocolombo è la base della propria attività e che impone a loro la necessità di registrare elettronicamente le transazioni ai fini fiscali cui loro dovranno essere assoggettati alle scadenze di legge.

Noi...siamo il loro combustibile...

 

P.S. :marameo:

@Roby: ma che redditi nascondi per preoccuparti di un controllo fiscale??

:marameo:

Link to comment
Share on other sites

  • 0
  • Nikonlander Veterano

Enrico, in realtà la pec è molto utile perché ci libera dalla carta, dai lunghi tempi che hanno le Poste per la consegna delle raccomandate, dalle inutili file all'Ufficio postale per ritirarle quando il portalettere non ci trova a casa, ecc. E' utile poi per inviare gratuitamente e senza muoversi da casa ad esempio disdette ad abbonamenti del telefono o del gas ed avere la certezza che il destinatario abbia ricevuto la nostra richiesta.

Inoltre, "non farsi trovare" al domicilio o non ritirare alle Poste una raccomandata per non ricevere ad esempio una contravvenzione o un avviso di pagamento non ci libera comunque dall'obbligo di prendere atto della notifica e, nel caso, di onorarne il pagamento.

Quando si attiva un indirizzo pec si comunica inoltre uno o più indirizzi email dove ricevere l'avviso che abbiamo appunto ricevuto una comunicazione nella pec, e la ricezione di questa notifica è praticamente immediata; tra l'altro ormai avere un'indirizzo email è diventato quasi obbligatorio.

Ovviamente non ti voglio/devo convincere di niente, volevo solo fornire qualche informazione in più, utile forse per qualcuno che si trovi a leggere qui. :sorriso:

  • Haha 3
Link to comment
Share on other sites

  • 0
  • Nikonlander Veterano
1 ora fa, Pedrito ha scritto:

Ovviamente non ti voglio/devo convincere di niente, volevo solo fornire qualche informazione in più, utile forse per qualcuno che si trovi a leggere qui. :sorriso:

Scherzi? Ora lo so :)

Avevo appunto sottolineato che non ero certo :leo:

Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...