Jump to content

 

M&M M&M

Recommended Posts

Sono, e sarò ancora per qualche tempo, via da casa; Silvio Renesto mi ha confermato che, in mancanza di nove fotografie, è possibile inviare anche foto
d'archivio, vecchie e magari già comparse sul web.
Provo a cominciare l'allenamento, come prevedono le indicazioni di Mauro Maratta, in vista dell'autunno.

P.S. nel sito, esiste un luogo dove si chiariscono le modalità (collocazione, limiti delle dimensioni dei file, eccc..) di pubblicazione delle foto?

 

controvento.thumb.jpg.dcde7c19e0cfba7be52022b1e7e9414b.jpg

aquila 2.jpg

all'alba, in atesa del sorgere del sole.jpg

lui_1.jpg

migliarino.jpg

lui_2psd.jpg

otarda_1:17..jpg

  • Like 6
Link to post
Share on other sites
  • Redazione

Sono foto  splendide come soggetti come luce e come composizione,  complimenti,. Ti pregherei però di dirci qualcosa di più,  perchè non siano immagini fini a se stesse, ma diventino un racconto interessante anche per chi non è un fotonaturalista,
Potresti raccontarci dove le hai scattate, che uccelli sono, alcuni mi sembrano africani (l'Otarda ad esempio), uno mi sembra un Migliarino di palude, l'Aquila non è la nostra però, Non so di che specie siano la coppia di piccoli rapaci (peraltro foto eccezionale!).

Per caricare le foto, le dimensioni ideali sono fra i 1400 e i 1600pixel lato lungo. Buon compromesso fra peso e percezione della qualità. Poi Mauro Maratta può essere di maggiore aiuto dal lato tecnico.

Mi raccomando, ne voglio vedere ancora!

Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander
2 ore fa, Silvio Renesto dice:

(l'Otarda ad esempio)

dovrebbe essere una Grande Otarda quella , direi più delle zone europa est , molto bello e ben ripresa 

  • Haha 1
Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander Veterano

Belle Foto complimenti.

Rispondo a Silvio sulle specie in attesa delle spiegazioni dell'autore.
Dal Basso, direi:
Great Bustard, in Italiano Otarda e basta, si può trovare in Spagna Portogallo ma anche in Austria ed est Europa.
Credo Lui verde abbastanza comune anche in Italia
Migliarino di Palude comune anche in Italia.
Ancora Lui verde.
Splendida coppia di Nibbio bianco, si vede sempre più spesso anche in Italia, in inverno, ma pare stia espandendo l'areale di Nidificazione, quindi a presto si spera anche in una Nidificazione Italiana.
Uno splendido Adulto di Aquila di Mare, qualche individuo si vede tutti gli anni.
Direi Pellicano riccio, un subadulto probabilmente, animale dell'est Europa, Balcani, Grecia. La foto, con quella vegetazione piegata in senso contrario, che mi piace di più....
 

  • Like 3
Link to post
Share on other sites

Perfetto: Gianni ha individuato correttamente gli animali.
Qualche atra notizia? Il Pellicano e l'Aquila sono stati fotografati nel 2015, nel Delta del Danubio.
L' Aquila, ben conosciuta dalla guida, aveva circa 30 anni, era cieca dall'occhio sinistro ed aveva il becco rotto, ma era comunque l'esemplare dominante nella zona.
il Pellicano mi ha colpito perché ha faticato molto nel prendere il volo, ma quando ha assunto quella posizione cos aerodinamica avanzava controvento quasi senza battere le ali.
I due Luì, comunissimi ma sempre graziosi da fotografare, sono del 2016, fotografati a Ventotene. 
Il Migliarino, sempre in quell'anno,  di un sito tra Modena e Bologna.
Del 2017 sono le foto dell'Otarda e dei Nibbi Bianchi, in Spagna. Per lOtarda, dopo aver trascorso una intera giornata nel capanno, senza fotografare nulla, salvo un gregge di pecore, sono uscito per andarmene a casa, e l' ho vesta passare dietro al capanno, camminando tranquillamente. Non ho perso la giornata.
i Nibbi sono due giovani di un gruppo di quattro, ormai in grado di cacciare autonomamente, ma ancora fermi sul posatoio "di famiglia"  dove erano stati allevati. In seguito  arrivata la madre, che li ha scacciati di malo modo, per riaffermare la proprietà del sito.
Le foto dei Nibbi Bianchi mi sono "costate" quattro viaggi in Spagna, ma mi hanno alla fine dato delle soddisfazioni. Questa foto  stata scattata all'alba, prima del sorgere del sole, dopo che avevo passato ore in un capanno scomodo e freddo, al buio, con il solo sollievo del termos di caffè.

Spero che ci siano delle critiche a queste foto e a quelle che metterò poi, che mi aiutino a migliorare sia il modo di inquadrare la scena, di usare le attrezzature, e sopratutto di "lavorarle" il post produzione: ho delle difficoltà visive (dopo l'orologiaio cieco di Paley (o di Dawkins per i moderni), forse è arrivato anche il fotografo orbo) e spesso non vedo dei difetti dell'immagine, evidenti per gli altri.

Le osservazioni invece sul mio specifico modo di fotografare gli animali (sono tutte, o quasi, in "modalità assistita", da capanno, anche  con mangiatoie ed esche) non le prenderò in considerazione.
A presto
 

Link to post
Share on other sites
  • Nikonlander Veterano

Magnifiche. E poi non sapevo neanche che in Europa ci fossero i pellicani... quella foto è splendida.:)

Link to post
Share on other sites

in attesa di inviare qualche altra foto migliore, mando questa.
il soggetto è il più banale (dopo i piccioni), ma voglio premiate la costanza e l'impegno di questo giovanissimo gabbiano che ha continuato per un tempo infinito ad allenarsi per prendere le porcherie che scendevano in questo canale, e poi lasciarle cadere.

giovane gabbiano.jpg

  • Like 3
Link to post
Share on other sites
  • Redazione

Perfetta composizione, essenzialità minimalista dell'inquadratura ne fanno un'immagine molto bella.

Link to post
Share on other sites
×
×
  • Create New...