Jump to content

Lens Porn :-)


Recommended Posts

  • Nikonlander

Ciao, é un periodo strano: faccio qualche foto, ma non quante ne vorrei e/o dove vorrei... tra l’altro (é un esercizio che periodicamente mi impongo) le sto facendo su pellicola ;) e i rullini si accumulano senza essere sviluppati (non posso andare ancora in un altro comune) !
Ho visto poi che siete tutti Z oriented e ho pensato di fare un po’ di amarcord e scompigliare le carte postando il corredo che uso per i miei b/n :D attualmente.

Il 18mm Ais é ritornato recentissimamente dopo un lungo giro anche con la versione AFD: quello che vedete é il corredo che avrei sempre voluto avere negli anni ‘80 B| e che ora mi godo nel tempo libero. 

Il 50mm f/1,2 Ais é il secondo esemplare dopo quello che anni fa era passato di mano con Mauro, il 135mm f/2 Ais ha preso il posto dell’AFD: con la F3 si tratta di un corredo che difficilmente avrá bisogno di particolari manutenzioni, visti anche i miei ritmi di scatto.

Tutto qui, spero, da Ninja Nikonisti, che apprezziate.

Quando arriveranno delle foto (cioè quando avrò voglia di digitalizzarle, alcune le ho stampate, ma analogicamente) magari le posto qui di seguito...

Ciao, Adriano.

 

 

77EB9F47-958D-4F61-B378-C8A266EF2AFB.jpeg

  • Thanks 3
Link to comment
Share on other sites

  • Administrator

Magari dovresti comprarti la robba per sviluppare in casa :)

Cito Bonomo perchè io non ne capisco niente :

Cita

E da oggi, se avete fretta di vedere i risultati, basta che abbiate con sè una LAB-BOX con il monobagno, Ars Imago o il Dx ONE di Ag+per poter sviluppare i vostri negativi direttamente sul campo, senza camera oscura, senza changing bag!

8.thumb.jpg.86eeb6b7eec2c2e3cfa3787257c440e6.jpg.9cc1d043744d993e34ac0452b7579773.jpg

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander

Ciao Mauro ! Sarebbe un sogno, ma per ora é meglio che rimanga tale: le competenze per agire bene in camera oscura (che ho praticato, fin da quando avevo 12 o 13 anni, complice un professore di tecnologia illuminato) sono una passione a sé, che per ragioni logistiche e di tempo non può affiancarsi a Lightroom, al monitor, al digitale, alla stampante A3...

Anche la Fuji 6x9 che ho va a pellicola e per ora il mio laboratorio di sviluppo é lo Studio Fahrenheit di Milano.

Mi é arrivato però ieri il Nikon ES-2 che si può tranquillamente sfruttare anche con il mio corredo Fujifilm e un anello macro: potrò digitalizzare autonomamente i film, dimenticando lo scanner (il mio Minolta Dual IV si é rotto ed é irrecuperabile).

La soluzione che tu illustri, di Bonomo, é comunque intrigante, ma vorrei vederla all’opera prima di mettermici: se fosse effettivamente ‘easy’ come sostiene la pubbliciteria potrebbe essere un ‘maybe’. Ogni tanto lui fa qualche dimostrazione: sarà dopo l’era COVID-19 però :D 

Per chi é interessato ecco come riesco a sfruttare l’ES-2 (vedi foto). Con quella combinazione non arrivo a coprire esattamente tutto il fotogramma, ma é già un ottimo compromesso per i miei intenti.

EB9BA386-27D2-4EFB-BE3E-0570B9062C95.jpeg

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander

L’anello nella foto é un Meike 16mm e l’obiettivo é il 35mm f/1,4 Fujinon che ha un innesto filtri da 52 che guarda caso é lo stesso diametro e passo del Nikon ES-2 senza gli adattatori da 62mm per i Micro Nikkor 60mm o 105mm.

Link to comment
Share on other sites

  • Administrator

Bel corredo Nikon/Nikkor a pellicola: io amo quelle fotocamere e quegli obiettivi, peraltro quei tre, come ti ricorderai, li ho avuti e poi venduti tutti.

Attualmente sono in attesa di questo esemplare, appena comprato su ebay a Tokyo

1230557311_WhatsAppImage2020-12-02at13_23_22.thumb.jpeg.5bb66c1804a3aee28b709b7b8ce4ec47.jpeg

che intendo utilizzare a TA sulle mie Z, alienandomi dal piacere perverso (YouLens) del recupero della componente chimica, per me impossibile, giacchè allora lavoravo su dia a bassissimi ISO e Cibachrome in stampa.

Se fossi in te e per continuare il giuoco, sostiuirei con profitto il 135/2 con un meraviglioso 105/1,8 AiS 

s-l1600.jpg

 a mio avviso incomparabile con l'altro, in quanto assolutamente superiore.

E transiterei dal 18/3,5 all'eccellente ed insuperato Nikkor 15/3,5

ccs-2-0-44471300-1430833714.thumb.jpg.ab6c71b221da704efad14810ea973401.jpg maestoso...

Ma non ti limitare a farne uso su pellicola, alcune delle caratteristiche migliori di questi obiettivi, rendono al meglio delle loro potenzialità su sensori digitali della precedente generazione e mezza: potresti comprare usata una D700 e divertirti ancora e di più.

Se proprio mirrorless e Nikon per te sia un binomio impensabile.

1208667549_WhatsAppImage2020-12-03at17_40_43.thumb.jpeg.168e96821c144198b53e3e1b11436be0.jpeg :x4x:
Per me ...no :lingua:

 

Link to comment
Share on other sites

  • Administrator
16 minuti fa, Adriano Max ha scritto:

Ciao Mauro ! Sarebbe un sogno, ma per ora é meglio che rimanga tale: le competenze per agire bene in camera oscura (che ho praticato, fin da quando avevo 12 o 13 anni, complice un professore di tecnologia illuminato) sono una passione a sé, che per ragioni logistiche e di tempo non può affiancarsi a Lightroom, al monitor, al digitale, alla stampante A3...

Anche la Fuji 6x9 che ho va a pellicola e per ora il mio laboratorio di sviluppo é lo Studio Fahrenheit di Milano.

Mi é arrivato però ieri il Nikon ES-2 che si può tranquillamente sfruttare anche con il mio corredo Fujifilm e un anello macro: potrò digitalizzare autonomamente i film, dimenticando lo scanner (il mio Minolta Dual IV si é rotto ed é irrecuperabile).

La soluzione che tu illustri, di Bonomo, é comunque intrigante, ma vorrei vederla all’opera prima di mettermici: se fosse effettivamente ‘easy’ come sostiene la pubbliciteria potrebbe essere un ‘maybe’. Ogni tanto lui fa qualche dimostrazione: sarà dopo l’era COVID-19 però :D 

Per chi é interessato ecco come riesco a sfruttare l’ES-2 (vedi foto). Con quella combinazione non arrivo a coprire esattamente tutto il fotogramma, ma é già un ottimo compromesso per i miei intenti.

EB9BA386-27D2-4EFB-BE3E-0570B9062C95.jpeg

ma che fai, i salti mortali pur di non usare gli oggetti deputati: l' ES-2 ha i due tubi in dotazione tarati per la dimensione dei due Micro 60/2,8 Nikon. Ma come ricorderai, si riesce ad usare senza tubi o altri ammennicoli oscuranti anche col DX 40/2,8

 

Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano
17 ore fa, Adriano Max ha scritto:

...

 le competenze per agire bene in camera oscura (che ho praticato, fin da quando avevo 12 o 13 anni, complice un professore di tecnologia illuminato) sono una passione a sé, che per ragioni logistiche e di tempo non può affiancarsi a Lightroom, al monitor, al digitale, alla stampante A3...

...

Guarda che sviluppare in casa una pellicola è abbastanza facile e non è necessario avere una camera oscura. La tua "indole analogica" non ti vieterebbe di andare... contro natura e visionare quasi subito i tuoi scatti, sia pure su negativo. xD

E con l'ES-2 potresti pure - credo - digitalizzare il film e sviluppare gli scatti più interessanti su LR o PS per divertirti ad osservarli come fossi davanti ad una stampa, scegliendo poi se mandarli effettivamente al tuo stampatore di fiducia.

Ho detto delle eresie? :sono_muto:

PS Leggo sempre volentieri i tuoi interventi di filosofia fotografica... ^_^

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander
4 ore fa, Pedrito ha scritto:

 

Ho detto delle eresie? :sono_muto:

 

Assolutamente no, tra l’altro lo so fare (almeno come si faceva 20 anni fa, non credo sia cambiato). È che per farlo bene bisogna avere termometro, tank, acidi e fissaggio buoni, sempre freschi... a periodi faccio una decina di 35mm e un’altra decina di 6x9... per cui non stiamo parlando di numeri per cui uno sviluppo esterno fatto da un professionista mi cambia la spesa totale ;)

Grazie ! Ciao !

 

Link to comment
Share on other sites

  • Administrator
21 ore fa, Pedrito ha scritto:

Guarda che sviluppare in casa una pellicola è abbastanza facile e non è necessario avere una camera oscura. La tua "indole analogica" non ti vieterebbe di andare... contro natura e visionare quasi subito i tuoi scatti, sia pure su negativo. xD

E con l'ES-2 potresti pure - credo - digitalizzare il film e sviluppare gli scatti più interessanti su LR o PS per divertirti ad osservarli come fossi davanti ad una stampa, scegliendo poi se mandarli effettivamente al tuo stampatore di fiducia.

Ho detto delle eresie? :sono_muto:

PS Leggo sempre volentieri i tuoi interventi di filosofia fotografica... ^_^

con un attrezzo come l' ES-2 si digitalizza se si sia in possesso di una matrice degna: come avrai visto nell'articolo di due anni fa utilizzavo una D850 (per la quale e per i quali menù di inversione dia, quell'accessorio è nato

Al di sotto di un sensore come quello...meglio andare direttamente in laboratorio a farsi spolverare i negativi/dia da loro...

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

  • Administrator
5 minuti fa, Max Aquila ha scritto:

con un attrezzo come l' ES-2 si digitalizza se si sia in possesso di una matrice degna: come avrai visto nell'articolo di due anni fa utilizzavo una D850 (per la quale e per i quali menù di inversione dia, quell'accessorio è nato

Al di sotto di un sensore come quello...meglio andare direttamente in laboratorio a farsi spolverare i negativi/dia da loro...

peraltro, con l'avvento dei nuovi progettisti molte cose anche del recente passato si sono del tutto perse e dimenticate: anche questa cosa è di un'assurdità indegna

zzz.PNG.e716770ee65720227f41283fe5d52b18.PNG

1915884306_00224052018-_D5K0561MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.efa0154ac99be3fdd912ff92e7b4a0f2.jpg

76160071_00324052018-_D5K0562MaxAquilaphoto(C).thumb.jpg.921138be484fb832f9b13493497eea37.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander

La Z7, in effetti punterei a quella per lavori repro o per macro o dettagli. Ma come ho detto sono attendista...

Lato analogiche https://www.nikon-image.com/products/slr/discontinue_lineup/ anche la F6 é ora nella lista delle macchine fuori produzione :o

Edited by Adriano Max
Link to comment
Share on other sites

  • 4 weeks later...
  • Nikonlander
Posted (edited)

Ciao, nel mentre mi sono arrivate le provinature dei miei quattro rullini: ve li allego, per quelli a cui può far piacere vedere cosa vien fuori dalla pellicola ;) Tutti scatti fatti nei dintorni di casa visto che più in là non si poteva andare. Quando potrò mettere le mani sui negativi (i provini sono digitali, per comodità ed economia) farò le mie scelte... e le cose cambieranno ancora.

:)

32BE0239-522C-46A7-945A-C6A2D8B8F55C.jpeg

0BDCB1E4-9E12-48CD-B494-4E2A7AF892EB.jpeg

Edited by Adriano Max
Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander Veterano

Belle Adriano! Devo confermare che le tue fotografie sono sempre interessanti. Davvero! Si vede che sono un mezzo con cui cerchi di approfondire la realtà.

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

Il 3/12/2020 at 17:32, Adriano Max ha scritto:

Ciao Mauro ! Sarebbe un sogno, ma per ora é meglio che rimanga tale: le competenze per agire bene in camera oscura (che ho praticato, fin da quando avevo 12 o 13 anni, complice un professore di tecnologia illuminato) sono una passione a sé, che per ragioni logistiche e di tempo non può affiancarsi a Lightroom, al monitor, al digitale, alla stampante A3...

Anche la Fuji 6x9 che ho va a pellicola e per ora il mio laboratorio di sviluppo é lo Studio Fahrenheit di Milano.

Mi é arrivato però ieri il Nikon ES-2 che si può tranquillamente sfruttare anche con il mio corredo Fujifilm e un anello macro: potrò digitalizzare autonomamente i film, dimenticando lo scanner (il mio Minolta Dual IV si é rotto ed é irrecuperabile).

La soluzione che tu illustri, di Bonomo, é comunque intrigante, ma vorrei vederla all’opera prima di mettermici: se fosse effettivamente ‘easy’ come sostiene la pubbliciteria potrebbe essere un ‘maybe’. Ogni tanto lui fa qualche dimostrazione: sarà dopo l’era COVID-19 però :D 

Per chi é interessato ecco come riesco a sfruttare l’ES-2 (vedi foto). Con quella combinazione non arrivo a coprire esattamente tutto il fotogramma, ma é già un ottimo compromesso per i miei intenti.

EB9BA386-27D2-4EFB-BE3E-0570B9062C95.jpeg

Ti consiglio caldamente la labbox è molto semplice da utilizzare sia con il 35mm che con il 120mm, specie se in abbinamento con il monobath di arsimago. Io l’ho presa direttamente con la campagna di crowdfunding su kickstarter; rispetto al classico procedimento con il tanker si perde la possibilità di poter sviluppare più rulli in contemporanea ma ne si guadagna in praticità basti pensare che si può fare tutto sotto la luce del sole...io non tornerei più in dietro.

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

  • Administrator
Il 1/1/2021 at 21:10, Adriano Max ha scritto:

E due fa quattro...

8FD52E28-F927-451C-A84B-3F5ECBB1B1E4.jpeg

14F108B4-2824-42D4-8144-0BF58E94A3AB.jpeg

non ti vorrei allarmare, ma il tuo LAB mi pare sovrasviluppi marcatamente i tuoi negativi 

Inkednega_LI.thumb.jpg.18d050b6bd64cfef091c8cde4533f142.jpg

oppure sei tu che sottoesponi marcatamente e poi chiedi una compensazione in fase di sviluppo?

:lingua:

a quanto hai esposto questa TriX?

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

  • Nikonlander

Ciao, grazie Max per gli spunti di discussione e perfezionamento: li percorrerò senz’altro.

Come si può vedere non tutti gli scatti sono correttamente esposti ;) ... il sottoscritto probabilmente ha perso un po’ di manico con l’esposimetro non Matrix e obiettivi non certo stabilizzati :D

Le pellicole inoltre non erano freschissime e probabilmente andavano usate ad un valore di 200 ISO contro i 400 ISO nominali... c’è un po’ di ca/os-ca/so nel mio ‘fotografandum’... ma mi diverto ugualmente, se non di più, a vedere i  risultati dei miei lanci di dado !

Penso che sviluppare sia un po’ come cucinare: una scienza in cui conta molto il cuoco !

È un viaggio, il bello é il paesaggio, non la meta... almeno per me, almeno per ora.

 

 

 

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...