Jump to content

Duramente impegnato.


Recommended Posts

  • Redazione

Nel test del Nikon 105mm f2.8  MC!!!

xD

test105mclo.thumb.jpg.b89bb55c5dad16329ee36183f6ad726b.jpg

Per i curiosi: Quando stai ancora percorrendo il sentiero e vedi qualcosa di interessante  che potrebbe scappare da un momento all'altro, togliersi lo zaino  e posarlo da qualche parte può voler dire perdere la foto.

Nota di folklore: siccome mi capita anche in zone frequentate da altri esseri umani, a volte si hanno reazioni interessanti:

Anni fa ero in giro con mia moglie e vedo una mantide, mi getto subito a terra e cerco di metterla a fuoco, i primi che passano di lì  mi guardano e chiedono a mia moglie se mi sono sentito male, se serve aiuto.  

In genere però chiedono a chi è con me (o a me, dopo, se sono solo)  cosa sto facendo o cosa c'è di così importante da meritare tutta quella fatica. Saputo che:
1) Il soggetto è per lo più importante solo per me
2) non lo faccio per lavoro
3) mi sto divertendo

I più si allontanano leggermente perplessi. Qualcuno capisce.

FOTO G. RAGNO

 

 

  • Like 4
  • Thanks 2
Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

Beh.. visto Silvio cosa penso di te..  ( e non ti sto prendendo in giro ) la prima cosa che ho pensato.. è stata: non si è tolto lo zaino per scattare, ma più veloce della Luce si è anche messo di fianco a scattare la foto a se stesso mentre era supino.. ma che è superman?... un bel nessuno..

bravo che hai messo il nome del tuo socio..

 

 

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander

L'immediatezza di un bimbo e la folgarazione di fronte ad un tesoro inestimabile, nulla ti può fermare
dev'essere divertente vedere il comportamento di chi ti passa vicino

Non ne sono capace, guardando come sei non vestito, mi spaventa l'idea della panza a terra, così come gli avambracci nudi
e se ci sono rami secchi? spine? vetri? ferri ruggini? non ci pensi? neanche dopo?
ops insetti pericolosi quelli so che non ti fanno paura, anzi magari ci scappa qualche bella macro mentre ti pungono:D

Link to comment
Share on other sites

  • Redazione
5 ore fa, egidio65 ha scritto:

L'immediatezza di un bimbo e la folgarazione di fronte ad un tesoro inestimabile, nulla ti può fermare
dev'essere divertente vedere il comportamento di chi ti passa vicino

Non ne sono capace, guardando come sei non vestito, mi spaventa l'idea della panza a terra, così come gli avambracci nudi
e se ci sono rami secchi? spine? vetri? ferri ruggini? non ci pensi? neanche dopo?
ops insetti pericolosi quelli so che non ti fanno paura, anzi magari ci scappa qualche bella macro mentre ti pungono:D

Beh, non mi "butto" proprio alla cieca  ;) .  
In tanti anni mi è capitato un solo incidente:  Mi sono sdraiato in un bosco sulla riva del Ticino e dopo due-tre giorni avevo ovunque una bruciante dermatite ! Essendo passato del tempo non avevo collegato le due cose, per fortuna il medico ha riconosciuto le bollicine e mi ha chiesto: Ti sei per caso infilato in un bosco? Sì! Diagnosi:  Peli dei bruchi di Processionaria (che passano anche i vestiti)!

Nei boschi e nei prati fitti ad erbe alte non lo faccio (quasi) più per timore delle zecche. A meno di avere prima "immerso" i vestiti nel Biokill.

  

  • Like 1
  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander
Posted (edited)

Mi hai fatto sorridere…mi pare di vederle le facce dei passanti che non capiscono…:D

6 ore fa, Silvio Renesto ha scritto:

Nei boschi e nei prati fitti ad erbe alte non lo faccio (quasi) più per timore delle zecche. A meno di avere prima "immerso" i vestiti nel Biokill.

  

Le zecche sono terribili, potenzialmente trasmettono delle malattie molto pericolose

Edited by cismax
Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano
8 ore fa, cismax ha scritto:

Mi hai fatto sorridere…mi pare di vederle le facce dei passanti che non capiscono…:D

Le zecche sono terribili, potenzialmente trasmettono delle malattie molto pericolose

Piuttosto pericolose se infette, trasmettono una terribile infezione, la febbre bottonosa del Mediterraneo, più comunemente detta Rickettsiosi. Per fortuna facile da curare. Conosco vagamente l'argomento per via del fatto che mia moglie ci fece la tesi di specializzazione in malattie infettive.

Ma per tornare sull'argomento, l'ultima zecca che mi camminava sulla coscia l'ho acchiappata prima che potesse ancorarsi alla carne e l'ho scaraventata fuori dal finestrino dell'auto, giusto una settimana fa :P. Da queste parti sono piuttosto frequenti in estate, nelle campagne c'è fieno e parecchio bestiame che circola. Questi rischi vanno messi in conto.

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...